Telefonino.net network
 
| HOMEPAGE | INDICE FORUM | REGOLAMENTO | ::. NEI PREFERITI .:: | RSS Forum | RSS News | NEWS web | NEWS software |
| PUBBLICITA' | | ARTICOLI | WIN XP | VISTA | WIN 7 | REGISTRI | SOFTWARE | MANUALI | RECENSIONI | LINUX | HUMOR | HARDWARE | DOWNLOAD | | CERCA nel FORUM » |

Torna indietro   WinTricks Forum > Off Topic > Chiacchiere in libertà

Notices

Rispondi
 
Strumenti discussione
Vecchio 26-07-2003, 13.45.15   #1
veleno
Junior Member
 
L'avatar di veleno
 
Registrato: 12-11-2002
Messaggi: 61
veleno promette bene
Di gran moda a New York

Di gran moda a New York i "quiet party", incontri in locali
dove è di rigore stare zitti. Si comunica solo con biglietti e gesti
Shshshsh, silenzio
questa è una festa








L'UNICO rumore che senti entrando è quello di bigliettini di carta che scricchiolano sotto le punte delle biro. La gente se li scambia, passandoli di mano in mano da un punto all'altro dei tavoli. "Ciao, sorridi se vuoi un bimbo da me", dice uno. "Mi metto a gridare se non ti piaccio", minaccia un altro. Attorno, camerieri ricevono ordinazioni a sussurri e rispondono a gesti. Eppure è sabato sera, questo è un locale a Manhattan, e questa è una festa. No, non una delle solite: al posto della musica, delle parole, degli schiamazzi, qui è il silenzio a fare la differenza, dando il "titolo" alla serata: "Quiet Party".

Nate dall'idea di due artisti-imprenditori newyorkesi, Paul Rebhan e Tony Noe, le "feste silenziose" si fondano sull'imperativo etico di stare, finalmente, tutti zitti. Nate nella Grande Mela nel novembre scorso, hanno contagiato nel loro "shshshs" Washington e Pechino, lanciando la grande sfida del silenzio contro il chiacchiericcio del mondo.

La stampa americana, dal New York Times al Washington Post, ha scomodato persino la poesia per tentare di decifrare il successo dei "Quiet Party" nel campo dell'intrattenimento e, più profondamente, nel sociale. "Un universo alternativo affascinante", "il perfetto antidoto a tutto il rumore", "una possibilità d'incontro per i single come nessun'altra". Opponendosi culturalmente agli "speed dating", gli incontri superveloci in cui i potenziali fidanzati dovrebbero essere in grado di comunicarsi in 7 minuti le informazioni necessarie all'accoppiamento, le feste silenziose credono nel valore della lentezza, dell'essenzialità e delle levità delle relazioni umane. Il presupposto è che, quando si parla, ci si confonde e si confonde l'altro. La parola scritta, aiutata da quella del corpo, non trae invece in inganno.
L'organizzazione delle serate è più o meno la seguente: i partecipanti ai "Quiet Party", congedati i cellulari all'ingresso del locale, vengono attrezzati con carta e penna. In maniera del tutto anonima possono far recapitare agli altri avventori qualsiasi tipo di messaggio: versi di poesia, barzellette, equazioni matematiche. Chi viene sorpreso a parlare, gentilmente, in un sussurro, è richiamato alla regola del mutismo. Una bizzarria per qualcuno, un ossimoro per altri fare feste dove non si fa casino: fatto sta che ai "Quiet Party" si registrato almeno 150 partecipanti a serata, facendo degli appuntamenti muti uno dei più cool della scena newyorkese.

Che tra la gente cresca l'esigenza di abbassare il volume della vita? A giudicare da altri fenomeni nel panorama urbano e sociale statunitense, il sì potrebbe essere una risposta abbastanza vicina alla realtà. Su circa metà dei treni esistono vagoni "quiet": il simbolo di un dito appoggiato sulla bocca avverte che le bocche devono rimanere chiuse. Il comune di New York ha bandito da aprile scorso l'uso dei cellulari durante manifestazioni pubbliche. In molti ristoranti è espressamente vietato entrare col telefonino. Su suggerimento di gruppi religiosi per lo più ecumenici, decine di migliaia di persone scelgono ogni anno di praticare "ritiri" silenziosi in giro per il mondo che durano da uno a 40 giorni. Ultima traduzione di questa ambizione al silenzio, appunto i "quiet party".

Che, a pensarci bene, non fanno altro che tradurre in atto un pensiero che forse molti hanno fatto nella propria vita: visto che alle feste normalmente le parole fanno solo rumore, e non dicono niente, allora spegnere il volume e accendere il silenzio è un più onesto divertimento.


(25 luglio 2003)
veleno non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 26-07-2003, 15.24.47   #2
jannaz
Junior Member
 
L'avatar di jannaz
 
Registrato: 15-09-2002
Messaggi: 191
jannaz promette bene
Gia postato qui:
http://www.wintricks.it/forum/showth...threadid=54893

JaNnAz
jannaz non è collegato   Rispondi citando
Rispondi


Utenti attualmente attivi che stanno leggendo questa discussione: 1 (0 utenti e 1 ospiti)
 
Strumenti discussione

Regole di scrittura
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

BB code is ON
Gli smilies sono ON
[IMG] è ON
Il codice HTML è OFF

Vai al forum

Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Le barzellette più assurde che conoscete [2] TyDany Chiacchiere in libertà 2011 03-03-2008 09.25.16
Gran Paradiso Alpha 7 Thor Archivio News Software 6 06-08-2007 09.45.42
Gran Paradiso Alpha 4 Thor Archivio News Software 10 06-06-2007 12.08.14
Gran Paradiso Alpha 2 Thor Archivio News Software 4 12-02-2007 17.33.26
Pensiero del momento Darja Chiacchiere in libertà 1962 08-08-2005 22.08.38

Orario GMT +2. Ora sono le: 14.30.19.


E' vietata la riproduzione, anche solo in parte, di contenuti e grafica.
Copyright © 1999-2017 Edizioni Master S.p.A. p.iva: 02105820787 • Tutti i diritti sono riservati
L'editore NON si assume nessuna responsabilità dei contenuti pubblicati sul forum in quanto redatti direttamente dagli utenti.
Questi ultimi sono responsabili dei contenuti da loro riportati nelle discussioni del forum
Powered by vBulletin - 2010 Copyright © Jelsoft Enterprises Limited.