Visualizza messaggio singolo
Vecchio 17-10-2005, 00.40.55   #729
exion
Guest
 
Messaggi: n/a
Quota:
Originariamente inviato da Gigi75
Siamo in campagna elettorale?
Meglio.. è arrivato il momento di fare le persone serie, ed invece ancora con queste banalità.

Ancora con io contro te e viceversa. Tu fascista nero, e tu comunista rosso, tu puzzi, e tu mangi i bambini.
Puah!
Non hanno un minimo di responsabilità. Sono lì perchè sono DELEGATI per fare qualcosa per il paese, non lì per fare i capi ultras.

Cosa c'è di comprensibile nelle banalità appena rilasciate alla stampa.
Perchè dovrei c o m p r e n d e r e che l'unica cosa che sai fare è aizzare i tuoi contro i loro (e i loro contro i tuoi).
L'articolo dell'Unità è raccapricciante "Berlusconi sull'orlo di una crisi di nervi. Prodi: «Vada a casa»".

Tutto rotea su pro e contro Berlusconi.
Ma io ne ho le @@ piene, io vorrei spessore e contenuti.

Qui non si parla d'altro che d'aria fritta...

Esultiamo va.. il nostro partito del cuore ha segnato..

Il re della contrapposizione a livello primitivo è Berlusconi.
La sinistra si è fatta fregare e ha perso quando ha tentato di dialogarci e ragionarci. Ricordi la bicamerale? Fu il più grande errore mai commesso dalla sinistra italiana in tempi moderni. Una mano tesa ad un uomo, Berlusconi, che sin dall'inizio aveva un solo intento: pugnalare a morte la stessa fazione che gi proponeva il dialogo appena l'occasione gli si fosse presentata.
Ora basta! Abbiamo capito la lezione.
Ora è tempo di tornare a fare anche noi a sinistra una sana contrapposizione, manichea, schifosa, opportunista e di bassissima lega, come ci hanno insegnato a fare a destra: noi sinistra riformista bene, voi destra fascista male. Punto.

Berlusconi ha voluto portare il dibattito politico al livello dell'uomo di Cromagnon? Benissimo: questa volta non ci lasceremo fregare come 5 anni fa.
Se per vincere bisogna rispondere coi suoi stessi toni da uomo delle caverne, noi lo faremo.

Poi i contenuti verranno dopo. Questa sarà la grande differenza con la destra, che dopo aver sbraitato di pericolo comunista e di Italia in preda alla criminalità per mesi nel 2001, non ha mai fatto seguire alla sua campagna elettorale da macello alcun contenuto degno di nota in 5 anni 5 di governo.