PDA

Visualizza versione completa : Microsoft si fa in tre


Flying Luka
22-09-2005, 12.01.58
<p align="center"><img src="http://www.noticiasdot.com/publicaciones/2004/1004/1210/noticias121004/images/bugs-microsoft-linux.jpg"></p><p align="center"><p align="justify"><font face="verdana,arial,helvetica,sans-serif" size="2">SEATTLE, Usa (Reuters) - Microsoft ha spartito ieri le sue attività in tre divisioni, per competere in modo più efficace con Google, Oracle ed il sistema operativo Linux.</font></p><p align="justify"><font face="verdana,arial,helvetica,sans-serif" size="2">Le tre divisioni sono allineate al prodotto principale di Microsoft Windows e al suo braccio online Msn che è testa a testa col motore di ricerca leader Google, alla divisione business concentrata su Office ed altri software per il mondo aziendale, e ad un terzo settore che comprende la società che produce la console per videogiochi Xbox, apparecchi per consumatori e aziende. Ogni divisione ha un suo presidente.</font></p><p align="justify"><font face="verdana,arial,helvetica,sans-serif" size="2">La nuova divisione Prodotti di piattaforma e servizi sarà guidata dai co-presidenti Jim Allchin e Kevin Johnson, già principale dirigente del settore vendite. Allchin, veterano da 15 anni in azienda, andrà in pensione alla fine del 2006, ha annunciato Microsoft.</font></p><p align="justify"><font face="verdana,arial,helvetica,sans-serif" size="2">Jeff Raikes, attualmente nel settore che comprende Office, guiderà la divisione Business.</font></p><p align="justify"><font face="verdana,arial,helvetica,sans-serif" size="2">Robbie Bach, responsabile del lancio del settore videogame con Xbox sarà presidente del settore Entertainment and Devices, che comprenderà anche i software per cellulari.</font></p><p align="justify"><font face="verdana,arial,helvetica,sans-serif" size="2">Il cambiamento nell'azienda di Redmond, Washington, giunge in un momento in cui Microsoft si trova a fronteggiare concorrenti che offrono attraverso il web servizi basati su software, come Google. La rivale di sempre nel software, Oracle, ha effettuato acquisizioni a catena e Linux resta una minaccia sul mercato software.</font></p><br><br><a href="../framer.php?url=http://today.reuters.it/news/newsArticle.aspx?type=internetNews&storyID=2005-09-21T101918Z_01_BON134535_RTRIDST_0_OITIN-MICROSOFT-DIVISIONI-CONCORRENZA.XML" target="_blank"> Fonte </a><br><br><br><br>

SoulSick
22-09-2005, 13.03.12
...altro segno inequivocabile della costante (ed inesorabile) crescita del nostro amatissimo pinguino!!!

Diro' di piu'...
Personalmente, spero, che i prezzi del Winzozz aumentino sempre piu' cosi' che anche chi da sempre ha preferito Microsoft, sia costretto a guardarsi intorno, tanto l'importante e' arrivare una volta...
Appena conosci un po' il mondo Gnu/Linux diventa davvero difficile non innamorarsene...

Pensa tu, e fortuna, come disse qualcuno un po' di tempo fa', su questo stesso forum e con la sua solita, proverbiale, obbiettivita' che "Windows" e' facile da usare e Linux no...

Brasilianizziamoci tutti!!!

dave4mame
22-09-2005, 16.55.06
bof... per l'utente finale cambierà ben poco.

ps.
brasilianizzamoci nel senso di "corrompiamoci tutti?"

Computerman
22-09-2005, 18.27.30
Io ho usato linux...ma lo trovo personalmente utile solo in ambito di programmazione. Il 90% di ciò che gira su windows non gira attualmente su linux.
Quindi per ora linux per me rimane una seconda scelta...
E cmq...da quando linux ha sbattuto contro l'ambiente grafico...ha i suoi bei problemini. Un S.O. come si deve...non potrà mai essere abbastanza facile da essere user friendly. Nel momento in cui lo diventa...l'user riesce a fare i casini su quell's.o.:D

ercole77
23-09-2005, 14.38.07
Ciao a tutti...
l'ennesima discussione su Linux e Windows, sempre coi soliti toni da comunisti vs fascisti.........

Le cose saranno piu' chiare quando la smetteremo di pensare a Linux come un qualcosa che deve diventare o superare Windows.....ci sono attivita' che secondo me si prestano a Linux e attivita' che si prestano a Windows.....opinione personale sottolineo, maturata durante il lavoro da sistemista.....
Ad esempio Linux è un ottimo prodotto lato server per database e web server, proxy.....avete mai provato a configurare un server linux con samba in un ambiente dove le acl vanno modificate spesso?!?!?!
Oppure , e qui mi riferisco ai puristi Linux, siete mai andati a spiegare al presidente della vostra azienda di togliere XP che è na merda e di mettere Suse CHE TANTO POI è uguale??!?!?!

Secondo me ogni cosa serve a quello per cui è nata..........

exion
23-09-2005, 14.50.01
Originariamente inviato da ercole77
Ciao a tutti...
l'ennesima discussione su Linux e Windows, sempre coi soliti toni da comunisti vs fascisti.........

Le cose saranno piu' chiare quando la smetteremo di pensare a Linux come un qualcosa che deve diventare o superare Windows.....ci sono attivita' che secondo me si prestano a Linux e attivita' che si prestano a Windows.....opinione personale sottolineo, maturata durante il lavoro da sistemista.....
Ad esempio Linux è un ottimo prodotto lato server per database e web server, proxy.....avete mai provato a configurare un server linux con samba in un ambiente dove le acl vanno modificate spesso?!?!?!
Oppure , e qui mi riferisco ai puristi Linux, siete mai andati a spiegare al presidente della vostra azienda di togliere XP che è na merda e di mettere Suse CHE TANTO POI è uguale??!?!?!

Secondo me ogni cosa serve a quello per cui è nata..........

è una visione un pò limitata di Linux...

In un mondo che sostanzialmente offre un solo sistema operativo "di massa", Windows, è abbastanza normale che certe persone si preoccupino. Usiamo i nostri PC quotidianamente, in operazioni sempre più numerose e complesse, dalla prenotazione di un biglietto aereo alla gestione del proprio conto in banca passando dagli acquisti online o dai servizi di messagistica.

E' chiaro che se a gestire tutte queste operazioni alla base c'è un solo sistema operativo prodotto da un'unica casa software, può sorgere il timore che a un certo punto questa azienda imponga alcune sue decisioni aziendali e private alla massa di pubblico che usa il suo sistema operativo.

Se esiste un'alternativa, gli utenti possono valutare e scegliere evntualmente di cambiare sistema operativo per non sottostare al diktat di un'azienda che fa i propri interessi.
Se non esiste alternativa, gli utenti sono costretti a subire le scelte aziendali di chi produce l'uncio sistema operativo in circolazione.

Senza contare che la concorrenza è uno dei pilastri concettuali del libero mercato. Senza concorrenza un prodotto monopolista migliora più lentamente e meno bene.
Quindi ben venga la "concorrenza" di Linux a Windows, se questa permette di dare una svegliata ai tecnici Microsoft perché facciano sempre di più e sempre meglio.

Penso sia per questo motivo, principalmente, che molte persone, tra cui io stesso, auspicano che Linux possa diventare un sistema operativo multi-uso accessibile facilmente non solo agli smanettoni e alle aziende ma anche all'utente medio che usa il PC a casa per lavoro ma anche per divertimento.

Credo che a questo punto non ci siamo ancora arrivati, ma ci siamo molto vicini, ed è molto importante andare avanti su questa strada.

ercole77
23-09-2005, 15.17.16
Non penso sia una visione limitata di Linux, dal momento che SECONDO me, e ripeto secondo me, le cose che è nato per fare vanno da dio e performantissime........dico solo che per ora in certi ambiti (FILE SERVER e soprattutto DESKTOP) siamo anni luce indietro.
Non riesco inoltre a capire come fai a dire che ci siamo a raggiungere livelli di usabilita' home user quando i modem usb che girano su linux senza andare a fare modifiche importanti si contano sulla punta delle dita.........

Ghedevil
23-09-2005, 15.40.30
Molto bene, linux inizia a fare paura davvero...

eh eh eh :D

Tom Sawyer
23-09-2005, 15.53.06
In effetti Linux fa davvero paura :rolleyes:

E-Star
24-09-2005, 23.25.10
Onestamente parlando... ammiro molto chi ha il coraggio di fare un passo difficile, che è quello di passare a Linux. Difficile nel senso che purtroppo gli applicativi che girano su Linux sono ancora abbastanza limitati, anche se qualcosa comincia a muoversi...
Anch'io ho provato ad effettuare la migrazione verso Linux. Ma con vero dispiacere devo ammettere che ho fallito. L'ho trovato complesso e di interfaccia molto scarna (la versione Mandrake 10.0). Addirittura avevo problemi con la risoluzione del monitor che mi veniva settato a 60hz. Cosa molto fastidiosa su un 19" CRT.
In ogni caso ammetto che non sono riuscito ad appassionarmi a questo SO. In futuro cmq spero che Linux migliori anche dal punto di vista della praticità, così proverò di nuovo ad effettuare un altro volo verso il PINGUINO...!!!

claudio61
25-09-2005, 09.46.17
devo convenire con ercole77 tutto questa astiosità da rossi contro neri la trovo fuori luogo, stiamo parlando di sistemi operativi non di vita o di morte. Io (programmatore dai tempi dell'RPGII) rigrazio e ringrazierò sempre bill gates perchè ha permesso a tutti noi con la sua politica lungimiramte ed aperta sul lato hardware di avere, come oggi, un pc in ogni casa ed a costi bassissimi, se si fosse trattato della cara Apple, lei si vera monopolista feroce ed ottusa, i pc costerebbero ancora 5000€ come minimo. Logigamente Billone non lo ha fatto per beneficenza, non mi sembra che porti il saio, però bisogna dire che la posizione di monopolio di fatto se la è conquistata per l'inefficienza dei so via via affacciatesi e per la politica ottusa di apple sul lato apertura hardware. Adesso è arrivato Linux, promette sfracelli, dice che è gratuito (non tanto perchè se vuoi, specie in ambito lavorativo, una distribuzione con assistenza costa e non poco, come comunque è giusto), per adesso per l'utilizzatore di casa è lontano anni luce da windows come usabilità, varietà soft, giochi ecc, va benissimo sul lato server, ma questa è comunque una nicchia di mercato e pure molto specialistica. Io spero logicamente che migliori sul lato usabilità
vero l'utente casalingo, ma questo comporta lavoro, sperimentazione,
programmatori a tempo pieno....... e tutto questo ha un costo ed alla fine probabilmente queste versioni di linux non sarebbero più tanto economiche. Per chi discetta sulla sicurezza ed affidabilità di linux
aspettiamo che il 90% degli hakers si riversi su linux, che inizino a girare decine di migliaia di soft scritti dalle persone più disparate e poi ne parliamo :-) Oggi microsoft è leader di merrcato e praticamente
monolista più per gli errori degli altri che per meriti propri ma è così, nessuno ci ha minacciati con la pistola per comperare microsoft, semplicemente era il più economico e e migliore soft nei vari periodi storici. Ricordiamoci che usare mac implicava usare PER FORZA le loro macchine.
ciao
asgaqlun

E-Star
25-09-2005, 11.57.41
claudio61 penso tu abbia centrato in pieno l'argomento...
Tutti critichiamo Windows... ma tutti lo usiamo... anche chi usa Linux, sono sicuro che riserverà sempre una partizione anche piccola di disco per Windows...

Sicuramente è la concorrenza che deve migliorare...
E noi non aspettiamo altro!!!!

gmaxim
25-09-2005, 15.32.42
Credo che il discorso di claudio61 valga quanto 100 post messi insieme che dibattano l'argomento windows - Linux, oramai all'ordine del giorno, e che descriva succintamente ciò che è stato, ciò che è e quello che diverrà Linux nei prossimi anni. :rolleyes:
Tralasciamo i fattori per cui un SO è più complesso dell'altro perchè ha un desktop manager più assortito o più scarno,d'altro canto è anche tutto ciò che è accaduto a Microsoft negli anni passati prima che monopolizzasse tutto il mercato software...;)

Claudio61 mi hai proprio tolto le parole di bocca.:act:

Ghandalf
26-09-2005, 00.44.08
La domanda semplice, se linux e' pronto per l'uso desktop. Lasciamo stare le altre applicazioni, soprattutto in ambito lavorativo in cui bosogna essere pragmatici, non solo nella scelta del SO.
Dunque Linux e' pronto per il desktop?
Si'.

Ma, c'e' un ma, dire che linux e' pronto per il desktop equivale a dire che linux non e' pronto per il desktop per il semplice motivo che in ambito desktop esistono diversi tipi di utilizzi, per fare un esempio i gamers incalliti di certo non sceglieranno Linux, probabilmente chi vuole qualcosa di piu' dal video editing sara' contretto a rivolgersi ad altro.

Ripeto qui come ripeto sempre che lo sviluppo di GNU/Linux/Desktop e' cominciato seriamente da meno di tre anni. Il suo sviluppo, la velocita' con cui nascono nuovi software e vengono potenziati e perfezionati i vecchi lascia di parecchio indietro sia la MS che la Apple.
La quantita' di applicativi e' praticamente infinita ed e' semplicemente reperibile gratuitamente (parliamo sempre di uso desktop) via internet, aggiungendo che la qualita' di molti di questi e' eccellente.
KDE ha raggiunto un ottimo livello e Render promette grandi cose per X.

Vecchi sviluppatori scompaiono e nuovi ne arrivano, gente che offre il proprio tempo e competenze per...gli altri, allo stesso identi modo di come io e gli altri moderatori dedichiamo tempo al sito ed al forum.
Sono dell'idea che il modello Open alla lunga avra' la meglio.
Anche se tutti gli hacker del mondo prendessero di mira il kernel esistono centinaia di distribuzioni ognuna patchata in modo diverso, alcuni hacker dovrebbero dedicarsi a Mandriva, altri a RH, altri a Suse, altri a Gentoo, altri a knoppix, altri a slackware, altri a Kubuntu...etc etc e contemporaneamente ci sarebbero migliaia di persone dall'altro lato a patchare e migliorare tutte le distribuzioni di cui sopra...su un codice che tutti conoscono e' difficile trovare il super exploit.

Alla fine non c'e' da schierarsi da nessuna parte, io utilizzo solamente Linux per il mio desktop e per tutte le situazioni professionali in cui sono libero di scegliere, perche' la scelta, la possibilita' di decidere e' necessariamente il primo motore.

Modem non compatibili, amenita' varie sull'hardware, con un briciolo di testa si possono evitare tutti i problemi di hardware windows based.

Inoltre, che cosa si intende per 'provare linux'? Utilizzare questo sistema operativo per un mese come se si utilizzasse windows e poi cestinarlo? Per esperienza personale c'e' da sbatterci la testa per circa 6 mesi per staccarsi dall'utilizzo windows (perfetto, ma che non puo' essere traslato a linux come neanche a MacOS). Raramente ho incontrato gente che dopo avere conosciuto bene questo sistema operativo se ne sia liberata...

Aggiungo, ok, il SO non lo volete mollare, linux vi fa schifo, ma perche' utilizzare Photoshop, perche MSOffice, perche' nero, MSN Messenger?
A casa, quali migliori software di The Gimp, OpenOffice.org, BAO, Gaim?

dave4mame
26-09-2005, 09.42.10
ti rispondo al volo.. per quanto mi riguarda.

the gimp mi fa schifo.
nero non lo uso (record now 4.5 rullerà per sempre)
open office perchè mi scazza perdermi le formattazioni (dicono però che la 2.0 risolva alla grande) e soprattutto perchè mi svacca imparare un nuovo programma
messanger, come sopra.

tutto questo, ovviamente, perchè uso software pirata.
nel momento in cui non riuscissi più a farlo, passerei tranquillamente alle controparti free.

e questo discorso mister gates lo conosce benissimo; la fortuna del mondo windows è in buona parte dovuta alle copie farlocche.

claudio61
27-09-2005, 08.38.44
caro Ghandalf non sono del tutto daccordo con te, io non trovo affatto che allo stato attuale le varie versioni di Linux siano pronte per un uso home, a volte ci facciamo ingannare dalla nostra notevole esperienza senza renderci conto delle difficoltà dell'utente medio di casa, no lo smanettone... Anch'io ho tuttora due versioni di linux installate, nelle varie release da quando si installavano con riga di comando...., vanno bene ma davvero non penso che l'utente medio di pc, quello che oggi lo compra all'ipermercato, le possa usare senza problemi. Poi io trovo che comunque le troppe versioni dell'so, specie in ambito lavorativo, siano uno svantaggio perchè frazionano lo sviluppo e rendono complesso l'aggiornamento. Preferirei un consorzio di sviluppatori, che dietro giusto compenso (si deve pur mangiare..) si dedichi ad unire le forze per sviluppare Linux in maniera univoca e forte, allora si che Microsoft ed Apple inizierebbero a temerlo per davvero, oltre che a fare pressione sui maggiori produttori di soft, e perchè no di giochi, per delle versioni localizzate su linux. Anche il tuo ottimismo riguardo alla sicurezza non mi trova daccordo, secondo me è proprio l'eccessivo frazionamento anch'esso un pericoloso indice di insicurezza, perchè se è vero che sono molte le distribuzioni da attaccare (ma i sorgenti sono in massima parte comuni) e anche vero che un attacco massiccio che so solo su mandriva comunque causerebbe danni, anche perchè gli sviluppatori per le contromisure sono divisi su parecchie distibuzioni diverse.
Riguardo al soft ognuno ha le sue idee, io per esempio sono un amante della corel, e probabilmete anche in ambito linux preferirei le sue cose cio non toglie che in ambiente linux (ma anche microsoft) esistono tante alternative e gratuite alle softhouse più diffuse.
Questo anche per rispondere a dave4mame, che il fatto di scegliere windows solo perchè si usa soft pirata è un nonsense, perchè nel mondo windows esistono tantissimi programnmi free che non hanno nulla da invidiare a quelli a pagamento, come penso che logicamente ( e giustamente) nel momento che Corel/Adobe/Gamehouse ecc localizzeranno i loro programmi per linux se li faranno pagare e allora ricomincierà la giostra del pirata.
Per me oggi 27/09/2005 Linux è il so più promettente ed efficiente (rapporto hardware/prestazioni), non in tutte le distibuzioni per la verità (alcune fanno pietà), però si scontra con due colossi che hanno più di vent'anni di dominio di mercato con conseguente plasmatura degli utenti sui loro so, la strada per inserisi in modo valido è dura e penso che solo unendo le forze di tutte le distibuzioni in una sola ce la si possa fare, se poi si vuole rimanere ai margini continuiamo pure così.
ciao

dave4mame
27-09-2005, 09.08.15
claudio (posso?) ti do ragione quando dici che usare software pirata è "nonsense".
come giustamente fai notare tu, c'è tanto ottimo software free.

nonostante ciò si una software pirata.

i motivi di questo sono molteplici.

c'è chi non si fida (non costa nulla=non vale nulla), chi comunque usa quello commerciale/pirata perchè è "cool" (e poi photoshop lo usa per ridimensionare le immagini), chi perchè ha già office in ufficio e quindi sa già usarlo (e può copiarselo senza problemi).

motivi ce ne sono a gogò....

claudio61
28-09-2005, 08.52.55
caro dave4mame io logicamente intendevo in luoghi di lavoro, dove tantissimi rischiano per esempio ad usare office pirata quando esiste per esempio l'ottima suite di staroffice gratuita che può anche esportare in .doc.......... ma vai a metterglielo in testa. Così come usare un pachiderma come photoshop a casa, solo perchè scaricato gratis da emule, per vedere le foto della compatta da 1,3MP....... invece del leggero (e facile) programmino free. Guarda che io non sono contro a priori al soft pirata, solo a casa però, perchè spesso è l'unico modo per diventare padroni (come me per le suite corel) di soft complessi e cari, anche perchè le softhouse nella loro ottusità non mettono in commercio versioni casalinge, senza licenza per uso professionale, identiche alle professionali a prezzi ridotti. Ma io mi chiedo ma costa davvero tanto ad Adobe/Corel vendere le loro suite che so a 50€ per uso personale a casa, va da se che se poi vengono installate e scoperte in un ufficio la multa sarebbe uguale al soft pirata? si bloccherebbe una parte importante del traffico pirata e si avrebbero degli utenti fidealizzati al proprio prodotto anche grazie alla manualistica originale e al supporto dell'azienda.
Ma forse chiediamo troppo..............
Lo sai che il responsabile commerciale del distibutore una delle più importati sorfthouse è stato il responsabile vendite fino ad un anno fa di una grande azienda di salumi? con tutto il rispetto ma penso che vendere soft si ben diverso che vendere prosciutti.......
che possiamo aspettarci.....
ciao

Ghandalf
28-09-2005, 09.28.03
claudio61, salvo fatto il differente punto di vista per la prima parte del tuo primo post ti quoto per due ragioni: per i toni dell'intervento e per le cose che hai detto riguardo il software..:);)

dave4mame
28-09-2005, 09.59.07
per carità, sono assolutamente d'accordo anche io; il fraintendimento è senz'altro dovuto a una cattiva argomentazione del mio punto di vista.

usare software pirata è "sbagliato" tout court; su questo non ci piove.


sul prezzo "lite" non so che dirti.
spesso e volentieri versioni ridotte di pacchetti anche famosi (photoshop, premiere...) vengono inclusi in bundle con hardware di costo ridotto (scanner, macchine fotografiche, stampanti)...
quello che voglio dire è un'altra cosa.
giusto o sbagliato che sia, l'uso di software pirata da parte dell'utenza che non lo comprerebbe mai (indipendentemente dal prezzo) credo che alla fine dia più vantaggi che svantaggi al produttore.

una copia pirata di photoshop (installata da un ragazzino per gli scopi sopra detti) è pur sempre una copia in più utilizzata; il parco utenti si amplia.
se su 100 ragazzini anche uno solo poi diventa grafico, apre lo studio e si compra la licenza, il gioco vale la candela...

ps.
per puro sfizio ho provato a giocherellare con staroffice (la 1.1 non la 2.0 beta).
a parte il discorso di impararsi un programma nuovo (che è sempre una scocciatura, se come tanti hai la pretesa di essere produttivo "subito") con le formattazioni complesse viene fuori un mezzo disastro...

Ghandalf
28-09-2005, 10.35.23
Originariamente inviato da dave4mame
con le formattazioni complesse viene fuori un mezzo disastro...

[hilarious mode]
per le formattazioni complesse anche con word viene fuori un mezzo disastro..:D:D..
[/hilarious mode]

claudio61
28-09-2005, 14.19.31
senza voler difendere per forza staroffice (non sono un suo azionista :-)) il concetto che volevo esprimere è che di fronte al pianto greco quando uno prospetta ad una azienda che so il costo di cinque postazioni di microsoft office2003 l'altenativa gratuita e QUASI simile la risposta è "ma dobbiamo imparare un altro programma?" allora mettiamo una sola copia licenziata e tutte le altre a sbafo..... salvo poi lamentarsi per le eventuali multe. Ma diciamoci la verità dave4mame se sai usare uno sai usare anche l'altro le differenze sono minime, solo un pò di impegno, però per l'azienda sono migliaia di euro di risparmio e tranquillità legale, ciò vale logicamente anche per altri soft, ho usato staroffice solo perchè il più eclatante in rapporto al prezzo...
Senza entrare nel merito linux, dove un negozio che deve solo usare un semplice database, scrivere qualche documento in word, qualche tabella in foglio di calcolo e navigare in web con relativa posta elettronica
risparmierebbe tantissimi euro con quella scelta. E te lo dico io, che se hai letto i miei post non è che sia un linux fans, anzi...... microsoft va benissimo solo che si fa pagare (e bene), se poi uno ci sta, bene fa benissimo perchè acquista anche un forte supporto postvendita.
ciao

ercole77
29-09-2005, 09.34.58
microsoft va benissimo solo che si fa pagare (e bene), se poi uno ci sta, bene fa benissimo perchè acquista anche un forte supporto postvendita



Acquistate 5 licenze Windows server 2003, per Domain controller aziendali. Telefono a Microsoft per un problema di autenticazione con client Win9x e vuoi sapere la risposta??? Spiacente per l'assistenza telefonica c'e' da pagare, oppure da fare un contratto Technet con 4 chiamate comprese nel prezzo..........