Telefonino.net network
 
| HOMEPAGE | INDICE FORUM | REGOLAMENTO | ::. NEI PREFERITI .:: | RSS Forum | RSS News | NEWS web | NEWS software |
| PUBBLICITA' | | ARTICOLI | WIN XP | VISTA | WIN 7 | REGISTRI | SOFTWARE | MANUALI | RECENSIONI | LINUX | HUMOR | HARDWARE | DOWNLOAD | | CERCA nel FORUM » |

Torna indietro   WinTricks Forum > Off Topic > Chiacchiere in libertà

Notices

Rispondi
 
Strumenti discussione
Vecchio 04-03-2005, 19.03.38   #1
Gigi75
Gold Member
Top Poster
 
L'avatar di Gigi75
 
Registrato: 03-12-2001
Loc.: Bari
Messaggi: 7.369
Gigi75 promette bene
Carcerieri della povera gente

"Io, poliziotto, vi racconto l'inferno dei Cpt'



«Di giorno poliziotto, di notte carceriere». Michele Pellegrino, ispettore di polizia, coordina dal 2002 l’ordine pubblico in un centro di prima accoglienza del Sud Italia: Borgo Mezzanone, a pochi chilometri da Foggia. Un ex aeroporto militare, dove i velivoli hanno lasciato spazio alle roulotte. Scatolette in lamiera, gelide d’inverno, torride d’estate. Un ammasso di recinzioni e filo spinato, spesso utilizzato come centro di permanenza temporaneo (Cpt), pur non avendone i requisiti di sicurezza.

Un lavoro duro, ingrato, quello dell’ispettore Pellegrino. «Non è nel Dna di un agente questo lavoro – sbotta – Nessuno sapeva di aver vinto un concorso per fare il guardiano di un lager». Pellegrino è un agente con una lunga esperienza alle spalle. Mai avrebbe pensato di finire a lavorare in un centro di prima accoglienza. «La prima volta che ci sono entrato – ricorda – sono rabbrividito. Il centro ha due enormi camerate che ospitano i poveri del nostro tempo: anime tormentate che scappano dalla loro terra per fame o per guerra, inseguendo il sogno di una vita migliore».

Pellegrino è il responsabile della sicurezza. «Facciamo i guardiani di povera gente – racconta – quasi tutti hanno venduto quel poco che avevano, talvolta indebitandosi per tentare la fuga da una vita di stenti, imbarcandosi in carrette galleggianti e sfidando la morte in mare per raggiungere la nostra Italia». Poi, una volta arrivati, «li rinchiudiamo in uno dei nostri centri “d’accoglienza” ». Pellegrino fa il suo dovere scrupolosamente, ma ne soffre. «Gli stranieri con cui lavoriamo – afferma – non parlano una sola parola della nostra lingua e questo aumenta in loro la fobia del poliziotto in divisa».

«Il nostro Paese – è l’appello dell’ispettore – non può rimanere indifferente al dolore di questi cittadini del mondo, che hanno avuto la sfortuna di nascere in uno Stato povero e attanagliato da vecchie guerre etniche o religiose».

Aria torrida e vaccini.
Nel luglio 2002 Michele Pellegrino, in rappresentanza del sindacato di polizia Silp-Cgil, scrive al ministero dell’Interno per lamentare «lo stato pietoso delle condizioni di vita dei poliziotti e degli “ospiti”, che non sono né detenuti, né prigionieri di guerra o politici». Il sole, «l’aria torrida e soffocante mette a dura prova gli agenti impiegati a fare i secondini a gente disperata». E ancora. «Altro aspetto ignorato è quello delle vaccinazioni: nessuno si è mai preoccupato di eseguire una tutela sanitaria preventiva».

Conta notturna.
A fine novembre 2002, un’ordinanza firmata dal questore impone al personale di polizia e carabinieri, in servizio nel centro, di contare gli immigrati a ogni cambio turno. L'operazione va dunque ripetuta ogni sei ore, anche di notte dopo le ore 24 e la mattina alle 6. «È una disposizione assurda – denuncia Pellegrino – che ci costringe a svegliare gli stranieri nel cuore della notte, a scoprirli da sotto le coperte e a contarli a uno a uno».

Fiamme.
Nella notte del 20 febbraio 2004 prende fuoco una roulotte. Le fiamme, alimentate dal forte vento, avvolgono in pochi minuti l’intero abitacolo. Gli agenti in servizio intervengono immediatamente. Corrono verso la fontana ai margini della pista, ma si accorgono con stupore che mancano le manichette antincendio. «Il personale è stato davvero coraggioso – ricorda Pellegrino – l’incendio è stato spento con secchi d’acqua e altri mezzi di fortuna. Solo per poco si è evitata la tragedia».

Una morte misteriosa.
L’ 11 giugno 2004, Michele Pellegrino scrive una lettera al presidente della Repubblica. E’ venuto a conoscenza di una vecchia e drammatica storia. Il 31 agosto del 1999 un mezzo delle forze dell’ordine ha investito, all’interno del centro d’accoglienza, due adulti e un minore. Un uomo muore. La Croce Rossa – che gestisce il centro – nega la veridicità della notizia: c’è stato solo un ferito. La Silp-Cgil conferma: «Il morto ci fu e si chiamava Kamber Dourmishi, nato a Pristina nel 1960. Basta andarsi a leggere il referto n°1220». Nessuno replica. Qual è la verità?

Lavoro ingrato.
Oggi a Borgo Mezzanone ci sono solo 30 immigrati, in attesa di ottenere asilo politico (nei momenti peggiori gli “ospiti” sono stati anche 700). «La situazione ora è meno drammatica – racconta Pellegrino – ma rimane difficile». Il futuro del centro è quello di diventare un vero e proprio Cpt: cancelli e telecamere già sono state montate. «Questo lavoro non ci appartiene – sostiene l’ispettore – in pochi lo fanno volentieri, anche se si prende un indennizzo per fuori sede di 25 euro al giorno». Borgo Mezzanone è «un campo di detenzione», «negli occhi delle persone rinchiuse si può leggere la morte della speranza, la disperazione dell’attesa, il terrore del rimpatrio».


Fonte
___________________________________

.:. R.U.T.T.A. Motoclub Bari: Il Forum .:.
Gigi75 non è collegato   Rispondi citando
Vecchio 04-03-2005, 20.03.51   #2
Eccomi
Guest
 
Messaggi: n/a
Re: Carcerieri della povera gente

Quota:
Originariamente inviato da Gigi75
[B]

Borgo Mezzanone è «un campo di detenzione», «negli occhi delle persone rinchiuse si può leggere la morte della speranza, la disperazione dell’attesa, il terrore del rimpatrio».
Per ora mi soffermo su questo... Sto preparando delle pagine sul sito relative all'argomento... in piena sintonia.

Il carcere mi sembra sempre più quel luogo dove chi dovrebbe esserci non c'è.
  Rispondi citando
Rispondi


Utenti attualmente attivi che stanno leggendo questa discussione: 1 (0 utenti e 1 ospiti)
 
Strumenti discussione

Regole di scrittura
You may not post new threads
You may not post replies
You may not post attachments
You may not edit your posts

BB code is ON
Gli smilies sono ON
[IMG] è ON
Il codice HTML è OFF

Vai al forum

Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
I lunghi tentacoli della legge USA, per il copyright... Macao Segnalazioni Web 1 19-06-2007 03.13.42
Politica & co.: full throttle! Nothatkind Chiacchiere in libertà 1912 13-01-2006 00.28.09
Le moto del futuro secondo Miguel Galluzzi TyDany Auto Moto HiFi 5 13-05-2005 09.58.20
Stasera in TV Alhazred Chiacchiere in libertà 2217 11-12-2004 17.11.06
Censurateli tutti allora! Non solo chi vi fa comodo :mad: davlak Chiacchiere in libertà 52 20-05-2004 12.26.15

Orario GMT +2. Ora sono le: 04.17.41.


E' vietata la riproduzione, anche solo in parte, di contenuti e grafica.
Copyright © 1999-2017 Edizioni Master S.p.A. p.iva: 02105820787 • Tutti i diritti sono riservati
L'editore NON si assume nessuna responsabilità dei contenuti pubblicati sul forum in quanto redatti direttamente dagli utenti.
Questi ultimi sono responsabili dei contenuti da loro riportati nelle discussioni del forum
Powered by vBulletin - 2010 Copyright © Jelsoft Enterprises Limited.