PDA

Visualizza versione completa : La comunicazione globale


Gergio
03-02-2005, 16.12.50
Oggetto: LA COMUNICAZIONE GLOBALE

Benvenuti nell'Era della Comunicazione Globale. I nostri defunti si ribaltano nella tomba per la sfiga che li ha colpiti: quella di non poter partecipare a questa Grande Era. La Grande Comunicazione Globale, poi c'è un terremoto da 200.000 vittime e dalle Hawaii dicono: "Mah, noi lo avevamo previsto con qualche ora di anticipo, solo che non sapevamo a chi telefonare...". C@zzo! In compenso, si sono salvati gli animali.
Probabilmente dalle Hawaii hanno telefonato a loro. Nell'Era della Grande
Comunicazione Globale, ci sarà pure un bufalo d'acqua con un cellulare trendy, no? E si sono salvati gli indigeni, quelli che vanno a caccia con arco e frecce, quelli dati per estinti, perché poveracci sono fuori dalla comunicazione globale... ma hanno visto la marea che si ritirava e se ne sono andati verso l'alto, con gli animali. Nell'Era della Comunicazione Globale sessanta canali televisivi mi parlano dello tsunami e mi dicono le cose più allucinanti. L'isola di Sumatra si è spostata di trenta metri, poi trenta centimetri, poi cinque, otto, ventinove, è più alta, più bassa, più larga, più stretta, si è girata su stessa e alla fine se n'è andata completamente, l'han vista ad Alassio, vicino alla Gallinara.
L'asse terrestre si è inclinato un po'... Un po' quanto?! Beh, c'è chi dice
qualche chilometro, chi dice qualche centimetro... Caxxo, ma cosa accadrà?! Faremo la fine dei dinosauri? Sì, no, forse? Nell'Era della Comunicazione Globale ti mettono in mano notizie del genere e fatti tuoi. Vedi tu se tenere da parte i soldi per comprarti un'Arca di Noé 4x4 turbo diesel con 800 cv e
raggiungere mondi migliori o aspettare la morte per glaciazione.
Nell'Era della Comunicazione Globale possiamo parlare con il mondo intero.
Mandiamo sms,ems,mms,mail, chattiamo tutta la notte con una cicciona del Maine che fa la collezione di colesterolo e ci ha mandato la foto di una ... presa sul web, parliamo, comunichiamo,comunichiamo, comunichiamo... poi per una precedenza non data ci si spara in faccia!
Se telefoni a un call center ne sanno quanto te. A volte, meno di te.
Ammesso che risponda qualcuno. Ammesso che non ti sbattano il telefono in
faccia.
Siamo nell'Era della Comunicazione Globale e non riusciamo più a parlare
con nessuno. Una volta andavi da chi ti aveva venduto un prodotto e gli dicevi:
"Oh, ciccio, sta roba non mi funziona...". Adesso devi telefonare a un numero. Verde, quando va bene. Quando non va bene paghi. Hai un problema dovuto a un loro prodotto e paghi per dirglielo. Poi paghi per stare in attesa e infine ti fanno girare così tante persone che alla fine se non hanno già messo giù loro metti giù tu. Ti hanno venduto un prodotto o un servizio che non funziona o che ha dei problemi e paghi per restare nella m#rda! Si è capovolto il mondo, altro che spostamento di qualche centimentro... Nell'Era della Comunicazione Globale le comunicazioni ci arrivano anche quando non le vogliamo. Ci sommergono. Ogni giorno scarico dieci tonnellate di spam nella mia mailbox. Quotidianamente, almeno cento mail con soggetto "ENLARGE YOUR PENIS". Vogliono vendermi un metodo per ingrandire il big#lo. Le credenziali in effetti sono ottime: mi hanno già
fatto venire due c#glioni così. Adesso mandano le mail non richieste con questa premessa: Ai sensi della Legge 675/96 sulla Privacy, la informiamo che il suo indirizzo E-Mail è stato rintracciato sui motori di ricerca.
E quindi? Mi avete mandato una mail per restituirmelo?
Nell'Era della Comunicazione Globale ci sono quasi un miliardo di analfabeti nel mondo.
Siamo tutti depressi. Le coppie si lasciano perché non c'è dialogo. I figli
e i genitori non comunicano più e se comunicano è pure peggio. Papà, mi servono 300 sacchi ché devo comprarmi un hard disk, ho troppi pochi giga.
Eh?! ma che ... dici? Ma non puoi andare ad ubriacarti in discoteca come tutti? Abbiamo smesso di parlarci e abbiamo iniziato a telefonarci solo col cellulare, più fico... poi un cell non basta, due, tre...l'importante è pagarlo almeno 500 euro ed avere quattro orecchie.
Poi abbiamo smesso di telefonarci e abbiamo iniziato a mandarci gli sms.
Quelli normali, quelli colorati, quelli con il disegnino, quelli con le foto e quelli con il filmato. Ciao, ti mando un filmato di me stesso mentre ti dico ciao! Ma brutto ... fai due passi e vieni a dirmelo in faccia che ci facciamo una birra. Siamo impazziti. Abbonati oggi e avrai 5000 sms in omaggio! 5000?! Ma che ... devo dire con 5000 sms? Ma a chi ... li mando? Gratis, ovviamente. A noi qualcuno regala sempre qualcosa. Gratis, gratis, gratis. Questa è la comunicazione: fallo subito, è gratis! Abbonati, è gratis. Clicca qui, è gratis. E' tutto gratis! Ma voi, tranne a cari amici e parenti, avete mai regalato qualcosa a qualcuno? Non parlo
di beneficenza. Parlo di prendere una cosa, magari frutto del vostro lavoro, e regalarla a un perfetto sconosciuto che passa di lì. Così, per il gusto di regalarla. Magari, non so, c'è un idraulico fra di voi. A te idraulico
che stai leggendo, ti è mai successo di alzare il telefono, fare un numero a caso e dire: "Buongiorno, sono un idraulico, vuole che venga a casa sua a rinnovare i tubi del cesso gratis"?
E nell'Era della Comunicazione Globale comunichi anche quando stai zitto. Con il silenzio assenso. Una mattina ti svegli, per esempio, e scopri di avere un servizio di segreteria telefonica. E l'hai chiesto tu stando zitto! Se parlavi, magari non te lo mettevano. Ma siccome sei stato zitto... ... vuoi? Ti
riempiono di questi servizi. Sei circondato. Anzi: è tutto intorno a te.
Quando vedo la Megan Gale ormai ho più voglia di scuoiarla che ciul@rmela.
La Grande Comunicazione Globale e l'unica speranza che hai di comunicare
con questi qui è che il Gabibbo si prenda compassione di te.
Nell'Era della Comunicazione Globale abbiamo perso il senso delle parole. Se non sei di destra sei comunista. Ma io non sono comunista! A me non piace il comunismo.
Non mi piace nemmeno la sinistra, a dire il vero. Sono un lavoratore precario, non mi danno il mutuo per la casa, e il co-co-co se l'è inventato la sinistra! Allora sei un anarchico. Macché anarchico, caxxo! Ah, bene, sei irascibile, eh? Allora sei un anarco-insurrezionalista. E allora la
comunicazione globale cos'è? Chi comunica cosa? Non lo so più, non mi interessa più. Io da ora in poi mi occupero' solo della comunicazione specifica, parziale, particolare, nella mia vita. Le uniche certezze che avrò saranno quelle che potrò dimostrare. Non mi interessano i pareri di nessuno, se li sento in televisione. Se mi fa male il ... non mi faccio dire da un programma televisivo come devo posizionarmi allo specchio, verificare
se ho o meno le emorroidi e come curarle. Vado dal caro e vecchio medico
e gli dico: "Buongiorno dottore,mi fa male il c#lo". Saprà lui cosa fare.
Il problema è che, in questa epoca
di grande comunicazione globale, quando ti fa male il c#lo non è per le emorroidi.

(PAOLO ROSSI)

Billow
03-02-2005, 16.15.17
si .. ricevuta via mail...

molto amara ;)

Doomboy
03-02-2005, 16.20.56
Tutto vero...ma guardacaso arriva via mail....

Fletcher_Christian
03-02-2005, 16.24.29
Senza leggere la firma mi sarebbe sembrato più un testo di Beppe Grillo...

infinitopiuuno
03-02-2005, 16.50.51
Spettacolare!

Lu(a
03-02-2005, 17.36.31
Noioso...pedante...e ripetitivo.


Ma poi perchè a me 'ste cose non mi arrivano mai nella casella delle mail?

infinitopiuuno
03-02-2005, 17.38.16
Originariamente inviato da Lu(a
Noioso...pedante...e ripetitivo.


Ma poi perchè a me 'ste cose non mi arrivano mai nella casella delle mail?

Per la serie"quando uno non capisce na mazza" abbiamo trasmesso il pensiero di Lu(a:D :D

Lu(a
03-02-2005, 17.40.12
Originariamente inviato da infinitopiuuno


Per la serie"quando uno non capisce na mazza" abbiamo trasmesso il pensiero di Lu(a:D :D

Senti infinitamente pirla, io il significato l'ho capito eccome però di 'sti papiri ne ho rotti i maroni. Si, è tutto vero e ci dovrebbe fa rpensare, ma come vogliamo risolverla? Tu hai una soluzione? Non c'è soluzione, è così che deve andare, punto.

infinitopiuuno
03-02-2005, 17.47.15
Originariamente inviato da Lu(a


Senti infinitamente pirla, io il significato l'ho capito eccome però di 'sti papiri ne ho rotti i maroni. Si, è tutto vero e ci dovrebbe fa rpensare, ma come vogliamo risolverla? Tu hai una soluzione? Non c'è soluzione, è così che deve andare, punto.

Vedi, ti incazzi, te magni er fegato e poi mi rispondi male negli altri 3d, rilassati amico, tiè, fatti un tiro.

E scherza un po' di più, fattela una risata in più, impara a prendere anche tu in giro quando vieni preso in giro....

Lu(a
03-02-2005, 17.50.33
Ah ma io non mi sono incazzato mica, se mi incazzavo venivo direttamente a bussarti al campanello usando la pala di un escavatore...

infinitopiuuno
03-02-2005, 17.52.39
Originariamente inviato da Lu(a
Ah ma io non mi sono incazzato mica, se mi incazzavo venivo direttamente a bussarti al campanello usando la pala di un escavatore...




Ti sei accorto che ho usato il tuo stesso msg o sei già flippato di maria?

Kandran Kane
03-02-2005, 17.53.39
Originariamente inviato da Fletcher_Christian
Senza leggere la firma mi sarebbe sembrato più un testo di Beppe Grillo...

Azzeccato. L'argomento è stato ripreso da lui nel 1997 nello spettacolo "Cervello".

Forse lo sapeva, in ogni caso Paolo Rossi è uno dei miei miti.

Ha partecipato insieme a Beppe Grillo alla presentazione del libro REGIME, di Marco Travaglio e un altro di cui non ricordo il nome.

Lu(a
03-02-2005, 17.54.59
Originariamente inviato da infinitopiuuno


Ti sei accorto che ho usato il tuo stesso msg ??


Ma vaaaaa?:D

Me ne sono accorto si, ma ho evitato di replicare.

Trinity
03-02-2005, 17.55.24
http://www.vocinelweb.it/faccine/cartelli/34.gif

davlak
03-02-2005, 17.57.14
stavolta la penso più o meno come Lu(a (intendo quando dice noioso pedante e ripetitivo), però questa me la metterei in sign:

Chi comunica cosa? Non lo so più, non mi interessa più. Io da ora in poi mi occupero' solo della comunicazione specifica, parziale, particolare, nella mia vita. Le uniche certezze che avrò saranno quelle che potrò dimostrare.


ah però questa cosa:

...chattiamo tutta la notte con una cicciona del Maine che fa la collezione di colesterolo e ci ha mandato la foto di una strafiga presa sul web...

m'e successa davvero :rolleyes:

Gergio
03-02-2005, 18.46.42
ognuno ha il proprio punto di vista, rispettabile qnto qllo degli altri...
lo so anche io che va cosi', che nn ci possiamo fare molto. era semplicemente uno spunto per una riflessione, per nn perdere di vista qllo che realmente siamo, a dispetto di qllo che ci vogliono far credere e apparire...

visto che e' piaciuto :p ve ne posto un altro:


******************
QUALCOSA
di Andrea Verdiani
******************

Accendo la televisione e scopro che telegiornali, dibattiti,
approfondimenti, veline, quiz e chissà che altro non mi dicono qualcosa.
Apro il giornale e mi accorgo che notizie, articoli di fondo, interviste,
titoli non mi parlano di qualcosa.
Per cui mi bevo un succo d¹arancia, mi accendo una sigaretta e scendo in
strada a passeggiare. Perché a volte passeggiare mi aiuta a pensare. E in
questo momento ho bisogno di pensare a quello che mi stanno nascondendo.

Passeggiando mi accorgo che questo passaggio di scooter colorati e dalle
forme improponibili, questo rumore di quattro tempi cupo cupo o di due tempi
che paiono tanti frullatori in azione, mi disturba. E avrei voglia di
sentire il motore di un PX, vedere le scocche in ferro di un Primavera o di
un TS, annusare l¹inconfondibile odore di un GTR che brucia troppo olio.

Passeggiando mi viene fame, per cui entro in un panificio e rimango
frastornato: pane di segale, pane integrale, ciabatte di grano duro,
rubattini alla polenta, pane arabo, pane con semi di sesamo, treccia al
latte, pan carrè, grissini al rosmarino, al peperoncino, alla cipolla, alla
salvia.

"Signore, scusi, desidera...?"
"Sì, ecco, volevo solo due biove..."

Sconcerto.
La commessa è giovane, pure carina, ma sconcertata.
Il suo sguardo cerca lo sguardo della titolare che è alla cassa, ma la
titolare è impegnata al telefono. Per cui prende la situazione in mano e
cerca. Sembra che debba scegliere una videocassetta. Poi, decisa, prende due
papere e le infila veloce nel sacchetto di carta.

"Scusi, ma quelle sono papere" avanzo.
Momento di disagio. Rossore.
"Comunque va bene lo stesso" aggiungo.
Sollievo nel volto della commessa. Uscendo mi chiedo se mai avrà visto una
biova in vita sua, quella ragazza.
In rosticceria, almeno, se chiedo la mortadella sanno cosa darmi: mi faccio
il panino e mangio.

Passeggiando raggiungo il campo a sette della parrocchia dove sono
cresciuto, tra polvere, buche, calzoncini corti e palloni duri da farsi male
solo a guardarli. Rimango stupito. Una simile perfezione non l¹avevo mai
vista: erba sintetica bassa bassa, illuminazione che sembra giorno, reti
immacolate e strisce perfette. Penso che su quel campo un pallone lo
stopperebbe anche mia nonna, buonanima. E i ragazzini che stanno giocando,
che dire di loro: movenze indotte da scuola calcio, pettorine tutte uguali,
parastinchi. E, soprattutto, almeno venti palloni: venti palloni che se
qualcuno tira e il pallone scavalca la rete si continua a giocare lo stesso,
invece di sospendere e andare fin giù nel corso a guardare sotto le macchine
o nei giardini.

Intanto sono le sette di sera e a Febbraio alle sette di sera la tramontana
è pungente. Per cui decido di rientrare a casa. Arrivato al portone, mi
accorgo di avere dimenticato le chiavi in ingresso. Non c¹è problema,
Francesca sarà sicuramente già rientrata dalla riunione. Faccio per suonare
e mi blocco: davanti non ho un semplice citofono, ma un complicatissimo
citofono nuovo nuovo, che io, avendo sempre aperto con le chiavi, non ho mai
utilizzato prima. Ora però devo capire come funziona e mi sento come mio
padre la prima volta che ha dovuto usare il registratore di cassa sul banco
del mercato: un bambino in preda ad un¹equazione di cui non vede il
risultato finale, perché non sa nemmeno da dove incominciare. Allora:
comporre il numero a quattro cifre corrispondente al cognome desiderato e
poi premere il pulsante campanello entro 10 secondi. Oppure usare i pulsanti
con le frecce per cercare il cognome desiderato e premere il pulsante
campanello.

Dunque: il primo problema è individuare in quale colonna del citofono stia
il mio cognome e, in un complesso di quaranta appartamenti, comunque, non è
impresa facile. Individuato. Ecco: numero 3336. Dunque: tre _ tre - tre -
sei e adesso dove cazzo è il simbolo campanello che c¹ho solo 10 secondi e
poi mi si annulla tutto, qua non c¹è, forse è in fondo, eccolo, è lui, ora
lo schiaccio e tutto è finito e maledizione a me se mi dimentico ancora le
chiavi in ingresso. Schiacciato. Nei quindici secondi che passano tra la
pressione sul pulsante campanello e il momento in cui la voce di Francesca
chiede "chi è?" il silenzio è assoluto, i dubbi sono invadenti: avrò seguito
la giusta procedura? Come mai quando ho schiacciato il pulsante campanello
non ho sentito il suono? Il fatto di non aver sentito il suono vorrà forse
dire che in realtà non ho suonato? Dovrò rifare tutta l¹operazione? O forse,
semplicemente, il citofono ha suonato ma in casa non c¹è ancora nessuno,
Francesca deve ancora rientrare dalla riunione? Insomma: quindici secondi di
baratro, mai passati così lentamente. Poi, eccola, la voce mai tanto
desiderata di Francesca. "Sono io, ho dimenticato le chiavi, mi apri?".
Apre.

Finalmente dentro.
Entro a casa e bacio Francesca come un profugo salvato dal mare in tempesta.
Francesca prima mi tranquillizza, poi mi dice che ha affittato Minority
Report di Spielberg in DVD.
"Bene" le dico "mangiamo due spaghetti aglio olio e peperoncino e poi ce lo
guardiamo".
"Ma no, dai, ordiniamo due pizze dal Pizza Point e ce le mangiamo guardando
il film".
"Va bene", accetto con una punta di rassegnazione.

L¹inizio del film è interessante, con quegli strani colori, quelle immagini
in sequenza e quella tecnologia futurista, anche se per almeno venti minuti
di film non ci capisco niente e sto a guardare con lo stesso approccio con
cui da bambino guardavo le figure colorate delle storie di Paperino quando
ancora non sapevo leggere i fumetti.

Suonano alla porta: è il garzone del Pizza Point con le pizze che avevamo
ordinato mezz¹ora prima. Mi chiedo come abbia fatto quel garzone a superare
l¹ostacolo portone-citofono, mi rispondo che di sicuro avrà incrociato
qualcuno che usciva. E lo invidio profondamente per quel suo colpo di
fortuna.
"Grazie, quanto devo?"
"Sono ventitre euro".
"Ecco venticinque euro, tenga pure il resto".

Vado in salotto con le pizze e dico a Francesca se non le sembrano troppi
ventitre euro per una pizza alle melanzane e una prosciutto e funghi. Mi fa
un cenno con la mano come per dirmi di tacere che nel film è in corso
un'importante conversazione tra il protagonista e un uomo senza occhi. Non
insisto oltre e mangio. La pizza è quasi fredda e a ogni boccone che mastico
e ingoio penso a quanti alka seltzer dovrò prendere per digerirlo. Il film è
avvincente, anche se ogni dieci minuti devo chiedere spiegazione a Francesca
del perché stia succedendo quel che sta succedendo.

Gergio
03-02-2005, 18.47.30
[segue]


Poi, all¹improvviso, l¹inconveniente: l¹immagine, dopo essersi frammentata,
si blocca. Francesca mi dice che sarà da pulire il DVD. Lo faccio, con cura.
Poi lo reinserisco: menu principale, selezione lingua, italiano dolby 5,
sottotitoli off, selezione scene. Mai avrei pensato che un film avesse così
tante scene. Seleziono le scene una a una fino a che Francesca mi dice ecco
è quella. Play. E¹ la scena più lunga del film e dovremmo rivederci quindici
minuti di film per arrivare al punto in cui il DVD si è bloccato.
"Vai avanti", mi dice Francesca. Premo il pulsante con le due freccette
sulla destra e poi lo premo ancora e la situazione si fa incontrollabile: il
film va avanti in modo selvaggio che non so più come fermarlo e Francesca
che mi dice che fai dovevi fermarlo prima, queste scene che passano non le
abbiamo ancora viste e io penso ha un bel dire, questa, come cazzo si ferma
'sta locomotiva, ho solo schiacciato qualche volta il pulsante con le due
frecce sulla destra, e non credevo così tante.

Rimango in uno stato di totale impotenza, tanto che Francesca se ne accorge,
mi strappa il telecomando di mano e prende lei il controllo della
situazione. Finalmente, dopo dieci minuti, il film riprende più o meno da
dove l¹avevamo lasciato. Il film è finito, il cattivo si è ammazzato, il
buono ricomincia la sua vita, i tre gemelli invece di essere rinchiusi
dentro una vasca con gli elettrodi in testa ora sono restituiti ad una vita
normale, loro tre soli, in un cottage completamente isolato in mezzo a una
campagna dimenticata da dio, che d¹inverno ci vorrà almeno un gatto delle
nevi per muoversi e scendere nel paese più vicino a prendere il latte. Ma
comunque, il film ci dice, loro ora sono felici.
Bene: contenti loro, contenti tutti.

Mentre andiamo a letto, come un fulmine a ciel sereno, arriva la
domanda-affermazione di Francesca che temo di più: "domani è Sabato, che ne
dici di andare all¹ipercoop a fare la spesa, che intanto compro qualcosa
anche al centro commerciale?"
Colpito profondamente, in uno stato di amorevole rassegnazione, scelgo
l¹arma del silenzio-assenso.
E già mi viene l¹agitazione.

L¹agitazione per quello che mi spetterà l¹indomani: quel fare la coda per
entrare nel parcheggio, quel vagare confuso tra scaffali e scaffali, dove se
cerchi il sale da cucina è sempre dove meno te l¹aspetti e se chiedi al
commesso dov¹è questo ti indica una zona indefinita tra lo scatolame e
l¹abbigliamento donna, praticamente trecentocinquanta metri quadri da
setacciare con le vecchiette che ti scontrano il carrello e i bambini che ti
sbucano all¹improvviso all¹incrocio tra il settore pasta e il settore
prodotti per l¹igiene della casa, che ti conviene fare un¹assicurazione
quando vieni in questi posti maledetti.

L¹agitazione per la scelta di quanti sacchetti mettere sul rullo della cassa
per poi sistemarci la roba comperata, che se ne prendi qualcuno di meno e la
cassiera ha già chiuso il tuo conto devi aspettare almeno venti minuti prima
che chiuda il conto di una famiglia di cinque persone con due figli obesi e
una nonna che passa tutta la sua giornata in cucina.

L¹agitazione per la ricerca del 2° livello sezione 5 (o era 8?, speriamo di
ricordare bene) del garage dove hai posteggiato la macchina che ti sembra di
cadere in un incubo tipo Fuga da New York e che ti chiedi se mai riuscirai
ad uscirne, che quasi ti viene voglia di pregare dopo avere bestemmiato come
un animale in preda a tutto quello che hai sopportato in quel sabato mattina
al centro commerciale con l¹odore di fritto e di cibo precotto e i neon e le
insegne colorate e gli annunci all¹altoparlante, mentre fuori c¹era un sole
che si poteva andare a fare due passi sul lungomare e fermarsi a prendere un
Carpano seduti ai tavolini all¹aperto che se anche è Febbraio la tramontana
ha smesso e la temperatura è quasi primaverile, che rimpiangi quando tua
madre ti mandava a prendere le fettine di carne dal macellaio e poi te le
impanava e le mangiavi belle fresche appena tagliate o quando tua nonna ti
mandava dal consorzio sotto casa a prendere quattro rotoli di carta igienica
che ti duravano quello che ti duravano e poi scendevi di nuovo a comperarla
quando te ne serviva dell¹altra, senza dover fare un piano di
immagazzinaggio scorte, con due pacchi da venti rotoli di carta igienica, 3
pacchi da 4 rotoli di scottex e tre ricambi per ogni prodotto (per la
pulizia del bagno, della cucina, per sciogliere le macchie, per lavare a
quaranta gradi, per i capi resistenti, per quelli colorati, per ammorbidire,
per lavare i vetri e poi shampoo, doccia schiuma, balsamo, dentifricio,
spazzolino, glassex, ammoniaca, amuchina, alcool, ecc.), tutti da stipare in
una dispensa dove per cercare qualcosa devi avere doti da contorsionista,
tanta roba c¹è.

Mi viene l¹agitazione, dicevo, per quella prova durissima a cui Francesca mi
sottoporrà l¹indomani, in quegli spazi così freddi, grassi, anonimi e
dispersivi. Siccome non riesco ad addormentarmi, mi alzo dal letto.
"Cos¹hai?" mi chiede Francesca ormai mezza addormentata.
"Niente, continua a dormire", le dico.

Vado in salotto.
Accendo la televisione e scopro nuovamente che telegiornali, dibattiti,
approfondimenti, veline, quiz e chissà che altro non mi dicono qualcosa.
Apro il giornale e mi accorgo che notizie, articoli di fondo, interviste,
titoli non mi parlano di qualcosa.
Mi accendo una sigaretta ma è troppo tardi per scendere in strada a
passeggiare. Perché spesso passeggiare mi aiuta a pensare. E in questo
momento ho bisogno di riflettere su cosa mi stanno nascondendo.

Siccome non posso uscire, spengo la televisione, chiudo il giornale e
ascolto in cuffia l¹adagietto della quinta di Mahler. E¹ una musica che
sembra arrivare da un posto lontano, ma che in realtà ti arriva da dentro e
dentro ti ritorna.
Una musica che sembra portare profumi e atteggiamenti lontani, ma che in
realtà hai sempre avuto con te.
Una musica che sembra riportarti sensazioni che credevi perdute, ma che in
realtà non ti hanno mai lasciato.
Una musica che ti fa sorridere, tirando l¹ennesima boccata di fumo.
Una musica che lentamente ti spiega che non hai bisogno di pensare, ma che
hai bisogno di sentire.
Una musica che ti fa riprovare qualcosa che nemmeno ricordavi di avere
provato tanto tempo prima.

Una musica che non ti nasconde più niente, mentre ti vedi accendere il PX e
sentire il profumo dell¹olio bruciato, andare a comprare due biove dal
panificio con la commessa che sa cosa darti, le fettine dal macellaio, la
carta igienica dal consorzio, scambiando due chiacchiere con tutti senza
l¹odore di fritto e di cibo precotto, senza i neon e le insegne colorate e
gli annunci all¹altoparlante.
Una musica che ti dice quello che non ti dicono tutti quei telegiornali
dibattiti approfondimenti veline quiz notizie articoli di fondo interviste
titoli.

Una musica che è solo tua, che è sempre stata tua, che hai respirato e che
ti ha fatto respirare, che respiri e che ti fa respirare.
Una musica che, adesso ne sei certo, niente e nessuno, in questi giorni così
freddi grassi anonimi e dispersivi, potrà mai nascondere e cambiare.

exion
03-02-2005, 20.10.15
mi sembra parecchio apocrifo questo messaggio :D

Nell'era della comunicazione globale uno studentello represso di scienze politiche a Bologna scrive un testo credendo di aver scritto la bibbia dei tempi moderni, la spara in giro firmandosi Paolo Rossi (e chissà forse si chiama davvero così) e crede di aver reso migliore il mondo. Bah! :D :p :D :p :D :p :D :p :D

exion
03-02-2005, 20.21.45
Originariamente inviato da gergio
.....



******************
QUALCOSA
di Andrea Verdiani
******************
....

Ah ciccio! Hai voluto vivere in città? Adesso pedala! :D
(mi riferisco ovviamente a Verdiani, non a te, Gergio ;))

E' solo una questione di scelte. Dove vivo io ci sono solo montagne, poche case vecchie, tante gente onesta e aperta, un fiume che scorre tranquillo, i boschi e l'aria pulita.

Niente pani strani, niente erba sintetica, niente citofoni, neanche vecchi, niente pizza point, niente ipercoop.

E' solo una questione di scelta. Alla fine quanti sono disposti veramente a rinunciare a tutti i vantaggi della città, per tornare al modello di vita "biove e carta igienica del consorzio"?

Capisco la malinconia, ma se il mondo moderno è davvero tutta 'sta sofferenza, basta fare le valigie e trasferirsi altrove. Gli spazi ci sono ancora, e sono tanti. Bisogna però anche avere il coraggio di rinunciare a tante piccole sicurezze.

infinitopiuuno
03-02-2005, 20.24.36
Originariamente inviato da exion


Ah ciccio! Hai voluto vivere in città? Adesso pedala! :D


E' solo una questione di scelte. Dove vivo io ci sono solo montagne, poche case vecchie, tante gente onesta e aperta, un fiume che scorre tranquillo, i boschi e l'aria pulita.



Scelta difficile per l'autista di autobus e tram in Milano o per gli operai della Fiat di Torino o l'Alfa di Arese.

Scelta cmq difficile in ogni caso;)

infinitopiuuno
03-02-2005, 20.29.56
Originariamente inviato da exion
mi sembra parecchio apocrifo questo messaggio :D

Nell'era della comunicazione globale uno studentello represso di scienze politiche a Bologna scrive un testo credendo di aver scritto la bibbia dei tempi moderni, la spara in giro firmandosi Paolo Rossi (e chissà forse si chiama davvero così) e crede di aver reso migliore il mondo. Bah!

:eek: :eek: :eek: Dici che non è paolo Rossi che l'ha scritto?:confused:

exion
03-02-2005, 20.57.23
Originariamente inviato da infinitopiuuno


:eek: :eek: :eek: Dici che non è paolo Rossi che l'ha scritto?:confused:

io conosco due Paolo Rossi: uno è quello cabarettistico-confidenziale di "Ad Hammamet" o di "Abdul, riserva giù nel Gabul", e un altro è quello più "aulico-sperimental-teatrale" di "Romeo e Giulietta" o il più recente e censurato "Stasera si recita molière".

Nel primo caso erano sketch scritti da Paolo Rossi in parte e da quel gruppo di autori milanesi che gravitano intorno a Gino & Michele, ed è uno stile riconoscibilissimo che più riconoscibile non si può.

Nel secondo caso sono spettacoli scritti principalmente da Paolo Rossi stesso, con la collaborazione di Stefano Benni, Riccardo Piferi e Carlo Gabardini. Sono meno riconoscibili nello stile, ma comunque come caratteristica hanno il calembour gioioso, l'interazione col pubblico e una tendenza palese alla divagazione onirico-paradossale. Sono comunque testi leggeri, e che se criticano qualcosa o qualcuno procedono per analogia e per allusione, non certo con "attacchi frontali".

Quindi nel testo riportato in questo thread non ci riconosco neanche lontanamente lo stile di Paolo Rossi. Sembra appunto più Beppe Grillo, ma un Beppe Grillo dei poveri... :devil:

Però magari mi sbaglio, e dopo l'ultima incazzatura con la Rai magari Paolo Rossi si è rabbuiato e intristito. Chi lo sa...

Gergio
03-02-2005, 21.13.20
e lui?

clicca (http://www.planetworldcup.com/LEGENDS/rossi.jpg)

exion
03-02-2005, 21.14.59
Originariamente inviato da gergio
e lui?

clicca (http://www.planetworldcup.com/LEGENDS/rossi.jpg)

E lui è inimitabile :)

exion
04-02-2005, 02.59.00
Il mondo della comunicazione globale è anche il mondo in cui un ragazzino di 15 anni diventa contemporaneamente un'icona mondiale e un paziente psichiatrico.

http://www.just2good.co.uk/images/jpg/ghyslain.jpg

http://www.wired.com/news/culture/0,1284,59757,00.html

Probabilmente genitori e avvocati stanno esagerando la cosa pe rtrarne il massimo profitto.
Ma certo la posizione di chi è, al tempo stesso, famoso mondialmente e mondialmente deriso, per colpa di uno scherzo, non deve essere affatto facile.