PDA

Visualizza versione completa : Politica & co.: full throttle!


Pagine : 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 [12] 13 14 15 16 17 18 19 20

infinitopiuuno
01-11-2005, 14.04.17
In effetti le esternazioni della Bonino sono escluse da eventuali dietrologie.

Se ha detto questo è perchè in cuor suo lo pensa veramente e non per avere consensi, andare contro questo o quello oppure per seguire l'andazzo generale.

Credo che voterò i radicali o in secondo luogo Fini o in terzo luogo Bertinotti o non voterò:)

jedy48
01-11-2005, 14.28.33
compresi berluska e fini vero Bruno?

Brunok
01-11-2005, 14.58.29
Originariamente inviato da jedy48
compresi berluska e fini vero Bruno?

certo a 360° nessuno escluso, nessunissima eccezione. ;)

non si fanno sconti a nessuno. :)

mao
01-11-2005, 15.08.17
Parlando di fatti recenti, la questione della laicità dello Stato mi sta molto a cuore, come ho già detto in molte altre occasioni.
Mi sembra molto interessante la proposta radicale, fatta propria anche da Boselli, di abolire il concordato con la Chiesa cattolica, per avere con essa un rapporto pari a quello delle altre confessioni religiose. So bene che Prodi ha detto chiaramente che questo non fa parte del programma elettorale, e tuttavia sono contento che per lo meno se ne parli e la si prospetti come una possibilità su cui confrontarsi.
Sto considerando se dare il mio voto a questo nuovo soggetto politico, ma vedremo come andrà avanti: quel che mi frena è che una parte dei socialisti ha fatto parte dalla maggioranza e del governo stesso, che ha appoggiato incondizionatamente, e che in passato anche lo stesso Pannella ha appoggiato Berlusconi, in nome di un liberismo che il comunista Berlusconi (tanto per citare Grillo) non conosce neppure lontanamente, restando Pannella peraltro delusissimo, cosa che era intuibile fin dall'inizio, per quanto mi riguarda.

Se nasce un partito democratico voglio capire quanto sarà al centro e quanto a sinistra, perché Rutelli io proprio non lo sopporto, si sta spostando sempre più a destra.

mao
01-11-2005, 15.14.10
Inolte voglio segnalare la manifestazione che avrà luogo domani sera a Roma davanti all'ambasciata iraniana per protestare contro le dichiarazioni criminali del presidente iraniano sulla cancellazione dello Stato d'Israele.

Mi sembra doveroso partecipare, indipendentemente dalle proprie idee politiche, e vorrei criticare la decisione di Marco Rizzo (rifondazione comunista) di non partecipare, adducendo secondo me una motivazione pretestuosa che non c'entra con questo grave episodio (necessità di riconoscimento all'esistenza anche allo stato palestinese). Io stesso in molti casi ho criticato la politica israeliana, ma devo riconoscere che ultimamente ha preso invece parecchie decisioni positive e importanti.

jedy48
01-11-2005, 16.06.58
ma che la terra dovè Israele era della Palestina non lo sapevi? che lo stato di Israele si è appropriato della terra altrui è storia, non parole metropolitane, che gli israeliani hanno buttato fuori (con l'aiuto degli stati uniti) i Palestinesi da casa loro non lo sapevi? :eek:

mao
01-11-2005, 16.41.42
Secondo me sbagli semplificando tutto in maniera ideologica, ma non è questo il punto. Non sto appoggiando in toto la politica israeliana, soprattutto di alcuni episodi particolari, ma non metto in discussione il suo diritto all'esistenza.
Peraltro ultimamente anche il governo Sharon ha dato segni di voler ridurre la propria espansione territoriale, attraversando una fase di protesta interna molto forte in cui è dovuto intervenire l'esercito (disarmato) contro i coloni più oltranzisti, per poter procedere in quel senso.

Ti ricordo tra l'altro che Israele è ancora un paese in stato di guerra (dichiarata da altri: sicuramente siria e iran, l'iraq fin quando c'era la dittatura, forse anche il Libano, adesso non ricordo bene) minacciato e accerchiato da tutte le parti, per fortuna in grado di difendersi, e anche bene, e in ogni caso vittima di continui attacchi terroristici.

E inoltre lo sai che la popolazione israeliana è immigrata da quelle parti non perché sia bello vivere nel deserto (perché tale era ed è ancora per gran parte) o per perseguitare gli arabi (con cui storicamente non hanno mai avuto altri problemi e anzi lunghi periodi di convivenza in varie zone del mondo (medio-oriente, spagna, italia)) ma per sfuggire a persecuzioni generalizzate in diversi paesi, soprattutto ex-URSS, Europa dell'Est, Germania nazista e paesi da essa occupati o alleati (anche l'Italia fascista, se non lo sapessi, ha fatto la sua parte)? probabilmente non lo consideri rilevante. Peccato.

jedy48
01-11-2005, 17.29.25
già, peccato, tu non consideri rilevante conquistare la terra degli altri? (vedi striscia di Gaza) appartenente di DIRITTO al popolo Palestinese!

mao
01-11-2005, 17.41.43
Peccato che tu non fai i conti con la storia, che ti devo dire. Non ho detto che Israele sia perfetto, così come è estremamente miope pensare che i palestinesi non abbiano diritto a uno stato sovrano, ho detto che è un'aberrazione pensare di volerlo cancellare. E non credo sia solo una battutona del simpatico presidente iraniano.

Mi pare che sia l'unica soluzione possibile il riconoscimento di ENTRAMBE le cose. Non ha senso pensare ad una sola delle due. Ma questo fatto delle dichiarazioni iraniane riguarda l'esistenza dello stato d'israele, non altro.

Se sei a favore della distruzione di Israele (e della deportazione in massa della sua popolazione, immagino...) mi spiace, ma non abbiamo più niente da dirci.

Gigi75
01-11-2005, 17.47.51
In primo luogo esiste un thread dedicato alla questione palestinese (http://www.wintricks.it/forum/showthread.php?threadid=49072).

In secondo luogo impegnatevi a discutere, e mi riferisco in particolar modo a Jedy48 la cui ruvidità conosciamo bene, con un certo garbo, avendo cura di immedesimarsi nella posizioni sociali, familiari e culturali della persona con la quale si dibatte.

Sono questioni enormemente delicate perchè possono toccare da vicino chiunque di noi. Perciò vediamo se si riesce a parlare con la stessa civiltà che sarebbe d'obbligo se si avesse l'interlocutore di fronte.

Avvisato/i.

mao
01-11-2005, 18.17.09
ciao gigi,
non volevo accendere uno scontro, ho solo risposto a delle obiezioni che avevano un tono e una perentorietà poco inclini al confronto.

Stavo pubblicizzando una manifestazione organizzata da un giornale tendenzialmente di idee diverse dalle mie, a cui parteciperanno molte persone di idee politiche estremamente diverse, di protesta rispetto a un singolo episodio, e non in generale sull'intera questione israelo-palestine, su cui non pensavo di dover intervenire perché non mi vede schierato completamente da nessuna delle due parti. Solo dopo ho dovuto rispondere nella maniera che mi è sembrata opportuna, riprendendo anche il tono un po' sarcastico delle repliche. Preferisco però considerare la materia del contendere chiusa.

Gigi75
01-11-2005, 22.32.27
La Poli Bortone a Ballarò sta facendo il mazzo a tarallo a Bersani e sta dimostrando il valore di Tremonti.

Dimostra a tutti perchè Lecce è diventata una gran bella città in pochi anni (Y)

A prescindere dal colore politico, quando c'è una persona in gamba che si dà da fare...(Y)

nikzeno
02-11-2005, 09.19.39
[...]Da quando in Italia c'è la legge sul sequestro dei beni i boss sono diventati un po' più poveri. Si chiama Rognoni-La Torre, porta il nome dell'allora ministro degli Interni (oggi è il vicepresidente del Csm) e del segretario del Pci siciliano ucciso il 30 aprile del 1982. Ma la legge fu votata soltanto qualche mese dopo, quando assassinarono anche il generale Carlo Alberto dalla Chiesa. In 23 anni i beni immobili confiscati in Italia sono stati 6566. In Sicilia 1081, in Calabria 617, in Campania 544, in Puglia 172. E quasi settecento sono state le aziende strappate alla gestione dei boss. I Virga di Trapani ne avevano una che vendeva calcestruzzo, ora è una cooperativa, la mandano avanti gli stessi dipendenti. E Vincenzo Virga non è più il padrone.
[...]
Fanno festa anche i camorristi. Brindano quelli della 'ndrangheta. E aspettano. Il disegno di legge l'ha presentato il deputato di Forza Italia Nicolò Ghedini, l'avvocato di tanti processi del premier Berlusconi. Punta alla modifica sostanziale della Rognoni-La Torre sul "riutilizzo dei beni mafiosi", prevede soprattutto la possibilità di revisione - senza limiti di tempo e su richiesta di chiunque sia titolare di un interesse giuridicamente riconosciuto - dei provvedimenti definitivi di confisca. In discussione alla Camera era il 17 ottobre, dopo l'omicidio del vicepresidente del parlamento della Calabria Francesco Fortugno e gli attacchi in aula di Marco Minniti l'hanno congelato. Il 15 novembre il disegno di legge sarà riproposto tale e quale.

L'articolo intero di Repubblica
qui (http://www.repubblica.it/2005/k/sezioni/cronaca/confimafia/confimafia/confimafia.html)

Ma questo signor Ghedini, perchè diavolo avanza un disegno di legge del genere? 2 possibilità : la legge attuale viola terribilmente la legalità oppure il deputato in questione ha degli amici cui la revisione della legge farebbe comodo... Direi che pur lasciandogli il diritto del dubbio, si vede bene che l'ago delle probabilità cade nettamente in favore di una delle due.... :mad:
Mi sto pure stancando di insultarli, di dire che sono senza vergogna...
Ragazzi, aver votato Forza Italia 5 anni fa ci poteva anche stare, tutti possono sbagliare, ma rivotarli ancora adesso, beh, ha ragione Exion, significa avere degli affari loschi da difendere!

E sono proprio curioso di vedere cosa faranno quei fedifraghi della Lega, di fronte a questo disegno-vergogna di legge. I paladini del Nord.. tsè.. si sono accroti che si mangia bene a Roma Ladrona...

The_Prof
02-11-2005, 10.16.40
Originariamente inviato da exion


Hai ragione sulla contrattazione nazionale. Faccio ammenda.

Rimane il fatto che i contratti dirigenziali si sono rivalutati del 15% in 5 anni, mentre quelli di operai, impiegati, etc... sono addirittura scesi.

Riguardo ai sindacati... Cosa vuoi che facciano se il governo a priori rifiuta qualsiasi dialogo e si astiene dal compiere il ruolo di arbitro nella contrattazione tra le parti?
Più che invocare lo sciopero e manifestare quando le cose non vanno, che altro possono fare se vengono lasciati soli?

Ma pensi davvero che le contrattazioni nel settore privato avvengano come riportato dai media ?
Al primo incontro si mettono gia' d'accordo sull'aumento riparametrato secondo i vari livelli, che a livello lordo risente fortemente della progressivita' delle aliquote.
Dal momento che la parte datoriale vuole guadagnare con gli scioperi, s'inventa una totale chiusura, che giova anche ai sindacati, per ottenere maggior visibilita' e potere politico.
Dopo un paio di giornate di sciopero, e dopo varie manifestazioni, viene firmato l'accordo iniziale.
Da questo balletto, i lavoratori traggono l'impressione che l'accordo sia il massimo raggiungibile, e lo approvano in modo plebiscitario.

p.s. dai Exion sopporta il nanetto ancora un paio di mesi :D :D

Ciao :)

Gigi75
02-11-2005, 11.19.34
Ma Repubblica e il suo direttore si sono bevuti qualcosa di forte per continuare con questa fesseria della preferenzwa di Bush?

Mi pare ovvio che Bush preferisca un governo di CD piuttosto che uno di CS.
E' sempre così, cosa c'è di nuovo? :mm:

Prodi ha dichiarato che dal giorno successivo alle elezioni inizieranno le pratiche per il ritiro delle truppe, giusto per fare un esempio, ovvio che a Bush non stia bene.

Ora, a Repubblica può stare bene o no, esprimesse la sua posizione chiaramente invece di dirla attraverso critiche "morali" all'operato di Berlusconi.
Vero che il Presidente del Consiglio quando rappresenta questa carica dovrebbe comportarsi super partes come rappresentante di una nazione all'estero, ma neppure Repubblica ha la licenza di fare informazione di parte, quando ci racconta idee politiche spacciandole per fatti.

Ok Bush, ha detto, non ha detto, ha fatto capire, è stato zitto ma al nome Prodi ha fatto una linguaccia.. chi lo sa, ma chi dubita che preferisca Berlusconi a Prodi? (vero che so più o meno la stessa cosa.. però..).

Mah..che spreco di tempo, di soldi, di intelligenza...sta informazione di cacca!

infinitopiuuno
02-11-2005, 11.30.22
Originariamente inviato da Gigi75
La Poli Bortone a Ballarò sta facendo il mazzo a tarallo a Bersani e sta dimostrando il valore di Tremonti.

Dimostra a tutti perchè Lecce è diventata una gran bella città in pochi anni (Y)

A prescindere dal colore politico, quando c'è una persona in gamba che si dà da fare...(Y)

Mi è piaciuta pure a me: il discorso dei 3.000 euro mensili che spende il comune per mantenere un figlio allontanato dalla famiglia spesso disagiata, e la ventilata possibilità di aiutare le famiglie disagiate, espressa con calma e pacatezza è (Y).

Poi su Lecce non so niente ma ultimamente amo sempre più chi parla di fatti senza rancore e urla, con umiltà.

Tremonti è logico che non mi attira moltissimo.

Robbi
02-11-2005, 12.26.23
Quoto il Prof in merito allo spudorato gioco delle parti che sindacati e parte padronale mettono in atto durante un rinnovo contrattuale, normalmente ben dopo la naturale scadenza del medesimo :eek:
Lo posso dire con cognizione di causa, avendo, anni fa, fatto parte per breve tempo (fortunatamente) del consiglio di fabbrica della mia Azienda.. se ne avete voglia, vi racconto come funzionano sti giochetti, ma sono comunque noti ai piu'...
:)

Gigi75
02-11-2005, 12.30.32
Anche io ne vedo a sufficienza..:o

RObbi racconta racconta.. è molto interessante :)

Robbi
02-11-2005, 12.36.00
eh eh.. da dove si parte, contratto nazionale o livello aziendale?.. :D si perche' i "riti" cambiano di parecchio"

Robbi
02-11-2005, 13.15.34
Facciamo cosi' vah!
Contratto nazionale: va fatta una premesssa, i rappresentanti d'azienda, ovvero i normali delegati aziendali, non contano una cippa.. almeno nel mio settore, Sono le RSU o come si chiamano ora.. in pratica i rappresentanti delle Segreterie centrali dei sindacati ad avere il "potere" effettivo.

A livello di rivendicazioni salariale si erano gia' consumante tutte le lacrime possibili ed immaginabili: da tener presente, che sono proprio le segreterie ad essere minimaliste gia' in partenza, con scuse ma anche talvolta ragioni, sulla compatibilita' complessiva della richiesta contrattuale, e' ovvio che una grande realta' abbia risorse e costi notevolmente diversi da una piccola realta', questo ci veniva costantemente ricordato, con la promessa di recupero della parte salariale nel livello aziendale del contratto.

Di norma dopo una serie di incontri preliminari a livello aziendale, mentre i nostri valorosi rappresentanti si "scannavano" a Roma nella sede della controparte, a noi truppa, veniva offerta la strabiliante opportunita' di partecipare ad un riunione plenaria nella sede delle trattative.... :p, pertanto partenza per quel di Roma, con scompartimento prenotato... pieno di carte, cartelle, codici e codicilli.

Ricordo come fosse ora, che durante un tavolo tecnico, chiesi la parola per intervenire su un passaggio particolarmente delicato... venni immediatamente zittito da un rappresentante della controparte e alla mia richiesta di spiegazioni, mi venne risposto che non potevo parlare, in quanto i rappresentanti dei lavoratori erano li' solo in qualita' di osservatori... :eek: Vabbe' :confused: ma allora che ci son venuto a fare... il mio capo delegazione "lecchinamente" annuiva.

Per farla breve, ricordo pure che finita sta' menata, vagavo sperduto nei corridoi della sede nell'intento di cercare la via d'uscita... mi venne incontro un signore elegantemente vestito, che chiedendomi cosa avessi bisogno, diede immediata disposizione affinche' mi venisse chiamato un taxi' per portarmi alla Stazione Termini, ringraziai per la gentilezza e chiesi chi fosse... si presento' era IL Dott.......
Mega Direttore Centrale del Personale, in pratica il titolare della trattativa per la parte Aziendale, persona di cui avevo sentito parlare ma che, si vociferava non esistesse nemmeno.... :D
Uscii felice e commosso...:p :D

Il contratto fu firmato un mese dopo alle 6 di mattina in una riunione ristretta! Il Dottore di cui sopra e i 3 Segretari Nazionali di categoria

Brunok
02-11-2005, 13.51.17
Originariamente inviato da Gigi75
Ma Repubblica e il suo direttore si sono bevuti qualcosa di forte per continuare con questa fesseria della preferenzwa di Bush?

Mi pare ovvio che Bush preferisca un governo di CD piuttosto che uno di CS.
E' sempre così, cosa c'è di nuovo? :mm:

Prodi ha dichiarato che dal giorno successivo alle elezioni inizieranno le pratiche per il ritiro delle truppe, giusto per fare un esempio, ovvio che a Bush non stia bene.

Ora, a Repubblica può stare bene o no, esprimesse la sua posizione chiaramente invece di dirla attraverso critiche "morali" all'operato di Berlusconi.
Vero che il Presidente del Consiglio quando rappresenta questa carica dovrebbe comportarsi super partes come rappresentante di una nazione all'estero, ma neppure Repubblica ha la licenza di fare informazione di parte, quando ci racconta idee politiche spacciandole per fatti.

Ok Bush, ha detto, non ha detto, ha fatto capire, è stato zitto ma al nome Prodi ha fatto una linguaccia.. chi lo sa, ma chi dubita che preferisca Berlusconi a Prodi? (vero che so più o meno la stessa cosa.. però..).

Mah..che spreco di tempo, di soldi, di intelligenza...sta informazione di cacca!

:D:D:D

da non credere e poi questi dovrebbero fare informazione???? :D:D:D:D

afterhours
02-11-2005, 19.03.41
I record del magico Giulio
Contrordine di Alessandro Robecchi (Il Manifesto, 30-10-2005)

Il signor ministro del disastro economico Giulio Tremonti aveva occupato la sua scrivania al ministero dell'economia nel 2001 con un'aria burbanzosa e scanzonata. Fece notare che aveva la scrivania di Quintino Sella (me' cojoni!), mostrò alle compiacenti telecamere un grafico da cui risultava che il governo uscente gli aveva lasciato un buco spaventoso, e si accinse subito al suo lavoro di stregone dei numeri. Qualcosa nella magica pozione non ha funzionato, nemmeno le alchimie contabili, le entrate una-tantum, i condoni. E quanto agli immobili pubblici messi in vendita, si sa che qui nessuno è fesso, e davanti ai cartelli «vendesi» gli italiani hanno fatto marameo. Le roboanti previsioni sul miracolo italiano venivano ritoccate ogni giorno. La stima del prodotto interno lordo calava a vista d'occhio, praticamente minuto per minuto, ritoccata di mezzo punto, di un punto, di un punto e mezzo. Gli italiani prima di uscire di casa guardavano le previsioni del tempo e la nuova stima del pil, tanto per sapere ogni mattina di quanto erano più poveri grazie alla nuova banda del buco, e di quanto si era sbagliato Tremonti. Come finì è noto, con le orecchie sempre più basse e l'aria sempre più afflitta, il Tremonti dovette andarsene, sfiduciato da Gianfranco Fini in vena di antagonismo. Meno di due mesi fa, lo stesso Gianfranco Fini - questa volta in vena di dadaismo - accoglie a braccia aperte il ministro Tremonti, che torna alla scrivania di Quintino Sella sfrattando il reggente Siniscalco. Ed è subito record: una manovra finanziaria, poi una manovra correttiva, poi un'altra manovra correttiva. In pratica tre leggi finanziarie in due settimane. Per la seconda volta, accorata denuncia: è tornato e ha trovato un buco enorme - roba da portare i libri in tribunale - questa volta lasciato non dai comunisti, ma da Siniscalco.

Insomma, teniamoci stretto Tremonti, perché ogni volta che si allontana dalla scrivania, qualcuno ne approfitta, entra di nascosto e fa un buco nei conti pubblici, poi se ne va, arriva il povero Tremonti e trova il buco. Attenti, dunque: se passate nei dintorni del ministero dell'economia fate il giro largo e cambiate marciapiede, perché potreste essere accusati di aver fatto un buco nei conti dello Stato mentre Tremonti era in pausa pranzo. Come in tutti i romanzi gialli che si rispettino, bisogna seguire bene la trama. Ha un alibi Tremonti? Certo che sì: mentre Siniscalco, subdolo e maligno, gli faceva un altro buco nel bilancio, lui era vicepresidente del Consiglio, una posizione da cui notoriamente non si sa nulla dei conti del Paese, anche se si votano tutti i provvedimenti. Il suo capo, nel frattempo, l'ometto del miracolo italiano, si sbracciava per dire che siamo tutti ricchi, altroché, ci mancherebbe, guarda qui che sciccheria. E nel tempo libero, mentre i suoi creativi dell'economia confezionavano due manovre correttive in dieci giorni (record del mondo) si dilettava a stilare liste di comici sgraditi. Grande statista.

Inutile dire che tutti gli economisti, gli analisti e i politici dell'opposizione che avevano paventato una manovra correttiva sono stati sbertucciati per mesi, offesi, derisi, descritti come Cassandre e disfattisti, gente che semina sfiga. Dopodiché di manovre correttive ne hanno fatte due. Per fortuna il ministro Tremonti ha assicurato l'altro ieri che questa manovra correttiva è l'ultima e non ce ne saranno altre, bontà sua. Anzi, forse dormirà sulla scrivania di Quintino Sella, in modo da evitare che qualcuno entri di notte a fare un altro buco nei conti. Comunque allegri, non c'è da preoccuparsi, in un modo o nell'altro sono saltati fuori cinque miliardi. Un po' di soldi si fregano alle ferrovie, per la gioia degli utenti che ora insieme a zecche, pulci e topi, potranno viaggiare anche con animali più esotici, tipo tarantole o coguari. Qualche soldo per la scuola privata si trova sempre, senza contare l'Ici della Chiesa, che tanto ce la rimettono i comuni. Ecco in sintesi, quattro anni di politica economica, una tragedia a sfondo comico di ambientazione liberista, dove l'unico che fa i soldi con le sue aziende è il presidente del Consiglio. Quando, un giorno di metà aprile, i liberisti del centrosinistra arriveranno alla stanza dove sta la scrivania di Quintino Sella, chiameranno le telecamere per dire a tutti che lì c'è un buco spaventoso, mostreranno il cadavere dei conti pubblici e attenderanno i risultati dell'autopsia, mettendo bene in chiaro che urgono sacrifici. Tremonti si allontanerà alla spicciolata, fischiettando per non farsi notare, magari travestito da italiano neo-povero, per confondersi con la maggioranza dei cittadini della Repubblica accorsi a festeggiare.

Robbi
03-11-2005, 12.41.21
Leggo e vedo che da una settimana la periferia di Parigi e sottosopra per via di scontri tra manifestanti e polizia, il pretesto: la morte di 2 ragazzini fulminati in una cabina elettrica, durante un inseguimento.
E' evidente che questo non puo' essere il vero motivo della contestazione, cosa arde veramente sotto la cenere??

exion urge tuo parere e anche di chi sa!
:)

afterhours
06-11-2005, 01.23.06
Fini:"No aumento età pensionabile"
"Lo dico a Berlusconi: An è contraria"
Gianfranco Fini ha risposto "no" alla proposta di Silvio Berlusconi che vorrebbe innalzare l'età pensionabile a 68 anni. "Non è ipotizzabile aumentare l'età pensionabile. Un conto è lavorare trent'anni in attività usuranti e un conto è lavorare trent'anni dietro una scrivania. Noi di An non siamo d'accordo, lo dico anche a Berlusconi", ha detto il vice premier parlando ad una manifestazione elettorale di An a Napoli.

Sulle questioni del lavoro "non possiamo prendere in giro i nostri figli" promettendo contratti a tempo indeterminato, ma occorre lavorare perche' "il contratto a termine diventi stabile, perche' venga ampliato" e "bisogna far crescere l'economia", ha aggiunto Fini , il quale ha ricordato che l'occupazione e' cresciuta di 516 mila unita' nel 2002-5, ed e' cresciuta soprattutto al Sud.

"Abbiamo fatto - ha detto - quello che la sinistra non avrebbe mai avuto la capacita' di fare", attraverso la riforma del mercato del lavoro, con la legge Biagi e la flessibilita'. Si e' dato vita ad una serie di contratti con i quali, "anche se non possono garantire ai giovani la certezza per il futuro", "abbiamo cominciato a garantire dei diritti. Anche a noi piacerebbe garantire contratti a tempo indeterminato - ha affermato - ma non e' possibile in certi momenti economici, a meno che non si faccia demagogia" e "non si tengano d'occhio i conti pubblici". L'alternativa e' tra flessibilita' contrattuale e lavoro nero, dice Fini, aggiungendo che forse "516 mila lavoravano anche prima, ma in nero, senza alcun diritto. Sui temi di giustizia sociale - ha aggiunto - la sinistra non ci puo' insegnare nulla".

exion
06-11-2005, 20.31.57
Originariamente inviato da robbi
....


cosa arde veramente sotto la cenere??

exion urge tuo parere e anche di chi sa!

:)

Sotto la cenere arde una situazione figlia di decenni di errori nella gestione dell'urbanizzazione delle città francesi.

C'è una doverosa lunga premessa da fare, che non sono sicuro, visto il contesto attuale, possa essere capita in Italia.

1) I violenti che si stanno rendendo responsabili di questi atti nelle periferie francesi non sono ricollegabili a un semplice problema di immigrazione. I loro nonni forse erano immigrati, non loro. Dico forse perché in molti casi erano coloni che si sono trasferiti in Francia: sarebbe paradossale considerare immigrati degli appartenenti a popolazioni colonizzate.
Comunque sia i "casseurs" sono nati in Francia, e come tali sono francesi di diritto. E lo sono tanto più visto che pure i loro genitori sono, nella stragrande maggioranza, francesi nati in Francia pure loro.

2) La costituzione "etnica" e religiosa delle periferie in rivolta non è monolitica né omogenea. Il miglior ritratto possibile di questo mondo variegato lo diede il purtroppo troppo presto dimenticato "L'odio" di Kassovitz all'inizio degli anni '90. I tre protagonisti sono un arabo, un nero e un ebreo. Nessuna connotazione politica, nessuna connotazione religiosa, solo malessere sociale causato dal vivere ai margini della società, in "parcheggi" urbani realizzati e pensati a tavolino per tenere lontana la miseria dai centri cittadini.

3) Le "cités" francesi sono un fenomeno di emarginazione nell'emarginazione, ma con un forte sentimento di oppressione che accomuna tutti.
C'è un primo livello di emarginazione globale: i "borghesi" bianchi e "produttivi" nei centri urbani, i "colorati" proletari nelle periferie. C'è un secondo livello di micro-emarginazione etnica: i congolesi da una parte, i francesi disgraziati da un'altra, i figli di magrebini da un'altra ancora, e così via. E' importante però capire che questa micro-emarginazione si esprime in realtà molto piccole: il palazzo, il condominio, l'isolato. A livello di quartiere questa micro-emarginazione è già non più vera. Il che spiega quindi il concetto che ho accennato prima: senso di comunità e appartenenza a una classe oppressa ed globalmente emarginata. Tutto questo crea al contempo un contrasto continuo tra comunità diverse all'interno delle cités, degradando la qualità di vita costantemente e impedendo loro di trovare uno sbocco organico e politico alle loro rivendicazioni, e al contempo pone tutta questa gente in situazione di "solidarietà controvoglia" nei confronti del mondo esterno, della borghesia delle città, in quanto trovano un terreno comune nelle rivendicazioni di una vita migliore. Anche in questo caso, la fotografia data da "L'Odio" di questa situazione è esemplare e finemente documentata.

La morale di tutta questa lunga premessa è semplice. Per definire queste persone che da 10 notti si riversano per le strade delle periferie di Francia a distruggere tutto sul loro passaggio, sarebbe sbagliatissimo usare le categorie "musulmano", "immigrato", o semplicemente "disgraziati". Le categorie giuste da usare sono "francesi", e "black e beur". Come dire: italiani e "terroni".

Ciò detto, le domande che si pongono sono due. Perché e per colpa di chi?

Il perché è facile da capire.

Le cités francesi sono polveriere pronte ad esplodere, in cui il sentimento di oppressione ed emarginazione non ha mai cessato di crescere negli ultimi trent'anni. Nate da un esperimento urbanistico degli anni 50 e 60, si sono rivelate un vero fallimento. Nel trionfo della ragione applicato all'urbanistica, si è voluto costruire quartieri enormi, delle città nuove ed efficienti ai margini delle città "vecchie" ed ingorgate. Quartieri economici, facili da costruire rapidamente ma provvisti, almeno nelle intenzioni degli architetti, di tutti i migliori servizi possibili e immaginabili, con unità abitative piccole e spartane ma ben equipaggiate e organizzate secondo logica (avete presente l'appartamente di Pozzetto ne "Il ragazzo di campagna"?).
L'unico problema è che questi architetti nel progettare i loro quartieri "perfetti e popolari", hanno dimenticato un elemento fondamentale: l'essere umano. Sono partiti da un progetto di perfezione architettonica nel quale inserire l'uomo, anziché partire dall'uomo e costruirlo intorno la sua casa. Come dire: inseriamo una CPU 486 dentro un chipset a 64Bit.
Il risultato finale è qualcosa di non dissimile dalla alienazione del socialismo reale nei paesi centro-europei come Polonia o Cecoslovacchia, solo applicata secondo metodi di destra, coerentemente coi governi francesi dell'epoca, ovvero applicandoli solo alle masse più indifese e non alla popolazione intera.

Il meccanismo si è inceppato presto. I negozi e le attività commerciali erano troppo isolati dai nuclei abitativi, e sono diventati facili prede della criminalità, rendendo una attività economica già non facile (si trattava pur sempre di quartieri popolari, quindi poco reddittizi per il commercio) assolutamente proibitiva.
Il depauperamento del tessuto commerciale ha creato disoccupazione da una parte e un rapido degrado della qualità della vita dall'altra, dal momento che anche solo una azione banale come fare la spesa diventava difficile, dovendo andare a cercare i negozi in posti sempre più lontani.
La disoccupazione ha portato altra criminalità, secondo il più classico degli schemi.
Il miglioramento globale dei trasporti cittadini ha favorito la grande distribuzione di tipo discount, unico tipo di attività commerciale ai bordi delle periferie, accentuando la sensazione di omologazione e di massificazione delle popolazioni delle cités. In certi casi esiste solo un negozio gigantesco, come Carrefour, per quartieri di decine di migliaia di persone. Niente commerci di base necessari non solo all'approvigionamento in cibo, ma anche alla vita sociale: niente panetteria, niente macelleria, merceria, elettricista, niente bar di quartiere, niente pizzeria, solo giganteschi supermercati a 40 casse.
L'impoverimento di questi quartieri ha anche portato le amministrazioni locali, i comuni soprattutto, normalmente incaricati di forniture di servizi ma anche del decoro urbano, a considerare questi quartieri come una voragine economica: abitati da gente povera che non paga tasse e vota raramente, e senza commercio, qualsiasi spesa in quei quartieri è considerata a fondo perduto. Da qui in poi il degrado diventa non più solo economico e sociale, ma diventa concretamente strade dissestate, cassettoni della pattumiera ritirati raramente, palazzi in disfacimento e mai restaurati, polizia municipale sempre meno presente, servizi sociali impotenti, etc....

Una volta innestato il meccanismo, sin dal fallimento originale dell'urbanistica "utile funzionale ed economica", si è creato un circolo vizioso che più nessuno è stato in grado di disinnescare, peggiorando progressivamente sempre più le condizioni di vita, ormai deplorevoli, nelle cités.

Le politiche socialiste nella precedente legislatura avevano obiettivi certo programmati su un lunghissimo periodo, ma stavano cominciando a dare i primi risultati. La legislatura di centro-destra, e in particolare l'attivismo securitrario del ministro dell'interno Sarkozy, ha spazzato via tutti gli interventi sociali dei precedenti governi sostituendolo con un ideale "pugno di ferro in guanto d'acciaio" anziché in guanto di velluto. Anche questo serve a spiegare l'esasperazione totale che purtroppo trova uno degli sbocchi possibili nelle violenze di questi giorni.

Va infine ricordato che la politica di questa urbanistica folle fu sostenuta non a livello locale, dalle città o al limite dalle provincie, ma direttamente a livello nazionale. Come conseguenza diretta di questa scelta ogni città in Francia, anche la più piccola, ha le sue periferie disastrate. E' un problema di Parigi, di Nizza, di Marsigilia, Strasburgo, ma anche di città molto più piccole come Grenoble, Metz, Aix, La Rochelle, e via discorrendo. E' quindi un problema nazionale e proprio per questo tanto più pericoloso.

Per rispondere alla domanda "per colpa di chi" invece non ho elementi per rispondere. Qui girano le ipotesi più disparate, ma credo che al momento gli unici che sappiano davvero chi ci sia dietro queste sommosse, ammesso che ci sia qualcuno, siano i servizi segreti.

Personalmente mi chiedo se non stiamo assistendo al primo caso di una avanguardia insurrezionalista in era post-comunista. Una insurrezione spontaneista, apolitica e non ideologica, ma semplicemente inc@zz@ta al punto tale da distruggere tutto al suo passaggio. Nel bene e soprattutto nel male purtroppo, sarebbe un evento storico.

exion
06-11-2005, 20.33.05
Chiudo dicendo che chi sostiene che l'Italia debba preparsi alla stessa situazione non sa di cosa sta parlando, perché la situazione, della società e dell'urbasnimo italiani, è assolutamente incomparabile con quella francese.
Le sommosse di questi giorni sono un fenomeno tipicamente francese nelle cause come nelle conseguenze, e non lo vedo assolutamemnte riproponibile non solo in Italia, ma nemmeno in qualunque paese europeo.

nikzeno
06-11-2005, 20.48.41
Originariamente inviato da exion
Chiudo dicendo che chi sostiene che l'Italia debba preparsi alla stessa situazione non sa di cosa sta parlando,
Cioè Prodi (http://www.corriere.it/Primo_Piano/Politica/2005/11_Novembre/05/periferie.shtml) :rolleyes:

Bentornato exion (D)

Dav82
06-11-2005, 20.49.07
Oh ma la Craxi è totalmente fuori di testa :eek:
Mai visto una più sbarellata :eek:


Allucinante :eek:

Robbi
06-11-2005, 21.10.16
Caspita! direi che hai fornito un'analisi socio-politica "poderosa" non pretendevo tanto, ma ti ringrazio, perche' ho un parere che ritengo qualificato su un fenomeno che non conosco minimamente , ma che sento potenzialmente come molto pericoloso.

Sicuramente, si sta espandendo a parecchie zone della Francia, in maniera quasi incontrollabile, chi sostiene in Italia che una situazione simile possa accadere anche da noi e' Prodi, non so su quali dati si basi la sua supposizione, a memoria posso citare come potenziali focolai, alcune periferie di grandi citta' del Sud, Napoli e Bari per esempio, dove sicuramente esistono forti tensioni sociali, ma piu' legate a fenomeni di criminalita' organizzata, piuttosto che a disagio sociale "nudo e crudo".

Certo e' che questa situazione francese e' alquanto preoccupante...

Flying Luka
06-11-2005, 23.18.41
Originariamente inviato da Dav82
Oh ma la Craxi è totalmente fuori di testa :eek:
Mai visto una più sbarellata :eek:


Allucinante :eek:

Stefania Craxi è semplicemente fulminata: me la ricordo anni fa ad una puntata di Domenica In dove disse, intervistata da Del Noce, che suo padre (udite udite!) era morto in ESILIO!!!!!!!!!!!!!!!!

Forse le era scappato il particolare che suo padre era scappato ad Hammamet per evitare una luuuuuuuuuuuuuuuuuuuuunga serie di processi.

Esilio? Mah.... :rolleyes:

exion
06-11-2005, 23.34.21
Originariamente inviato da nikzeno

Cioè Prodi (http://www.corriere.it/Primo_Piano/Politica/2005/11_Novembre/05/periferie.shtml) :rolleyes:

Bentornato exion (D)

Si lo so... Prodi :D

Però è interessante analizzare perché Prodi sostiene questa cosa.

Manovra politica di campagna elettorale contro Berlusconi? Non ne vedo il motivo. Berlusconi stesso potrebbe condividere il concetto e farne un cavallo di battaglia per la propria campagna elettorale.

O piuttosto manovra politica interna all'Unione, per far capire a Rifondazione che Bologna non è e non sarà un caso isolato nelle future-politiche di centro-sinistra in Italia?

Personalmente pendo decisamente per la seconda.

Grazie per il bentornato ma non sono mai andato via, non che io sappia :D :p

exion
06-11-2005, 23.35.45
Originariamente inviato da Flying Luka


Stefania Craxi è semplicemente fulminata: me la ricordo anni fa ad una puntata di Domenica In dove disse, intervistata da Del Noce, che suo padre (udite udite!) era morto in ESILIO!!!!!!!!!!!!!!!!

Forse le era scappato il particolare che suo padre era scappato ad Hammamet per evitare una luuuuuuuuuuuuuuuuuuuuunga serie di processi.

Esilio? Mah.... :rolleyes:

Beh sono in tanti a crederlo :D

http://www.google.it/search?hl=it&q=craxi+esilio&btnG=Cerca+con+Google&meta=

Flying Luka
06-11-2005, 23.39.27
Originariamente inviato da exion


Beh sono in tanti a crederlo :D

http://www.google.it/search?hl=it&q=craxi+esilio&btnG=Cerca+con+Google&meta=

beata ignoranza.... :rolleyes:

nikzeno
06-11-2005, 23.39.32
Originariamente inviato da exion
Grazie per il bentornato ma non sono mai andato via, non che io sappia :D :p
Ma va là! Erano addirittura 3 giorni che non postavi in questo thread, ti sarai goduto il weekend :o :)

exion
06-11-2005, 23.41.58
Originariamente inviato da nikzeno

Ma va là! Erano addirittura 3 giorni che non postavi in questo thread, ti sarai goduto il weekend :o :)


cerca bene.... da qualche parte su questo forum c'è un thread in cui sostengo che il tempo non esiste :inn:

nikzeno
06-11-2005, 23.51.48
Mi concedo un'ultima battuta OT perchè è un po' che volevo dirtelo...
quella sign lì... Amare l'Italia... ecco, sono d'accordissimo nel concetto, ma non è che lo si può esprimere con termini diversi?
Perchè non riesco a fare a meno di leggere A mare l'Italia e , mi capisci, non è proprio la stessa cosa :o

exion
07-11-2005, 00.29.02
Originariamente inviato da nikzeno
Mi concedo un'ultima battuta OT perchè è un po' che volevo dirtelo...
quella sign lì... Amare l'Italia... ecco, sono d'accordissimo nel concetto, ma non è che lo si può esprimere con termini diversi?
Perchè non riesco a fare a meno di leggere A mare l'Italia e , mi capisci, non è proprio la stessa cosa :o

:D

Mi spiace ma rimane così ;)

Ghandalf
07-11-2005, 14.09.45
Ormai ci stiamo assopendo, o meglio ci stanno anestetizzando.

Ho deciso di guardare un paio di telegiornali negli ultimi giorni e ho appreso con piacere che non si parla d'altro che di clima, cibo e politica estera..tante menate su disastri ecologici e scontri in francia con il mortazza che commenta e berlusconi che su retequattro parla di van basten.

Non parlano più di politica, non una parola su finanziaria, sulla legge sulla legittima difesa, sulla moratti, sulla legge elettorale, sulla salva previti...ma gusto e medicina trentatre ci tengono su il morale mentre ci terrorizzano con i tornado in america.

Intanto andreotti diventa testimonial della 3...

Siamo messi malissimo.

Intanto segnalo la splendida situazione siciliana con totò vasa vasa in testa:

http://bur.rcslibri.corriere.it/sclibro.php?idlb=2911

è disponibile anche la versione DVD con un documentario di 2 ore sulle collusioni tra mafia, politica e sanità.

infinitopiuuno
07-11-2005, 14.38.04
Per me, quello che sta succedendo in Francia è una cosa seria.

Conferma quello che temo da tempo e cioè che l'uomo è intollerante per natura al di là dell'educazione che possa aver ricevuto.

Se al popolo togli il pane, farà la rivoluzione....sostituire pane con cellulare o altro.

La mafia in Sicilia...conoscendomi, se fossi nato in Sicilia sarei un "Siciliano" e cioè mi sarei adeguato a vivere secondo usanze e costumi del luogo.

Ghandalf
07-11-2005, 14.54.07
Originariamente inviato da infinitopiuuno


La mafia in Sicilia...conoscendomi, se fossi nato in Sicilia sarei un "Siciliano" e cioè mi sarei adeguato a vivere secondo usanze e costumi del luogo.

cioé? Se fossi romano vivrei secondo usanze e costumi del luogo idem fiorentino o milanese...:p

Cecco
07-11-2005, 16.49.28
Sulla terribile situazione francese ho letto attentamente la bella analisi di exion che corrisponde per lo più all'idea che mi son fatto leggendo ed ascoltando.
Si tratta di immigrati della 2^ e 3^ generazione per lo più nativi delle ex colonie e questo è un altro motivo per il quale la situazione
italiana è profondamente diversa.
Difatti mentre quelli formano una comunità piuttosto amalgamata dalle comune origini, i nostri immigrati vengono dai posti più disparati e spesso le loro culture confliggono tra loro.

Per la questione ex PSI invero un pò ridicola considerato la polveriz zazione di quel partito, vorrei solo dire che, al di là dei contenuti
politici (scarsi e sottoposti a motivi di convenienza personale), che
ho molto più simpatia per la sorella di Bobo e non per lo schieramento
da Lei scelto: intanto mi pare a pelle più umana e poi non ha quella supponenza un pò arrogante del fratello che un pò ricorda il padre.
Naturalmente poi politicamente Bettino era altra cosa!

infinitopiuuno
07-11-2005, 19.13.12
Originariamente inviato da Ghandalf


cioé? Se fossi romano vivrei secondo usanze e costumi del luogo idem fiorentino o milanese...:p

Si dice che i siciliani un po' di "mafiosità" ce l'hanno nel DNA...ecco io ce l'avrei se fossi nato lì:)

Non intendo dire che butterei i bambini nell'acido ma semplicemente, cercherei di avere amici importanti o ritenuti tali, per avere delle agevolazioni.

Se conosco un tizio all'Inps che mi assume il figlio di un mio amico e questi mi trova un lavoro alla Despar come Direttore di Reparto, ben venga!

Tutto nascerebbe anche per la mancanza di lavoro è ovvio ma se il sistema è questo io mi adeguerei facilmente..o ti adegui o emigri:)

Viva le siciliane!:p

afterhours
07-11-2005, 19.45.06
Liberté, egalité, fraternité

I francesi stanno bruciando le periferie delle città.
E’ strano dirlo così, ma è vero.
Sono francesi, anche se nati in Francia da immigrati.
Francesi di prima generazione.
Se parliamo di francesi e non di figli di immigrati (le parole cambiano la realtà) forse si riesce a capire qualcosa.

Si capisce allora che non esistono i francesi, ma i francesi bianchi e i francesi mori o neri o gialli e che non sono uguali tra loro per cultura, religione, posizione sociale (egalité),
che i francesi bianchi e quelli di un altro colore non si amano e vivono separati, i primi in città e i secondi nelle periferie (fraternité),
che i francesi sono liberi se possono studiare, se hanno un reddito decente, se hanno un futuro, ma quelli delle banlieue non hanno un futuro (liberté).

Stiamo creando un mondo di diseredati in casa nostra, in Francia come in Gran Bretagna, in Belgio come in Italia.
L’integrazione è una bella parola, ma di solito porta ai ghetti e chi ci vive, prima o poi, vede come unica alternativa la rivolta sociale.

Importiamo lo squilibrio che abbiamo generato nel mondo e che non è per nulla nelle priorità dei governi occidentali come è spiegato in un filmato censurato di MTV

Se non ci occupiamo della povertà questa si occuperà di noi, mandandoci i suoi figli e i figli dei suoi figli.
E, nel tempo, tante piccole bosnie.

Postato da Beppe Grillo

Robbi
07-11-2005, 19.45.47
Infyyyyy.. credo che tu ci stia perculeggiando vero??
in caso contrario... vengo a prenderti se non ritiri tutto quello che hai detto! ;)






:D:D:D

Gigi75
07-11-2005, 20.10.02
Originariamente inviato da infinitopiuuno
Viva le siciliane!:p

Paolino non è facile moderare il tuo post,ma ho l'obbligo di farlo prima che ciò che hai scritto possa scatenare un putierio.
Anche solo un putiferio muto.

Partiamo dal fatto che debbo scindere la tua opinione da quelle che a mio parere sono vere e proprie offese ad una indefinita massa di persone di origine siciliana.

Io, che non mi sento offeso più di tanto (oddio un po' sì, perchè sento viva e fiera la mia meridionalità), posso scindere e pensare che tu abbia voluto dire: "In un sistema che ti costringe a compromessi, io abbasserei la testa cercando di adattarmi".

Giusto o ingiusto, è una tua opinione e sei liberissimo di manifestarla.

MA, ciò che mi rammarica è che questo mio sforzo di comprendere il significato e l'effetto delle tue parole, non sia stato preceduto dal tuo.
Prima di scrivere avresti dovuto chiederti se tutto ciò possa essere recepito come un'offesa.
Ed in particolare:
1. Il presupposto che "la mafiosità" sia insita in ogni siciliano: non credo di dover spiegare perchè questo sia offensivo.
2. E la conseguenza logica che per vivere in Sicilia si debba costantemente sottostare a logiche mafiose.

Ecco mi sarebbe piaciuto che tu prima di scrivere ti fossi fermato a pensare che, al di là della tua vera volontà (che so bene essere diversa dalle tue parole), questi pensieri, forse attinenti ad una realtà un po' lontana da te, possono, come sicuramente avranno fatto, ferire cari amici, conoscenti, o solo semplici visitatori del forum.

MA non sarebbe certo necessario tutto ciò (che di per sè avrebbe dovuto farti riflettere), perchè anche se nessun frequentatore del forum fosse siciliano, il significato evidente delle tue parole è inaccettabile (quando esposto con un mezzo di comunicazione come il forum che ha logiche ben diverse da una chiacchierata a tu per tu).
E non perchè si vuole nascondere che ci siano terre con più o meno problemi simili (il bellissimo blog dei ragazzi di Locri è un simbolo di tutto ciò), ma perchè prima di richiamare alla mente, con tanta disinvoltura, tragedie immani che si celano dietro al termine "mafiosità" ci si deve fermare a pensare: è moralmente corretto ciò che scrivo?

So bene che il tuo animo è diverso, perciò spero che tu voglia chiarire questo fraintendimento, che a mio giudizio reputo solo figlio di questo modo di comunicare troppo poco immediato.

(B)

Lionsquid
07-11-2005, 20.46.55
Originariamente inviato da infinitopiuuno

...cut...

La mafia in Sicilia...conoscendomi, se fossi nato in Sicilia sarei un "Siciliano" e cioè mi sarei adeguato a vivere secondo usanze e costumi del luogo.

Originariamente inviato da infinitopiuuno


Si dice che i siciliani un po' di "mafiosità" ce l'hanno nel DNA...ecco io ce l'avrei se fossi nato lì:)

...cut...

Tutto nascerebbe anche per la mancanza di lavoro è ovvio ma se il sistema è questo io mi adeguerei facilmente..o ti adegui o emigri:)

Viva le siciliane!:p



:(

potrei dirti che la tua riflessione mi offende... :(

io ci sono nato e cresciuto... e mai mi sono sognato di "affiliarmi" a certi comportamenti, anzi ..nutro un profondo muto disprezzo per tale gente... e per tutti quelli che ne fanno una filosofia di vita (a prescindere dalla natia regione)...

"questa" gente mi chiama "tedesco" pensando di sfottermi in qualche modo.... mi reputa fesso ... come penserebbe qualsiasi meridionale da napoli in giù...

ma sono orgoglioso dell'ingiuria "tedesco" lo sono per natura e per educazione e inasprisco il mi comportamento quando mi trovo davanti i miei "opposti"...

in parole povere, IO NON MI ADEGUO e lotto da 46 anni per questo..

non posso aggiungere altro dato che è un forum pubbico...

welcome
07-11-2005, 20.54.03
Originariamente inviato da Lionsquid






:(

potrei dirti che la tua riflessione mi offende... :(

io ci sono nato e cresciuto... e mai mi sono sognato di "affiliarmi" a certi comportamenti, anzi ..nutro un profondo muto disprezzo per tale gente... e per tutti quelli che ne fanno una filosofia di vita (a prescindere dalla natia regione)...

"questa" gente mi chiama "tedesco" pensando di sfottermi in qualche modo.... mi reputa fesso ... come penserebbe qualsiasi meridionale da napoli in giù...

ma sono orgoglioso dell'ingiuria "tedesco" lo sono per natura e per educazione e inasprisco il mi comportamento quando mi trovo davanti i miei "opposti"...

in parole povere, IO NON MI ADEGUO e lotto da 46 anni per questo..

non posso aggiungere altro dato che è un forum pubbico...
:rolleyes: io stò peggio peggio allora, settentrionale al sud e al nord non mi ritengono un meridionale:(

welcome
07-11-2005, 20.55.35
ma ciò che conta è quello che penso tutto il resto lo lascio a chi non vuol capire.
ciao

Billow
07-11-2005, 20.56.31
sono convinto Infy volesse dire che:

è il luogo in cui si vive, che tempra e modifica il modus vivendi di ognuno..
non la latitudine a cui si nasce..


X Lion..
il fatto che ti diano del TEDESCO (io preferisco Austriaco) ;)
è + un vanto, che altro...
vista la tua gentilezza, cortesia, puntualità, savoir fair, intelligenza ed educazione.

e non sei un caso isolato, tra gli abitanti della tua splendida terra.. GRAZIE a DIO ;)

infinitopiuuno
07-11-2005, 21.10.35
Accidenti! Proprio non volevo offendere nessuno e se l'ho fatto chiedo vivamente scusa.

Il discorso del DNA lo hanno detto alcuni Siciliani in TV in un reportage recente.

Lavora con me un'impiegata di Re(a)calbuto; in precedenza aveva affrontato un colloquio per un lavoro in una ditta di materie plastiche; lì è successo questo; l'assumevano ma il giorno stesso della busta paga doveva cambiare l'assegno e portarne la metà al "padrone".

Lei se ne è andata, io non so...forse sarei rimasto magari per mantenere mia madre o altri.

Negli anni '80 non nel giurassico, all'ufficio IVA di Bergamo si portavano le D.iva su supporto cartaceo a mano: il problema è che io ne avevo 250 e allo sportello ne accettavano 5 alla volta.
Un nostro "amico" ci disse...ma lasciale qua che ci penso io..(L.500.000:()...e pagammo per convenienza.

Intanto che scrivo ho letto il messaggio di Tony ed è questo che intendevo dire.

Spesso si accusano i siciliani di omertà o mi sbaglio??????
Io sono certo che non sarei un paladino della verità o della giustizia perchè il "coraggio uno non se lo può dare".

Ho parlato della sicilia e dei siciliani perchè parlo un po' con questa mia impiegata, non volevo certo additare i siciliani come tutti mafiosi!!! e per quanto riguarda il Tedesco...non avevo dubbi;)

Infine non è un tabù parlarne credo, al contrario uno scambio di opinioni sarebbe utile.
Ciao

welcome
07-11-2005, 21.26.53
Originariamente inviato da infinitopiuuno

cercherei di avere amici importanti o ritenuti tali, per avere delle agevolazioni.

Se conosco un tizio all'Inps che mi assume il figlio di un mio amico e questi mi trova un lavoro alla Despar come Direttore di Reparto, ben venga!

no infy non è questa la mafia,quello di cui parli sono solo mazzette,cosa comune anche al nord.:rolleyes:
non mi offendi con ciò che hai scritto prima,ma certi luoghi comuni sono discorsi un pò di parte,non ti pare?
ciao

infinitopiuuno
07-11-2005, 21.40.17
Io direi di non andare oltre ma uno dei miei sogni è quello di andare in sicilia a passare gli ultimi anni della mia vita ed è quindi evidente che non ci siamo capiti.

Io di stare qua nella provincia più alta per casi di tumore e in mezzo alla nebbia in autunno e all'afa d'estate, non ne ho proprio voglia.

A Siracusa ci sono delle case al mare che costano davvero poco...ecco mi piacerebbe vivere lì.

Flying Luka
07-11-2005, 21.40.33
Perfetto!

Allora adesso che ci siamo chiariti torniamo IT parlando del Mortadellone e del nano liftato? :D:D:D

Robbi
07-11-2005, 21.43.25
Originariamente inviato da infinitopiuuno
Accidenti! Proprio non volevo offendere nessuno cut....

Infine non è un tabù parlarne credo, al contrario uno scambio di opinioni sarebbe utile.
Ciao
Paolo io non ho il benche' minimo dubbio sul fatto che tu NON volessi offendere nessuno... e quello che hai detto l'ho inteso esattamente come lo ha espresso Tony... per cui non aggiungero' nulla di piu' a cio' che e' stato esposto.

L'intelligenza dei Moderatori di questo forum dimostra come si possano affrontare argomenti potenzialmente "difficili" senza scannarsi alla prima parola fuori posto e/o luogo... anche in virtu' del fatto che tra di noi esiste una conoscenza di base anche se per taluni solo virtuale... voglio dire, se invece di scriverlo tu quel pensiero, l'avesse fatto un altro che non conosco... minimo, minimo mi attaccavo alla giugulare ricoprendolo di insulti! Purtoppo questo e' il limite dei forum di discussione, dove l'interlocutore non e' fisicamente presente, non ti guarda, non si muove, insomma non manda quei segnali che in una discussione "vera" non avrebbero ingenerato il malinteso!
Con affetto
:)

Robbi
07-11-2005, 21.45.43
Originariamente inviato da Flying Luka
Perfetto!

Allora adesso che ci siamo chiariti torniamo IT parlando del Mortadellone e del nano liftato? :D:D:D

(Y)

Billow
07-11-2005, 21.46.54
tutto è bene quel che finisce bene..
http://www.laotenna.it/interviste/guido_de_maria/bozzetto_carter.gif
e l'ultimo chiuda la porta ;)

Ghandalf
07-11-2005, 22.14.23
Ovvio che col mio cioé speravo di stanare quello che è venuto fuori...:p

Mi pare che non ci sia altro da aggiungere, o meglio ci sarebbe, ma mi bastano l'intervento di leo e quello di gigi.

Anche perchè qui preferisco occuparmi dell'ottavo nano piuttosto che dei suoi amici...troppo sottile!?..:D:D:devil:

mao
07-11-2005, 23.51.59
Questi i nuovi manifesti di forza italia in giro per Roma:

http://www.forza-italia.it/jumppage/festaliberta.jpg

Ma, c'è qualcosa di strano, :rolleyes: mmmh, ma... :confused: mi pare manchi qualcuno...
:eek:

ecco! ma Mussolini che cos'era, un benefattore? Ah, no, soltanto il più grande statista del Novecento.
Che vergogna, che vergogna. :mad::mad::mad:

Flying Luka
08-11-2005, 00.12.06
Oh si che manca qualcuno!!!

Vogliamo parlare di Stalin o di Nicolae Ceausescu?!? O di tutti i dittatori comunisti che hanno adottato il terrorismo di governo?

Giusto per citarne 2 a caso, ma la lista è molto lunga! :rolleyes:

exion
08-11-2005, 00.14.37
Originariamente inviato da Flying Luka
Oh si che manca qualcuno!!!

Vogliamo parlare di Stalin o di Nicolae Ceausescu?!?

Giusto per citarne 2 a caso, ma la lista è molto lunga! :rolleyes:

Beh Stalin c'è :p

Ghandalf
08-11-2005, 00.16.53
vero luca, ma mussolini lo abbiamo avuto a casa nostra...e mi pare vergognoso non averlo incluso nella lista...

Dav82
08-11-2005, 00.16.54
Originariamente inviato da exion


Beh Stalin c'è :p


In effetti :p



Perfettamente d'accordo sul vergognoso... (N)

Cominciamo dalla NOSTRA memoria, che è meglio! :mad:

exion
08-11-2005, 00.17.31
Originariamente inviato da mao
Questi i nuovi manifesti di forza italia in giro per Roma:

http://www.forza-italia.it/jumppage/festaliberta.jpg

Ma, c'è qualcosa di strano, :rolleyes: mmmh, ma... :confused: mi pare manchi qualcuno...
:eek:

ecco! ma Mussolini che cos'era, un benefattore? Ah, no, soltanto il più grande statista del Novecento.
Che vergogna, che vergogna. :mad::mad::mad:

A me che ci sia Mussolini o meno non mi interessa...

Mi sembra più strano che un partito, che per definizione lessicale stessa è cosa di parte, si prenda il diritto di dichiarare la "festa della libertà" come fosse qualcosa che gli appartiene.

La libertà è di tutti. Un partito che afferma di essere custode della libertà è già di per sé un partito che rimette in causa la libertà per chi di quel partito non fa parte.

nikzeno
08-11-2005, 00.18.40
Beh, in effetti considerando che la dittatura mussoliniana è quelle che ci ha interessato più da vicino...
digiamo che la dimenticanza è sospetta :D

Dav82
08-11-2005, 00.21.36
Originariamente inviato da nikzeno
digiamo

Ecco appunto...

mao
08-11-2005, 00.21.37
E soprattutto, mi pare che IN ITALIA abbia creato ben più problemi Mussolini che Ceausescu, o Saddam Hussein - di cui non voglio affatto sminuire la follia e la pericolosità, sia ben chiaro - ma probabilmente cercano di farcelo scordare.

Lionsquid
08-11-2005, 00.24.04
Originariamente inviato da infinitopiuuno
Accidenti! Proprio non volevo offendere nessuno e se l'ho fatto chiedo vivamente scusa.

...cut...

Ho parlato della sicilia e dei siciliani perchè parlo un po' con questa mia impiegata, non volevo certo additare i siciliani come tutti mafiosi!!! e per quanto riguarda il Tedesco...non avevo dubbi;)

Infine non è un tabù parlarne credo, al contrario uno scambio di opinioni sarebbe utile.
Ciao


(Y) certo infy... ma leggerlo in quel modo non mi ha fatto piacere

tutto chiarito ;)

exion
08-11-2005, 00.24.44
Boh... Poi non ho mai visto che si commemorasse un evento storico a partire del sedicesimo anno :p

O lo si commemora subito, oppure in seguito si aspetta una ricorrenza significativa... Il 5° anniversario, i 10 anni dalla scomparsa, i 25 anni dalla nascita... Ma il sedicesimo anno.... Ah già :p
Elezioni ad Aprile :D

Fossi tedesco, mi ink@zzerei un poco per una tale strumentalizzazione di parte di un evento storico fondamentale che non appartiene nè a Forza Italia, né alla politica italiana e nemmeno agli italiani, ma all'umanità intera.

mao
08-11-2005, 00.26.19
Originariamente inviato da exion


A me che ci sia Mussolini o meno non mi interessa...

Mi sembra più strano che un partito, che per definizione lessicale stessa è cosa di parte, si prenda il diritto di dichiarare la "festa della libertà" come fosse qualcosa che gli appartiene.

La libertà è di tutti. Un partito che afferma di essere custode della libertà è già di per sé un partito che rimette in causa la libertà per chi di quel partito non fa parte.

ma dai, vieni anche tu alla festa della libertà, facciamo un po' come c@zzo ci pare!

mao
08-11-2005, 00.28.11
forse non hai capito, exion, lascia che ti spieghi meglio: a festa della libertà è quella di Berlusconi, per festeggiare la sua libertà.

Dav82
08-11-2005, 00.29.35
Originariamente inviato da exion
Fossi tedesco, mi ink@zzerei un poco per una tale strumentalizzazione di parte di un evento storico fondamentale che non appartiene nè a Forza Italia, né alla politica italiana e nemmeno agli italiani, ma all'umanità intera.


Guarda, quelli - se necessario - direbbero pure che l'abolizione della proprietà privata è stato sempre un loro chiaro obiettivo... tanto per rendere l'idea di come siano bravi a dire pu@@@nate.

Dav82
08-11-2005, 00.31.40
Originariamente inviato da mao
forse non hai capito, exion, lascia che ti spieghi meglio: a festa della libertà è quella di Berlusconi, per festeggiare la sua libertà.


LOLLONE :D :D


Lo so che c'è da piangere, ma almeno rido un po' dopo una giornata ammazzante (come dice la mia amica Vale :o)

Brunok
08-11-2005, 00.33.53
Originariamente inviato da mao
Questi i nuovi manifesti di forza italia in giro per Roma:

.........

Ma, c'è qualcosa di strano, :rolleyes: mmmh, ma... :confused: mi pare manchi qualcuno...
:eek:



certo manca MaoTseTung e tutti i suoi seguaci...!!! etc etc etc



Originariamente inviato da exion


A me che ci sia Mussolini o meno non mi interessa...

Mi sembra più strano che un partito, che per definizione lessicale stessa è cosa di parte, si prenda il diritto di dichiarare la "festa della libertà" come fosse qualcosa che gli appartiene.

La libertà è di tutti. Un partito che afferma di essere custode della libertà è già di per sé un partito che rimette in causa la libertà per chi di quel partito non fa parte.


tale e quale a quanto avviene con la festa della liberazione del 25 aprile che è bella colorata di rosso... manipolata a piacere in senso unico......

mao
08-11-2005, 00.36.06
E tra l'altro il liberalismo tanto caro a Berlusconi, la destra e forza italia è generalmente un "comunismo mascherato" a livello industrial-aziendale (cioè monopolismo, per altro a spese altrui, dei cittadini-consumatori). Vedi Mediaset, Telecom, ENEL, ENI, FIAT, ecc. ecc., che avendo una posizione largamente dominante non permettono lo sviluppo di una concorrenza leale.

Flying Luka
08-11-2005, 00.46.53
e certo!

Un po' come le importanti importanti privatizzazioni "made in Prodi" nell' interesse degli enti : l' Alfa Romeo e' alla Fiat dopo un' abile manovra di Prodi che ha messo i torinesi in concorrenza con la Ford mentre la Lanerossi e' stata ceduta alla Marzotto benche' ci fosse in lizza il gruppo Benetton appoggiato da De Michelis , compagno di partito di Reviglio .

Infatti.... Prodi et IRI docet!

NightMan
08-11-2005, 03.52.31
Originariamente inviato da mao
Questi i nuovi manifesti di forza italia in giro per Roma:

http://www.forza-italia.it/jumppage/festaliberta.jpg

Ma, c'è qualcosa di strano, :rolleyes: mmmh, ma... :confused: mi pare manchi qualcuno...
:eek:

ecco! ma Mussolini che cos'era, un benefattore? Ah, no, soltanto il più grande statista del Novecento.
Che vergogna, che vergogna. :mad::mad::mad:

C'è un errore, il manifesto originale era questo:

http://kinvas.altervista.org/festaliberta2.jpg

:D:D:D

Dav82
08-11-2005, 10.45.33
:D :D :D

mao
08-11-2005, 13.08.40
... non capisco... qualcuno mi spiega?

Robbi
08-11-2005, 13.11.45
Vuoto.. come il cervello di quelli che pensano ste' robe!!

:D:D

mao
08-11-2005, 13.20.33
... come il mio oggi (sono andato a dormire alle 7.00)

Robbi
08-11-2005, 14.26.42
Incollo la lettera che Sergio Cofferati ha mandato al Blog del Beppe, in risposta ad un post del medesimo

"Caro Grillo,
ho letto la sua lettera. Vorrei tranquillizzarla sulle mie intenzioni. Sono un sindaco e svolgo le mansioni che le leggi e la Costituzione mi assegnano (esattamente come lei stesso ha previsto che le potessi rispondere). Dunque contrasto la illegalità che si è creata nel mio territorio, e lo faccio nell’interesse delle cittadine e dei cittadini che mi hanno eletto.
Per questo è necessario, per me sindaco, arrivare a colpire il racket dei lavavetri che sfrutta anche dei minori, come è necessario debellare il caporalato degli immigrati clandestini, o le azioni criminose promosse a Bologna da persone senza diritto di soggiorno, allo stesso modo con il quale vanno colpite quelle di italianissimi criminali. Ancora, non è giusto accettare passivamente che abituali occupatori di case tolgano il diritto ad un tetto a povere famiglie che aspettano di aver assegnati quegli alloggi. Gli altri esempi che lei mi fa riguardano gravi e importanti temi nazionali per i quali non ho responsabilità dirette. Ma da cittadino non ho mai mancato di battermi a difesa della Costituzione e dei suoi principi fondamentali (dalla giustizia, alla scuola, all’informazione, ai diritti). E a proposito del Governatore, la mia opinione l’ho espressa da qualche anno, da quando ancora segretario della CGIL smisi di partecipare, per coerenza con il mio giudizio, all’assemblea annuale di Banca d’Italia. Ma forse lei non se ne è accorto, e me ne dispiace."
Sergio Cofferati.

Tutto questo per dire cosa??

Che vorrei un uomo con simili caratteristiche a rappresentare la sinistra alle prossime elezioni, anziche' quell'imbolsito di Mortazza, con un forte senso della legalita' che non e' ne di destra ne di sinistra... e' di tutti!

Gigi75
15-11-2005, 23.15.51
LE FAMOSE AUTOSMENTITE DEL CAVALIERE :D:D:D
La casa agli italiani. Sorrento, 11 novembre 2005, Berlusconi lancia il suo progetto davanti ai giovani di Forza Italia: "Daremo una casa a tutti gli italiani in difficoltà. Sono il 19% della popolazione, ma abbiamo un piano fattibile". Il 15 novembre precisa: "Non ho detto a tutti gli italiani, ma solo a quelli sfrattati"

Pensione a 68 anni. 3 novembre 2005: "Un orizzonte che non dobbiamo precluderci, l'innalzamento dell'età pensionabile a 68 anni". Il 15 novembre spiega: "Io non ho proposto di spostare l'età pensionabile a 68 anni"

Bush e le elezioni italiane. 31 ottobre 2005. A Washington, parlando con i giornalisti dopo l'incontro con il presidente Usa, dice: "Bush teme un cambio di governo in Italia". Vittorio Zucconi di Repubblica, gli chiede: "Presidente, a scanso di equivoci, lei ci sta dicendo che il presidente Bush ha espresso a lei una preferenza elettorale contro il centro sinistra?". Il premier, allora, precisa: "Non mi ha detto esattamente così Bush, ma è evidente che sentendo le dichiarazioni dei leader della sinistra che affermano che se vincessero le elezioni farebbero come Zapatero ritirando le truppe dall'Iraq, basta fare uno più uno per capire come la pensa il presidente americano. Come sempre gli Stati Uniti non interferiscono nei problemi interni di altri paesi, specialmente nei periodi elettorali e pre-elettorali".



Centristi traditori. 16 agosto 2005. Intervistato dalla Stampa, riferendosi ai centristi della Cdl, dice: "C'è chi pensa di salvarsi offrendosi al vincitore, ma parte da una valutazione errata". Immediata la reazione di Follini: "L'evocazione di doppigiochi, tradimenti e passaggi di campo nei confronti di un partito coerente e sicuro come l'Udc è semplicemente miserevole. Ci aspettiamo dal presidente del Consiglio una smentita chiara e netta". E la smentita arriva puntuale, affidata a Boniauti: "Nessuno in Forza Italia, tantomeno il presidente Berlusconi, ha pronunciato parole legate al concetto di tradimento o di traditore nei confronti dei nostri alleati".

Risanamento Alitalia. 29 aprile 2005: Berlusconi annuncia che il piano di risanamento dell'Alitalia è stato accettato dalla Commissione europea. Immediata la smentita di Bruxelles: "Nessuna decisione è stata presa".

Andare a Nassiriya. "Non sento alcun bisogno di andare a Nassiriya, sarebbe solo una operazione dimostrativa e retorica" (26-3-2004). Il 10 aprile Berlusconi va in visita a Nassiriya.

Unto e bisunto. "Io unto del Signore? Non ho mai pronunciato questa sciocchezza" (9-3-2004). "Io sono l'unto del Signore, c'è qualcosa di divino nell'essere scelto dalla gente. E sarebbe grave che qualcuno che è stato scelto dalla gente, l'unto del Signore, possa pensare di tradire il mandato dei cittadini" (25-11-1994).

Lifting forzato. "Io il lifting non lo volevo fare. Sono stato tirato dentro a farlo. È stata Veronica a spingermi a fare il lifting" (27-1-2004). Poi Veronica lo smentisce: "Il lifting è stata un'idea sua".

Fascismo buono. "Mussolini non ha mai ucciso nessuno: gli oppositori li mandava in vacanza al confino" (intervista a 'The Spectator', 4-9-2003). Il 17 Berlusconi cerca di smorzare l'intervista allo 'Spectator': "Eravamo alla seconda bottiglia di champagne". Ma gli intervistatori lo smentiscono: "Abbiamo bevuto solo tè freddo" (19-9-2003.).

Giudici matti. Nella stessaintervista a "Spectator", il premier disse anche che i magistrati: "Per fare i giudici bisogna essere dei disturbati mentali". Protestarono un po' tutti: dall'Anm, alle sorelle di Falcone e Borsellino. Fini parlò esplicitamente di "gaffe". Allora spiega: "Io non sono un politico, non bado alle critiche. Dico quello che pensa la gente".


Legge Gasparri. Berlusconi, uscendo dal Quirinale, annuncia che Ciampi è d'accordo sulla legge Gasparri. Il Quirinale smentisce: "Non ne abbiamo mai parlato" (2-8-2003). Berlusconi deve rettificare dando la colpa ai giornalisti.

Lodo Maccanico. "Io non c'entro nulla con questo Lodo: è stata un'iniziativa autonoma del Parlamento, sostenuta dal presidente della Repubblica" (30-6-2003). Immediata la smentita del Quirinale, cui segue la precisazione del sottosegretario Paolo Bonaiuti: "Il lodo Maccanico è una iniziativa parlamentare. E a questa proposta il presidente della Repubblica è ovviamente estraneo".

Conflitto di interessi. "Il conflitto d'interessi sarà risolto nei primi cento giorni del mio governo" (5-5-2001). "Il conflitto d'interessi è una leggenda metropolitana" (19-12-2003). La legge sul conflitto d'interessi non è stata ancora approvata.

Condono per gli altri. "Mediaset non farà alcun ricorso al condono fiscale" (30-12-2002). Cinque mesi dopo 'L'espressò scopre che Mediaset ha regolarmente fatto ricorso al condono, risparmiando circa 120 milioni di euro di imposte. Un anno dopo accade di nuovo.

Armi sì, armi no. "Credo che ormai in Iraq non ci siano più armi di distruzione di massa" (16-10-2002). "Non ho mai detto che Saddam non ha armi di distruzione di massa. Dico solo che ha avuto il tempo di distruggerle o di metterle da qualche altra parte" (17-10-2002).

Guerra senza Onu. "Se Saddam non cede, l'attacco sarà a gennaio e sarebbe inutile una seconda risoluzione come chiede la Francia, sarebbe un nonsenso" (14-9-2002). "Siamo per una risoluzione dell'Onu che dia termini precisi a Saddam e stabilisca l'intervento militare se Saddam non dovesse accettare la risoluzione" (25-9-2002). "Con realismo bisogna dire che non c'è alternativa alle due risoluzioni dell'Onu " (16-10-2002).

Nesta mai. "Comprare Alessandro Nesta? Sono cose che non hanno più nulla di economico, di morale. Nel calcio abbiamo sbagliato tutti, ora basta"(23-8-2002). L'indomani il Milan annuncia l'acquisto di Nesta.

Legge Cirami. "Non capisco tutta questa fretta per la legge Cirami sul legittimo sospetto" (31-7-2002). "La legge sul legittimo sospetto è una priorità per il governo" (30-8-2002).

Ok dall'Europa. "Ho fatto un'esposizione sommaria della legge finanziaria e ho trovato un'ottima accoglienza sia da Prodi sia dal commissario Pedro Solbes" (10-10-2001). Prodi cade dalle nuvole. Solbes lo smentisce. Berlusconi fa retromarcia: "Io ho illustrato l'azione del mio governo, Prodi e Solbes mi hanno ascoltato in silenzio".

Scontro di civiltà. "Noi dobbiamo essere consapevoli della superiorità della nostra civiltà... Dobbiamo evitare di mettere le due civiltà, quella islamica e quella nostra sullo stesso piano... La nostra civiltà deve estendere a chi è rimasto indietro di almeno 1.400 anni nella storia i benefici e le conquiste che l'Occidente conosce." (26-9-2001). Poi di fronte alla richiesta di scuse presentata da una serie di governi arabi dice al giornale 'Asharq al-Awsat':"Perché dovrei scusarmi? Per qualche cosa che non ho detto? Non ho detto nulla di sbagliato, loro (alcuni giornalisti, ndr) mi hanno fatto dire qualche cosa che non ho detto". (2-10-2001)

Dav82
15-11-2005, 23.19.36
Originariamente inviato da robbi
Tutto questo per dire cosa??

Che vorrei un uomo con simili caratteristiche a rappresentare la sinistra alle prossime elezioni, anziche' quell'imbolsito di Mortazza, con un forte senso della legalita' che non e' ne di destra ne di sinistra... e' di tutti!


(Y)


L'ho sentito parlare in più occasioni, l'ultima da Fazio a "Che tempo che fa". Che dire: avrebbe il mio voto, certamente.

Dav82
15-11-2005, 23.26.13
In mezzo ad alcune uscite/smentite che non sono poi così gravi, alcune sono semplicemente terribili.

Terribili in un paese che si definisce democratico.

Io NON VOGLIO questo misero, miserrimo cittadino alla guida del paese. NON LO VOGLIO.

Ghandalf
15-11-2005, 23.29.41
beh..tra le altre manca:


DARIO FRANCESCHINI. E poi lei, Presidente Berlusconi, che come al solito tende ad
esagerare (14 settembre 2000): «Non lasceremo che la sinistra cambi la legge
elettorale. Se la sinistra procederà in Parlamento, in un Parlamento che non
corrisponde più alla volontà del paese, con i propri numeri, calpestando l'interesse
dell'opposizione...».

SILVIO BERLUSCONI. È falso (Commenti)!

PRESIDENTE. Onorevoli colleghi, non mi sembra che sia stato un gesto....

DARIO FRANCESCHINI. «... sono certo che il Capo dello Stato non firmerà mai».
(...) Sarebbe interessante...

SILVIO BERLUSCONI. Non l'ho mai detto!


PRESIDENTE. Onorevole Berlusconi, per cortesia. Onorevole Franceschini, la prego
di continuare tranquillamente.

DARIO FRANCESCHINI. Sarebbe interessante capire se lei ora crede ancora che il
Capo dello Stato non dovrebbe mai firmare una legge fatta dalla sola maggioranza.

SILVIO BERLUSCONI. È falso!

(Una voce dai banchi del gruppo della Margherita, DL-L'Ulivo: «Sei tu falso!»).

DARIO FRANCESCHINI. È un falso che sta su tutte le agenzie e su tutti i giornali. Si
guardi l'archivio storico dell'ANSA.


anche l'audio:
http://www.dariofranceschini.it/audiovideo/berlusconi_bari_2000_09_14.mp3

:inn:

petta che adesso arriva..anzi lo dico io stesso..

non è che il mortazza sia meglio..:devil:..così l'ho detto io e ci siamo tolti il pensiero..:D

Dav82
15-11-2005, 23.31.57
:D :D :D


No no ma lui ci va giù molto più duro :D :p

:)

Gigi75
15-11-2005, 23.38.12
Originariamente inviato da Ghandalf
non è che il mortazza sia meglio..:devil:..così l'ho detto io e ci siamo tolti il pensiero..:D

AHAHAHAHAHAHAHAH :D:D:D

Ahimè si ride, ma è verissimo! :o :(

Dav82
15-11-2005, 23.42.37
Ghadalf, KOMUNISTA!

Con i potenti mezzi del Komintern hai prodotto un file fasullo, antidemocratico, oggetto di ALTO TRADIMENTO: hai falsificato, distorto, contraffatto le esternazioni dell'Illustrissimo, eminentissimo Cavaliere della Repubblica Italiana, Onorevole Silvio Berlusconi.

VERGOGNA!

KOMUNISTA!







:D :p

nikzeno
15-11-2005, 23.48.40
Originariamente inviato da Ghandalf
petta che adesso arriva..anzi lo dico io stesso..

non è che il mortazza sia meglio..:devil:..così l'ho detto io e ci siamo tolti il pensiero..:D
:D Sei diabolico :D

Gigi75
16-11-2005, 00.17.59
Originariamente inviato da robbi
Che vorrei un uomo con simili caratteristiche a rappresentare la sinistra alle prossime elezioni, anziche' quell'imbolsito di Mortazza, con un forte senso della legalita' che non e' ne di destra ne di sinistra... e' di tutti!

(Y)(Y)(Y)

The_Prof
16-11-2005, 10.39.12
Originariamente inviato da robbi che vorrei un uomo con simili caratteristiche a rappresentare la sinistra alle prossime elezioni, anziche' quell'imbolsito di Mortazza, con un forte senso della legalita' che non e' ne di destra ne di sinistra... e' di tutti!

(Y) (Y)
Infatti e' sindaco di Bologna
Promoveatur ut amoveatur
Ciao anziano :D

Robbi
16-11-2005, 10.48.33
Originariamente inviato da The_Prof

Ciao anziano :D

Ciao "Giovanotto "
:D

Lionsquid
16-11-2005, 11.07.35
questa è proprio divertente....

Unità di oggi

opps.. l'allegato :(

Lionsquid
16-11-2005, 11.09.36
eccolo

infinitopiuuno
16-11-2005, 11.13.39
Con la finanziaria, le persone con più di 65 anni e proprietari di una casa, potranno chiedere un vitalizio alle banche e non ricorrere più alla vendita della nuda proprietà.

Gigi75
16-11-2005, 12.14.54
Interessante :)
dettagli paolì? :)

handyman
16-11-2005, 12.22.14
Originariamente inviato da Gigi75
Interessante :)
dettagli paolì? :)


Ma non è per te Gigi...ho qualche sospetto che il 75 non sia l'anno di nascita,ma la tua vera età :D

infinitopiuuno
16-11-2005, 13.09.50
Originariamente inviato da Gigi75
Interessante :)
dettagli paolì? :)

Era sul Sole di Venerdì..adesso ancora qualche ping pong ma ci siamo.

Anticipo anche che sembra una finanziara "seria".

E' uno strumento nuovo usata da 10 anni in Gran Bretagna e che consente appunto all'ultra 65enne di ottenere in base al valore della casa e alla sua età, un vitalizio da un istituto di credito.

Non deve pagare nulla nè interessi nè capitale, solo iscrivere un'ipoteca a favore della banca.

Un giorno, gli eredi decideranno di rimborsare i vitalizi alla banca, vendere la casa o lasciarla alla stessa se i vitalizi superano per valore l'abitazione.

E' un discorso serio, da fare in famiglia ma dà una possibilità di sopravvivenza ad alcuni pensionati.

Poi c'è l'idea di regalare le case popolari agli inquilini, 500.000 abitazioni perlopiù fatiscenti ma questo l'ho letto sul corriere oggi.


Ma è sul fronte fiscale che la finanziaria si fà dura per le imprese altro che condoni.

afterhours
17-11-2005, 02.25.12
Quando condannarono Dell'Utri a 9 anni di carcere per associazione mafiosa, due giorni prima della sentenza il presidente della Camera Casini sentì il bisogno di telefonare a Dell'Utri per esternargli la propria stima. Non pago, avvertì i giornalisti. -Ho telefonato a Dell'Utri per dirgli che lo stimo.- E loro:-Ma bravo!-

Così la notizia venne pubblicata. Il Corriere della Sera titolò: “ Casini: stimo Dell'Utri “.
Una cosa talmente aberrante che se ne accorse perfino Francesco Cossiga. Disse Cossiga:-Ma come è venuto in mente alla terza carica dello Stato di telefonare a uno che, lo si voglia o no, è un imputato di gravi reati in attesa di sentenza e domani potrà essere un pregiudicato?- Casini evitò di rispondere. E' in politica, questo è il suo mestiere.

Casini è dell'UDC.

Salvatore Cuffaro, presidente della regione Sicilia, indagato per rivelazione di segreti d'ufficio con favoreggiamento alla mafia.
Antonio Borzacchelli, ex deputato regionale, in carcere da febbraio, arrestato per concussione nell'ambito di un'indagine su mafia e politica.
David Costa, deputato regionale, indagato per concorso esterno in associazione mafiosa. Arrestato ieri. Ebbe il sostegno elettorale delle cosche trapanesi in cambio di favori.
Nino D'Amico, ex consigliere provinciale di Palermo, indagato per turbativa d'asta a favore di un'impresa vicina a Provenzano.
Leonardo D'Arrigo, consigliere comunale a Palermo, indagato per favoreggiamento alla mafia.
Salvo Iacono, consigliere provinciale ad Agrigento, arrestato nell'inchiesta su mafia e appalti.
Rosario Incardona, consigliere comunale di Palma di Montichiaro, arrestato ad aprile per associazione a delinquere finalizzata all'estorsione.
Vincenzo Lo Giudice, ex deputato regionale, arrestato per mafia a marzo.
Carmelo Lo Monte, assessore regionale, indagato a Messina per associazione a delinquere e truffa.
Domenico Miceli, ex assessore a Palermo, arrestato a marzo per concorso in associazione mafiosa.

SONO TUTTI POLITICI DELL'UDC. Quando sospesero Satyricon, l'allora segretario dell'UDC Casini disse al congresso del suo partito:-L'Italia non le assomiglia affatto, signor Luttazzi.- Casini, sono contento di non assomigliare a questa sua Italia.

Casini, il cattolico mentolato, secondo i pm era "ignaro dell'effettivo grado di compromissione di Davide Costa con l'associazione mafiosa".

Io propongo una MIA RIFORMA ELETTORALE: l'obbligo di indicare sui manifesti elettorali, accanto al nome del candidato, eventuali condanne. Es: Vito Bonsignore, UDC, 2 anni, corruzione. Gli elettori devono saperlo, a chi va il loro voto; e perché certa gente si candida ( per evitare la galera ). Io non voglio mandare in galera nessuno, ma almeno devono vergognarsi di quello che fanno. Basta coi parlamentari condannati per reati gravissimi che fanno leggi per evitare i processi!

Non fate troppo rumore, ho l'emicrania.

By Daniele Luttazzi

Robbi
17-11-2005, 10.34.20
E' stata approvata in via definitiva alla Camera la legge sulla riforma della Costituzione (devolution), da una prima, parziale ed incompleta lettura.

Non mi piace il travaso di poteri tra il Premier e il Capo dello Stato, si rafforzano e non poco i primi, forse e dico forse, si avra' maggior snellezza nel disbrigo di talune funzioni istituzionali, per contro il Capo dello Stato perde ulteriormente peso politico rispetto al poco che gia' aveva, in particolare non mi piace la perdita di quelle funzioni che attengono al controllo e alle garanzie.

Mi piace invece, e anche molto che non si sia toccata la prima parte della Carta Costituzionale che attiene ai principi.

Mi piace l'abolizione del cameralismo perfetto, non sara' piu' necessaria l'approvazione di entrambe le camere per il medesimo testo di legge, a parte alcuni casi specifici.

Mi piace la riduzione complessiva del numero dei deputati/senatori delle due camere

Mi piace sostanzialmente il passaggio di taluni poteri alle autonomie locali, nella speranza che le Regioni, non diventino con queste nuove funzioni una specie di "sovrastato" burocratico, insomma uno Stato nello Stato, in tal caso la devolution, va a farsi benedire, il cittadino deve percepire effettivamente l'innovazione con benefici fruibili, non con ulteriori lacci,lacciuoli, gabelle e via discorrendo.

Ora tutto cio' dovra' passare al vaglio del referendum popolare, credo ne vedremo delle belle!

:)