PDA

Visualizza versione completa : Microsoft vs Kai-Fu Lee


Flying Luka
21-07-2005, 10.40.31
<p align="center"><img src="http://www.microsoft.com/presspass/images/exec/bio_lee.jpg" /></p><p align="justify"><font face="verdana,arial,helvetica,sans-serif" size="2">SEATTLE (Reuters) - Microsoft ha avviato ieri una causa contro il suo ex vice presidente Kai-Fu Lee per aver violato, secondo l'azienda, un accordo di riservatezza e non-competizione accettando di dirigere il nuovo centro ricerche di Google in Cina. Lo ha annunciato oggi il maggior produttore mondiale di software.</font></p><p align="justify"><font face="verdana,arial,helvetica,sans-serif" size="2">Il leader dei motori di ricerca Google, che compete testa a testa con Microsoft nel settore della ricerca e dei servizi online, ha detto che aprirà la nuova struttura in Cina nel corso di quest'anno per attrarvi ricercatori informatici e sviluppare nuove tecnologie.</font></p><p align="justify"><font face="verdana,arial,helvetica,sans-serif" size="2">Microsoft aveva ingaggiato Lee nel 1998 per mettere in piedi un centro di ricerca e sviluppo a Pechino. Google ha detto di non aver ancora deciso la sede del suo nuovo centro.</font></p><p align="justify"><font face="verdana,arial,helvetica,sans-serif" size="2">Lee, già ricercatore alla Carnegie Mellon University, e che in passato aveva lavorato per Apple Computer, si era poi trasferito presso la sede centrale dell'azienda a Redmond, Washington, con il ruolo di vice presidente della compagnia responsabile per lo sviluppo dei sistemi di riconoscimento vocale e di altre tecnologie interattive per computer.</font></p><p align="justify"><font face="verdana,arial,helvetica,sans-serif" size="2">&quot;Nel corso del suo lavoro in Microsoft, il dottor Lee ha acquisito una conoscenza diretta di alcuni importanti segreti industriali sulle nostre tecnologie di ricerca, le nostre strategie di ricerca e i nostri i piani strategici in Cina&quot;, ha detto Tom Burt, vice presidente Microsoft responsabile per le controversie.</font></p><p align="left"><font face="verdana,arial,helvetica,sans-serif" size="2">La causa, presentata ieri presso la Corte superiore di King County nello stato di Washington contro Lee e Google, chiede l'applicazione di quanto previsto dall'accordo di riservatezza e non-competizione.</font></p><!-- Article Text Ends --><font face="verdana,arial,helvetica,sans-serif"><p align="left"><br /></p><font size="2"></font></font><p align="center" /><p align="left" /><br><br><a href="../../framer.php?url=http://today.reuters.it/news/newsArticle.aspx?type=internetNews&storyID=2005-07-20T144219Z_01_PIC051190_RTRIDST_0_OITIN-MICROSOFT-DIRIGENTE-CINA.XML" target="_blank"> Fonte </a><br><br><br><br>

Gigi75
21-07-2005, 10.58.30
Bello!! (la mia tesi di laurea!! :p)

RNicoletto
21-07-2005, 16.12.47
Originariamente inviato da Gigi75
Bello!! (la mia tesi di laurea!! :p) Hai fatto un tesi su Kai-Fu Lee ?? :confused: :p

Gigi75
21-07-2005, 16.16.55
Originariamente inviato da RNicoletto
Hai fatto un tesi su Kai-Fu Lee ?? :confused: :p


AHAHAHAH essì..è il mio idolo :p

La protezione del know-how aziendale ;)

Fa..
22-07-2005, 11.37.19
Secondo la Microsoft questo Kai-FU Lee … non dovrebbe più lavorare nel suo campo per i prossimi 10 !?!

Sono pazzi da legare, … ha fatto bene il nostro cinese.

E poi rimane il fatto che hanno denunciato la Google, … tanto per reclamare oltre il monopolio sulle persone … anche quello sulla ricerca, … oltre a quello del Mercato Mondiale.

Eppure questo “Billy The Gates” ne ha fatte di magagne in passato, tra scopiazzare a destra e sinistra … ed utilizzare le conoscenze degli altri.
(W)

Gigi75
22-07-2005, 12.07.45
Originariamente inviato da Fa..
Secondo la Microsoft questo Kai-FU Lee … non dovrebbe più lavorare nel suo campo per i prossimi 10 !?!

Sono pazzi da legare, … ha fatto bene il nostro cinese.

Be' è una clausola contrattuale .. pagata fior di $$$.. non è mica una imposizione..

Se poi uno vuole l'uno e l'altro..

Fa..
22-07-2005, 12.12.33
Originariamente inviato da Gigi75


Be' è una clausola contrattuale .. pagata fior di $$$.. non è mica una imposizione..

Se poi uno vuole l'uno e l'altro..

Hai ragione ... ma c'è un problema di territorio.

Per mia modesta conoscenza (precisa però), … la giurisprudenza Cinese non ha niente a che fare con quella degli USA, e non c’è nessun tipo d’estradizione o di reciprocità, tra i due paesi ci sono solo per casi terroristici (non bene definiti) … escluso Honk Kong che mantiene una collaborazione con l’Inghilterra e quindi con gli Stati Uniti.

Che cosa c’entra la Google !?! Forse la Microsoft sa che non può fare niente in Cina …. Direi che quest'ultima sia la ragione per fare una denuncia a washington tanto inutile quanto idiota.

Ma forse il caro Gates si è preso degli avvocati d'ufficio per questa cosa.

Gigi75
22-07-2005, 12.18.42
Il problema della giurisdizione è secondario...
Nel senso che tizio conclude un accordo con caio, prende i suoi $$$, ma poi se ne frega perchè tanto, vista la giurisdizione, caio non può fargli nulla.

Il problema è che l'accordo c'è stato e tu sei stato pagato per questo.

Inoltre, in contratti simili esiste sempre, SEMPRE, una clausola x l'individuazione di un foro alternativo.
Il problema è successivo, ovvero, ottenuta la sentenza, come metterla in esecuzione?
Ammettendo i limiti di giurisdizione che riferisci, la sentenza potrebbe essere messa in esecuzione solo nel foro scelto dalle parti (probabilmente USA), e dunque solo su beni di tizio presenti in USA.

Ma a questi livelli non conta effettivamente recuperare il credito.
E' più una questione di politica aziendale che di risarcimento di un vero danno subito.
Una condanna sarebbe già il raggiungimento dell'obiettivo.

Fa..
22-07-2005, 12.31.05
Gigi75, … sono d’accordo con te, … ma anche Bill “il Magnifico” se n’è sbattuto molto dei contratti.

Temo che in questo Mondo vince … chi non li rispetta.

Comunque dubito che il nostro amico cinese sia stato stupido da lasciare qualche proprietà negli USA, da come ha fatto … ha imparato molto dai "Cowboys americani".

Non vorrei uscire troppo dall’argomento ma dovresti leggere cosa hanno combinato gli americani con i contratti di Eurodisneyland, …. SE NE FREGANO DEI CONTRATTI. Però s’incazzano quando gli altri non li rispettano.

PS: io sono certo (se vuoi scommettiamo) che questa è un’altra scemata dell’esercito dei Legali di Gates … non sono nuovi per queste stupidaggini (come la storia di quel ragazzino che ha messo in vendita XP via internet perché era scontento). Per quest’ultimo caso ha vinto il ragazzino contro 16 avvocati della Microsoft.
:S (il ragazzino è quello a destra ... Gates è a sinistra)

Gigi75
22-07-2005, 12.36.11
Be'non mi riferivo a questioni extralegali, non mi interessano perchè alla fine tutti e nessuno ha ragione.
In diritto mi sembra che MS abbia tutte le ragioni e la convenienza per procedere.
La questione mi piace proprio per la questione "tecnica", il resto mi sembrano le solite cose insomma..

Flying Luka
22-07-2005, 12.38.59
Scusate, ma sei io ricevo un congruo TOT a titolo di non concorrenza, segretezza professionale, ecc... ecc... firmo e accetto, poi me ne vado, anzi faccio di più, passo alla concorrenza, mi sembra anche ovvio che mi facciano il paiolo. O no?

Gigi75
22-07-2005, 12.43.22
Essì appunto ciò che dicevo. E' normale (come è umano cercare di fregare:p)

Fa..
22-07-2005, 12.44.51
Li conosco quei contratti, sono simili a quei proforma classici di quando vendi una società che ha un numero importante di clienti ... ed è ovvio che quando vendi le quote azionarie non puoi il giorno dopo aprire una società uguale a quella che hai venduto, ... e svuotare il pacchetto di clienti che io ho pagato a te (per esempio).

Ma se dall'Italia ti sposti in Russia ... è tutta un'altra cosa, e il tuo contratto posso buttarlo.

Fa..
22-07-2005, 12.50.53
Originariamente inviato da Flying Luka
Scusate, ma sei io ricevo un congruo TOT a titolo di non concorrenza, segretezza professionale, ecc... ecc... firmo e accetto, poi me ne vado, anzi faccio di più, passo alla concorrenza, mi sembra anche ovvio che mi facciano il paiolo. O no?

Ma certo che è così, ... però vale se rimani nello stesso territorio.

Se la legge non ha reciprocità con altre Nazioni, ... dubito che chiunque possa modificarle con una causa civile. Per esempio: nessun paese ha un accordo di Estradizione (anche penale) con la Bielorussia ... di fatto puoi fare una strage in Italia e rifugiarti in Bielorussia (per casi gravi ci sono eccezioni) ... per cause civili sei in regola.

Per giunta ci devono essere le firme e l'approvazione dei rispettivi Parlamenti.

Quel cinese è davvero una volpe.

PS: sono certo che la Microsoft si è pentita di esserselo fatto scappare questo mito (io lo sarei).

Gigi75
22-07-2005, 12.53.32
Originariamente inviato da Fa..
Ma se dall'Italia ti sposti in Russia ... è tutta un'altra cosa, e il tuo contratto posso buttarlo.

In teoria è giusto se stessimo parlando di una fabbrica di confezioni per frutta in Jacuzia..

Ma MS o Google operano in tutto il mondo, quindi il vantaggio tecnologico dovuto alla divulgazioni di know how acquisito presso l'altra azienda è sempre e comunque utilizzabile e utile.

Tra multinazionali è ovvio e normale che sia così.

Fa..
22-07-2005, 13.02.05
Interessante Gigi75, … mi sto facendo prendere da questa conversazione.

C’è un però in tutto questo: Se la Google in Cina sia una sede distaccata dalla Google negli USA, … io l’avrei resa indipendente con qualche accordo e basta.

Comunque, la Google non ha fatto opera di spionaggio (non ha infranto la legge) e se il Caro Kai-Fu Lee gli può aver tenuto segreto questo tipo di clausola (Microsoft) … non è colpa certo della Google.

Ad ogni modo sono certo che la Google non può essere idiota da non aver reso la sua sede cinese indipendente: in altre parole … fanno quello che vogliono, … anche se la Microsoft va a piangere da Bush.

PS: poi bisogna provare se Lee stia “spifferando” le strategie di Microsoft, … cosa non semplice.

Gigi75
22-07-2005, 13.05.17
Originariamente inviato da Fa..


Ma certo che è così, ... però vale se rimani nello stesso territorio.

Se la legge non ha reciprocità con altre Nazioni, ... dubito che chiunque possa modificarle con una causa civile. Per esempio: nessun paese ha un accordo di Estradizione (anche penale) con la Bielorussia ... di fatto puoi fare una strage in Italia e rifugiarti in Bielorussia (per casi gravi ci sono eccezioni) ... per cause civili sei in regola.

Per giunta ci devono essere le firme e l'approvazione dei rispettivi Parlamenti.

Quel cinese è davvero una volpe.

Ripeto: in un processo civile internazionale si applicano le norme scelte dalle parti (perchè solitamente nei contratti con multinazionali sono sempre derogate).
Potrebbero aver scelto anche di applicare la normativa neozelandese (quella di default è quella del luogo di conclusione del contratto, ovvero presumibilmente la sede MS).

In quel caso anche un processo in contumacia varrebbe a dare immagine alla MS.

Gigi75
22-07-2005, 13.11.24
Originariamente inviato da Fa..
Interessante Gigi75, … mi sto facendo prendere da questa conversazione.

C’è un però in tutto questo: Se la Google in Cina sia una sede distaccata dalla Google negli USA, … io l’avrei resa indipendente con qualche accordo e basta.

Comunque, la Google non ha fatto opera di spionaggio (non ha infranto la legge) e se il Caro Kai-Fu Lee gli può aver tenuto segreto questo tipo di clausola (Microsoft) … non è colpa certo della Google.

Ad ogni modo sono certo che la Google non può essere idiota da non aver reso la sua sede cinese indipendente: in altre parole … fanno quello che vogliono, … anche se la Microsoft va a piangere da Bush.

PS: poi bisogna provare se Lee stia “spifferando” le strategie di Microsoft, … cosa non semplice.

Facciamo ordine.
Una cosa sono gli obblighi del cinese, un'altra i divieti di Google Cina.
Il cinese non poteva svolgere alcun lavoro per un diretto concorrente (a prescindere dalla prova di divulgazione, il divieto è quello di non lavorare per conto di..).
E questo è stato infranto, e tanto basta.

Google Cina (sicuramente una società controllata dalla *inc. come accade per MS e MS Italia), non ha nessuna colpa in sè, salvo a provare la malafede. Ma è un'altra questione :)

Contento che ti piaccia la questione (ti manderò la mia tesi autografata :cool: :D:D:D )

Fa..
22-07-2005, 13.14.27
Originariamente inviato da Gigi75


Ripeto: in un processo civile internazionale si applicano le norme scelte dalle parti (perchè solitamente nei contratti con multinazionali sono sempre derogate).
Potrebbero aver scelto anche di applicare la normativa neozelandese (quella di default è quella del luogo di conclusione del contratto, ovvero presumibilmente la sede MS).

In quel caso anche un processo in contumacia varrebbe a dare immagine alla MS.

Può essere, … dovrei cercare ora i riferimenti giuridici e non mancherò di riportarli, … almeno quelli di massima tra società a questo livello.

In questo caso il contratto è stato fatto dalla Microsoft ed un privato, … quindi, non puoi estenderlo ad un paese straniero.

Se tu fai un contratto con le Generali Assicurazione o con il Monte dei Paschi di Siena è obbligatorio alla fine del contratto il foro giuridico (nella stessa Nazione dove è stato compilato il contratto) … in mancanza di questo o alla peggio in un altro Stato straniero … il contratto vale zero.

Gigi75
22-07-2005, 13.23.42
Originariamente inviato da Fa..

Se tu fai un contratto con le Generali Assicurazione o con il Monte dei Paschi di Siena è obbligatorio alla fine del contratto il foro giuridico (nella stessa Nazione dove è stato compilato il contratto) … in mancanza di questo o alla peggio in un altro Stato straniero … il contratto vale zero.

La fonte giuridica principale è la CONVENZIONE SULLA LEGGE APPLICABILE
ALLE OBBLIGAZIONI CONTRATTUALI firmata a Roma il 19 giugno 1980 (http://www.iusreporter.it/Testi/convenzione-roma-1980.htm)

Il resto che dici non è corretto.
Due soggetti hanno facoltà di derogare la legge applicabile al loro accordo scegliendo quella di qualunque altro Stato del Mondo.

La tua confusione nasce tra competenza territoriale e giuridizione internazionale
L'esempio che tu riporti è la competenza territoriale (all'interno di uno Stato): ad es concludo un contratto a Napoli e decido che eventuali contestazioni saranno di competenza del giudice di Milano.

La legge applicabile ad un contratto internazionale invece è sottoposta a regole (anche abbastanza complicate), ed è comunque derogabile tra le parti che, come dicevo, possono decidere di comune accordo, che il contratto sia regolato dalle regole di un sistema giuridico straniero e/o che le contestazioni nascenti dal contratto siano sottoposte ad un qualunque altro sistema giuridico (come dicevo.. anche quello neozelandese o di papua nuovaguinea)
(Leggi l'art. 3 della Convenzione di Roma 1980)

L'accordo esiste ed è valido sempre.

Flying Luka
22-07-2005, 13.25.48
Originariamente inviato da Fa..


Può essere, … dovrei cercare ora i riferimenti giuridici e non mancherò di riportarli, … almeno quelli di massima tra società a questo livello.

In questo caso il contratto è stato fatto dalla Microsoft ed un privato, … quindi, non puoi estenderlo ad un paese straniero.

Se tu fai un contratto con le Generali Assicurazione o con il Monte dei Paschi di Siena è obbligatorio alla fine del contratto il foro giuridico (nella stessa Nazione dove è stato compilato il contratto) … in mancanza di questo o alla peggio in un altro Stato straniero … il contratto vale zero.

Penso che quanto da te asserito valga per un tipico accordo di natura commerciale, e non professionale.

Gigi75
22-07-2005, 13.29.11
Originariamente inviato da Flying Luka


Penso che quanto da te asserito valga per un tipico accordo di natura commerciale, e non professionale.

Non vale nè per beni nè per servizi nè per professioni nè per altro :)
Il contratto è legge tra le parti sempre e comunque :)

Fa..
22-07-2005, 13.33.22
Originariamente inviato da Gigi75


Facciamo ordine.
Una cosa sono gli obblighi del cinese, un'altra i divieti di Google Cina.
Il cinese non poteva svolgere alcun lavoro per un diretto concorrente (a prescindere dalla prova di divulgazione, il divieto è quello di non lavorare per conto di..).
E questo è stato infranto, e tanto basta.

Google Cina (sicuramente una società controllata dalla *inc. come accade per MS e MS Italia), non ha nessuna colpa in sè, salvo a provare la malafede. Ma è un'altra questione :)

Contento che ti piaccia la questione (ti manderò la mia tesi autografata :cool: :D:D:D )

C’è un altro stratagemma per evitare anche i doveri delle parti, … nel contratto tra Lee e la Microsoft potrebbero avere specificato gli ambiti del diritto della riservatezza ecc, … e Lee potrebbe essere stato assunto come fattorino e “imbuca lettere”, … di fatto non c’è modo di sapere che cosa stia facendo con Google.

E poi, bisogna calcolare che Google non ha una buona posizione in Cina, … forse Lee sta solo facendo relazioni pubbliche.

Ad ogni modo, … non c’è una prova che Lee stia facendo il delatore.

PS: sono un amante delle tesi, sono una fonte sulla normative molto più interessanti delle sentenze e dei codici.

Fa..
22-07-2005, 13.36.04
Originariamente inviato da Gigi75


Non vale nè per beni nè per servizi nè per professioni nè per altro :)
Il contratto è legge tra le parti sempre e comunque :)

Ma la forme della compilazione richiedono di specificare il foro giuridico dove rivolgersi in caso di "bisboccia".

Se Microsoft si è rivolta alla capitale USA, ... è perchè nel contratto riportava quel foro per contese.

Gigi75
22-07-2005, 13.38.05
Originariamente inviato da Fa..


C’è un altro stratagemma per evitare anche i doveri delle parti, … nel contratto tra Lee e la Microsoft potrebbero avere specificato gli ambiti del diritto della riservatezza ecc, … e Lee potrebbe essere stato assunto come fattorino e “imbuca lettere”, … di fatto non c’è modo di sapere che cosa stia facendo con Google.

E poi, bisogna calcolare che Google non ha una buona posizione in Cina, … forse Lee sta solo facendo relazioni pubbliche.

Ad ogni modo, … non c’è una prova che Lee stia facendo il delatore.

PS: sono un amante delle tesi, sono una fonte sulla normative molto più interessanti delle sentenze e dei codici.

Il patto tra MS e il cinese non è di non divulgare (e quindi servirebbe la prova della divulazione), ma semplicemente quella non di lavorare per un concorrente (e quindi basta la prova che è dipendente di Google).

Ti riporto la norma che regola questa clausola nel codice civile italiano

Art. 2125 Patto di non concorrenza

Il patto con il quale si limita lo svolgimento dell'attività del prestatore di lavoro, per il tempo successivo alla cessazione del contratto, è nullo se non risulta da atto scritto (2725), se non è pattuito un corrispettivo a favore del prestatore di lavoro e se il vincolo non è contenuto entro determinati limiti di oggetto, di tempo e di luogo.

La durata del vincolo non può essere superiore a cinque anni, se si tratta di dirigenti, e a tre anni negli altri casi. Se è pattuita una durata maggiore, essa si riduce nella misura suindicata (2557, 2596; att. 198).


;)

Gigi75
22-07-2005, 13.39.14
Originariamente inviato da Fa..


Ma la forme della compilazione richiedono di specificare il foro giuridico dove rivolgersi in caso di "bisboccia".

Se Microsoft si è rivolta alla capitale USA, ... è perchè nel contratto riportava quel foro per contese.

Be' appunto.
E quindi? :confused:

Fa..
22-07-2005, 13.47.57
Originariamente inviato da Gigi75


Il patto tra MS e il cinese non è di non divulgare (e quindi servirebbe la prova della divulazione), ma semplicemente quella non di lavorare per un concorrente (e quindi basta la prova che è dipendente di Google).

Ti riporto la norma che regola questa clausola nel codice civile italiano


;)

Gigi75 … sai cosa penso ? Vabbè … come fai a saperlo … te lo dico.

La Microsoft è talmente abituata a fare porcate che non appena hanno saputo che Lee era nelle braccia della Google avranno detto: Sta facendo quello che facciamo noi da 20 anni.

Se gli mandano un fax con una nuova offerta e se lo riprendono, … risparmiano una vagonata di dollari e tutto si chiude. Probabilmente quelle iene lo hanno utilizzato … ed ora hanno capito che è una mina vagante (per loro).

Sei un mito Gigi, adesso davvero non facciamo più chiacchiere, … ok … io ho una sentenza dove specifica i limiti territoriali:

LAVORO (Rapporto di)
Diritti e doveri delle parti
fedelta', divieto di concorrenza
Codice civile (1942) art. 2125
II patto di non concorrenza, previsto dall'art. 2125 c.c., è valido purché sia stipulato in forma scritta, sia previsto un corrispettivo proporzionato all'entità della limitazione e sia contenuto entro determinati limiti di oggetto e di luogo che, valutati nel loro complesso, lascino in concreto al lavoratore la possibilità di svolgere un'attività lavorativa coerente con la professionalità acquisita (nella fattispecie, in considerazione della specificità dell'attività vietata e del fatto che la capacità lavorativa e professionale del lavoratore non subivano un'eccessiva limitazione, è stato ritenuto valido un patto di non concorrenza della durata di due anni esteso all'intero territorio dei paesi della Comunità europea a fronte del pagamento di un corrispettivo pari al 15% dell'importo totale delle retribuzioni corrisposte al lavoratore negli ultimi due anni precedenti la risoluzione del rapporto di lavoro).
Tribunale Milano, 22 ottobre 2003
Soc. Bekaert c. Allievi
D.L. Riv. critica dir. lav. 2004, 122

Fa..
22-07-2005, 13.51.17
Originariamente inviato da Gigi75


Be' appunto.
E quindi? :confused:

E quindi le leggi sono "made USA", ... e sono pure diverse da quelle UE, ... e lontane dalla Cina anni luce.

Gigi75
22-07-2005, 13.57.05
Originariamente inviato da Fa..
LAVORO (Rapporto di) Diritti e doveri delle parti fedelta', divieto di concorrenza
Codice civile (1942) art. 2125
II patto di non concorrenza, previsto dall'art. 2125 c.c., è valido purché sia stipulato in forma scritta, sia previsto un corrispettivo proporzionato all'entità della limitazione e sia contenuto entro determinati limiti di oggetto e di luogo che, valutati nel loro complesso, lascino in concreto al lavoratore la possibilità di svolgere un'attività lavorativa coerente con la professionalità acquisita (nella fattispecie, in considerazione della specificità dell'attività vietata e del fatto che la capacità lavorativa e professionale del lavoratore non subivano un'eccessiva limitazione, è stato ritenuto valido un patto di non concorrenza della durata di due anni esteso all'intero territorio dei paesi della Comunità europea a fronte del pagamento di un corrispettivo pari al 15% dell'importo totale delle retribuzioni corrisposte al lavoratore negli ultimi due anni precedenti la risoluzione del rapporto di lavoro).
Tribunale Milano, 22 ottobre 2003
Soc. Bekaert c. Allievi
D.L. Riv. critica dir. lav. 2004, 122

Questa sentenza è correttissima per il diritto italiano.
Con alcuni MA.
1) La peculiarità della mansione del lavatore e dei datori di lavoro.
Questo vuol dire che la professionalità del lavoratore può essere svolta difficilmente (se io sono il capo progetto della nasa, ovvio che un patto di non concorrenza o comprende ali unici altri 2/3 soggetti miei concorrenti nel mondo.. oppure perde la sua utilità).
La sentenza è perfetta per il lavoratore delle confezioni di frutta della Jacuzia (se hai lavorato per fare confezioni di frutta a Lecce, a te azienza non dà nessun danno che faccia lo stesso lavoro per un'azienda ucraina, quindi non hai un interesse tutelabile a limitare la mia professionalità).
Per questioni più "globalizzate" come dicevo, è necessaria una interpretazione "globalizzata".

Ovvero, il principio alla base è che il lavoratore deve poter esprimere la sua professionalità (nulla vieterebbe di lavorare per aziende minori non in concorrenza con la MS).

2) Stiamo ragionando sulla normativa italiana, ma non conosco quella americana, che certamente è diversa su queste norme.

Gigi75
22-07-2005, 13.58.14
Originariamente inviato da Fa..


E quindi le leggi sono "made USA", ... e sono pure diverse da quelle UE, ... e lontane dalla Cina anni luce.

Sono "lontane", ma per ESPLICITO ACCORDO TRA LE PARTI, sono le leggi che regolano quel contratto, sempre e comunque.

Fa..
22-07-2005, 13.58.58
Comunque Gigi75 ho circa una decina di sentenze (limitate all’Italia) che manifestano in modo preciso che le limitazioni devono soltanto essere ristrette all’attività svolta, in modo preciso e alle condizioni del contratto.

A meno che la Microsoft non abbia una “talpa” nel Centro di Ricerca della Google, … cosa ne sa delle mansioni e dell’attività di Lee in seno alla Google !?!

Se è tanto sicura, … io come Google denuncerei la Microsoft per calunnia (se esiste questo reato negli USA) … e poi per spionaggio.

PS: Come diavolo è possibile che Microsoft sia arrivata dove si trova !?!

Gigi75
22-07-2005, 14.01.16
Se hai una decina di sentenza che riguardano due aziende praticamente uniche nel mondo ne riparliamo.
La giurisprudenza su questa clausola è sconfinata..mica dieci:)


Per la "talpa" ti ho già detto che basta il lavorare per... senza la prova della divulgazione (a meno chei legali di MS non siano deficienti è chiaro che hanno formulato una clausola simile).

Fa..
22-07-2005, 14.03.53
Originariamente inviato da Gigi75


Sono "lontane", ma per ESPLICITO ACCORDO TRA LE PARTI, sono le leggi che regolano quel contratto, sempre e comunque.

Ma è la Giurisprudenza che limita la sua applicabilità, ... e negli USA è basata quasi tutto sui precedenti (su niente)... mentre quella italiana (anche europea) si basa anche in maniera precisa sui codici.

In sostanza negli USA la legge viaggia insieme ai loro fiumi, ... mentre noi abbiamo precedenti e leggi da considerare insieme.

Gigi75
22-07-2005, 14.06.02
Ammettendo che sia uguale tra USA e ITA, anche in ITA un caso simile non potrebbe essere deciso come le sentenze che hai riportato, per la peculiarità delle aziende e delle mansioni del lavoratore.


...che faticaccia..:p

Fa..
22-07-2005, 14.06.39
Originariamente inviato da Gigi75
Se hai una decina di sentenza che riguardano due aziende praticamente uniche nel mondo ne riparliamo.
La giurisprudenza su questa clausola è sconfinata..mica dieci:)


Per la "talpa" ti ho già detto che basta il lavorare per... senza la prova della divulgazione (a meno chei legali di MS non siano deficienti è chiaro che hanno formulato una clausola simile).

Dieci era un modo di dire ... aspetta che guardo quante ne ho, ... mi fermo a 40 (vanno oltre)... ma sono tutte su questo tema (aggiornate al 2005).

Non dirmi che ti devo riportare tutto ?

Gigi75
22-07-2005, 14.07.42
Originariamente inviato da Fa..


Dieci era un modo di dire ... aspetta che guardo quante ne ho, ... mi fermo a 40 (vanno oltre)... ma sono tutte su questo tema.

Non dirmi che ti devo riportare tutto ?

Vabbè questo è tanto per scrivere.. te lo concedo dopo tanti post impegnativi ;)

Fa..
22-07-2005, 14.11.07
Originariamente inviato da Gigi75
Ammettendo che sia uguale tra USA e ITA, anche in ITA un caso simile non potrebbe essere deciso come le sentenze che hai riportato, per la peculiarità delle aziende e delle mansioni del lavoratore.


...che faticaccia..:p

Non è una faticaccia ... è una sofferenza, ... ma se sei nel ramo non farà male a nessuno dei due.

Questa limitazione è difficili che vengano portati a livello Mondiale, ... sono certo che Lee non è uno stupido, invece sono certo che i legali della Microsoft hanno fatto fiasco.

[/i]
<p align="center"><img src="http://www.microsoft.com/presspass/images/exec/bio_lee.jpg" /></p><p align="justify"><font face="verdana,arial,helvetica,sans-serif" size="2">

Questo ha la faccia di uno che non farebbe male ad una pulce ... invece ha fatto grattare la Microsoft. Io lo ammiro.