Visualizza messaggio singolo
Vecchio 21-09-2003, 20.57.25   #2
Stalker
Hero Member
 
L'avatar di Stalker
 
Registrato: 27-11-2000
Loc.: Roma
Messaggi: 1.153
Stalker promette bene
Re: Forum, Religione e Politica...

Quota:
Originariamente inviato da Skorpios
Di sicuro, credo che nessuno tra noi pensi che qualcuno possa mai aver cambiato idea politica discutendo sul forum... e di sicuro non ci sarà nessuno che avrà cambiato religione, per le stesse ragioni...
E allora a cosa serve parlarne...? Visto e considerato che sono proprio questi i due argomenti più perniciosi esistenti e su cui l'uomo ha sempre basato tutte le sue guerre, in tutti i tempi...?
Soprattutto considerando che esisteranno certamente forum dedicati alla politica ed alla religione, in cui ci si possa confrontare specificatamente e dichiaratamente proprio su quelle tematiche, io penso che forse esternare così disinvoltamente e appassionatamente le proprie idee politiche e religiose alla lunga non paghi...
Non sono d'accordo. Sarebbe una forma di autocensura.
E comunque dipende dalla personalità di ogni member. C'è chi segue con passione le vicende politiche (e sociali) dell'Italia e chi non le segue per niente. Tutto lecito.
Ma perchè io, che seguo con interesse queste cose, dovrei autocensurarmi a favore di chi non gli importa nulla ?

E poi non è detto che si litiga solo sulla religione e sulla politica. Si litiga ogni volta che una idea mette in crisi una nostra visione delle cose. Quella idea ci dà quindi ansia e fastidio e quindi diventa nemico chi la incarna. E questo succede quando è la nostra condizione esistenziale a venir messa in discussione. Se essa si identifica con la politica o con la religione allora nasceranno guerre. Ma essa si può identificare anche con altro.

Insomma che senso ha dire: questo va bene e questo no ?
Anche perchè dimmi te se sai distinguere cosa è politica e cosa no. Sto facendo una testa così a tanti members per farmi capire.
Se io identifico come politico anche il solo fatto di trovare un sentimento di dolcezza la mattina quando in autobus vedo tanti lavoratori stranieri che hanno una vita regolata dagli orari lavorativi come me. Questo sentimento è politico. Ed esistenziale.
E tutte due le cose sono connaturate.

Insomma a parer mio ti sbagli.

Ciao.
Stalker non è collegato   Rispondi citando