PDA

Visualizza versione completa : Lance Armstong


exion
02-07-2004, 12.50.13
A pochi giorni dalla partenza del Tour...

Secondo voi Lance è dopato o no?

Sono curioso di vedere cosa ne pensa il forum :p

Sono sempre stato convinto che chiunque riesca a vincere 5 tour di fila o è superman, o ha avuto almeno un piccolo "aiutino" dalla medicina moderna...

E non vedo perché Armstrong dovrebbe fare eccezione :devil:



http://www.gazzetta.it/primi_piani/ciclismo/2004/pp_1.0.411111245.shtml

Brunok
02-07-2004, 13.07.19
Dopato! oppure è un rettiliano :D

Fëanor
02-07-2004, 13.08.15
sono TUTTI dopati.

Alhazred
02-07-2004, 13.11.41
Originariamente inviato da Fëanor
sono TUTTI dopati.
(Y)

LoryOne
02-07-2004, 13.13.38
Originariamente inviato da Brunok
Dopato! oppure è un rettiliano :D

Dopatissssssssimo ne sssssssssssssono certo.
Sssssssssssssai dirmi chi non lo è?

Daniela
02-07-2004, 13.13.54
Originariamente inviato da Brunok
Dopato! oppure è un rettiliano :D

:D:D:D

exion
02-07-2004, 13.41.08
Rilancio con una seconda domanda: nel caso pensiate sia dopato, secondo voi è dopato ma con le spalle coperte dagli organizzatori del Tour e dallo sponsor, oppure è dopato con sostanze d'avanguardia (e quindi costosissime) non ancora rilevate dai test?

Propendo per la seconda ipotesi, ma conoscendo alcune porcate commesse dai media francesi e dagli organizzatori del Tour per mitizzare la "loro" gara non escluderei neanche la prima.

handyman
02-07-2004, 14.03.51
Io ho votato per la terza opzione perchè mi è un pò difficile pensare che Armstrong usi il doping dopo aver avuto gravi problemi di salute (cancro).:rolleyes:

exion
02-07-2004, 14.22.03
Originariamente inviato da handyman
Io ho votato per la terza opzione perchè mi è un pò difficile pensare che Armstrong usi il doping dopo aver avuto gravi problemi di salute (cancro).:rolleyes:

potremmo capovolgere il ragionamento: è proprio vedendo gli effetti favolosi e curativi di medicine potentissime e potenzialmente tossiche che il campione americano si è convinto che, dopotutto, nelle prestazioni fisiche poteva essere uguale.

Eccomi
02-07-2004, 14.50.55
E' difficile pensare che qualcuno non lo sia, nell'ambiente...
Più difficile ipotizzare una "copertura". :rolleyes:

Gigi75
02-07-2004, 15.36.39
Potrebbe come no.
Detto così potrebbe valere per tutti i supercampioni.

In realtà non posso saperlo

Votato 3:)

bYe

skizzo
02-07-2004, 19.16.52
Originariamente inviato da Fëanor
sono TUTTI dopati.

Infatti...la domanda è ambigua... :D

Lu(a
02-07-2004, 19.20.40
Nun me ne po' fregà de meno....

:p

Nothatkind
02-07-2004, 21.17.42
Trovamene uno sano, di quei "campioni"... :rolleyes:

afterhours
02-07-2004, 21.49.02
a quei livelli penso sia umanamente impossibile fare tutte quelle tappe senza prendere nulla...

TyDany
04-07-2004, 09.03.09
Non mi interessa, per me è e rimane un grandissimo campione, campione due volte visto che prima di sconfiggere i suo colleghi ciclisti ha sconfitto un grande male (Y)

Quindi forza Lance, io faccio il tifo per lui :o

exion
07-07-2004, 08.57.51
Originariamente inviato da Eccomi
E' difficile pensare che qualcuno non lo sia, nell'ambiente...
Più difficile ipotizzare una "copertura". :rolleyes:

Quando parlo di "coperture", non mi riferisco a strani e complicati complotti, né all'invasione dei rettiliani :p, ma a cose in realtà molto più semplici ma comunque molto efficaci.

Esempio:

C'erano voci e sospetti anni fa su Pantani al tour con, se vi ricordate, un botta e risposta piuttosto aspro tra il Pirata e Armstrong.
Jean Marie Leblanc, patron del tour, allora reagì duramente con dichiarazioni del tipo "saremo inflessibili, combatteremo il doping a 360°, e non ci fermeremo neanche davanti a nomi importanti, non guarderemo in faccia nessuno"
E notate che all'epoca non c'era ancora stata la brutta faccenda dell'ematocrito alto di Pantani, per cui erano davvero solo voci.

Oggi invece esce un libro che rivolge accuse pesanti e precise a Armstrong, e a France Inter, il giorno della partenza, Jean Marie Leblanc rilascia una lunga intervista in cui minimizza, sostenendo che si tratta di illazioni, di piccole vendette personali, di diffamazioni a cui non bisogna dar credito, e che il Tour è assolutamente pulito e sano.

Ecco, per coperture intendo questo, due pesi e due misure nel giudicare il "possibile" prima ancora che l'"accertato"

Totor@
07-07-2004, 11.26.30
No

Ghandalf
07-07-2004, 15.43.55
C'e' da dire che e' l'unica gara a cui partecipa durante l'anno, fara' sicuramente n anno di preparazione per arrivare al top.

Pensare pero' che non si dopi e' un po' difficile...

Eccomi
07-07-2004, 16.53.38
Originariamente inviato da TyDany
Non mi interessa, per me è e rimane un grandissimo campione, campione due volte visto che prima di sconfiggere i suo colleghi ciclisti ha sconfitto un grande male (Y)

Quindi forza Lance, io faccio il tifo per lui :o

Su questo non ci piove... Infatti se, come sembra, sono TUTTI dopati, vuol dire che lui è comunque il migliore...:) E, come dici tu, è anche un simbolo... (Y)

Ghandalf
24-07-2004, 09.21.26
Qualcuno ha seguito quello che e' accaduto durante la tappa di ieri?

A parte il comportamente tipicamente di stampo mafioso del gruppo c'e' da condannare un "campione" che si comporta come il peggiore dei boss degli anni 50 italo-americani.


Sono sempre piu' convinto che il ciclismo dovrebbe essere ridimensionato...troppa risonanza -> troppi soldi e come tutto lo sport non esiste piu'.
Poi con la storia del doping...MHA :rolleyes:

gardy77
24-07-2004, 10.05.53
Scintille Armstrong-Simeoni

Durante la 18esima tappa del Tour il laziale cerca di riportarsi sui fuggitivi, ma il texano non gli dà via libera. Le accuse del d.s. Domina Santoni.

ANNEMASSE (Francia), 23 luglio 2004 - Ancora scintille tra Lance Armstrong e Filippo Simeoni: nelle fasi iniziali della 18esima tappa il laziale della Domina Vacanze è uscito dal gruppo con l'intenzione di riportarsi sui fuggitivi scappati al 12° km (Flecha, Joly, Garcia Acosta, Fofonov, Mercado e Lotz), ma il leader della corsa non gli ha dato via libera. Lo ha raggiunto, e insieme si sono riportati sui sei. A quel punto Armstrong ha fatto intendere che se Simeoni fosse rimasto in quel gruppetto la fuga non sarebbe andata in porto: subito dopo il laziale e lo stesso Armstrong si sono rialzati e sono stati riassorbiti dal gruppo.
Ai microfoni Rai sono state durissime le accuse che Vincenzo Santoni, d.s. della Domina, interrogato sull'argomento, ha lanciato: "L'americano lo è andato a prendere e ha detto a lui e ai sei davanti che se non avesse desistito non avrebbe lasciato andare in porto la fuga. La cosa ancora più grave sono stati gli insulti che in seguito Simeoni, quando è rientrato in gruppo, si è preso da diversi corridori e quello che è peggio, tra questi c'era Nardello, uno che ci rappresenterà alle Olimpiadi".
Santoni ha proseguito tirando in ballo anche Cipollini: "Simeoni si voleva ritirare. Lo abbiamo spinto a restare in corsa: è uno che si sacrifica e che lo stesso Cipollini, giunto al Tour scarico e fregandosene della squadra, non voleva in gruppo. L'augurio che faccio a Cipollini è di
smettere di correre: ha preso in giro squadra e sponsor". La ruggine tra Armstrong e Simeoni trova origine nel coinvolgimento del corridore laziale nel processo Ferrari. Condannato a tre mesi per aver ammesso l'uso di sostanze proibite, Simeoni aveva anche detto di aver assunto doping su consiglio di Ferrari. Armstrong, di cui Ferrari è consulente nella preparazione, dalla colonne di "Le Monde" aveva accusato Simeoni di essere un bugiardo,e per questo aveva ricevuto una querela che è ancora aperta.

All'arrivo Nardello ha risposto così ai microfoni Rai: "Abbiamo dovuto tirare perché era andato via Armstrong (il varesino è compagno di squadra di Ullrich, ndr) e quando li abbiamo ripresi ho detto a Simeoni che era inutile che scattasse sapendo che Armstrong sarebbe andato a prenderlo e noi avremmo dovuto inseguirli. Se hanno problemi tra loro, non è giusto che questi problemi diventino di tutti. Non ho mai offeso nessuno, in tutta la mia carriera e non mi sembra di averlo fatto neanche oggi. Se fosse successo oggi, mi scuso".

Fonte (http://www.gazzetta.it/primi_piani/ciclismo/2004/pp_1.0.449854700.shtml)


Ti riferivi a questo Ghandalf!?

davlak
24-07-2004, 10.12.13
Chi pratica o ha praticato il ciclismo a livello agonistico sa che nessuna sostanza dopante illecita permetterebbe a Lance Armstrong di pedalare in salita con una cadenza di 90/100 pedalate al minuto contro le 75/85 di tutti gli altri scalatori...anzi, al contrario: sarebbe deleteria.
L'agilità e una alta cadenza si ottengono solo con il training, oppure ci si nasce.
Piuttosto il sospetto di doping mi può nascere quando vedo un ciclista che sale a 50/60 pedalate al minuto spingendo rapporti del 20/25% più lunghi rispetto agli altri.

Lance Armstrong vince il Tour, o meglio 6 Tour, perchè si allena specificamente per il Tour e corre in pratica solo quello...e perchè è il più forte da quando è tornato a correre dopo la sua malattia.


p.s.: per quanto riguarda l'episodio di ieri, riportato da gardy77: ne succedono mediamente 4/5 a ogni tappa da che mondo è mondo.

Thor
24-07-2004, 11.37.38
Originariamente inviato da davlak
Lance Armstrong vince il Tour, o meglio 6 Tour, perchè si allena specificamente per il Tour e corre in pratica solo quello...e perchè è il più forte da quando è tornato a correre dopo la sua malattia.

Anche io la penso esattamente così! (Y)
Armstrong sa tanto di atleta pulito..non parla molto, ma si fa il culo quadro allenandosi con un solo obiettivo; appunto, il Tour..
Voleva entrare nella storia..e c'è riuscito!

Certo, anche per Pantani, prima di quel famoso giro d'Italia, non avrei mai pensato si bombasse..
Ma la cultura del sospetto mi fa davvero schifo!!

Dav82
24-07-2004, 11.51.11
D'accordo con l'analisi di davlak, si vede che di ciclismo ne capisce (Y) Anch'io sospetto di chi si fa il Col de la Madeleine con un 39x18... sul fatto che sia pulito però non ci metterei la mano sul fuoco, anzi!

Per l'atteggiamento nella tappa di ieri: è da capire, tra i due c'è ruggine, è normale che succeda così. Il fatto è che - per una legge non scritta - la maglia gialla non deve comportarsi così... lo so che è un po' diverso dal non lasciare la tappa al compagno di fuga (cosa che peraltro non ha fatto quest'anno: solo con Basso ha ceduto il primo posto), ma una cosa del genere fatta dal leader non suona bene...

TyDany
24-07-2004, 12.48.49
Originariamente inviato da davlak
Chi pratica o ha praticato il ciclismo a livello agonistico sa che nessuna sostanza dopante illecita permetterebbe a Lance Armstrong di pedalare in salita con una cadenza di 90/100 pedalate al minuto contro le 75/85 di tutti gli altri scalatori...anzi, al contrario: sarebbe deleteria.
L'agilità e una alta cadenza si ottengono solo con il training, oppure ci si nasce.
Piuttosto il sospetto di doping mi può nascere quando vedo un ciclista che sale a 50/60 pedalate al minuto spingendo rapporti del 20/25% più lunghi rispetto agli altri.

Lance Armstrong vince il Tour, o meglio 6 Tour, perchè si allena specificamente per il Tour e corre in pratica solo quello...e perchè è il più forte da quando è tornato a correre dopo la sua malattia.

(Y) Come ho scritto qualche posts più su, per me è un grandissimo e domani sarà davanti alla tv felicissimo per la sua sesta vittoria, grande Lance :)


Originariamente inviato da davlak
p.s.: per quanto riguarda l'episodio di ieri, riportato da gardy77: ne succedono mediamente 4/5 a ogni tappa da che mondo è mondo.

Si, infatti, è che avendolo fatto lui succede un casino, me sembra la storia dello sputo di Totti, se ci mettiamo a registrare le partite di sputi, insulti, spintoni, ecc ce ne sono un fracco e una sporta, ma avendolo fatto Totti...:rolleyes:

afterhours
24-07-2004, 12.49.30
Le scintille più grosse sono però arrivate al traguardo. "Ha mostrato a tutto il mondo che personaggio è - ha detto Simeoni - Non è normale che un grande campione non lasci spazio a dei piccoli come me, in una corsa così importante come il Tour. Io avevo fatto un grosso sforzo per raggiungere i fuggitivi. Loro sono rimasti sorpresi quando hanno visto Armstrong. Io rispetto i miei colleghi, ed ho preferito farmi staccare".
Il rispetto che, però, buona parte del gruppo non ha: "Direttori sportivi, motociclisti, corridori che sorridevano ad Armstrong, gli facevano i complimenti. Ho capito che il 90% del gruppo è con lui. Altri mi hanno espresso solidarietà, ma altri mi hanno insultato. Chi? Pozzato, Guerrini, Perini, ma chi mi ha fatto veramente male è Nardello".

Avranno fatto male anche le parole di Armstrong, pesanti e dirette: "Ho semplicemente difeso gli interessi del gruppo. Un certo tipo di corridori a me non piace, non è un bene per gli altri corridori. Dopo, sono venuti in tanti a complimentarsi con me. Abbiamo una causa in tribunale, io penso che un tipo così vada eliminato perchè vuole distruggere il ciclismo".

Gigi75
24-07-2004, 13.02.32
Originariamente inviato da davlak
Chi pratica o ha praticato il ciclismo a livello agonistico sa che nessuna sostanza dopante illecita permetterebbe a Lance Armstrong di pedalare in salita con una cadenza di 90/100 pedalate al minuto contro le 75/85 di tutti gli altri scalatori...anzi, al contrario: sarebbe deleteria.
L'agilità e una alta cadenza si ottengono solo con il training, oppure ci si nasce.
Piuttosto il sospetto di doping mi può nascere quando vedo un ciclista che sale a 50/60 pedalate al minuto spingendo rapporti del 20/25% più lunghi rispetto agli altri.

Lance Armstrong vince il Tour, o meglio 6 Tour, perchè si allena specificamente per il Tour e corre in pratica solo quello...e perchè è il più forte da quando è tornato a correre dopo la sua malattia.


p.s.: per quanto riguarda l'episodio di ieri, riportato da gardy77: ne succedono mediamente 4/5 a ogni tappa da che mondo è mondo.



Non capendo nulla di ciclismo la tua spiegazione è stata molto interessante davvero!

(Y)

Marco Redaelli
24-07-2004, 13.23.41
secondo me un po' lo è...

nn è umanamente possibile che un uomo possa andare avanti a vincere in uno sport così faticoso a quall'età... o no?

Dav82
24-07-2004, 13.25.32
Originariamente inviato da Marco Redaelli
secondo me un po' lo è...

nn è umanamente possibile che un uomo possa andare avanti a vincere in uno sport così faticoso a quall'età... o no?

Bhe non è vecchio, deve ancora compiere 33 anni! :)

Resta il fatto che cmq, come tutti, qualcosina la prende! Ovvio anche il solito discorso: come lui lo fanno tutti, quindi resta il più forte. Coppi diceva: "Prendo la bomba, ma tutti la prendono... solo che io arrivo al traguardo mezz'ora prima!" ;)

Marco Redaelli
24-07-2004, 13.37.25
bhè, ma c'è gente mooolto + giovane che dovrebbe (in teoria) batterlo...

Silence
24-07-2004, 14.06.25
Io credo che bisogna smetterla con la teoria del sospetto, è giusto sottolinerare che come sport, il ciclismo è quello più sensibile al doping, ma credo sia anche giusto sottolineare la buona fede di chi pratica questo sport in maniera seria ed onesta...non si può fare di tutta l'erba un fascio solo perchè i media hanno deciso di puntare il dito su un evento in particolare (Pantani); per quanto riguarda il caso Armstrong quindi non sò cosa dirvi, le allusioni fatte da terzi possono essere lette in 2 modi, o in quanto vere o in quanto frutto di invidia, in fondo sappiamo benissimo come una dichiarazione, qualsiasi dalla politica al gossip, oggi riesca a far scoppiare casi allucinanti, che guarda caso sono il pane quotidiano di molti programmi di intrattenimento.
Comunque ci tengo a precisare, perchè nessuno lo ha detto, che Armstrong sarà pure alla fine della carriera, ma non scordatevi che corre solo il tour de france e nient'altro mentre campioni del mio tempo come Indurain facevano tutto, ecco in parte spiegata la freschezza atletica di una persona che si allena tutto l'anno per un solo evento.
Personalmente, da buon italiano, ho tifato e tifo per Basso ma rimango dell'opinione che finchè queste voci rimarranno tali non rimane che toglierci il cappello di fronte ad un uomo che prima del tour ha affrontato e vinto il male del secolo. :)

Ghandalf
24-07-2004, 14.42.07
Non sono molto addentro al mondo del ciclismo e ti giri d'italia e di francia ne ho visti molti, rispetto chi ammira questi campioni ma credo che di campioni ne siano rimasti ben pochi.

Se e' vero che il gruppo = Armstrong hanno questioni private con Simeoni se la discutono in modo privato e dovrebbe evitare di armstrong di utilizzare un potere sportivo per gestire questioni che riguardano la vita al di la' della competizione pura e semplice.

Non so, a me a dato proprio fastidio...anche perche' da quello che ho capito e' stato perche' simeoni davanti ad un giudice ha accusato il medico amico di armstrong di incoraggiare l'uso di agenti dopanti...
Se questa forma di intimidazione mafiosa (se parli puoi anche appendere a bicicletta al chiodo) e' consentita nel ciclismo non dovrebbe assolutamente passare in TV.
Puo' darsi che mi sbagli...attendo valutazioni da chi ne sa piu' di me.

:);)

Giorgio Drudi
25-07-2004, 19.40.57
E' difficile essere in forma per tanti anni, dopandosi...di brutto.

afterhours
25-07-2004, 22.50.06
Ex medico accusa squadra Armstrong
"Cacciato perchè ho detto no al doping"

Nel giorno della conquista del suo sesto Tour, l'ombra del doping cala ancora su Lance Armstrong. Prentice Steffen, ex capo dello staff medico dell'Us Postal prima che questa reclutasse il texano, nel 1997, spiega perchè è stato allontanato dalla squadra: "Un paio di ciclisti, Marty Jemison e Tyler Hamilton, mi hanno avvicinato chiedendomi farmaci illeciti, ho detto di no e nel giro di qualche settimana la società ha cambiato staff medico".

Antipatico, dopato, cannibale, pigliatutto. Su Lance Armstrong in questi giorni si sta dicendo di tutto, e nel giorno della chiusura del Tour de France e della celebrazione della sesta vittoria del texano si torna a parlare di uso di farmaci illeciti. Questa volta nel mirino ci è entrata la squadra dello statunitense, la Us Postal. L'ex medico rincara la dose: "Lance Armstrong sta per battere un record che non si merita" dice sostenendo che dietro tante vittorie non ci sia talento individuale.

Steffen spiega così l'accusa sibillina: "All'epoca eravamo una piccola squadra con l'ambizione di fare bene e il rifiuto categorico di prescrivere prodotti dopanti, ma i tempi stavano cambiando e un paio di ciclisti, Marty Jemison e Tyler Hamilton, mi hanno avvicinato chiedendomi farmaci illeciti, ho detto di no e nel giro di qualche settimana la societa' mi ha ringraziato per il lavoro fatto e ha cambiato staff medico". Non si rammarica Steffen di come sono andate le cose, lui è "per lo sport pulito", ma ricorda anche che i dirigenti dell'Usp erano convinti, come quasi tutti, che "per passare a un livello superiore c'era una sola strada, il doping".

TyDany
26-07-2004, 18.46.44
Io dico solo una cosa, IMMENSO LANCE, per la sesta volta vicitore :cool:

Giorgio Drudi
26-07-2004, 19.53.41
Originariamente inviato da TyDany
Io dico solo una cosa, IMMENSO LANCE, per la sesta volta vicitore :cool:

Un atleta notevole ma soprattutto un autentico professionista...
e poi mi piace, ma questa è una inezia, il nome della squadra...e che postini!

davlak
26-07-2004, 21.05.11
Una volta, se non ricordo male era il suo secondo Tour vittorioso, ero in Corsica e ascoltai alla radio una intervista in cui parlava del suo rapporto con la fatica.
Disse che uno sportivo può anche odiare la fatica, mentre lo divora, per poi abbatterla e, una volta sconfitta, rispettarla come si rispetta un vinto e infine amarla e accettarla come una parte di sè, la parte debole...averne cura e ascoltarla come si fa con un congiunto bisognoso di attenzioni...e solo così, ad ogni nuovo sforzo, anche immane, avrebbe educata e resa forte quella parte.

Un vero atleta.
Ha tutta la mia ammirazione.

(D) :)

Eccomi
26-07-2004, 21.30.00
Lo ammirerei in ogni caso. Tanto più se è vero che nell'ambiente sono tutti dopati: vuol dire che corrono alla pari. :rolleyes:
E lui li batte tutti! :) (F)

exion
27-07-2004, 09.33.00
Intanto sulle strade del Tour quest'anno è sztato abbondantemente fischiato.
Ai francesi non è mai piaciuto tanto l'atteggiamento cinico di Armstrong, non apprezzano la sua politica del "il Tour e basta", e soprattutto non gli perdonano certi gesti anti-sportivi come andare a cercare Simeoni per impedirgli di andare in fuga come ripicca personale nei confronti dell'italiano.

Nelle ultime tappe lo hanno talmente tanto fischiato, che si temeva persino che come nel 75 con Merckx qualche sconsiderato pigliasse Armstrong a pugni nel pieno di una tappa... :rolleyes:

Giorgio Drudi
27-07-2004, 10.47.55
Originariamente inviato da exion
Intanto sulle strade del Tour quest'anno è sztato abbondantemente fischiato.
Ai francesi non è mai piaciuto tanto l'atteggiamento cinico di Armstrong, non apprezzano la sua politica del "il Tour e basta", e soprattutto non gli perdonano certi gesti anti-sportivi come andare a cercare Simeoni per impedirgli di andare in fuga come ripicca personale nei confronti dell'italiano.

Nelle ultime tappe lo hanno talmente tanto fischiato, che si temeva persino che come nel 75 con Merckx qualche sconsiderato pigliasse Armstrong a pugni nel pieno di una tappa... :rolleyes:

Diciamo piuttosto che i francesi non possono mandare giù il fatto che un americano per sei anni di seguito ...li spazzoli.

Se uno ha risposto a questioni personali con la bici...non in testa...ma andando più forte, non ci vedo niente di male...mentre fare la "lamentatio" perchè qualcuno non ti ha lasciato vincere una tappa lo trovo un pò infantile e un pò meschino.
Se si fa lo sport della bici...si vuole competere...dunque vinca il migliore.
Andare a prendere uno in fuga non è affatto antisportivo, le corse in bici non sono una istituzione benefica...dava fastidio Coppi dava fastidio Mercks...da fastidio Armstrong ...il ciclismo si fa con le gambe non con i pugni.
Alla faccia dei francesi e del loro orgoglio ferito.

Eccomi
27-07-2004, 11.13.12
Originariamente inviato da Giorgio Drudi


Diciamo piuttosto che i francesi non possono mandare giù il fatto che un americano per sei anni di seguito ...li spazzoli.

:D :D :D

carletto
27-07-2004, 21.55.17
Armstrong indagato dalla magistratura per frode sportiva e intimidazione di testimone.
Il giudice ha convocato Simeoni per interrogarlo sui fatti.
Rammentiamo che Simeoni ha rilasciato le dichiarazioni contestate da Armstrong in tribunale sotto giuramento e non si può quindi dire che ha fatto lo spione.

exion
30-07-2004, 16.56.26
Originariamente inviato da Giorgio Drudi


Diciamo piuttosto che i francesi non possono mandare giù il fatto che un americano per sei anni di seguito ...li spazzoli.
....


Alla faccia dei francesi e del loro orgoglio ferito.


Cioè? :confused:

L'orgoglio dei francesi non è affatto ferito, semmai è ferito quello dei tifosi italiani che hanno visto Armstrong commettere un gesto anti-sportivo. E' chiaro che Armstrong non aveva nessuna intenzione di vincere quella tappa, è partito solo ed esclusivamente con l'intento di mandare a male la fuga di Simeoni, non con l'intento di vincere. Tant'è che persino i suoi compagni di squadra per qualche minuto non capivano più cosa stava succedendo.
Anzi, tanto di cappello a Simeoni, che alla fine si è rassegnato e si alzato lasciando che gli altri uomini in fuga si giocassero le loro possibilità. Fosse stato calcio o basket e non ciclismo, si sarebbe parlato di fallo di ostruzione.

I francesi poi, in tema di Tour, sono sempre alla ricerca di "eroi", ma non per forza di campioni di casa. Lo prova il fatto che i nomi di Indurain, Coppi o Merckx, ad anni di distanza, suscitano ancora fascino e rispetto.

Brunok
30-07-2004, 17.18.58
Armstrong è tutto meno che un campione sarebbe un insulto per i grandi del passato anche recente che campioni lo sono stati davvero a cominciare dal Indurain. In primis perchè non è corretto nè sportivo. E' solo un gran co..ione quello si!
E non lo dico solo per la questione successa con Simeoni.... che si commenta da se.... pensavo che sconfiggere il cancro (tanto di rispetto per questo per carità) gli avesse insegnato qualcosa, invece... :S :S :S (W) (N) fa proprio schifo come persona!

TyDany
30-07-2004, 17.53.49
Originariamente inviato da Brunok
Armstrong è tutto meno che un campione sarebbe un insulto per i grandi del passato anche recente che campioni lo sono stati davvero a cominciare dal Indurain. In primis perchè non è corretto nè sportivo. E' solo un gran co..ione quello si!
E non lo dico solo per la questione successa con Simeoni.... che si commenta da se.... pensavo che sconfiggere il cancro (tanto di rispetto per questo per carità) gli avesse insegnato qualcosa, invece... :S :S :S (W) (N) fa proprio schifo come persona!

Immagino che lo conosci di persona e che abbia avuto a che fare con lui per giudicarlo così vero? :rolleyes:
Io ho come l'impressione che si abbia la tendenza a giudicare le persone crocifiggendole o idolatrandole per una minima cosa e non mi riferisco solo a questo caso o ai piloti, ma anche ai politici, al calcio ecc ecc.
Insulti anche pesanti e non solo all'attività che svolgono ma anche alla persona... boh :(

Brunok
30-07-2004, 23.33.46
Quel che ha fatto quell' individuo lo hanno visto e potuto vedere e giudicare tutti, non è necessario nulla di più, o bisognerebbe far finta di non vedere perchè non fa comodo? E non è certo il primo episodio di cui si è reso protagonista...
E Grazie a Dio non ci ho mai avuto a che fare con una persona di quel genere.... e ciò che penso fino in fondo me lo risparmio per decenza.
I Campioni per fortuna sono altri. :)

TyDany
31-07-2004, 10.25.58
Originariamente inviato da Brunok
Quel che ha fatto quell' individuo lo hanno visto e potuto vedere e giudicare tutti, non è necessario nulla di più, o bisognerebbe far finta di non vedere perchè non fa comodo? E non è certo il primo episodio di cui si è reso protagonista...
E Grazie a Dio non ci ho mai avuto a che fare con una persona di quel genere.... e ciò che penso fino in fondo me lo risparmio per decenza.
I Campioni per fortuna sono altri. :)

La stessa identica cosa la si può dire per qualcuno che tu adori più di ogni altro sportivo perchè quello che ha fatto nei primi anni della sua carriera quando il suo mezzo non era così superiore rispetto agli altri lo hanno visto tutti eppure (Inutile che ricordi il campionato vinto aspettando ed eliminando fisicamente l'avversario, cosa ritentata ma andata male un paio d'anni dopo, le partenze con mezzo messo di traverso puntato verso l'avversario in prima fila in chiaro scopo intimidatorio, ecc ecc ecc.).... eppure due pesi e due misure, questo in giallo è la più grande schifezza umana, quell'altro in rosso è un Dio in terra... c'è qualcosa che non mi quadra :confused: non mi quadrano questi odi a livello personale, un conto è non sopportarlo sportivamente ma ripeto certi odi a livello umano... quando poi si è visto solo in corsa, non dimentichiamo che moltissimi sportivi una volta saltati in bici, messo il casco, montati gli sci, ecc diventano un altra persona... ripeto, boh :(
Poi per carità ognuno può pensarla come vuole, dico solo che leggere queste cose mi mette tristezza, e non solo quando sono su Lance o Montoya ma anche quando sono sui politici, sui calciatori, tutti gli insulti a Trapattoni fino a certi auguri di schiantarsi di Lu(a a Schumacher.... mi mettono proprio tristezza, tutto qui.

exion
31-07-2004, 10.51.22
Originariamente inviato da TyDany


La stessa identica cosa la si può dire per qualcuno che tu adori più di ogni altro sportivo perchè quello che ha fatto nei primi anni della sua carriera quando il suo mezzo non era così superiore rispetto agli altri lo hanno visto tutti eppure (Inutile che ricordi il campionato vinto aspettando ed eliminando fisicamente l'avversario, cosa ritentata ma andata male un paio d'anni dopo, le partenze con mezzo messo di traverso puntato verso l'avversario in prima fila in chiaro scopo intimidatorio, ecc ecc ecc.).... eppure due pesi e due misure, questo in giallo è la più grande schifezza umana, quell'altro in rosso è un Dio in terra... c'è qualcosa che non mi quadra :confused: non mi quadrano questi odi a livello personale, un conto è non sopportarlo sportivamente ma ripeto certi odi a livello umano... quando poi si è visto solo in corsa, non dimentichiamo che moltissimi sportivi una volta saltati in bici, messo il casco, montati gli sci, ecc diventano un altra persona... ripeto, boh :(
Poi per carità ognuno può pensarla come vuole, dico solo che leggere queste cose mi mette tristezza, e non solo quando sono su Lance o Montoya ma anche quando sono sui politici, sui calciatori, tutti gli insulti a Trapattoni fino a certi auguri di schiantarsi di Lu(a a Schumacher.... mi mettono proprio tristezza, tutto qui.


Ammesso e non concesso che si possano confrontare due mondi tanto diversi come la F1 e il ciclismo, esistono due differenze fondamentali tra Schumacher e Armstrong.

La prima, è che tutte le scorrettezze commesse da Schumacher sono sempre state commesse nel pieno della ricerca di un risultato: un piazzamento in gara, punti per il mondiale, etc... Mentre la caccia di Armstrong a Simeoni era puramente gratuita, ed era un atto conseguente a cose che non avevano nessuna relazione con la gara.

La seconda, forse più sostanziale, è che Schumacher sgobba, si allena ed è impegnato nel suo mestiere/sport 11 mesi all'anno, esattamente come tutti i suoi colleghi della F1. Armstrong no, lui si pone un solo obiettivo, e lo sponsor e la direzione sportiva della sua squadra glie lo lasciano fare. Armstrong di fatto si è sostanzialmente auto-proclamato superiore agli altri, ed è questo secondo me che lo rende profondamente antipatico al "gruppo" e diffusamente impopolare presso il pubblico.
Ve lo immaginate un Schumacher o un Montoya sostenere che loro vogliono correre solo a Imola, Montecarlo e Hockenheim perché le piste che piacciono a loro sono solo quelle, e che una vittoria in quelle sole tre gare vale più che primeggiare nell'arco di un'intera stagione? Le loro squadre li licenzierebbero in tronco.

Brunok
31-07-2004, 11.29.54
Originariamente inviato da exion



Ammesso e non concesso che si possano confrontare due mondi tanto diversi come la F1 e il ciclismo, esistono due differenze fondamentali tra Schumacher e Armstrong.

La prima, è che tutte le scorrettezze commesse da Schumacher sono sempre state commesse nel pieno della ricerca di un risultato: un piazzamento in gara, punti per il mondiale, etc... Mentre la caccia di Armstrong a Simeoni era puramente gratuita, ed era un atto conseguente a cose che non avevano nessuna relazione con la gara.

La seconda, forse più sostanziale, è che Schumacher sgobba, si allena ed è impegnato nel suo mestiere/sport 11 mesi all'anno, esattamente come tutti i suoi colleghi della F1. Armstrong no, lui si pone un solo obiettivo, e lo sponsor e la direzione sportiva della sua squadra glie lo lasciano fare. Armstrong di fatto si è sostanzialmente auto-proclamato superiore agli altri, ed è questo secondo me che lo rende profondamente antipatico al "gruppo" e diffusamente impopolare presso il pubblico.
Ve lo immaginate un Schumacher o un Montoya sostenere che loro vogliono correre solo a Imola, Montecarlo e Hockenheim perché le piste che piacciono a loro sono solo quelle, e che una vittoria in quelle sole tre gare vale più che primeggiare nell'arco di un'intera stagione? Le loro squadre li licenzierebbero in tronco.

(Y) (Y) (Y)
Hai centrato in pieno il nocciolo della questione.
Quella di Amstrong è stata cattiveria gratuita, una vera e propria bastardata! L' "odio" (ma non di quello si tratta sennò di profonda e viscerale antipatia) se lo è guadagnato tutto, fino in fondo. Con quegli atteggiamenti di superiorità con quella superbia repellente, sta sulle palle non certo solo a me, ma ad una gran quantità di tifosi, ed un motivo in questi casi c'è. Non è certo un campione (già definirlo campione è un lusso) amato come altri, e questo deve far pensare. Uno sbruffoncello di quart'ordine esattamente come lo può essere l'altrettanto penoso Montoya solo che quello nemmeno vince....

TyDany
31-07-2004, 14.56.05
Originariamente inviato da exion



Ammesso e non concesso che si possano confrontare due mondi tanto diversi come la F1 e il ciclismo, esistono due differenze fondamentali tra Schumacher e Armstrong.

La prima, è che tutte le scorrettezze commesse da Schumacher sono sempre state commesse nel pieno della ricerca di un risultato: un piazzamento in gara, punti per il mondiale, etc... Mentre la caccia di Armstrong a Simeoni era puramente gratuita, ed era un atto conseguente a cose che non avevano nessuna relazione con la gara.

A be certo, sono daccordo, se è per ottenere un risultato in gara puoi pure sparare con un bazooka all'avversario :rolleyes: ... mentre per una cavolata come quella che ha fatto l'americano (e che molti hanno detto succede normalmente nelle corse ciclistiche) devi essere impalato in pubblica piazza :rolleyes:

Originariamente inviato da exion

La seconda, forse più sostanziale, è che Schumacher sgobba, si allena ed è impegnato nel suo mestiere/sport 11 mesi all'anno, esattamente come tutti i suoi colleghi della F1. Armstrong no, lui si pone un solo obiettivo, e lo sponsor e la direzione sportiva della sua squadra glie lo lasciano fare. Armstrong di fatto si è sostanzialmente auto-proclamato superiore agli altri, ed è questo secondo me che lo rende profondamente antipatico al "gruppo" e diffusamente impopolare presso il pubblico.
Ve lo immaginate un Schumacher o un Montoya sostenere che loro vogliono correre solo a Imola, Montecarlo e Hockenheim perché le piste che piacciono a loro sono solo quelle, e che una vittoria in quelle sole tre gare vale più che primeggiare nell'arco di un'intera stagione? Le loro squadre li licenzierebbero in tronco.

Questo peragone IMHO sta in piedi come un castello di carte di 10 metri contro un uragano, il tour non è minimamente paragonabile a una singola corsa del mondiale di F1, al massimo è paragonabile alla 24 ore di Le Mans di una volta e allora erano in molti a prepararsi un anno per una singola corsa e chi vinceva era considerato uno dei migliori piloti al mondo.... poi per la scellerata gestione della FIA la 24 ore ha perso di importanza ed amen... ma non puoi paragonare uno che vince un tour a uno che vince un gp, un singolo gp lo puoi anche vincere per fortuna perchè si ritirano quelli davanti o perchè in quella gara hai il mezzo migliore, come può succedere per una singola tappa del tour, ma non per un intero tour per sei anni di fila!

TyDany
31-07-2004, 14.58.54
Originariamente inviato da Brunok


(Y) (Y) (Y)
Hai centrato in pieno il nocciolo della questione.
Quella di Amstrong è stata cattiveria gratuita, una vera e propria bastardata! L' "odio" (ma non di quello si tratta sennò di profonda e viscerale antipatia) se lo è guadagnato tutto, fino in fondo. Con quegli atteggiamenti di superiorità con quella superbia repellente, sta sulle palle non certo solo a me, ma ad una gran quantità di tifosi, ed un motivo in questi casi c'è. Non è certo un campione (già definirlo campione è un lusso) amato come altri, e questo deve far pensare. Uno sbruffoncello di quart'ordine esattamente come lo può essere l'altrettanto penoso Montoya solo che quello nemmeno vince....

Volere nel contratto che il tuo compagno di squadra sia uno schiavo non è cattiveria gratuita? O forse coda di paglia? :p ... lasciamo stare va, comunque riesci sempre a tirare in ballo Montoya sempre, pure quando non centra, non ho capite se è per provocarmi gratuitamente (provocazione che non mi sfiora nemmeno e non raccolgo :p) o se è perchè sei invidioso di lui, di solito tanto odio è sinonimo di invidia :D

exion
31-07-2004, 16.19.44
Originariamente inviato da TyDany


A be certo, sono daccordo, se è per ottenere un risultato in gara puoi pure sparare con un bazooka all'avversario :rolleyes: ... mentre per una cavolata come quella che ha fatto l'americano (e che molti hanno detto succede normalmente nelle corse ciclistiche) devi essere impalato in pubblica piazza :rolleyes:



Questo peragone IMHO sta in piedi come un castello di carte di 10 metri contro un uragano, il tour non è minimamente paragonabile a una singola corsa del mondiale di F1, al massimo è paragonabile alla 24 ore di Le Mans di una volta e allora erano in molti a prepararsi un anno per una singola corsa e chi vinceva era considerato uno dei migliori piloti al mondo.... poi per la scellerata gestione della FIA la 24 ore ha perso di importanza ed amen... ma non puoi paragonare uno che vince un tour a uno che vince un gp, un singolo gp lo puoi anche vincere per fortuna perchè si ritirano quelli davanti o perchè in quella gara hai il mezzo migliore, come può succedere per una singola tappa del tour, ma non per un intero tour per sei anni di fila!

Infatti avevo fatto la doverosa premessa sull'incomparabilità delle due cose ;)
Comunque mi premeva molto più sottolineare il motivo dell'impopolarità di Lance (specie tra i suoi colleghi) che non paragonare una corsa ciclistica a una gara automobilistica.
Armstrong è l'unico che possa permettersi di fare due sole gare all'anno: il Tour, e il Dauphiné che gli serve come preparazione al Tour. Il che rappresenta in tutto l'1% della stagione ciclista professionale mondiale.
Questa è una cosa che non è consentita a nessun altro sportivo professionista al mondo. Perché a lui sì?


C'è un altro ciclista che fa un ragionamento simile...
Non gli piace la montagna, perché è un velocista. E fino all'anno scorso, era IL velocista.
Ma siccome non gli piacciono le montagne ma solo gli arrivi in volata, spesso nelle grande gare a tappe, quando arrivano le vette più alte, lui abbandona perché non ce la fa più a seguire.
In un certo senso, anche lui fa solo una parte di stagione come Armstrong, fa solo le tappe piatte e le altre le fa solo se se la sente.
E questo uomo, campione del mondo, è stato più volte escluso dal tour, tacciato di "anti-sportività" dal patron del Tour.
(ovviamente avete capito di chi parlo no? ;))

Perché?

La risposta che io do riporta a quanto ho scritto ieri sera: l'organizzazione del Tour cerca eroi da prima pagina, perché questo piace al pubblico francese del tour. Non il singolo gesto su una gara, non una bella ma singola vittoria in montagna, ma al contrario un'epica della gara che dura 21 giorni; un'epica che deve avere eroi nella costanza degli anni, non un semplice gesto memorabile ma fuggente.
E Le Blanc ha capito che l'americano era l'uomo ideale per questo. Interessi in giallo e interessi degli sponsor si sono trovati perfettamente in sintonia, tanto più che l'erede di Indurain inizialmente scelto dall'organizzazione (Ullrich) si è dimostrato ben al di sotto delle aspettative sin dallla sua prima vittoria a Parigi.

Per questo Pantani è stato escluso sulla base di un semplice sospetto, mentre le sei vittorie di Armstrong non verranno mai rimesse in causa nemmeno se dichiarasse pubblicamente di avere due laboratori chimici al posto dei reni.

Brunok
31-07-2004, 16.20.43
Originariamente inviato da TyDany


Volere nel contratto che il tuo compagno di squadra sia uno schiavo non è cattiveria gratuita? O forse coda di paglia? :p ... lasciamo stare va, comunque riesci sempre a tirare in ballo Montoya sempre, pure quando non centra, non ho capite se è per provocarmi gratuitamente (provocazione che non mi sfiora nemmeno e non raccolgo :p) o se è perchè sei invidioso di lui, di solito tanto odio è sinonimo di invidia :D

Invidia di chi di Montoya :eek: ???? Una bella barzelletta :D:D:D:D:D per uno Schumackeriano fino al midollo!!!!!!!

Faccio solo notare gentilmente che non l'ho certo tirato fuori io nella discussione...

Originariamente inviato da TyDany

..... /cut e non solo quando sono su Lance o Montoya ma anche quando sono sui politici, sui calciatori, tutti gli insulti a Trapattoni fino a certi auguri di schiantarsi di Lu(a a Schumacher.... /cut

Il fatto è che Schumi uber alles altro che coda di paglia.... ma ovviamente ognuno è libero di pensarla come meglio crede, ovvio. :)