PDA

Visualizza versione completa : Melissa P.


exion
03-07-2005, 19.35.50
4 marzo 2001

7,30

È passato molto tempo dall'ultima volta che ho scritto e non è cambiato pressoché nulla; mi sono trascinata in questi mesi e ho portato sulle mie spalle l'inadeguatezza nei confronti del mondo; vedo intorno solo mediocrità e mi fa star male persino l'idea di uscire. Per andare dove? Con chi?
Nel frattempo i miei sentimenti per Daniele sono aumentati e adesso sento scoppiare il desiderio di averlo mio.
Non ci vediamo dalla mattina in cui me ne andai piangendo da casa sua e solo ieri sera una sua telefonata ha rotto la monotonia che in tutto questo tempo mi ha accompagnata. Spero tanto che non sia cambiato, che tutto in lui sia rimasto uguale a quella mattina in cui feci la mia conoscenza con l'Ignoto.
Sentire la sua voce mi ha risvegliata da un lungo e pesante sonno. Mi ha chiesto come me la passavo, cosa avevo fatto in questi mesi, poi ridendo ha chiesto se le tette sono cresciute e io gli ho risposto di sì, anche se non è affatto vero. Dopo aver speso le ultime parole di circostanza gli ho detto la stessa cosa di quella mattina, cioè che avevo voglia di farlo. In questi mesi la voglia è stata lacerante; mi sono toccata all'esasperazione, provando migliaia di orgasmi. Il desiderio s'impadroniva di me persino durante le ore di lezione, ore in cui, sicura che nessuno mi stesse guardando, poggiavo il mio Segreto sul piedistallo in ferro del banco e facevo una leggera pressione con il corpo.
Stranamente ieri non mi ha derisa, anzi è rimasto in silenzio mentre gli confidavo la mia voglia e ha detto che non c'era nulla di strano, che era giusto che avessi certi desideri.





Ma come fa una che scrive 'ste c@zz@te, e che le scrive pure senza alcuna originalità, a diventare un caso editoriale? :rolleyes:

Poco ci manca che sentiremo dire di lei che è la più grande autrice italiana vivente, il contropeso femminile a Faletti (un altro buono quello!)

E fa pure i soldi (invidia invidia invidia certo, lo ammetto senza pudore, una persona senza qualità che fa i soldi mi fa invidia perché sono altrettanto senza qualità ma, a differenza sua, anche senza soldi)


Se il suo non fosse un libro porno (alla faccia di Fazi che continua a spacciare questa rumenta da cinema a luci rosse per altissima opera intellettuale contemporanea) a chi mai sarebbe interessata Melissa P.?

Vende perché in effetti c'è qualcosa di buono in ciò che scrive, o vende per la morbosa "pruderie" di uomini che cercano materiale porno sdoganato?

infinitopiuuno
03-07-2005, 19.43.29
Mah..in effetti.

Potresti scrivere anche tu un libro.

Certo che se tu avessi un passato di attore porno trans, aiuterebbe.:)

einemass
03-07-2005, 19.59.34
Originariamente inviato da exion

Vende perché in effetti c'è qualcosa di buono in ciò che scrive, o vende per la morbosa "pruderie" di uomini che cercano materiale porno sdoganato?

la seconda che hai detto :D

Flying Luka
03-07-2005, 20.30.26
Ho letto di peggio....

exion
03-07-2005, 20.42.06
Originariamente inviato da Flying Luka
Ho letto di peggio....

Indubbiamente.

Ma sia chiaro: non mi dispiace che una ragazzina con le fregole decida di esprimere la sua visione del mondo tramite un libro.

Mi scoccia il marketing di Fazi che ne ha fatto un caso editoriale.

Se il libro fosse stato venduto, ad esempio, come libro intellettual-impegnato da Adelphi, lo avrebbero comprato in 4.

Se il libro fosse stato venduto invece come libretto pornografico nelle edicole di Corso Buenos Aires a Milano, lo avrenbbero comprato in 5.

Invece lo pubblica Fazi, che sornione lo presenta al contempo come libro impegnato (e qui subentra il marketing) ma anche come confessioni porno di una ragazzina minorenne (e qui subentra la pruderie), e così lo vendono in milioni di copie.

Non è Melissa in sé il problema, quanto Fazi che fa soldi sul connubio sesso-letteratura.

MadMark
03-07-2005, 21.16.02
Ora ti faccio inc@zz@re il doppio:

ho visto il trailer del film......


:D :D :D

Bea*
03-07-2005, 21.18.35
Il problema, secondo me, è che passa per qualcosa di originale ed è per questo che vende. O meglio, viene fatto passare per qualcosa di originale, e la gente ci crede pure (perché tanto si beve veramente di tutto!!!) e si sente giustificata nel leggerlo.
Credo che chi abbia avuto il piacere di fare certe letture, un libro del genere lo butta in un angolo! Per fare un breve esempio, sono mesi che sono alla ricerca di un libro di Vicram Seth (a mio avviso un grandissimo autore contemporaneo), libro che non si trova da nessuna parte. Da Feltrinelli non fanno altro che garantirmi che uscirà a momenti, ma di fatto è da Settembre che salutuariamente lo cerco e non lo trovo, perché è in ristampa. E non sai che rabbia mi fa inciampare sulle ultime riflessioni di Bruno Vespa o sul romanzo del momento, quando entro in libreria!!!:mad:

Flying Luka
03-07-2005, 21.19.35
Originariamente inviato da exion


Indubbiamente.

Ma sia chiaro: non mi dispiace che una ragazzina con le fregole decida di esprimere la sua visione del mondo tramite un libro.

Mi scoccia il marketing di Fazi che ne ha fatto un caso editoriale.

Se il libro fosse stato venduto, ad esempio, come libro intellettual-impegnato da Adelphi, lo avrebbero comprato in 4.

Se il libro fosse stato venduto invece come libretto pornografico nelle edicole di Corso Buenos Aires a Milano, lo avrenbbero comprato in 5.

Invece lo pubblica Fazi, che sornione lo presenta al contempo come libro impegnato (e qui subentra il marketing) ma anche come confessioni porno di una ragazzina minorenne (e qui subentra la pruderie), e così lo vendono in milioni di copie.

Non è Melissa in sé il problema, quanto Fazi che fa soldi sul connubio sesso-letteratura.

Indubbiamente... ma se dai un'occhiatina alla "letteratura" passata e presente ci sono casi lampanti.
Anni fa ricordo (non lo lessi perchè ero piccolo) ci fu il caso eclattante di "Porci con le ali".

Silence
03-07-2005, 22.20.47
Originariamente inviato da Flying Luka


Indubbiamente... ma se dai un'occhiatina alla "letteratura" passata e presente ci sono casi lampanti.
Anni fa ricordo (non lo lessi perchè ero piccolo) ci fu il caso eclattante di "Porci con le ali".

Io l'ho letto "Porci con le ali",
secondo me non male come libro...fra una esperienza sessuale e l'altra, uno squarcio di un periodo storico particolare e le diverse concezioni (visioni) del mondo (o della realtà) dal punto di vista femminile/maschile di due adolescenti.

Poi si sa...i gusti sono gusti e secondo me ogni libro ha il suo tempo, alcuni si apprezzano solo in un determinato periodo della nostra vita, altri rimangono per sempre...credo sia questa la differenza fra un buon libro e un capolavoro :)

SHEWOLF
04-07-2005, 02.57.35
Anch'io ho letto "Porci con le ali" ma non mi ha convinto molto. Nel complesso l'ho trovato...senza infamia e senza lode. Di quello citato da exion non ne so (per fortuna?) assolutamente niente.:D

A proposito di libri più o meno buoni:

"....sapete perchè libri come questo siano tanto importanti? Perchè hanno sostanza. Che cosa significa in questo caso "sostanza"? Per me significa struttura, tessuto connettivo. Questo libro ha pori, ha caratteristiche sue proprie, è un libro che si potrebbe osservare al microscopio. Trovereste che c'è della vita sotto al vetrino, una vita che scorre come una fiumana in infinita profusione. Maggior numero di pori, maggior numero di particolarità della vita per centimetro quadrato avrete su un foglio di carta, e più sarete "letterario". Questa è la mia definizione, ad ogni modo. Scoprire le particolarità. Particolarità nuove! I buoni scrittori toccano spesso la vita. I mediocri la sfiorano con una mano fuggevole. I cattivi scrittori la sforzano e l'abbandonano."

da Farenheit 451 - Gli anni della Fenice di Ray Bradbury

Questo è un libro che ho letto a 16 anni, ma è di quelli che IMHO " rimangono per sempre". :)

exion
04-07-2005, 09.07.22
Originariamente inviato da SHEWOLF
Anch'io ho letto "Porci con le ali" ma non mi ha convinto molto. Nel complesso l'ho trovato...senza infamia e senza lode. Di quello citato da exion non ne so (per fortuna?) assolutamente niente.:D

A proposito di libri più o meno buoni:

"....sapete perchè libri come questo siano tanto importanti? Perchè hanno sostanza. Che cosa significa in questo caso "sostanza"? Per me significa struttura, tessuto connettivo. Questo libro ha pori, ha caratteristiche sue proprie, è un libro che si potrebbe osservare al microscopio. Trovereste che c'è della vita sotto al vetrino, una vita che scorre come una fiumana in infinita profusione. Maggior numero di pori, maggior numero di particolarità della vita per centimetro quadrato avrete su un foglio di carta, e più sarete "letterario". Questa è la mia definizione, ad ogni modo. Scoprire le particolarità. Particolarità nuove! I buoni scrittori toccano spesso la vita. I mediocri la sfiorano con una mano fuggevole. I cattivi scrittori la sforzano e l'abbandonano."

da Farenheit 451 - Gli anni della Fenice di Ray Bradbury

Questo è un libro che ho letto a 16 anni, ma è di quelli che IMHO " rimangono per sempre". :)


(Y)


Il tempo si è assopito nel gran sole del meriggio..... :p

Deep73
04-07-2005, 11.09.23
E' il trendy del momento.... ci sono almeno due coetanee francesi che hanno fatto altrettando un anno fa.... :rolleyes:

Senza contare poi quello delle N italiane qualunque che hanno scritto racconti erotici... :rolleyes:

Come sempre vale il detto:
"tira più un pelo di f. che un carro di buoi"

exion
04-07-2005, 11.22.26
Originariamente inviato da Deep73
...

"tira più un pelo di f. che un carro di buoi"


Prova a mandarla a Fazi, forse te la pubblica :D

Deep73
04-07-2005, 11.43.31
Originariamente inviato da exion



Prova a mandarla a Fazi, forse te la pubblica :D

E' il titolo del mio nuovo libro.... :o

Non lo sapevi? :D :D :D

Promosso da Fazi, off course ;)

Nothatkind
04-07-2005, 12.26.48
Io il libro di MElissa P l'ho letto, e pure la mia ragazza.

Inzomma, a lei ha fatto schifo, a me ha lasciato abbastanza indifferente: un po' come vedere "L'amante di lady Chatterley" a 27 anni in seconda serata. pochi pruriti, tutto soft.

Se poi qualcuno ci vuole andare a trovare una riflessione sulle storture, sulle aberrazioni, sulla decadenza della società contemporanea, beh, faccia pure, ma a me non mi frega.

;)

exion
04-07-2005, 12.45.56
Originariamente inviato da Nothatkind
Io il libro di MElissa P l'ho letto, e pure la mia ragazza.

Inzomma, a lei ha fatto schifo, a me ha lasciato abbastanza indifferente: un po' come vedere "L'amante di lady Chatterley" a 27 anni in seconda serata. pochi pruriti, tutto soft.

Se poi qualcuno ci vuole andare a trovare una riflessione sulle storture, sulle aberrazioni, sulla decadenza della società contemporanea, beh, faccia pure, ma a me non mi frega.

;)

Nessuna riflessione, ma tanta invidia, l'ho già detto e lo ridico :p

Se avessi la possibilità anch'io di fare i soldi pubblicando la rumenta che scrivo, non mi farei nessuno scrupolo e salterei subito sull'occasione. Purtroppo uno su mille ce la fa, gli altri ciccia.

Non potendolo fare... Rosico, e mi chiedo come sia possibile tanto clamore per nulla.

Vi ricordate Susanna Tamaro? Per gli editori, i giornalisti, e alcuni recensori "pagati dal sistema", il suo "Va dove ti porta il cuore" era un classico imperdibile e lei sarebbe stata la più grande autrice del momento, destinata ad entrare nelle antologie di letteratura italiana.

Lei ha fatto i soldi, e buon per lei, ma in libreria i suoi scritti sono ormai merce rara. Non se la fila più nessuno.

Lo chiamo "fenomeno Jelisse": un produttore o un editore preparano il prodotto, con adeguata campagna mediatica, investono 100 su un progetto studiato a tavolino e che con l'ispirazione artistica non ha nulla a che vedere sapendo che ricaveranno 1000. Il contenuto e la personalità dell'artista contano in questo genere di operazione meno che zero: servono solo a dare un nome a un prodotto preconfezionato. Marketing delle lasagne surgelate, stessa identica cosa.

E i consumatori del prodotto finale abboccano.

E allora penso: se il prodotto finale è già bello che pronto e non serve altro che un prestanome, perché non posso fare anch'io il prestanome?

Thor
04-07-2005, 13.27.24
Originariamente inviato da exion

E fa pure i soldi (invidia invidia invidia certo, lo ammetto senza pudore, una persona senza qualità che fa i soldi mi fa invidia perché sono altrettanto senza qualità ma, a differenza sua, anche senza soldi)


Se il suo non fosse un libro porno (alla faccia di Fazi che continua a spacciare questa rumenta da cinema a luci rosse per altissima opera intellettuale contemporanea) a chi mai sarebbe interessata Melissa P.?

vende perché ha saputo presentarsi bene, ha scritto un libro con una tematica "pesante" per una della sua età..o perlomeno, "pesante" per quel che ai buonisti piace pensare ci sia (anzi, NON dovrebbe esserci) in testa ad una ragazzina..
..agli italiani piace il trash, piace comunque che una ragazzina parli di certe cose..presente una lolita? piace pensare di poter far con lei (che è carina) quel che scrive..eccetera eccetera.

tanta gente pubblica libri e vende, pur non sapendo scrivere. se poi mi dovessi incazzare per tutti quelli che fan soldi in maniera becera e "immeritata" (leggete: facendo fatica zero), mi sarei già buttato dal 6o piano dove lavoro :rolleyes:

Nothatkind
04-07-2005, 14.58.56
io dico sempre, da anni, che se ha scritto un libro Silvana Giacobini lo possiamo scrivere tutti, nessuno escluso :D

Silence
04-07-2005, 15.12.50
Originariamente inviato da Thor


vende perché ha saputo presentarsi bene, ha scritto un libro con una tematica "pesante" per una della sua età..o perlomeno, "pesante" per quel che ai buonisti piace pensare ci sia (anzi, NON dovrebbe esserci) in testa di una ragazzina..
..agli italiani piace il trash, piace comunque che una ragazzina parli di certe cose..presente una lolita? piace pensare di poter far con lei (che è carina) quel che scrive..eccetera eccetera.

tanta gente pubblica libri e vende, pur non sapendo scrivere. se poi mi dovessi incazzare per tutti quelli che fan soldi in maniera becera e "immeritata" (leggete: facendo fatica zero), mi sarei già buttato dal 6o piano dove lavoro :rolleyes:

Quoto tutto senza aggiungere altro (Y)

dave4mame
04-07-2005, 15.13.17
l'ho letto a metà poi mi sono davvero scocciato e l'ho piantato li.

mi ricorda tanto, più che porci con le ali, il secondo (o terzo?) abominio della cardella (quella di volevo i pantaloni).


per la cronaca, mi pare che esista un generatore automatico di "colpi di spazzola"... come per i discorsi di flavia vento :D

Deep73
04-07-2005, 15.27.52
Originariamente inviato da exion
Lo chiamo "fenomeno Jelisse": un produttore o un editore preparano il prodotto, con adeguata campagna mediatica, investono 100 su un progetto studiato a tavolino e che con l'ispirazione artistica non ha nulla a che vedere sapendo che ricaveranno 1000. Il contenuto e la personalità dell'artista contano in questo genere di operazione meno che zero: servono solo a dare un nome a un prodotto preconfezionato. Marketing delle lasagne surgelate, stessa identica cosa.


Appunto (Y) . Inutile farci caso, è così in tutti i campi per così dire di "fama e successo". Musica leggera e pop/dance, libri, films, giornali, tv.... tutto quello per cui si può fare tanti soldi con poca fuffa.

I nomi dietro sono sempre quelli, cambiano solo gli attori che vi partecipano. Tu ti domandi perchè non sei fra questi attori effimeri? Perchè questi qui hanno fatto cmq. lavoro "di sottobosco" con contatti qua e là e piazzando le cose (o chi per loro) nella casetta postale giusta. Poi c'è il fattore C.... che per le donne di solito si traduce molto spesso in fattore "sei disposta a darmela".

Inutile incazzarsi, questo mondo va così. Sta a noi scegliere, se abbiamo testa, se dar credito a tutto quello che viene proposto, in barba a tutte le leggi del marketing e i trends del momento.