Telefonino.net network
 
| HOMEPAGE | INDICE FORUM | REGOLAMENTO | ::. NEI PREFERITI .:: | RSS Forum | RSS News | NEWS web | NEWS software |
| PUBBLICITA' | | ARTICOLI | WIN XP | VISTA | WIN 7 | REGISTRI | SOFTWARE | MANUALI | RECENSIONI | LINUX | HUMOR | HARDWARE | DOWNLOAD | | CERCA nel FORUM » |

Torna indietro   WinTricks Forum > WinTricks > Discussioni su WinTricks

Notices

Rispondi
 
Strumenti discussione
Vecchio 04-06-2008, 11.36.30   #1
Billow
Gold Member
Top Poster
 
L'avatar di Billow
 
Registrato: 23-10-1998
Loc.: X Regio - Venetia et Histria
Messaggi: 14.119
Billow promette bene
NO Pedofilia

WinTricks sin dai suoi esordi si è contraddistinto per la lotta alla pedofilia online ... ma è necessario innanzitutto sapere con CHI si ha a che fare, quando si parla di pedofili, eccovi quindi un profilo dettagliato su cosa sia e come sia nata la pedofilia.
________________________

Premessa

Per affrontare il fenomeno della pedofilia è necessario innanzi tutto collocarlo come fenomeno sociale, clinico e criminologico, senza trascurare al tempo stesso le diverse mutazioni che la pedofilia ha subito negli ultimi decenni, come la pedofilia in rete, il turismo sessuale e la pedofilia all’interno delle sette sataniche.

Questa premessa è importante per poi affrontare il fenomeno sotto il profilo giuridico, mettendo in luce i vari interventi internazionali nell’ambito della tutela dei minori, e in seguito esporre il materiale raccolto dal nostro staff rappresentato da consigli e accorgimenti tecnici rilasciati dagli esperti che seguono da vicino il problema per contenerlo e cercare di arginarlo

La pedofilia è uno dei mali che maggiormente si sono diffusi nell’era moderna, un male in attesa di vittime che ha già tristemente raggiunto fin troppa “notorietà”, nella nostra società, inoltre mi sembra che stia prevalendo un atteggiamento atto a ripudiare il problema e in parte ad eliminarlo dai nostri discorsi o riflessioni quotidiane.
Di certo chi vi scrive non ha la soluzione al problema, ne tanto meno vuole avere l’ambizione di esserlo, ma posso almeno cercare di far riflettere in veste sociale, umana su questo dramma. Questa non vuole essere l’ennesima manifestazione retorica, seppur su un problema “nobile”, atta a schierarsi contro la pedo-pornografia, come fine a stessa, ma una presa di posizione chiara, netta e concreta sul contenimento del problema o perlomeno ad una riduzione dello stesso.

Affronteremo Il problema e forniremo informazioni dettagliate e gli strumenti necessari per il suo contenimento nella forma espressa Online nel mondo virtuale di Internet, tutto questo sarà frutto del Know Houw che esperti dei vari settori aggregatisi al nostro staff metteranno a disposizione di tutti.
________________________
Pedofilia : Definizione

Il termine pedofilia deriva dal greco pais che significa fanciullo, e philìa amore, e rappresenta una tendenza naturale dell'adulto verso il fanciullo espressa sotto forma educativa o pedagogica. In realtà però da quando il termine pedofilia è entrato nella lingua italiana, nel 1935 essa è considerata come attrazione sessuale dell’adulto verso i bambini in età pubere o in età pre-pubere (generalmente inferiore ai 13 anni).

Gli abusi sessuali sui minori sono sempre esistiti, in qualunque società umana e in ogni epoca, non è un fenomeno imputabile alla cosiddetta "società complessa" e soprattutto non è frutto della modernità. Quello che c'è di diverso rispetto al passato è che oggi è di pubblico dominio, sia dal lato della denuncia che della consapevolezza delle violenze sessuali sui minori, anche se nonostante ciò esiste ancora molta reticenza e omertà sul problema, basta solo pensare alle violenze perpetrate tra le mura domestiche che non vengono (o poco) mai denunciate.
Per comprendere la pedofilia dobbiamo inscriverla all'interno della cultura e della società di riferimento, notando in questo modo, come tale comportamento assuma un diverso significato a seconda dei luoghi e dei periodo storici.

Nonostante che il problema avesse radici ben più remote, è solo negli anni settanta che troviamo una prima definizione di pedofilia.
Il comportamento pedofilo fu definito come la risposta dell'adulto all'amore che rivolgeva ad un "oggetto" esclusivo, preferenziale oppure occasionale come poteva essere considerato l'amore rivolto ai bambini, ai soggetti sessualmente immaturi, giovanissimi, prepuberi o appena puberi, o ancora come "persone proprie o dell'altro sesso non ancora genitalmente mature".

Il primo a collegare la pedofilia alla patologia fu lo psichiatra svizzero Auguste Forel che, nel 1905, parlò, a riguardo, di “passione sessuale”, e pur essendo un comportamento noto fin dall’antichità, è in questo momento storico che assume il significato di malattia.

Assunse così la definìzione di “una perversione in cui una persona si sente eroticamente attratta da bambini di entrambi i sessi” e più recentemente, il DSM IV (Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders) ne ha fornito una definizione più chiara inserendola nell’ambito delle parafilie, termine che esprime un disturbo dell’eccitazione sessuale che, in questo caso, è reso possibile soltanto da stimoli particolari considerati sessualmente anomali dalla società.

Le caratteristiche essenziali delle parafilie sono infatti rappresentate da fantasie, impulsi sessuali o comportamenti ricorrenti e intensamente eccitanti che in generale riguardano oggetti inanimati, situazioni particolari o atipiche, la sofferenza, l’umiliazione di se stessi o del patner, persone non consenzienti o, nel caso specifico, bambini, perché si possa parlare di pedofilia, il coinvolgimento sessuale deve avvenire, per un periodo superiore ai sei mesi, con bambini pre-puberi (di tredici anni o più piccoli), e il soggetto autore deve avere almeno sedici anni di età e deve essere di almeno cinque anni maggiore del bambino.

________________________
La pedofilia,
come dimostrano le più recenti cronache, è praticata da individui con caratteristiche diverse: anziani, adulti e giovani, incolti ma anche colti, omosessuali ma anche eterosessuali, sconosciuti ma anche, anzi soprattutto, familiari o parenti, uomini generalmente, ma qualche volta anche donne. Non esiste una tipologia del pedofilo così come non esiste un unico tipo di pedofilo

la pedofilia è un tratto multifattoriale in cui entrano in gioco aspetti mentali, istituzionali, di attività, di educazione sessuale, di violenza, di controllo delle pulsioni. esistono però fattori che potremmo definire facilitanti, senza però essere determinanti:


- l’essere stati violentati oppure trattati con crudeltà durante l’infanzia, in particolare dai propri genitori (per vincere l’angoscia di essere in balia di una persona che umilia e abusa, un bambino può prendere a modello il proprio oppressore e desiderare di avere il suo potere; questa “identificazione con l’aggressore” lo porterà in seguito ad adottare lo stesso tipo di comportamenti questa volta, però, da una posizione di forza)
- l’essere stati bambini isolati che si sono sentiti esclusi dagli altri bambini e adolescenti che hanno invidiato la vitalità dei loro coetanei (da adulti possono tentare di possedere e di catturare quegli stessi bambini di cui hanno ammirato e invidiato la vitalità);
- l’aver vissuto in ambienti familiari disgregati;l’aver assistito ad azioni violente e distruttive su familiari senza aver avuto la possibilità di intervenire a migliorare la situazione .

Secondo molti psicologi e psichiatri i pedofili avrebbero una personalità immatura, problemi di relazione o sensi di inferiorità che non consentono loro di reggere un rapporto amoroso adulto, “alla pari”: individui con disturbi narcisistici e fragile stima di sé si focalizzano sui bambini perché possono controllarli e dominarli e con loro non provano sentimenti di inadeguatezza.

________________________
Ma ci sono anche altre componenti, come il gusto della trasgressione e della sfida alla morale, il piacere del superamento dei confini del lecito, questo è presente in chi frequenta siti pedofili o si procura cassette porno-sadiche, o anche la curiosità per esperienze estreme, intese come diritto di cui godere, una forma di libertà individuale da perseguire.

La maggior parte dei pedofili cerca di non maltrattare i bambini che riesce ad avvicinare, sia per l’attrazione che provano, sia perché non sono animati da impulsi malevoli e sia perché cercano di evitare che essi possano parlare, lamentarsi o fare la spia. Ci sono, però anche altri tipi di pedofili meno “buoni”: sono quelli che praticano il cosiddetto pedosadismo. In questi casi, quasi sempre riguardanti individui privi di senso morale, spesso affetti da disturbi mentali e cresciuti in un clima di degrado ambientale e/o psicolgico, l’attrazione per i bambini è associata a forme di sadismo più o meno spinto che possono portare anche all’uccisione della vittima.

Secondo diversi psicanalisti bisogna sottolineare che c’è una chiara e netta distinzione tra questa patologia, definita pedofobia, e la pedofilia vera e propria, per quanto distorta, deviata, patologica, l’attrazione che il “vero” pedofilo prova per il bambino, non è solo sessuale è a suo modo, una forma d’amore in cui c’è affetto, tenerezza, comprensione anche se l’incapacità dell’adulto di contenere le pulsioni sessuali può rappresentare, per il bambino, un grosso rischio psicofisico.


Nei comportamenti sadici che hanno per oggetto bambini invece, il desiderio d’amore, viene sostituito da una spinta di morte, questi sono definiti i “falsi” pedofili, infatti, non provano alcun sentimento per il bambino che vedono solo come oggetto erotico. Per questo l’abuso può degenerare in crudeltà e violenza, fino a provocare la morte della piccola vittima.

Stando a queste considerazioni, si potrebbe sostenere che, quella che si sta diffondendo oggi attraverso la rete sotto forma di immagini cruente di necrofilia e tortura nei confronti di bambini, non sia la “vera” pedofilia, che è sempre esistita trasformando il bambino in un oggetto non solo di desiderio sessuale ma anche d’amore, bensì una “falsa” pedofilia

________________

tnx to Alexsandra che ha contribuito a questa iniziativa.
___________________________________

___________________________________
.:: ConnectU il Social Network Italiano - Equitalia Class Action ::.
Billow non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 04-06-2008, 13.38.16   #2
Alexsandra
Senior Member
WT Expert
 
L'avatar di Alexsandra
 
Registrato: 19-05-2007
Loc.: Verona
Messaggi: 1.193
Alexsandra è un gioiello raroAlexsandra è un gioiello raroAlexsandra è un gioiello raroAlexsandra è un gioiello raro
Grazie a te Antonio e a tutto lo staff di WinTricks per la sensibilità dimostrata e per lo spazio che date al problema.

Io credo che la prima arma di difesa da questa piaga sociale sia proprio l'informazione, e la prevenzione. Speriamo che la nostra iniziativa possa essere utile a fornire le informazioni utili ai naviganti per circoscrivere il problema fornedo informazioni e strumenti utili per la navigazione dei minori.

Ciao

Alex
___________________________________

- Il primo fondamento della sicurezza non e' la tecnologia, ma l'attitudine mentale -
Alexsandra non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 04-06-2008, 14.02.41   #3
Robbi
Gold Member
Top Poster
 
Registrato: 04-01-2001
Messaggi: 5.227
Robbi promette bene
OT
@Alexsandra
cortesemente, svuota la mailbox

/OT
Robbi non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 04-06-2008, 14.07.53   #4
Alexsandra
Senior Member
WT Expert
 
L'avatar di Alexsandra
 
Registrato: 19-05-2007
Loc.: Verona
Messaggi: 1.193
Alexsandra è un gioiello raroAlexsandra è un gioiello raroAlexsandra è un gioiello raroAlexsandra è un gioiello raro
fatto
___________________________________

- Il primo fondamento della sicurezza non e' la tecnologia, ma l'attitudine mentale -
Alexsandra non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 04-06-2008, 14.48.08   #5
Robbi
Gold Member
Top Poster
 
Registrato: 04-01-2001
Messaggi: 5.227
Robbi promette bene
Bell'articolo su un argomento molto scottante. (Y)
Corretto anche dargli "un taglio" scientifico/semantico, anche se a volte è dura resistere allo schifo quando ci si trova in presenza di particolari efferatezze.

Vero anche che per quanto se ne trovino, altri sono pronti a prenderne il posto, ma se anche un solo bambino può essere salvato da una giusta segnalazione, vale la pena impegnarsi per questo. L'"inazione" o peggio il voltarsi dall'altra parte su questo argomento NON è possibile, NON è civile, NON è da essere umani!
Robbi non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 04-06-2008, 15.40.51   #6
Sbavi
Gold Member
Top Poster
 
L'avatar di Sbavi
 
Registrato: 04-09-2004
Loc.: لثلاثم عفمشةشف
Messaggi: 5.467
Sbavi promette bene
Ottimo articolo (Y)

E' una piaga che non verrà mai abbattuta, ma forse la si può contenere e cmq combattere.
Purtroppo quello che si sente sulla pedofilia riguarda sempre fatti compiuti, ogni tanto qualche sequestro di materiale.
Forse analizzando a fondo l'aspetto psichico di questi individui, si potrebbe arrivare a prevenire e inibire le intenzioni.
___________________________________

SOS ABRUZZO
Sbavi non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 05-06-2008, 06.15.54   #7
leofelix
Gold Member
Top Poster
 
Registrato: 10-12-2005
Messaggi: 3.514
leofelix promette bene
mi complimento per l'articolo e l'attenta analisi sia con El Paròn sia con Alexsandra, per la sensibilità da sempre dimostrata sull'argomento e l'effettivo contributo dato nella lotta contro questo fenomeno sempre più allarmante.

Rimango dell'avviso di Alexsandra per la quale la prevenzione e la corretta informazione possono quanto meno arginare questo ignobile fenomeno
leofelix non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 05-06-2008, 14.03.36   #8
RNicoletto
Gold Member
Top Poster
 
L'avatar di RNicoletto
 
Registrato: 13-02-2001
Loc.: Forette City
Messaggi: 13.153
RNicoletto promette bene
Bell'articolo... ma ho fatto male a leggerlo dopo pranzo... mi viene da vomitare.
___________________________________

"Society doesn’t need newspapers. What we need is journalism." - Clay Shirky
RNicoletto non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 05-06-2008, 19.39.08   #9
n@ndo
Forum supporter
 
Registrato: 21-05-2005
Loc.: san cassiano (lecce)
Messaggi: 1.535
n@ndo promette bene
ottimo


una cosa che mi son sempre chiesto,ma che non ho appurato.come si segnala un sito alla polizia postale?
cioè uno salva l'indirizzo?oppure deve salvare la cronologia della navigazione,per questo cè uno strumento che ti salvi tutto ciò.
spesso si sente di gente che ti dice -sai navigavo a casaccio e mi sono ritrovato in un sito di pedofili,come si fà a segnalare alla postale-per questo chiedo se c'è un modo che l'utente navigatoreacasaccio segnali l'abuso.pensavo ad un plugin da installare sul browser.magari è più semplice di quanto io pensi ma non conosco un modo migliore....
grazie per l'attenzione.
n@ndo non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 06-06-2008, 17.18.31   #10
Alexsandra
Senior Member
WT Expert
 
L'avatar di Alexsandra
 
Registrato: 19-05-2007
Loc.: Verona
Messaggi: 1.193
Alexsandra è un gioiello raroAlexsandra è un gioiello raroAlexsandra è un gioiello raroAlexsandra è un gioiello raro
Io posso inviare le segnalazioni, devono essere allegate varie informazioni che si ricavano dal link.
Sentirò Billow se è il caso di postare come effettuare le segnalazioni e che informazioni allegare, oppure se trovi siti del genere puoi mandarmi il link via pvt che la inoltro io la segnalazione.

PS: mi associo a RNicoletto, lontano dai pasti perchè quello che si vede in siti del genere è ..... alluccinante
___________________________________

- Il primo fondamento della sicurezza non e' la tecnologia, ma l'attitudine mentale -
Alexsandra non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 07-06-2008, 00.08.54   #11
cippico
Depeche Mode Fan
Top Poster
 
L'avatar di cippico
 
Registrato: 18-12-2000
Loc.: Bolzano
Messaggi: 8.801
cippico è nella strada per il successo
mi permetto di dire una cosa sui genitori...pur non essendolo...

ma non riescono a mettere in guardia i figli/e su questi pericoli?
cercare di spiegare quanto sono pericolose certe...conoscenze?
...e la scuola? che fa...un po' di attualita' invece di smenarla sempre con la storia...

ciaooo a tutti
___________________________________

DEPECHE MODE e WINTRICKS DIPENDENTE - Il mio sito : HTTP://CIPPICO.ALTERVISTA.ORG
Date anche uno sguardo ai miei articoli sul sito MegaLab.it...
...CLICCANDO QUI ...spero possano esservi utili .
cippico non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 07-06-2008, 11.09.02   #12
Robbi
Gold Member
Top Poster
 
Registrato: 04-01-2001
Messaggi: 5.227
Robbi promette bene
Quota:
Inviato da cippico
mi permetto di dire una cosa sui genitori...pur non essendolo...

ma non riescono a mettere in guardia i figli/e su questi pericoli?
cercare di spiegare quanto sono pericolose certe...conoscenze?
...e la scuola? che fa...un po' di attualita' invece di smenarla sempre con la storia...

ciaooo a tutti
Provo a risponderti io che genitore lo sono

Due le angolazioni da valutare su questa questione. Figli piccoli in età in cui la coscienza e la percezione sono relative, diciamo fino agli 8/9 anni, e figli in età piu' grande e potenzialmente più pericolosa, ovvero sino ai 14/15 anni.

Nel primo caso è ovvio che il ruolo di vigilanza di un genitore deve essere ai massimi livelli in quanto i piccoli non hanno ancora le necessarie basi per affrontare un potenziale pericolo. Se ne può parlare, ma in modo modo semplice, im modo che capisca che un adulto sconosciuto non ha praticamente mai l'esigenza di interagire con un bimbo/a che non conosce. Sugli adulti familiari ci sarebbero da versare fiumi di inchiostro, visto che l'80/90% delle violenze avvengono in questo ambito.

Per i più grandicelli il discorso si fa per taluni versi ancora più complesso: la percezione c'è, le difese si possono attivare, il ragionamento si può sviluppare, insomma si può avere con il proprio figlio/a su questo argomento uno scambio compiuto di informazioni, eppure sono i più esposti, a mio giudizio, per una serie di motivi che si possono legare a certi casi di anafettività, di bisogno di conoscenza, la necessità di nuove esperienze, la ricerca di coccole, carezze e tenerezze, che sono tipiche dell'età post puberale.

Il pericolo nasce dove? Se si incontra il mostro, che sa ben sfruttare queste pulsioni/passioni giovanili, sono caxxi!

Ecco perchè anche parlandone con i propri figli in modo compiuto e razionale, non si è immuni dal pericolo.

I genitori non dovrebbero vivere con "la scimmia" che ciò possa accadere ai propri figli, si rischia di diventare patologici, ma prestare tantissima attenzione a certi cambiamenti repentini nel carattere degli adolescenti, sono segnali inequivocabili, perlomeno di un malessere o di una situazioni di difficoltà; oltre ci può essere semplicemente una difficoltà momentanea o un vero e proprio "buco" dove uno di questi schifosi puo' insinuarsi.


Ultima modifica di Robbi : 07-06-2008 alle ore 11.23.53
Robbi non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 07-06-2008, 16.07.12   #13
cippico
Depeche Mode Fan
Top Poster
 
L'avatar di cippico
 
Registrato: 18-12-2000
Loc.: Bolzano
Messaggi: 8.801
cippico è nella strada per il successo
detto da un genitore si capisce meglio la situazione...

grazie e ciaooo
___________________________________

DEPECHE MODE e WINTRICKS DIPENDENTE - Il mio sito : HTTP://CIPPICO.ALTERVISTA.ORG
Date anche uno sguardo ai miei articoli sul sito MegaLab.it...
...CLICCANDO QUI ...spero possano esservi utili .
cippico non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 08-06-2008, 09.17.09   #14
n@ndo
Forum supporter
 
Registrato: 21-05-2005
Loc.: san cassiano (lecce)
Messaggi: 1.535
n@ndo promette bene
Quota:
Inviato da Alexsandra
Io posso inviare le segnalazioni, devono essere allegate varie informazioni che si ricavano dal link.
Sentirò Billow se è il caso di postare come effettuare le segnalazioni e che informazioni allegare, oppure se trovi siti del genere puoi mandarmi il link via pvt che la inoltro io la segnalazione.
quindi,non è molto chiara la procedura delle segnalazioni.quello che voglio è un link diretto (oppure il permesso di inserire la tua mail)magari da salvare nei preferiti dei pc,cosi da istruire chi vaga nel web e si ritrova in questi siti.
inoltre mi giunge nuova un'altra perversione,che avviene attraverso i telefonini con immagini via mms,naturalmente il mittente è vuoto come la sua mente
n@ndo non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 08-06-2008, 22.33.17   #15
Alexsandra
Senior Member
WT Expert
 
L'avatar di Alexsandra
 
Registrato: 19-05-2007
Loc.: Verona
Messaggi: 1.193
Alexsandra è un gioiello raroAlexsandra è un gioiello raroAlexsandra è un gioiello raroAlexsandra è un gioiello raro
Praticamente perfetta l'esposizione di Robbi, in poche righe ha sintetizzato ed esposto le cose più importanti da verificare in un fanciullo.

@ n@ndo
per le segnalazioni leggi quì http://www.alexsandra.it/news.php?readmore=84
trovi tutte le info per inviare le segnalazioni, ho fatto anche una sezione apposita nel forum (ma si deve essere iscritti) mentre al 1° link si possono inviare anonimamente.

tutto questo lo puoi divulgare liberamente, appena ho un attimo farò anche una pagina apposita per le segnalazioni che verrano reinderizzate direttamente alla postale.
___________________________________

- Il primo fondamento della sicurezza non e' la tecnologia, ma l'attitudine mentale -
Alexsandra non è collegato   Rispondi citando
Rispondi


Utenti attualmente attivi che stanno leggendo questa discussione: 1 (0 utenti e 1 ospiti)
 
Strumenti discussione

Regole di scrittura
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

BB code is ON
Gli smilies sono ON
[IMG] è ON
Il codice HTML è OFF

Vai al forum

Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Inchiesta Pedofilia in rete Robbi Archivio News Web 29 28-07-2007 10.45.51
Allarme Pedofilia: Report IWF 2006 Sbavi Archivio News Web 5 24-04-2007 09.55.45
INDIA: Traffico di organi e pedofilia dietro omicidi di oltre 30 bambini (Update) Giorgius Chiacchiere in libertà 4 30-12-2006 12.12.58
Stop pedofilia online WinTricks Archivio News Web 11 18-10-2006 12.18.27
Pedofilia in rete Flying Luka Archivio News Web 16 19-09-2005 08.04.38

Orario GMT +2. Ora sono le: 06.04.35.


E' vietata la riproduzione, anche solo in parte, di contenuti e grafica.
Copyright © 1999-2017 Edizioni Master S.p.A. p.iva: 02105820787 • Tutti i diritti sono riservati
L'editore NON si assume nessuna responsabilità dei contenuti pubblicati sul forum in quanto redatti direttamente dagli utenti.
Questi ultimi sono responsabili dei contenuti da loro riportati nelle discussioni del forum
Powered by vBulletin - 2010 Copyright © Jelsoft Enterprises Limited.