PDA

Visualizza versione completa : Giusto sparare per difendersi?


exion
18-05-2003, 13.40.51
17/05 21:44
Milano: rapina in un bar, un morto

Un tabaccaio ha sparato contro due ragazzi che erano entrati nel suo negozio per compiere una rapina, uccidendone uno e ferendo l'altro. E' successo in un bar tabacchi nei pressi del carcere di San Vittore a Milano. Secondo una prima ricostruzione, i due ragazzi sono arrivati in motorino col volto coperto.Minacciandola con una pistola, si sono fatto consegnare l'incasso dalla moglie del proprietario.Non è chiaro se l'uomo abbia reagito dopo un colpo sparato dai due. Il ferito, di 19 anni,è stato trasportato in ospedale

Lu(a
18-05-2003, 13.51.10
E' il terzo episodio in poco tempo, dopo quelli di Roma e Napoli.

Secondo me è più che giusto sparare ad un fottuto che ti rapina, senza però mettere in pericolo l'altra gente.

jannaz
18-05-2003, 13.51.34
Originariamente inviato da exion
17/05 21:44
Milano: rapina in un bar, un morto

Un tabaccaio ha sparato contro due ragazzi che erano entrati nel suo negozio per compiere una rapina, uccidendone uno e ferendo l'altro. E' successo in un bar tabacchi nei pressi del carcere di San Vittore a Milano. Secondo una prima ricostruzione, i due ragazzi sono arrivati in motorino col volto coperto.Minacciandola con una pistola, si sono fatto consegnare l'incasso dalla moglie del proprietario.Non è chiaro se l'uomo abbia reagito dopo un colpo sparato dai due. Il ferito, di 19 anni,è stato trasportato in ospedale

La legittima difesa gia' esiste.
Certo che se leggi il fatto di cronaca completo il tabaccaio e' uscito in strada e gli ha sparato mentre fuggivano (W)

JaNnAz

afterhours
18-05-2003, 13.56.45
giusto.

The Saint
18-05-2003, 14.03.52
Analizzando i fatti... cosa conta di + ora:

la vendetta ed il recupero dell'incasso
o l'aver ammazzato una persona?


....... (F)

Lu(a
18-05-2003, 14.05.11
Originariamente inviato da The Saint
Analizzando i fatti... cosa conta di + ora:

la vendetta ed il recupero dell'incasso
o l'aver ammazzato una persona?


....... (F)


La vendetta avendo ammazzato!

Del recupero dell'incasso me ne frega ben poco.

succhione
18-05-2003, 14.08.23
..l'unico caso di risposta lecita...e quando si sparano cazzate...
..tutto il resto è sconfitta....

afterhours
18-05-2003, 14.19.27
Originariamente inviato da succhione
..l'unico caso di risposta lecita...e quando si sparano cazzate...
..tutto il resto è sconfitta....


(Y) questa frase la condivido nel senso che ritengo l'uso delle armi una sconfitta ma se dei balordi si possono permettere di entrare in un negozio magari di un povero cristo che nn ha mai fatto male a nessuno e di mandarlo al creatore...allora e' anche giusto che quel povevo cristo si possa difendere... che pensavano di andare a fare una scampagnata in collina?

Marco Redaelli
18-05-2003, 14.28.42
legittima difesa...si ma...nn basterebbe una pistola narcotizzante?

o la bomboletta al peperoncino?

exion
18-05-2003, 14.46.49
la questione è che il commerciante in questione ora rischia la galera per eccesso di legittima difesa.

E' giusto o non è giusto?

Se non sparava, quelli magari tornavano anche qualche mese a rifare il giochetto, "tanto lì ci sono soldi facili".

Lui ha sparato per difendere l'incasso, non sé stesso è vero. Ma l'incasso è quello che ti serve per mangiare, per pagare le tasse, per mandare avanti l'attività.


Quattro anni fa, in una via dietro casa mia, sono stato aggredito e derubato. La cosa piu' terribile non è stato perdere i 4 soldi che avevo in tasca, il braccialetto d'argento regalatomi dalla mia ragazza o l'orologio regalatomi da mia sorella. La cosa piu' terribile è stato il senso di impotenza davanti alla violenza subita.
Fatta la denuncia, a quattro anni di distanza non si sa ancora chi fossero quei 4 bastardi (italianissimi, giovanissimi, e che di sicuro non erano degli emarginati ma quattro ragazzoti in cerca di soldi facili) che quindi sono rimasti impuniti.

La paura di girare per strada la sera mi ha attanagliato per anni.
A volte penso che se fossi stato armato quella sera, le cose sarebbero andate diversamente. Un pensiero breve, che sfugge subito, ma pur sempre un pensiero che non mi abbandona mai.

Anni fa mi stava entrando un ladro in casa. L'ho trovato bel bello con la scala appoggiata al balcone che stava salendo. Quando mi ha visto è scappato e ha bofonchiato un ridicolo "no no, niente nulla, non è nulla" ed è scappato via.
Quando sono arrivati i Carabinieri (dopo un'ora abbondante) loro mi hanno spiegato che se avessi spinto la scala e lo avessi fatto cadere, o anche se lo avessi solo inseguito, mi sarei beccato una denuncia per aggressione e lesioni: il ladro infatti non era ancora entrato in casa mia e non avevo il diritto fargli niente.


Se blocco una zingarella che mi sta rovistando nelle tasche, e la obbligo a seguirmi al commissariato, lei la lasciano andare perché minorenne, io mi becco una denuncia per sequestro di minore.
Se aspetto che arrivi la polizia, quando arrivano la ladruncola è già lontana e al sicuro.

Il caso dei commercianti che si armano per farsi giustizia da soli è un caso estremo.
Ma in generale i delinquenti non hanno vita troppo facile?

Tra i programmi del governo c'era maggiore sicurezza: a me pare che il senso di insicurezza, specie tra i commercianti, non sia calato affatto, e i fatti di questi giorni lo dimostrano.

IrONia
18-05-2003, 14.57.33
giusto, visto che viviamo in uno stato incapace di risolvere i problemi alla radice;)




ciaoo:D:D:D

Lucavettu
18-05-2003, 15.13.22
x me il negoziante ha fatto bene...

sicuramente, ora c'è un crimiale in meno in quella città

:rolleyes:

a me non piace vedere morire della gente, per carità... ma se deve morire un tabacchino che ha il negozio aperto a un quarto alle dieci di sera, che sta facendo il suo lavoro mentre gli altri sono nei pub o nei ristoranti...

Proprio non ci sto...

Stalker
18-05-2003, 15.14.56
Per carità: legittima difesa se l'uomo si difendeva dentro al suo negozio.

Ma andare come Charles Bronson in mezzo alla strada per sparare dietro a questi due che ormai se ne stavano andando mi pare proprio una cosa indecente.
E se uno di quei proiettili andava a finire nella fronte di un passante ?

Capisco lo stato d'animo. Ma adesso deve pagare.

IrONia
18-05-2003, 15.24.49
Originariamente inviato da Stalker
Ma andare come Charles Bronson in mezzo alla strada per sparare dietro a questi due che ormai se ne stavano andando mi pare proprio una cosa indecente.
E se uno di quei proiettili andava a finire nella fronte di un passante ?



giusta considerazione;)


..ma in quello stato d'ira non era possibile valutare questo aspetto....


ciaooo:D:D:D

exion
18-05-2003, 15.29.09
Originariamente inviato da IrONia


giusta considerazione;)


..ma in quello stato d'ira non era possibile valutare questo aspetto....


ciaooo:D:D:D


Appunto.

In quei momenti pensi a una sola cosa: ti hanno fatto del male, e devi reagire. E' una reazione animalesca, istintiva, non la puoi controllare.
La scelta drammatica è quella di convivere col fatto che in un momento di ira hai ammazzato qualcuno, oppure portarti dentro per tutta la vita la violenza subita.

Allora forse non bisognerebbe dare il porto d'armi a nessuno...

ma ci sono sempre le mazze da baseball, e i bastoni, e mille altri tipi di arma.... Anche solo una mossa di karate puo' essere un'arma micidiale e assassina.


In coscienza, so che quel che ha fatto quell'uomo sparando è sbagliato.
Però non mi sento neanche di condannarlo per quel che ha fatto. Che sia lui ora a rischiare la galera mi sembra un paradosso della nostra società.

Terno
18-05-2003, 21.16.24
Mah, per un avvocato in gamba basterebbe dire che le fortissime "emozioni" che ha subito (rapina, pistola puntata alla tempia della moglie, ...) sono state sufficienti per poter richiamare la "temporanea incapacità di intendere e di volere" e risolvere la questione. Poi si sà, i processi sono luuuuuuuuunghi!!!! ;)

In + ci sono le attenuanti: i ladri avevano già parecchi precedenti, la pistola era vera, ...

afterhours
18-05-2003, 21.40.58
x me ha fatto bene..anche se quelli eran gia' usciti e se ne stavano andando...vuol dire che tu rapinatore 6 libero di puntare la pistola a mia moglie...minacciarla di morte...rubarmi l'incasso e una volta uscito dal negozio io nn posso farti + nulla?
nn esiste proprio...

exion
18-05-2003, 22.07.21
Originariamente inviato da Terno
Mah, per un avvocato in gamba basterebbe dire che le fortissime "emozioni" che ha subito (rapina, pistola puntata alla tempia della moglie, ...) sono state sufficienti per poter richiamare la "temporanea incapacità di intendere e di volere" e risolvere la questione. Poi si sà, i processi sono luuuuuuuuunghi!!!! ;)

In + ci sono le attenuanti: i ladri avevano già parecchi precedenti, la pistola era vera, ...

Terno, in un certo senso hai messo il dito sulla piaga.

Questo uomo sarà messo in croce e giudicato in tribunale per quello che ha fatto.
Ma dal momento in cui da aggredito diventa imputato, egli stesso godrà di tutti quei meccanismi che garantiscono l'impunità ai delinquenti.
Allora tanto vale non essere ipocriti, e almeno ammettere che se sempre piu' persone si fanno giustizia da soli è perché qualcosa nel sistema repressivo non funziona.


L'anno scorso in un liceo della Liguria è stato effettuato un "raid" vandalico notturno: porte sfasciate, banchi sedie e macchinari distrutti, vetri infranti. Sangue dappertutto, essendosi il vandalo ferito con i vetri da lui stesso rotti.
Il responsabile di questa bella azione (ma non si è mai saputo se fosse da solo o in compagnia) è stato identificato, perché il "genio" andava a scuola vantandosi della sua impresa coi compagni e mostrando a tutti la ferita che si era procurato. Davanti al preside della scuola prima e agli agenti della polizia poi, ha confessato tutto. Maggiorenne, anche se da poco, comunque pienamente responsabile davanti alla legge.
Lo hanno messo dentro? No. Lo hanno condannato a un anno di servizi sociali? No. Gli hanno fatto risarcire i danni? Nemmeno

Una pacca sulla spalla, una promessa di non rifarlo mai piu', e via, libero e impunito come se non fosse mai successo... Ah, sì, ora che mi ricordo, una "punizione" glie l'hanno data: non ricordo se una o piu' settimane di sospensione da scuola. Immaginate che punizione poverino, tenuto lontano dalla scuola tanto amata tutto questo tempo, chissà come avrà sofferto....

Sono un garantista, ritengo che i mali delinquenziali non si risolvano con la repressione ma a mont,e con una prevenzione sociale decisa ed efficace. Ma anche se non si questi problemi non si risolvono con la sola repressione, un reato è e rimane sempre un reato, e non vedo il motivo per il quale così spesso si debba chiudere un'occhio.