PDA

Visualizza versione completa : palio di Siena


afterhours
02-07-2004, 20.43.13
ciao,cosa ne pensate di questa manifestazione??

la sto seguendo proprio ora su Rai1 ... spero tanto che nessun cavallo e nessun fantino si facciano male come purtroppo e' capitato nelle altre edizioni...

handyman
02-07-2004, 20.49.37
Ha appena vinto il cavallo della giraffa dopo una dura lotta con il bruco.

Trinity
02-07-2004, 22.59.08
:crying: Non sono riuscita a vederlo!!! bella la tradizione,ma ogni volta soffro per i cavalli.

afterhours
02-07-2004, 23.13.57
stavolta x i cavalli sembra andato tutto liscio... sono caduti i 2 fantini in testa ed alla fine il cavallo scosso della giraffa ha avuto la meglio x pochissimo sul cavallo scosso del bruco (poverino..era rimasto in testa x tutta la gara)


le scene di delirio dei contradaioli vincitori mi fanno morire :p :D solo chi abita a Siena (citta' che personalmente reputo assolutamente magnifica...)
e vive quella realta' dall'interno penso possa raccontare cosa si prova durante questa manifestazione

Cricchia
02-07-2004, 23.23.00
Io farei correre i cavalli sopra i fantini... e vediamo come va!

Magari è più divertente non vedere animali che per l'ennesima manifestazione devono soffrire (tipo la corrida! che schifo :grrr: )

Brunok
03-07-2004, 00.41.57
Originariamente inviato da Trinity
:crying: Non sono riuscita a vederlo!!! bella la tradizione,ma ogni volta soffro per i cavalli.

Idem ;)

ma non era in Agosto??? :confused:

Brunok
03-07-2004, 00.42.22
Originariamente inviato da Cricchia
Io farei correre i cavalli sopra i fantini... e vediamo come va!

Magari è più divertente non vedere animali che per l'ennesima manifestazione devono soffrire (tipo la corrida! che schifo :grrr: )

(Y) (Y) (Y)

afterhours
03-07-2004, 01.15.16
Originariamente inviato da Brunok


Idem ;)

ma non era in Agosto??? :confused:


uno si corre a Luglio ed uno ad Agosto


ciao Bruno (B)

handyman
03-07-2004, 01.34.20
Ma è vero che i cavalli vengono dopati ufficialmente? :rolleyes:

Cricchia
03-07-2004, 01.36.27
'uh signur! ci mancava solo questa! ma siamo proprio così stupidi noi "umani"?!?!?

Poveri animali! :(

Puppauz
03-07-2004, 02.33.57
Originariamente inviato da handyman
Ma è vero che i cavalli vengono dopati ufficialmente? :rolleyes: Non penso proprio... Ci sono un paio di commissioni veterinarie che tengono costantemente sotto controllo i cavalli.
Il Palio di quest'anno é stato fulmineo...
1 uscita e rientro dal canape e poi subito la partenza buona...
:)

skizzo
03-07-2004, 11.39.51
A me ha fatto schifo...non l'avevo mai visto ma mi ha lasciato una bruttissima sensazione di disagio e paura...
Boh?!

afterhours
18-08-2004, 02.04.32
Siena,polemica per morte cavallo
Scende in campo il Comune di Roma

La morte del cavallo Amoroso della contrada del Bruco durante il palio di Siena ha aperto le polemiche. Sull'episodio è stata aperta un'inchiesta. Mentre, Monica Cirinnà, vicepresidente vicario del comune di Roma con delega ai diritti degli animali, ha detto che chiederà al sindaco Veltroni di valutare se sospendere i rapporti con il Monte dei Paschi di Siena, sostenitore dell'evento, finché non ci saranno garanzie per gli animali che partecipano al Palio.

"Una città come Roma, ha detto Cirinnà, che da oltre dieci anni si distingue per la difesa dei diritti degli animali, non puo' avere rapporti con chi, seppur indirettamente, sostiene un evento dove la spettacolarità è direttamente legata al rischio di vita degli animali". Secondo Cirinnà, che si assocerà alla denuncia per maltrattamenti di animali presentata dalla Lav, "nonostante da anni le associazioni animaliste chiedano che il Palio adotti regole per la sicurezza e l'incolumità dei cavalli, continuiamo ad assistere a spettacoli violenti e brutali dove gli animali vengono sfruttati e rischiano la loro vita per il divertimento delle contrade della città. Basterebbero poche norme per non far perdere alla corsa il brivido del rischio e soprattutto, per non far perdere la vita ai cavalli".

Il responsabile Lega anti vivisezione (Lav) settore Palii e feste con animali Mauro Bottigelli ha chiesto il sequestro di Amoroso e degli altri quattro cavalli "che risulterebbero feriti" in seguito agli incidenti avvenuti durante la corsa in piazza del Campo.

Anche la senatrice Ds Chiara Acciarini, responsabile del "Gruppo vita animale" di Sinistra ecologista, è intervenuta sul caso: "Purtroppo anche quest' anno il Palio si conclude con la morte di un cavallo". "Come Gruppo vita animale di Sinistra ecologista, prosegue, nel ribadire il nostro allarme e la nostra preoccupazione circa le modalità con cui si svolge la manifestazione, ci chiediamo se in questi ultimi anni non sia pericolosamente diminuita l' attenzione nei confronti delle misure da adottare per limitare incidenti cruenti come quello di ieri: selezione dei cavalli, norme anti-doping, protezione dei punti piu' pericolosi della pista". "Inoltre, sottolinea la senatrice, ciò avviene pochi giorni dopo l'entrata in vigore della legge sul maltrattamento degli animali, che richiede un' apposita delibera regionale per effettuare manifestazioni religiose o storiche che comportino l' impiego di animali".

Lo stesso sindaco di Siena, Maurizio Cenni, molto dispiaciuto per l'incidente a un cavallo esperto, ha sottolineato la "non corretta impostazione della traiettoria della curva. Infatti il cavallo non ha riportato alcuna lesione agli arti", ma è morto per trauma cranico.

Con la morte del baio del Bruco salgono a quattro i decessi di cavalli in seguito a incidenti nella competizione senese negli ultimi cinque anni.

Fëanor
18-08-2004, 02.10.48
l'ho anche visto dal vivo.
uno spettacolo rivoltante.

Paco
18-08-2004, 08.56.17
Io ho visto la foto sul giornale e mi si è raggelato il sangue. :(

Dinfra
18-08-2004, 10.20.52
Seguo molto il Palio, ma come ambientalista non posso pensare che i cavalli rischino così tanto di ferirsi o morire, mi rendo conto che intorno ad una manifestazione del genere girino parecchi soldi e che sia una tradizione, ma ci sarà un modo per garantire l'incolumità dei cavalli, quello che è successo al cavallo Amoroso mi ha colpito molto, spero che prenderanno dei provvedimenti.

:(

Doomboy
18-08-2004, 11.34.32
Originariamente inviato da Fëanor
l'ho anche visto dal vivo.
uno spettacolo rivoltante.

Lasciamo perdere.

Sono contrarissimo, così come alle corride.

Due spettacoli di massacro gratuito di animali che hanno avuto la sfortuna di nascere nel posto sbagliato.

Un giorno la natura metterà un punto a queste barbarie :rolleyes:

Paco
18-08-2004, 11.53.58
Originariamente inviato da Dinfra
Seguo molto il Palio, ma come ambientalista non posso pensare che i cavalli rischino così tanto di ferirsi o morire, mi rendo conto che intorno ad una manifestazione del genere girino parecchi soldi e che sia una tradizione, ma ci sarà un modo per garantire l'incolumità dei cavalli, quello che è successo al cavallo Amoroso mi ha colpito molto, spero che prenderanno dei provvedimenti.

:(

Naturalmente le contrade cercano in tutti i modi di far rischiare il meno possibile il loro cavallo e il fantino, anzi un senese (tra l'altro proprio del bruco) mi disse che tengono più al cavallo del fantino. La morte di quel cavallo è un lutto enorme per la città e per chi ama il palio.

Un (F) per quel cavallo sperando che abbia sofferto il meno possibile.

Doomboy
18-08-2004, 11.55.13
Originariamente inviato da Paco


Naturalmente le contrade cercano in tutti i modi di far rischiare il meno possibile il loro cavallo e il fantino, anzi un senese (tra l'altro proprio del bruco) mi disse che tengono più al cavallo del fantino. La morte di quel cavallo è un lutto enorme per la città e per chi ama il palio.

Un (F) per quel cavallo sperando che abbia sofferto il meno possibile.

Non so se credere a questa cosa...farei le analisi del sangue a quei poveri cavalli prima di esserne sicuro.

(Opinione personale)

Paco
18-08-2004, 12.03.18
Originariamente inviato da Doomboy


Non so se credere a questa cosa...farei le analisi del sangue a quei poveri cavalli prima di esserne sicuro.

(Opinione personale)

Anche questo è vero, proprio fra due settimane dovrei incontrare un gruppo di senesi del bruco, ma sarà dura sapere la verità!

dave4mame
18-08-2004, 12.48.48
avete sentito le dichiarazioni del simpatico sindaco di siena?
solo a me è venuta voglia di sodomizzarlo con una coppia di speroni arrugginiti?

Doomboy
18-08-2004, 12.52.42
Originariamente inviato da dave4mame
avete sentito le dichiarazioni del simpatico sindaco di siena?
solo a me è venuta voglia di sodomizzarlo con una coppia di speroni arrugginiti?

Quella in cui dice che tengono più ai cavalli che ai fantini?!? :D

Marco Redaelli
18-08-2004, 13.08.18
quello ke mi fa veramente rabbia è ke x un cavallo ke muore si solleva un'ondata di lamentele contro il palio.

pensano ai cavalli, e al fantino (che è caduto insieme al cavallo) chi ci pensa??? se moriva il fantino non era peggio?

in fondo il cavallo, pur con tutti i "diritti" acquisiti, rimane sempre un animale.

rendiamocene conto!

Paco
18-08-2004, 13.16.52
Originariamente inviato da Marco Redaelli
[...]

in fondo il cavallo, pur con tutti i "diritti" acquisiti, rimane sempre un animale.

rendiamocene conto!

Ti sentisse quel cavallo.

Marco Redaelli
18-08-2004, 13.19.45
vabbè, Ok. dispiace.

xò se la vediamo nell'ottica che poteva rimanerci il fantino anzichè il cavallo...

Doomboy
18-08-2004, 13.21.36
Marco, il fantino SCEGLIE di correre il Palio, il cavallo NO!

Ci hai pensato? ;)

Paco
18-08-2004, 13.24.13
Originariamente inviato da Marco Redaelli
vabbè, Ok. dispiace.

xò se la vediamo nell'ottica che poteva rimanerci il fantino anzichè il cavallo...

Mi dispiace lo stesso, ovviamente mi fa più arrabbiare quando succede al cavallo perchè come ha detto Doomboy non ha scelto di correre.

dave4mame
18-08-2004, 13.44.19
beh, il fantino ha scelto di correre.
il cavallo ci è stato costretto...


poi perfettamente d'accordo che ci scandalizziamo solo perchè ce l'hanno fatto vedere "alla tv".

ma tanto è lo stesso anche per i cristiani...

Eccomi
18-08-2004, 18.10.26
Il Palio, così com'è, è un retaggio barbarico e va abolito. :o
La tradizione? Corressero a piedi... ;)

einemass
18-08-2004, 18.22.21
allora
sono completamente daccordo con chi dice che il palio e la corrida (ancora peggio) siano espressione barbare e rivoltanti, però.....
non le abolirei MAI... ormai fanno parte della cultura di un paese, sbagliata senza dubbio, ma ci si doveva pensare prima, se togliete il palio a siena o la corrida a madrid, ammazzate una città, un popolo , una cultura.
ripeto, nn vorrei passare per cattivo, adoro gli animali, sono contrario anche io a questa barbarie ma credo sia troppo tardi per porvi rimedio, ce la dobbiamo tenere e basta. E poi nn esageriamo, per il palio ci sono 10mila controlli, hanno perfino costruito un clone di piazza del campo per far abituare i cavalli alla difficile curva di san martino. I cavalli sono morti pure a tordivalle e agnano e nessuno ha mai detto niente, se poi vogliamo abolire in toto l'uso degli animali allora vabbè ditelo...
tra l'altro nn sarei neanche tanto contrario :) però ripeto , tradizione e cultura pur se sbagliate vanno conservate
ciao
einemass

Doomboy
18-08-2004, 18.25.53
Einemass... e allora continuiamo a vedere donne col Burka (non so come si scrive, spero si capisca cosa intendo), massacri di animali innocenti, e tante altre pratiche da "medio evo"!

Ci si può e ci si deve EVOLVERE.... Sai che nel medioevo i mancini li bruciavano sul rogo perchè erano "figli del demonio" ?

Bè allora mi avrebbero dovuto dare fuoco 26 anni fà... :rolleyes:

Eccomi
18-08-2004, 18.27.25
Originariamente inviato da einemass
tradizione e cultura pur se sbagliate vanno conservate


Allora non lamentiamoci di burka e sharia... :rolleyes:

Doomboy
18-08-2004, 18.29.10
Originariamente inviato da Eccomi


Allora non lamentiamoci di burka e sharia... :rolleyes:

Ehm... l'ho già detto io... ;)

einemass
18-08-2004, 18.57.16
ehmm.... einemass tutto minuscolo ggrazie :D

comunque
mi rendo conto che il mio discorso è un pò esagerato e integralista forse, cmq continuando a me nn piace l'ipocrisia che nasce in queste situazioni
non si può vietare il palio e non la caccia
tanto per dirne una... quindi noi culturalmente, magari involontariamente pure, ce ne strafottiamo degli animali evidentemente quindi o si lascia tutto com'è o si cambia tutto. ma tutto proprio.
Per quanto riguarda il burka di cui parlavate, io penso che sia espressione di una differente cultura, quindi per quanto mi riguarda nn sono fatti miei , se nn si lamentano loro nn vedo perchè dovremmo farlo noi. Quando esisterà una prganizzazione universalmente riconosciuta dai governi , per i diritti umani etc... allora si dovrà intervenire per forza per evitare cose come il burka, l'infibulazione ed altro. Per ora più che dispiacermene nn posso fare altro.
that's all per ora :D
ciao
einemass

Doomboy
18-08-2004, 19.02.39
Non so einemass (tutto miniscolo, ok!), sembra che ripudi il progresso... non parlo di tecnologia, ma di mente ;)

einemass
18-08-2004, 19.27.39
in effetti sembra così ma nn lo è , io ripudio (anche se il verbo mi sembra esagerato) il progresso forzato. Non è il caso dell'argomento di questo post, ma molte cose sono state cambiate in peggio solo in nome del progresso, ben venga il progresso ma con cognizione di causa e non che venga accettato solo perchè è progresso. Che sia tecnologico culturale o altro.

ciao
einemass

davlak
18-08-2004, 19.28.36
io non ammazzo nemmeno zanzare e scarafaggi, ho parecchi gatti a cui presto le mie cure e che nutro (qui sul forum c'è chi può testimoniare).
eppure rispetto le tradizioni...tra le nostre c'è il Palio, la festa dei serpari (che forse è poco conosciuta)

http://angolohermes.interfree.it/Cocullo/serpi.jpg


e tante altre...e sinceramente non capisco perchè e in nome di cosa dovremmo abolirle.
non sono contrario nemmeno alla caccia, e non per questo credo di non avere rispetto per gli animali.
anzi a dire il vero tra le persone che hanno veramente rispetto per gli animali, annovero molti cacciatori.

Doomboy
18-08-2004, 19.31.22
Bè, non è che solo perchè una tradizione c'è sempre stata, quest'ultima deve essere giusta per forza, no?

La caccia a fini sportivi non la condivido, così come la pesca. Idem corride e co.

Il discorso è lungo ed intricato, io stò per andare via dall'ufficio, ho il frigo vuoto e poco tempo per fare la spesa, riprendo il discorso domattina al più tardi :)

Daniela
18-08-2004, 19.34.55
Originariamente inviato da davlak

non sono contrario nemmeno alla caccia, e non per questo credo di non avere rispetto per gli animali.
anzi a dire il vero tra le persone che hanno veramente rispetto per gli animali, annovero molti cacciatori.


... mi sento che sta arrivando Eccomi, e mò so guai per te! :p

Paco
18-08-2004, 20.16.49
Originariamente inviato da Daniela



... mi sento che sta arrivando Eccomi, e mò so guai per te! :p

Anche Eccomi sta affilando

http://www.celticworld.it/img/divinazione/druido.jpg

:D

Eccomi
18-08-2004, 20.20.39
Eccomi...;) Con tutto il rispetto, dav... Non credo alla tua ultima affermazione. Ma non vado oltre... Ad ognuno le sue opinioni. :o

x Doom: Lo vedo, che lo avevi detto anche tu... :rolleyes:
Ma già in passato ho confessato di essere una lumaca, sulla tastiera... Perciò tu hai postato mentre io scrivevo...;) :crying:

davlak
18-08-2004, 20.44.52
Originariamente inviato da Doomboy
Bè, non è che solo perchè una tradizione c'è sempre stata, quest'ultima deve essere giusta per forza, no?

La caccia a fini sportivi non la condivido, così come la pesca. Idem corride e co.

Il discorso è lungo ed intricato, io stò per andare via dall'ufficio, ho il frigo vuoto e poco tempo per fare la spesa, riprendo il discorso domattina al più tardi :)
analizziamo le azioni che stai per compiere:

1) metti in moto la macchina, dotata di motore a scoppio per alimentare il quale avvengono spesso piccoli disastri tipo questo:
http://www.repubblica.it/online/esteri/galizia/disastro/ansa0033eb91cxw200h308c00.jpg
e credo che quella costa, una delle tante, fosse da un punto di vista faunistico decisamente popolata.
Quanto animali sono morti in quel disastro?

2) ti recherai al supermercato, probabilmente comprerai della carne o del pesce, tra le altre cose.
tutte creature di dio che avrebbero probalilmente preferito morire di morte naturale, ove è contemplata anche l'aggressione da parte di un pesce più grosso o di un altro animale.

3) alla cassa ci sarà una fila non indifferente e osserverai impaziente il tuo orologio, con tutta probabilità montato su un cinturino di pelle...

4) ti allontenarai consumando sul marciapiede rovente il cuoio naturale delle tue calzature.

5) a casa accenderai il condizionatore, riempirai il frigo, accenderai la luce...tutte azioni che comportano indirettamente la morte infelice di altre creature di Dio e non sol animali, per asfissia, per ingestione di veleni in forma gassosa o liquida, per disboscamento e depauperamento della flora e turbamento dell'equilibrio ecologico.


etc...etc...etc...

Detto questo, aggiungo che un cavallo che muore durante un palio intristisce anche me, ma non mi scandalizza di certo.
Pensiamo piuttosto a salvare prima i milioni di animali che sterminiamo indirettamente con i nostri inutili ridondanti ridicoli consumi cominciando dagli idioti cellulari che fanno foto, filmati, acconciature e caffè.



Tornando alla caccia, naturalmente non sono un fautore della caccia indiscriminata e nemmeno della pesca...inoltre sono fortemente convinto che un cacciatore o un pescatore si debbano nutrire delle loro prede, o farne dono ad altri affinchè
se ne nutrano.
Sono altresì convinto che se chiedessimo a un toro se preferisce morire in un macello o nel corso di una corrida sceglierebbe la seconda soluzione.

Per quanto riguarda la mia ultima affermazione citata da Eccomi: probabilmente non hai avuto mai davvero a che fare con dei veri cacciatori, da non confondersi con gli sbruffoni esaltati che vanno a caccia per il puro gusto di uccidere e farsi fotografare col lauto bottino...e poi magari le prede le buttano pure.

Puppauz
18-08-2004, 20.48.20
Originariamente inviato da Doomboy
Sono contrarissimo, così come alle corride.

Due spettacoli di massacro gratuito di animali che hanno avuto la sfortuna di nascere nel posto sbagliato. Non concordo assolutamente con queste affermazioni...
Stai mettendo sullo stesso piano il Palio alla Corrida, un paragone orrendo...
La Corrida é uno spettacolo che ha il fine di ammazzare il toro, il Palio ha il solo obiettivo di fare spettacolo e continuare le tradizioni, non di ammazzare il cavallo.
Per evitare gli incidenti di questo tipo é già stato fatto tanto, evidentemente non abbastanza e si cercherà di fare sempre di più, ma quanto accaduto in questo ultimo Palio é stato puramente un caso, dovuto probabilmente all'impostazione sbagliata della curva.

Paco
18-08-2004, 21.35.12
Originariamente inviato da davlak

analizziamo le azioni che stai per compiere:

1) metti in moto la macchina, dotata di motore a scoppio per alimentare il quale avvengono spesso piccoli disastri tipo questo:
http://www.repubblica.it/online/esteri/galizia/disastro/ansa0033eb91cxw200h308c00.jpg
e credo che quella costa, una delle tante, fosse da un punto di vista faunistico decisamente popolata.
Quanto animali sono morti in quel disastro?

[..]

Tornando alla caccia, naturalmente non sono un fautore della caccia indiscriminata e nemmeno della pesca...inoltre sono fortemente convinto che un cacciatore o un pescatore si debbano nutrire delle loro prede, o farne dono ad altri affinchè
se ne nutrano.
Sono altresì convinto che se chiedessimo a un toro se preferisce morire in un macello o nel corso di una corrida sceglierebbe la seconda soluzione.

Per quanto riguarda la mia ultima affermazione citata da Eccomi: probabilmente non hai avuto mai davvero a che fare con dei veri cacciatori, da non confondersi con gli sbruffoni esaltati che vanno a caccia per il puro gusto di uccidere e farsi fotografare col lauto bottino...e poi magari le prede le buttano pure.

Non sono paraculo davlak, ma quoto in toto. ;)
Ho fatto un cut perchè era troppo lungo il post.

Io conosco un cacciatore e caccia cinghiali, può cacciarne nella stagione di caccia un numero limitato e non può andare oltre.

Poi ci sono i turisti che vanno a mangiare il cinghiale nei ristoranti della montagna dove giravano liberamente.

Dovremmo abolire tutto il sistema, dovremmo diventare tutti vegetariani. Penso sia una pretesa esagerata or ora. É qualcosa che non può essere imposta dall'alto.

Infine è ovvio che la caccia fine a se stessa sia stupida.

einemass
18-08-2004, 22.31.38
mi associo a davlak, ha espresso una parte del mio pensiero molto meglio di me ;)
ciao
einemass

afterhours
19-08-2004, 01.35.54
Morire al Palio per una legge che ha paura della tradizione

Una morte annunciata, quella del cavallo Amoroso, prevista e prevedibile, alla luce di quello che rischia di diventare una sorta di sacrificio annuale, in cui il versamento di sangue equino fa parte della ritualità. Quella del Palio di Siena è ormai una tradizione che prevede, secondo un copione scontato, la rabbia degli animalisti, l'intransigenza dei tradizionalisti e la pena impotente dei più. Le riflessioni amare nascono dal fatto che una recente legge, per molti aspetti benemerita, sul maltrattamento degli animali - e che ha visto un giusto inasprimento delle pene per comportamenti gravi come l'abbandono, purtroppo non diminuiti come riferiscono le cronache di questi giorni - contempli deroghe per feste e manifestazioni locali in cui si impieghino animali.

Cosa significa? Che il legislatore rinuncia a intervenire in talune aree protette, pensando che la tradizione sia una ragione tanto alta e importante da consentire condotte eticamente riprovevoli? O, più ipocritamente e prudentemente, che si attiene alla regola della non interferenza, ritenendo che le feste locali, in quanto fonti di guadagno, siano da gestire in base a sensibilità appunto "locali", senza alcun riferimento a criteri di carattere generale? In entrambi i casi, non si può che restare profondamente insoddisfatti. Il fatto che la tradizione senese preveda una corsa di cavalli lascia impregiudicata la questione di come essa debba essere condotta.

La tradizione non è un tiranno che imponga le sue leggi incondizionatamente. Si pensi alla problematica seria e importante che dobbiamo affrontare nella nostra società multietnica di fronte a costumi e a pratiche che non ci appartengono ma nei cui confronti sentiamo l'esigenza del rispetto e insieme dei limiti della tolleranza. Ma tale conflitto avviene anche all'interno della nostra cultura: oltre la dimensione interculturale esiste infatti una prospettiva intraculturale che riguarda la compatibilità fra tradizioni locali e legislazione nazionale o, se si vuole, il rapporto tra particolarismo e universalismo. È il problema rappresentato dalle deroghe previste dalla legge in questione. Può una tradizione locale, per quanto antica, contraddire sostanzialmente una legge che si ritiene valida per l'intera popolazione e che considera intollerabile ogni inflizione gratuita di sofferenza o ogni condotta che comporti un rischio serio di morte agli animali? In sostanza è come se si affermasse che la tradizione è un valore tale che dev'essere rispettato comunque e dovunque, costi quel che costi, sacrifici animali compresi. Ma siamo sicuri che è proprio questo che essa esige dai suoi fedeli?

Tradizione deriva dal latino tradere: è ciò che ci è stato tramandato, nel bene e nel male, e che noi custodiamo alla luce di quel che, nel frattempo, siamo divenuti. Essa implica, dunque, anche il cambiamento. E proprio qui risiede la difficoltà del rapporto ma anche la bellezza di una sfida. La nostra relazione col passato non può essere una semplice riproposizione: se così facessimo, tradiremmo il nostro procedere nel tempo che guarda non solo al passato ma, soprattutto, al futuro. La tradizione va ripensata, rivisitata criticamente, arricchita di tutte quelle conquiste che la nostra cultura e, in primo luogo la nostra etica sociale, hanno elaborato. Non per essere tradita ma mantenuta nella sua vitalità, in forme nuove in cui uomini e donne nuove possano, senza imbarazzo o vergogna, riconoscersi.

Certo molte tradizioni non resisteranno alla sfida della rivisitazione e moriranno: quante di esse sono scomparse senza rimpianto proprio perché incapaci di fare i conti con esigenze inedite che maturavano e valori nuovi che emergevano! Ma quelle che resistono al conflitto hanno una solidità sufficiente e una forza che consentono loro di mutare e, insieme, restare. Ritorniamo al caso del Palio. La sensibilità che, come collettività, abbiamo nel complesso acquisito nei confronti della questione animale, ci fa ormai considerare intollerabile ogni maltrattamento, specie nei casi di feste, cioè di occasioni in cui la gioia di tutti, umani e non umani, dovrebbe essere garantita. Molte feste popolari che prevedevano l'impiego crudele di animali - considerati veri e propri capri espiatori - sono state rivisitate mantenendone il "colore" ma escludendone la componente crudele divenuta inaccettabile. Si sono snaturate? No, sono trasmutate. È il caso, tra gli altri, della giostra del maialino di Segni che ha indotto saggiamente, la cittadinanza a usare una sagoma di legno anziché un animale vero da percuotere.

Solo il Palio sarà esonerato dalla ricerca di una conciliazione possibile tra diverse istanze e lasciato in una sorta di zona franca, al riparo da qualsivoglia incursione di pensieri, di preoccupazioni che non siano solo quelli dei senesi delle contrade? È giustificata la sua strenua resistenza alle richieste di quegli altri cittadini, gli italiani appunto, che vorrebbero impedire la gara ai cavalli purosangue i cui garretti sono condannati a spezzarsi su un terreno non adatto?

Alla ragionevolezza delle richieste si è opposto finora un fanatismo tradizionalista a cui occorre reagire con fermezza, chiedendo il rispetto delle regole a tutti e, in primis, l'abolizione di ogni deroga che rappresenti una violazione del principio generale per cui ogni animale ha diritto a non essere fatto soffrire, a non essere esposto a pericoli e a condotte rischiose incompatibili con la sua natura e con le sue attitudini. I maltrattamenti sono un reato sempre e comunque, indipendentemente dal contesto in cui avvengono o delle ragioni per cui sono causati: bene ha fatto la Lav a denunciarli. Ma soprattutto bene farebbe Siena se, in nome della sua antica civiltà, rendesse il Palio davvero civile e cioè compatibile con le regole e i valori della società più grande. Questo l'impegno e l'auspicio: il Palio diventi una festa di vita per tutte le specie, il gioco preveda compagni e non più vittime, la morte non ne sia più il prezzo.

Luisella Battaglia*
Fonte:http://www.ilsecoloxix.it/
*Cattedra di filosofia morale Facoltà di scienze della
formazione Università cattolica di Genova

Fëanor
19-08-2004, 01.52.15
basterebbe un minimo di intelligenza in più.

Doomboy
19-08-2004, 11.19.55
In merito a tutto il post di Davlak che non quoto per non fare un post chilometrico:

Io distinguo il necessario dal superfluo, in qualche modo, almeno.

Ho detto più volte, si mangio la carne, guido la macchina a benzina, ecc. ma senza sprechi.

Intendo dire che se posso andare a piedi, lo faccio. La carne la mangio perchè sono carnivoro, mi piace, ma ne limito il consumo allo stretto fabisogno.

Così per le cose di tutti i giorni.

Per gli eventi utili a soddisfare solo una sorta di "ego ancestrale", trovo sia molto facile farne a meno, i surrogati ci sono ancor più che per le altre cose.

Questo non mi assolve dalla mia parte di responsabilità per i problemi del mondo (inteso come ecosistema), lo so perfettamente.

:)

Paco
19-08-2004, 21.28.44
Ho appena vista una scena tremenda al tg.
Ad Acerra stanno manifestando per la presenza di un inceneritore.
Non entro nella questione, ma mi ha fatto schifo vedere quelle povere pecore usate per manifestare.

Dicono quelli che le hanno portate che sono in agonia per via di tossine, ma è umano lasciarle in agonia a calci e pugni?

:(

Brunok
20-08-2004, 14.18.01
Il palio di Siena? una barbarie medioevale!!! ecco cos'è uno schifo!!!
Se non lo aboliscono tanto vale ripristinare la legge del taglione....

In merito mi scrivono gli amici animalisti:

Cari amici,

durante l’ultimo Palio di Siena del 16 agosto scorso, uno dei cavalli è morto atrocemente e altri 4 sono rimasti feriti. Il cavallo “Amoroso”, un baio di 8 anni, ha violentemente sbattuto la testa contro uno dei pali di ferro posti lateralmente al percorso di gara, rompendosi il collo e finendo a terra. L’immagine è stata terrificante: nessuno ha fermato la gara e gli altri cavalli gli sono finiti addosso, calpestandolo. Il cavallo sgambava ed esalava forse l’ultimo respiro. Nessuno dei telecronisti ha parlato della morte del cavallo. La festa medievale (appunto!) del paese è andata avanti come se niente fosse accaduto. E’ una vergogna che dobbiamo fermare.

Dal 1970 ad oggi sono morti quasi 50 cavalli.

Il Sindaco di Siena ha dichiarato “ La morte del cavallo è stato frutto di una miscela casuale tra errori umani e comportamenti dell’animale….Siamo insieme ed uniti, pronti a difendere la festa da tutti gli attacchi. Siamo convinti di aver fatto sempre tutto quanto è nelle nostre possibilità per prevenire gli incidenti e garantire la sicurezza”.

VOGLIAMO FERMARE QUESTA VERGOGNA E CHIEDIAMO IL VOSTRO AIUTO.

Insieme al Movimento UNA presenteremo una denuncia e abbiamo richiesto alla regione Toscana se il Palio di Siena fosse stato autorizzato come previsto dall’art.19-ter della recente legge n. 189 “Dei delitti contro il sentimento degli animali” entrata in vigore l’ 1 Agosto.

Boicottiamo Siena e la meravigliosa Toscana, fino a quando non fermeranno questo massacro.

Non è una questione di tradizioni ma una questione di rispetto. B. Shaw diceva: “ Nel nome delle tradizioni si commettono i crimini più atroci”.

davlak
20-08-2004, 21.45.32
Originariamente inviato da Brunok


Boicottiamo Siena e la meravigliosa Toscana, fino a quando non fermeranno questo massacro.

Brunok ma questa è una proposta degli animalisti?
Dimmi di no ti prego.