PDA

Visualizza versione completa : Perchè un altro mondo è possibile...


cicciofriz
02-11-2002, 02.23.37
Ci stiamo avvicinando a Natale, sprecheremo un sacco di soldi per
regali quasi sempre inutili! Chi crede che "Un mondo diverso e' possibile" ci pensi... quest'anno facciamo un bel Natale sostenibile per TUTTI...
Ambiente, Uomini e animali!

POSSIAMO FARLO FACILMENTE:

- Boicottando le multinazionali responsabili dei vari crimini nel sud
del mondo (e non solo nel sud del mondo);

- Non acquistando nei grandi magazzini: la spinta al maggior consumo a prezzi stracciati produce un'economia basata sullo sfruttamento delle popolazioni più deboli e apre la strada al terrorismo e alla guerra;

- Diminuendo e qualificando i nostri consumi, accettando prezzi
corretti anche per i produttori;

- Scegliendo produzioni che non danneggiano l'ambiente, che non causano sofferenza e sfruttamento sia degli uomini che degli altri animali;

- Impegnandoci ad acquistare regolarmente in strutture collettive e senza fini di lucro i cui utili (se ci sono e quando ci sono) vengono impegnati in iniziative di interesse collettivo.

cicciofriz
02-11-2002, 04.24.47
Per un anno il campesino sulla terra zappò
E il raccolto una mattina al mercato portò
Cotone banane cacao e caffè
Dopo un anno di lavoro quanto pensi gli hanno dato
Tre solo tre di pesos solo tre
Dopo un anno di lavoro di pesos solo tre
panama stivali faccia bianca e lavata
parla inglese chi ha comprato il caffè
cotone banane cacao e caffè
per un ora di lavoro quanto pensi gli hanno dato
tre mila pesos mille per tre
un ora di lavoro e mille pesos per tre

cotone banane cacao e caffè
per cambiare continente impiegano un mese
tre milioni al grossista francese
ci metton due secondi con il world wide web
C'è l’ industriale che urla incazzato
"Meno operai! Siamo fuori mercato!"
Poi guarda il rolex , s'è già fatto tardi
e torna alla sua villa di svariati miliardi.
3000 pesos non bastano più
si parte da un milione e si va sempre sù
di tutto quel caffè ora un chicco soltanto
Costa più del campesino del raccolto e del campo

c' è un esperto che arriva da Calais
si studia attentamente il nostro chicco di caffè
"Con l'uso biogenetico di un forte lucidante
lo rendo un pò dannoso ma più accattivante
Per lo spot serve una grande attrice
che canta balla ride e fa la presentatrice
vola su chicchi che sembrano proprio veri
e ha avuto un assegno con circa sette zeri

L’ esporatore è sempre più ricco
Il grossista francese è sempre più vicco
L’ industriale incazzato è più rilassato
L’ esperto di Calais non beve più caffè
Manager attrici registi e banchieri
Tutti più felici e più ricchi di ieri
ma tutto il lavoro del campesino
Sempre quei tre pesos e di mancia un soldino.
Ma In questo pianeta la giusta convenienza
E’ rendere la gente più felice con coscienza
una parte del mondo da anni è rapinata
Da gente che di questo non ne vuol sapere niente
Da gente che pensa che ha molta più importanza
L’ andamento delle borse e non quello della mente.
Ma per fortuna in ogni cosa della vita
Puoi cercare un’altra via d’uscita.

Un altro campesino per un anno ha zappato
S’ è alzato presto e non è andato al mercato
Qualcun altro senza panama ha incontrato
Qualcuno che se paga paga quel che ha lavorato
E sa che un’ ora ha lo stesso valore
Se sei un contadino o un illustre scrittore
Ha incontrato le botteghe del mondo
Che pagano il lavoro al suo prezzo giusto e tondo
Fuori dalla legge di un mercato brutale
Per uno scambio più equo e solidale.

Un'altra via d’ uscita
Dario Iacobelli — Daniele Sepe

Terno
02-11-2002, 18.10.01
Dico la mia!
In questo mondo consumistico non conti nulla se non sei, appunto, un consumatore: e quindi devi prendere questo e quello, quello lì e quello là.
E poi viene fuori che le feste (specialemnte quelle natalizie, ma non solo) rappresentano una fonte altissima di stress. E ci credo: che cosa devo comprare, che cosa gli piacerà, non c'è più e adesso come faccio, e stupidaggini simili.

Un bel Natale può essere vissuto in famiglia, con prodotti "normali", che magari puoi avere acquistato al "mercato equo e solidale". Poi ci stà il cenone, ma può essere un cenone regolato, senza sprechi, magari "nostrano" (e dalle mie parti si mangia 100 volte meglio il nostrano che quei "cosi" in vendita)
I regali ... perchè "i" e non "il": alla persona a te cara fagli un regalo, non ricoprirla di regali! Uno utile che piaccia!
Più bel regalo di così :)

Freeze
05-11-2002, 17.26.20
Immagino dove arriveranno i prezzi per il primo Natale dell'euro.

Spenderemo un casino di soldi per una cosa che non servirà neppure (mi chiamano Nostradamus :D :p)

Uffa...che schifo però :(

Terno
05-11-2002, 17.31.38
E perchè DEVI spendere?

succhione
05-11-2002, 17.54.11
...ed io che credevo fosse un 3d dedicato ad altri mondi marziani.......:(...:D

....invece sempre lo stesso mondo...:o...solo senza pacchettini regalo..;)

..daccordo...:o....niente regali....sotto l'albero, dopo mesi di lavoro....una letterina con dentro la poesia dell'eterna felicità...:)

Freeze
05-11-2002, 18.01.35
No no...io non DEVO niente!!! ;)

Bah...questa mania dei regali a Natale...Pasqua...San Valentino!

E' diecimila volte più bello ricevere (e fare) un regalo all'improvviso...senza che nessun evento istituzionalizzato lo "imponga"!

E' bello fare un regalo e vedere l'espressione di meraviglia (perchè inaspettato) sul volto della persona che vi è di fronte (o di lato :D:D:D)


Mah...parlo io che sono il primo a fare i regali a Natale e Pasqua.
Però quando posso li faccio anche senza un motivo ma per il semplice gusto di farlo :)
Ovviamente non faccio regali costosi dato che pur volendo...:D lo "stipendio" di studente non permette grandi agi :D