PDA

Visualizza versione completa : Il convivio dei morti - Le Deliziose riflessioni Marce di Kandran Kane


Kandran Kane
26-03-2002, 01.57.31
Come potrei cominciare questo nuovo thread? Ma è ovvio, partendo da lontano.

..................Mi trovavo in casa affetto da un fastidioso raffreddore primaverile.................................

Senza rendermene conto mi ritrovo davanti alla tv..........................................

Sono le 23 circa e non mi dispiace affatto Zelig anche se, non sempre è divertente.

Ho passato a piccoli sprazzi, buona parte della giornata davanti al nefando elettrodomestico.

Maestri, Opinionisti, Sceneggiati - Verità(non so come si chiamino ora esattamente, ma alludo a cose come distretto centrale o qualcosa di simile)

Ma queste cose non mi toccano.

Poi termina Zelig e, sto per spegnere e tornare ai miei file di Word quando.................comincia................... ..........
..............una voce giovanile fuori campo...............Immagini dall'alto................miriadi di persone che applaudono...............Gente che sorride e si autoacclama...............................Forse prima eravate vogliosi di danza...........forse.............o forse non lo siete stati e, qualcun altro ha deciso per voi, perché non è difficile che accada. Voi state strimpellando una chitarra e, come per incanto qualcuno vi dice"Accidenti sei bravo", la mente di colui che ha detto questa frase in realtà pensa"tu fai al caso nostro, tu sarai il prossimo oggetto del desiderio".

Io sono stato a un sacco di concerti. Ho visto e ascoltato gente con il veleno in corpo(Tanto per nominarne uno il festival beat dalle parti di Piacenza). Poi mi capita di guardare la tv e vedere Ligabue o Jovanotti o i Marlene Kuntz o Bocelli........................................... ................... e allora mi chiedo perché loro vendono dischi?

Forse perché alla massa piace????????????

Non ci credo. Per quanto io disprezzi la massa, non ci voglio credere.......credo di più a quel teorema che dice La potenzialità d'acquisto di un prodotto dipende per il 40% da una campagna pubblicitaria ben fatta(concerti, partecipazioni ad eventi mondani, un pò di satira sul prodotto non guasta ecc)

E rieccomi, dopo queste disimpegnate elucubrazioni, a osservare di nuovo lo schermo. Una sigla funebre: PIM. come il moschetto del soldatino di legno(che mi deprimeva tanto da piccolo).

Un'altra immagine. Un altro spettacolo. Saranno famosi. Vecchiette impomatate che si fingono maestre di canto e di ballo. Azzimati pornodivi(probabilmente utilizzano loro per mostrare il lato marcio dello spettacolo) che si fingono suonatori di pianoforte per coadiuvare l'opera di Talent Scout rimbecilliti. E i candidati(a che cosa non si sa. Alla fama?), chi sono? Slavati giovanotti con barbetta incolta come le caprette di Haidi, tisiche ragazzine con un volto qualunque(quel tipo di volto che ispira la famosa frase"ma dove le ho già viste"?)


Insomma qual è lo scopo di mostrare tutta questa depressione video? Forse, in generale per dire "Il sentiero dello spettacolo è irto e pieno di insidie e uno su mille ce la fa", forse è solo per intrattenere e distrarre i poveri vecchi mostrando loro il ?fior fiore? della giovinezza..................................non lo so



Stalker, Skorpios, Smart75, Manumission, Billow, The_Prof, Pone, Paco Dove siete???????????????? Chissà perché sento il bisogno di un confronto con voi Mah.........................



Non son sicuro di aver detto tutto. Ma questo raffreddore non mi lascia in pace.
Non mi spezzeranno comunque sia, Daniele Bossari non avrai il mio c@@@.....................................

Fëanor
26-03-2002, 20.01.58
Ciao Hector (mi piace ricordarti con questo nome), ti sei scordato di me, il sergente di ferro del Battaglione S.Marco. :D

io ---> (W)

Sono d'accordo con te sulla putredine televisiva, soprattutto sulle vecchiette impomatate :D, ma non puoi farci nulla, se non cambiare canale... i fili di questo fottuto burattinaio sono troppo resistenti per essere spezzati con un topic, ma forse con la tua LEGGENDARIA SPARACHIODI... :)

auguri per il raffreddore :)

Kandran Kane
26-03-2002, 20.09.06
Originariamente inviato da Feanor
Ciao Hector (mi piace ricordarti con questo nome), ti sei scordato di me, il sergente di ferro del Battaglione S.Marco. :D

io ---> (W)

Sono d'accordo con te sulla putredine televisiva, soprattutto sulle vecchiette impomatate :D, ma non puoi farci nulla, se non cambiare canale... i fili di questo fottuto burattinaio sono troppo resistenti per essere spezzati con un topic, ma forse con la tua LEGGENDARIA SPARACHIODI... :)

auguri per il raffreddore :)

Perdonami Feanor, ho invocato solo Smart75 ed ero convinto chissà perché di aver messo anche il tuo nome.

e comunque, magari potesse una sparachiodi "full ammo" fermare quelle teste..................................

giofi83
28-03-2002, 00.11.23
... e trasmissioni com il processo di Biscardi o Controcampo: poi siamo qui a chiederci il perchè della violenza negli stadi.

Abbiamo quello che abbiamo voluto, quello che ci meritiamo.

Certe trasmissioni, certi giornali, certi opinionisti, certi politici esistono perchè noi le vediamo, li compriamo, li ascoltiamo e li votiamo e ci divertiamo a farlo.

Ricordo che mio padre, parlandomi della sua prigionia in Africa durante la seconda guerra mi diceva che i tedeschi presi uno ad uno erano dei compagnoni di prima classe, presi in gruppo si trasformavano in pecoroni nazisti inquadrati perchè tutti erano irregimentati e non volevano essere la masca bianca.

Credo che questo principio lo si possa trasporre all'umanità in genere: l'uomo ha paura di sembrare diverso anche se in cuor suo muore dal desiderio di esserlo.

Kandran Kane
28-03-2002, 03.23.32
Originariamente inviato da giofi83
... e trasmissioni com il processo di Biscardi o Controcampo: poi siamo qui a chiederci il perchè della violenza negli stadi.

Abbiamo quello che abbiamo voluto, quello che ci meritiamo.

Certe trasmissioni, certi giornali, certi opinionisti, certi politici esistono perchè noi le vediamo, li compriamo, li ascoltiamo e li votiamo e ci divertiamo a farlo.

Ricordo che mio padre, parlandomi della sua prigionia in Africa durante la seconda guerra mi diceva che i tedeschi presi uno ad uno erano dei compagnoni di prima classe, presi in gruppo si trasformavano in pecoroni nazisti inquadrati perchè tutti erano irregimentati e non volevano essere la masca bianca.

Credo che questo principio lo si possa trasporre all'umanità in genere: l'uomo ha paura di sembrare diverso anche se in cuor suo muore dal desiderio di esserlo.

Giofi83, è molto più profondo di quel che si possa immaginare, il contenuto del tuo ultimo capoverso.

Mentre la frase che ho messo in corsivo mi lascia perplesso. Con quel "noi", potresti voler dire che anche te ed io abbiamo voluto certe cose, che ora subiamo?????????

giofi83
28-03-2002, 10.16.10
Credo nell'uguglianza del macro e microcosmo, nella similitudine tra un corpo umano e la società umana.

Tu ed io non siamo altro che una cellula di un corpo unico, magari non intaccate da un tumore, ma con un disegno preciso.

Se il corpo muore, noi non possiamo sopravvivere e l'organismo ha bisogno anche di noi per sopravvivere.

Con questo non voglio dire che si debba accettare come ineluttabili alcune pazzie di un organismo malato, si deve fare di tutto per farlo guarire lavorando in una maniera organica tenendo presente che in ogni caso abbiamo bisogno di tutte le altre cellule del corpo umano per vivere.

Ci si può chiedere quale possa essere la tecnica meno invasiva di operare per ottenere il massimo dei risultati: credo sia lavorare sulle cellule nuove che nascono adesso, acculturandole con l'identificazione dei principi e valori morali assoluti che sono la base del dna della società umana.
Senza questa preparazione di base il nostro diventa un OGM capace di qualsiasi nefandezza.



:eek: prima di Pasqua un post del genere?

Mi ricoverano subito:D (B)

The_Prof
28-03-2002, 10.18.11
Prima di rispondere volevo chiedervi quale software utilizzate per scrivere in modo cosi' corretto e fluido ?
Forse dipendera' dal fatto che quando prendevo 5 in italiano il professore si congratulava con me? ;D

Riguardo i programmi televisivi, (non mettevi a ridere) , a parte qualche raro programma sulle reti RAI e MEDIASET, adoro seguire i programmi di TELEMARKET (soprattutto essendo appassionato di tappeti ed orologi), non tanto per acquistare, quanto per aumentare le mie conoscenze.
Speriamo che dopo tutti i casini su Corbelli, l'emittente riprenda regolarmente la programmazione.

Riguardo ai programmi sportivi aborro le supermoviole specialmente quando fanno rilevare un fuorigioco di 5-10 cm, e danno adosso all'arbitro per non averlo rilevato :grrr:



Ciao :)

Kandran Kane
28-03-2002, 12.29.37
The Prof finalmente. :D :D Non ci credo, che prendevi 5 in Italiano e per qualcuno, questo era un trionfo.

Giofi83, sono felice di "filosofare", lo sono molto meno su argomenti come questo.
Io credo nell'uguaglianza strutturale degli esseri umani. Qualità del cervello compreso. Credo molto meno in quella Funzionale.
Esiste un disegno preciso ma, è stato scritto a grandi linee. I dettagli li forniamo noi e, son anche questi che ci distinguono.

Gli aspiranti nurofisiologi, devono divorarsi testi di studio di anatomia e fisiologia e neurologia; dopo aver fatto questo, sono pochi, coloro che riescono a notare IL PRINCIPIO DELLA CELLULA PENSANTE. Infatti tale principio(che io chiamerei di più Paradosso), non figura in nessun testo, ma lo si può solo dedurre.

Esiste un tipo di cellula nel nostro corpo, che nasce da altre cellule come lei e, dal DNA riceve l'ordine di generare cellule di natura e composizione diverse da essa, riceve anche l'ordine di gestirle e di donar loro la capacità di riprodursi.........la capacità di riprodursi.......l'unica capacità che la cellula ordinatrice perde appena nata, è poi in grado di trasmetterla alle cellule che lei stessa genera, e continua a vivere perdendo l'unico scopo che, in un organismo ha significato per una cellula. La riproduzione.

Ho scritto questo per dirti da dove parte la mia idea di di disordine che crea ordine, un ordine personalizzato però, un ordine del quale io sono parte generante e usufruente allo stesso tempo. ma è sempre un ordine dal disordine(Non sono nazista e, se occorre rispiego meglio cosa intendo, se può aiutare potete leggere la mia signature che è un aforisma di Nietzsche).

The_Prof(posso chiamarti solo Prof?), la mia riflessione non aveva nulla contro i bazar televisivi. Essa nasceva dalla incauta e casuale visione di un programma che riguardava la musica e "la voglia di diventare famosi".

giofi83
28-03-2002, 14.01.12
Originariamente inviato da Kandran Kane
...io sono parte generante e usufruente allo stesso tempo.

La similitudine della cellula del corpo umano l'ho utilizzata per il solo scopo funzionale.
Non puoi essere parte generante ed usufruente allo stesso tempo.
Non puoi essere creatore e creato.
Mi ritrovo all'interno di un organismo precostituito non da me, dove il mio comportamento nel desiderio di cambiare una realtà deve fare i conti con un'eventuale crisi di rigetto che l'organismo può generare nei miei confronti.
Il cambiamento deve essere frutto di una lunga e paziente opera, non di azioni violente che porterebbero subito all'attivazione delle misure di autodifesa.
Credo che per cambiare le cose ci si debba comportare come un tumore, ma nel senso buono e costruttivo della similitudine: la cellula degenerata inizia il suo lavoro sulla vicina e così via.
Per questo dico che i cambiamenti duraturi sono quelli basati sull'acculturamento dei bambini e dei giovani, sia nozionistico che morale.(B)

Kandran Kane
29-03-2002, 10.52.40
Originariamente inviato da giofi83


La similitudine della cellula del corpo umano l'ho utilizzata per il solo scopo funzionale.
Non puoi essere parte generante ed usufruente allo stesso tempo.
Non puoi essere creatore e creato.
Mi ritrovo all'interno di un organismo precostituito non da me, dove il mio comportamento nel desiderio di cambiare una realtà deve fare i conti con un'eventuale crisi di rigetto che l'organismo può generare nei miei confronti.
Il cambiamento deve essere frutto di una lunga e paziente opera, non di azioni violente che porterebbero subito all'attivazione delle misure di autodifesa.
Credo che per cambiare le cose ci si debba comportare come un tumore, ma nel senso buono e costruttivo della similitudine: la cellula degenerata inizia il suo lavoro sulla vicina e così via.
Per questo dico che i cambiamenti duraturi sono quelli basati sull'acculturamento dei bambini e dei giovani, sia nozionistico che morale.(B)


Scusami Giofi83 se non ho risposto prima.

Dunque, cercare una svraegmentalità alle nostre argomentazioni, dobbiamo ipoteizzare degli intenti.

Da ciò che spero di aver compreso, dai tuoi discorsi, il mondo può essere cambiato se si cerca di cambiarlo insieme.
E, in effetti, l'esempio della materia tumorale molto si adatta a questa tesi.

Ma io per indole non sono così propenso a crederlo.

Gli esseri umani posseggono un arbitrio negato forse, solo ad alcune creature del mondo animale. Noi abbiamo la possibilità dataci dalla capacità di paragone, di scegliere se vivere o convivere.
Tutti i bagagli educativi improntati sul saper vivere, avran sempre più lacune di quelli orientati sul saper convivere.
La ricerca di sè stessi per altre terre o altri credo, diversi dal credere in sè stessi è una chimera "new age".

Io non credo che il mondo lo si possa cambiare tutti insieme.
Non è pessimismo, è fiducia in MadreNatura.

Skorpios
29-03-2002, 11.43.12
Originariamente inviato da giofi83
Per questo dico che i cambiamenti duraturi sono quelli basati sull'acculturamento dei bambini e dei giovani, sia nozionistico che morale.


Ciao giofi,
sono d'accordo... ma solo in parte.

Secondo me non è questione di cambiamenti (e nemmeno duraturi) nè di acculturamento.
La vita di un essere umano è un continuo e costante divenire, che egli ne sia consapevole oppure no, il cambiamento duraturo, ammesso che esista, è solo una sosta...
... l'acculturamento poi, (IMHO) è un obbrobrio ideologico (con tutto il rispetto ;):)).

"I bambini" non esistono...
Ognuno di essi, esattamente come ognuno di noi, rappresenta l'esito di una (infinita?) serie di interazioni tra diverse e peculiari componenti.
Non c'è la ricetta valida per tutti... non si può trasferire la sensibilità, la purezza d'intenti, l'onestà, il rigore, la propria personalissima visione del mondo, la capacità di amare... non si può...
Si può certamente educare, ma questo è un altro discorso...

Fare i conti con la propria umanità, nel senso più lato possibile, è questione squisitamente personale, individuale, singolare...
E quello che resta mi appare solo come la potenzialità di poter offrire (eventualmente) fulgido esempio della propria presunta santità... ;):)

Kandran Kane
29-03-2002, 11.53.11
Originariamente inviato da Skorpios

Secondo me non è questione di cambiamenti (e nemmeno duraturi) nè di acculturamento.
La vita di un essere umano è un continuo e costante divenire, che egli ne sia consapevole oppure no, il cambiamento duraturo, ammesso che esista, è solo una sosta...
... l'acculturamento poi, (IMHO) è un obbrobrio ideologico (con tutto il rispetto ;):)).

"I bambini" non esistono...
Ognuno di essi, esattamente come ognuno di noi, rappresenta l'esito di una (infinita?) serie di interazioni tra diverse e peculiari componenti.
Non c'è la ricetta valida per tutti... non si può trasferire la sensibilità, la purezza d'intenti, l'onestà, il rigore, la propria personalissima visione del mondo, la capacità di amare... non si può...
Si può certamente educare, ma questo è un altro discorso...

Fare i conti con la propria umanità, nel senso più lato possibile, è questione squisitamente personale, individuale, singolare...
E quello che resta mi appare solo come la potenzialità di poter offrire (eventualmente) fulgido esempio della propria presunta santità... ;):)

Pienamente d'accordo.(Y) (Y) (Y) (Y)

Kandran Kane
17-01-2003, 18.31.29
E finalmente l'ho trovato. Mi mancava questo thread e sapete perché, per la frase di sfida finale nel messaggio d'inizio. Quella in cui intimo a Bossari che non avrà mai il mio prezioso e decantato fondoschiena.

Subito dopo c'è una breve disquisizione meta-filosofica tra me e GIOFI ma, quel giorno dovevamo essere drogati tutti e due ed è andata così.
Scherzi a parte. Ho riesumato anche questo thread perché in questi giorni viaggio spesso al mattino e, l'autobus è pieno di studenti.
Potevo farmi gli affari miei? Ma certo che sì, se non avessi sentito nulla ma, si sa, sugli autobus è letteralmente impossibile "isolarsi"(a meno che non hai un walkmen e stai ascoltando il primo LP dei Sepultura a tutto volume :D :D).

I giovani d'oggi(è un eufemismo, non incavolatevi), non si chiedono più l'altro se è piaciuto l'ultima puntata di Jeeg Robot, non si chiedono più se è piaciuto il tale film visto in tv o altro ancora.....
No. I giovani d'oggi(è lo stesso eufemismo di prima), si dicono tra loro:
" Hai visto cosa ha fatto ieri Gino alla Federica? Cièèèèèèè(colorita espressione giovanile sempreverde che significa "Cièèèèèè"), è troooppo bello vedere certe cose, cioè, sai cioè, senza che "loro" lo sappiano."

"E quando Genoveffo ha cucinato per i ragazzi? Cièèèèèè che emozione"
"Hai visto ieri? C'era niente "pocodimeno" che Anastron@a(nuovo idolo dei teen agers), Cièèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèè"


Rimanere basiti è il minimo, ignori persino i colpi di zaino che ti arrivano ogni tanto quando ti trovi su quegli autobus. Ora li guardo con profonda tenerezza, anche se da un Vampiro Bastardo come me ci si dovrebbe aspettare altro.

Ma sapete che vi dico????

CIEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE EEEEEEEEEEEEE

Smart75
18-01-2003, 01.51.01
Sei sempre il mio preferito, Hector :D
Ti leggo sempre con passione, le tue riflessioni mi lasciano sempre più perplesso e sfiduciato nel futuro...
Anche io ogni tanto ascolto le discussioni dei giovani di oggi... e mi rendo conto che non è più come una volta.
Io preferivo stare zitto piuttosto che confermare al mondo la mia demenza giovanile, non mi sarei mai sognato di discutere dele puntate di Centovetrine o della pettinatura di Agenore al Grande Fratello.
Una cosa... io non ho assistito al salto di mentalità.
Secondo voi è stata una transizione, oppure sono diventati tutti stupidi dopo l'ingresso di Michele Cucuzza nel palinsesto televisivo?

A voi la palla :D

see you soon
Smart75

giofi83
19-01-2003, 22.41.12
Originariamente inviato da Smart75

Secondo voi è stata una transizione, oppure sono diventati tutti stupidi dopo l'ingresso di Michele Cucuzza nel palinsesto televisivo?


...[Bastard mode] e Luca Giurato dove lo metti? [/Bastard mode]

Mi è venuto un coccolone quando nella posta mi sono visto la notifica di questo 3ad e mi ha fatto piacere rileggerlo, grazie KK(Y)

Però non mi sento di cambiare opinione sulle colpe della famiglia e della scuola riguardo all'educazione dei ragazzi.

Però è anche vero che non tutti i ragazzi sono come quelli che hai visto sull'autobus, ti assicuro che vi sono molti giovani con "la testa sulle spalle" che mi fanno ben sperare nel futuro.

Cmq Kandran, poter spacciare quella droga che fa ragionare di meta-filosofia, ci farebbero Santi ;) (Y)

Kandran Kane
20-01-2003, 00.49.50
Originariamente inviato da giofi83
[B]

... e Luca Giurato dove lo metti? [/Bastard mode]

Mi è venuto un coccolone quando nella posta mi sono visto la notifica di questo 3ad e mi ha fatto piacere rileggerlo, grazie KK(Y)

Però non mi sento di cambiare opinione sulle colpe della famiglia e della scuola riguardo all'educazione dei ragazzi.

Però è anche vero che non tutti i ragazzi sono come quelli che hai visto sull'autobus, ti assicuro che vi sono molti giovani con "la testa sulle spalle" che mi fanno ben sperare nel futuro.

Cmq Kandran, poter spacciare quella droga che fa ragionare di meta-filosofia, ci farebbero Santi ;) (Y)

eh eh eh ci puoi contare Giofi.

In ogni caso il mio non era un commento sull'intera gioventù, se è stato compreso questo, significa che ho scritto male.
Personalmente, conosco molti "giovani" con la testa sulle spalle. Un esempio su tutti è il fatto che tutti gli strumentisti del gruppo in cui canto hanno dai 18 ai 26 anni e sob sob sob, io sarei il più vecchiett'.

Come al solito il convivio dei morti lo vedo da altre parti. Quelle parti dove la gente va per studiare e ora invece vi vedo per lo più una sorta di vetrina di morti, un grottesco lugubre teatrino in cui molti si affannano ad "essere originali" e pensano di raggiungere questo status, diventando diversi.

Mi sa tanto che domani andrò al lavoro vestito da sub. E invece dello zaino darò spallate con le bombole d'ossigeno. Son sicuro che qualcuno mi avvicinerà dicendomi "interessante il tuo abbigliamento fratello, ti richiami alla 'neusterzeundlaibekstrande'(termine appena inventato da me). Sì devo dire che sei ok però io preferisco Majakosky(buonanima di poeta, se sapesse da chi viene letto oggi)." Il tutto, rigorosamente senza che io apra bocca.

Fenomeni moderni. Sapete che vi dico? Vestitevi da Sub se volete essere originali(immaginatemi mentre mi allontano dal pc con la pancia tra le mani dal ridere, dopo aver scritto questa boiata)

Kandran Kane
27-04-2003, 14.46.22
Originariamente inviato da The_Prof
Prima di rispondere volevo chiedervi quale software utilizzate per scrivere in modo cosi' corretto e fluido ?
Forse dipendera' dal fatto che quando prendevo 5 in italiano il professore si congratulava con me? ;D

Riguardo i programmi televisivi, (non mettevi a ridere) , a parte qualche raro programma sulle reti RAI e MEDIASET, adoro seguire i programmi di TELEMARKET (soprattutto essendo appassionato di tappeti ed orologi), non tanto per acquistare, quanto per aumentare le mie conoscenze.
Speriamo che dopo tutti i casini su Corbelli, l'emittente riprenda regolarmente la programmazione.

Riguardo ai programmi sportivi aborro le supermoviole specialmente quando fanno rilevare un fuorigioco di 5-10 cm, e danno adosso all'arbitro per non averlo rilevato :grrr:

Ciao :)

Ma quando parli di "modo fluido e corretto", alludi al fatto che ci sono pochi errori?

Ad ogni modo sono contento di rivederti PROF.

Nel periodo in cui c'è stato il blackout del forum, ne son successe di tutti i colori. Una chicca ve la trascriverò a breve, e riguarda uno dei serial televisivi in voga ultimamente, che si intitola "casafamiglia2"(il 2 deve essere una minaccia.


A presto....

Kandran Kane
05-05-2003, 16.20.05
Ed eccomi qui come promesso. Ho ritrovato questo documento redatto da due psichiatri del DSM, dei quali ho omesso il nome. Questa lettera è stata spedita "per conoscenza" anche nella Mailing list di psichiatria di POL.IT. La trascrivo qui, perché il testo è interessante, e vi dà un'idea di cosa intendo io con "disinformazione", la quale avviene laddove meno ce lo aspettiamo e sempre dove, il nostro "conscio" non assimila nulla, ma il nostro "INCONSCIO" si becca tutto. Uno dei motivi per cui non mi fido neanche di siti come "disinformazione.com".......


Eccovi il testo della lettera.

Spett.le RAI Uno
e p.c.
FASO Film
Commisiione di Vigilanza RAI
Ministero della Salute
On. Maurizio Gasparri
Associazione Medici Diabetologi
Società Italiana di Diabetologia
Associazioni dei pazienti
Tribunale per i diritti del malato


Oggetto: prima puntata di "Casa Famiglia 2", andata in onda nella prima serata di Rai Uno Venerdì scorso (14 marzo 2003).

Scriviamo a nome dei numerosissimi utenti del sito web Progetto Diabete (http://www.progettodiabete.it/), il primo portale italiano sul diabete e il più seguito in Italia.
Ma scriviamo anche come privati cittadini.
I nostri nomi sono G S genitore di un ragazzo diabetico dall'età di 8 anni e web master di Progetto Diabete e M. S., direttore del Centro per il Diabete dell'Ospedale xxx, responsabile medico del sito stesso.

Nella puntata di "Casa Famiglia 2" di Venerdì 14 marzo, la famosa fiction di RAI 1 che è indirizzata prevalentemente alle famiglie, sono stati fatti passare dei messaggi tanto sbagliati quanto gravi sulla patologia diabetica.

Protagonista è una ragazza, di circa 25 anni, affetta da una "rarissima forma di diabete" (?) che moriva durante la puntata in circostanze piuttosto strane (malessere, sangue dal naso) mentre cercava inutilmente di farsi una dose di insulina. La ragazza si iniettava l'insulina che il medico di fiducia le portava a domicilio, si praticava la terapia di nascosto con le siringhe (?) da insulina iniettandola endovena (?) tanto che parte del telefilm era basata proprio sull'equivoco della sua tossicodipendenza causato dai buchi sull'avambraccio che lei tentava maldestramente di nascondere.
Ho letto che la prima puntata della serie, di cui Massimo Dapporto è protagonista, si è imposta nel prime time di venerdi 14 come il programma più seguito, registrando uno share del 22 per cento, pari a 5.789.000 telespettatori.
Il diabete è una malattia sociale di grande impatto e questa serie ha determinato un danno per molte famiglie e persone che direttamente o indirettamente sono state colpite e/o si occupano di questa patologia. Non è ammissibile che una televisione di Stato come la RAI, per cui i cittadini sono obbligati a pagare un canone, ed il cui obiettivo è quello di produrre programmi di qualità e non solo di "cassetta", possa diffondere un'informazione tanto distorta e menzoniera.
Noi lottiamo da anni per fornire un'informazione corretta sul diabete, per aiutare le persone che ne sono affette ad una reale integrazione sociale, per educare alla cura e alla prevenzione di questa grave malattia. Ed una trasmissione come questa è in grado di vanificare buona parte del nostro lavoro.
Si chiede quindi una rettifica da mandare in onda prima della prossima puntata della fiction in oggetto, che spieghi che non esiste alcuna "rarissima forma di diabete" che richieda come terapia iniezioni di insulina endovena, che non esiste nessuna forma di diabete per cui si renda necessaria l'iniezione urgente di insulina, pena il decesso immediato dell'interessato, che esiste tutt'al più un altro ormone, il glucagone, che serve a combattere gli effetti causati da una dose eccessiva di insulina, e soprattutto che il diabete è una malattia che può essere tenuta sotto controllo con mezzi meno invasivi della classica siringa e che non c'è nulla da nascondere o di cui vergognarsi nell'essere diabetici.
Se si pensa alla presa che le serie TV hanno sulla popolazione, si può comprendere quanto questo possa nuocere ai diabetici, particolarmente ai più giovani, nella conservazione della loro normalità sociale.
Distintamente salutiamo.
M.S. e G.S.




Questo è solo un esempio dei tanti, ma gradivo molto metterlo in evidenza.

Uffffffffffffffffffffffff(W)

Kandran Kane
06-07-2003, 16.41.32
Carissimi amici forumisti. Mi sto dando da fare per arrivare al millesimo post, altrimenti sembra che io non sia un aficionado del forum e questo mi darebbe fastidio eh eh eh eh

Ohhh siamo arrivati ad un punto di massima confusione.

Prima c'era Saranno Famosi, poi Operazione trionfo, ora c'è Amici di mario de filippi. Il tutto ci passa continuamente sotto gli occhi e noi non ci facciamo caso. Noi ci riteniamo troppo intelligenti per quel tipo di programmi. E forse facciamo bene. Io spesso li guardo perché li devo guardare, perché mi fanno più paura e più schifo di qualunque film horror/splatter/gore ecc. Mi sono anche accorto però, che quei programmi funzionano come una calamita. Appena ti soffermi a guardare alcune sequenze, non riesci più a staccare il naso da lì. Perché???? Perché forse, come direbbe Giacomo Poretti(quello di Aldo e Giovanni), "rimaniamo sempre affascinati dagli abissi della psiche umana"? Perché cerchiamo un briciolo di verità e qualcosa in noi ci suggerisce che un pò di verità ci sia in quel guazzabuglio di risa e lacrime e gioia preconfezionata???? Perché?

Non penso di poter dare una risposta. Però mi piace illustrare alcuni momenti.

Ultimamente riesco a malapena a guardare i promo di quel programma. La "reality-tv" come l'hanno chiamata alla serata degli "oscar della televisione"(un nome pomposo per la consegna di premio cretino ed inutile), trasmette emozioni vere......... vere............

Se è vero che fort benning negli stati uniti, ha addestrato e messo in circolazione i più grandi serial killer nella storia del mondo negli ultimi 60 anni, è anche vero che i programmi di mario defilippi, addestrano e mettono in circolazione "LORO", e obnubilano le menti dei deboli giovani d'oggi, con le loro scene commotive.......

"LORO", non si esprimono in termini razionali, per loro la ragione è come un airbag sui 4 lati dell'abitacolo di un'auto, a loro viene insegnato che la ragione e l'intelletto sono come sono come il dono del volo.

Essi dicono "Lascia perdere l'intelletto, ciò che ti salva è l'emozione di vivere"

Essi dicono "Sono solo le emozioni che ti fanno provare il piacere della vita, la ragione dà solo sofferenza"

Questi sistemi non sono molto diversi da quelli dei nazisti.
mario de filippi(lo so lo so che dopo il punto occorre la maiuscola, ma è più forte del mio controllo sulle dita), non fa cose molto diverse, e neanche molto diversi dall'ostruzionismo in opera nel medioevo e nei primi del 800, quando dicevano che la massa deve essere ignorante per poter essere meglio controllata. Dai la cultura alle masse ed essi si ribelleranno al potere costituito. Non erano questi gli slogan???? O forse la mia memoria vacilla?

Essi dicono "Noi siamo i semplici, noi abbiamo bisogno di emozioni vere per vivere, l'intelligenza lasciamola ai cervelloni". Non è forse questo il messaggio.

E allora giù nell'oblio del lugubre e del grottesco, si dia il via a frasi melense scritte su un foglietto(che legge mario), in cui appaiono frasi come "sei tu la gemma della mia vita e io ti amo, firmato papà", e via agli abbracci e alle lacrime di commozione........

Ma come si può..............

Ma che cosa ci faccio io qui?

Ma qual è la par condicio??????? Permettere che parli di più Ruttelli invece di Berlusconi???????
Permettere che qualcuno dica che alma natura bios è puro perché da agricoltura biologica, e non permettere ad un uomo del monte qualunque di dire "state attenti perché anche lì ci sono conservanti?"(è un esempio sia chiaro)

Qual è la par condicio? Perché non permettere a qualcuno di dire "guardate che anche i programmi di aldo d'eusanio e mario de filippi lasciano poco spazio all'improvvisazione, sono programmi di intrattenimento, non oro colato".

Perché non ci sono queste cose. Che cosa me ne frega se in tv sento più spesso la erre moscia di bertinotti o quella voce da morto di berlusconi?


Con questi e altri quesiti(risposte non ne ho), vi saluto e ci vediamo presto eh eh eh
E ricordate "un'emozione è per sempre, almeno fino alla prossima finanziaria".

Kandran Kane
08-07-2003, 00.53.20
Avrei dovuto forse postare nel thread "gli spot che mandereste al macello", visto che in questi giorni ha preso una piega discorsiva di altra radice, ma sento di dover inserire qui, la descrizione di quello che io definisco(e non solo io), un "palinsesto pericoloso".

Sono le 0.30 circa di Martedì 8 luglio 2003, sto guardando "Mai dire Maik" su italia uno. E' l'ora della pubblicità. Come è consuetudine, si pubblicizza il programma che andrà in onda subito dopo(visto che "Mai dire maik" sta per finire). il programma in questione è un telefilm dal titolo "il prigioniero"(andato in onda solo una volta all'inizio degli anni 80 per via dei contenuti "strani" e "allucinogeni"). Subito dopo uno spot in cui si vedono persone che gravitano a mezz'aria in giacca e cravatta, una di queste si butta da un molo in acqua. non ho fatto in tempo a capire di quale spot si trattasse. A me interessava solo "il potenziale allucinogeno". Il cervello va a farsi benedire in questi casi. Subito dopo uno spot qualunque, di natura "spiazzante". Il classico spot che dovrebbe riportare "con i piedi per terra".

E' irrilevante sapere o, cercare di sapere chi organizza questi "palinsesti", è irrilevante cercare di sapere che cosa si cela dietro queste sequenze di spot(almeno in questo momento). Un'associazione d'idee simile potrebbe essere dannosa(se becco lo spot dirò qualcosa di più).

Le persone che si prestano a questi "giochi di controllo delle reazioni di massa", per me sono alla stessa stregua di coloro che battezzarono con "JOY DIVISION" i mattatoi nazisti in cui uccidevano i bambini (fanno fede i diari di Goebbels).

Kandran Kane
20-08-2003, 20.13.43
Originariamente inviato da Kandran Kane
Avrei dovuto forse postare nel thread "gli spot che mandereste al macello", visto che in questi giorni ha preso una piega discorsiva di altra radice, ma sento di dover inserire qui, la descrizione di quello che io definisco(e non solo io), un "palinsesto pericoloso".

Sono le 0.30 circa di Martedì 8 luglio 2003, sto guardando "Mai dire Maik" su italia uno. E' l'ora della pubblicità. Come è consuetudine, si pubblicizza il programma che andrà in onda subito dopo(visto che "Mai dire maik" sta per finire). il programma in questione è un telefilm dal titolo "il prigioniero"(andato in onda solo una volta all'inizio degli anni 80 per via dei contenuti "strani" e "allucinogeni"). Subito dopo uno spot in cui si vedono persone che gravitano a mezz'aria in giacca e cravatta, una di queste si butta da un molo in acqua. non ho fatto in tempo a capire di quale spot si trattasse. A me interessava solo "il potenziale allucinogeno". Il cervello va a farsi benedire in questi casi. Subito dopo uno spot qualunque, di natura "spiazzante". Il classico spot che dovrebbe riportare "con i piedi per terra".

E' irrilevante sapere o, cercare di sapere chi organizza questi "palinsesti", è irrilevante cercare di sapere che cosa si cela dietro queste sequenze di spot(almeno in questo momento). Un'associazione d'idee simile potrebbe essere dannosa(se becco lo spot dirò qualcosa di più).

Le persone che si prestano a questi "giochi di controllo delle reazioni di massa", per me sono alla stessa stregua di coloro che battezzarono con "JOY DIVISION" i mattatoi nazisti in cui uccidevano i bambini (fanno fede i diari di Goebbels).


Mi auto quoto perché questo intervento mi è proprio piaciuto. QUando voglio riesco ad esprimermi correttamente.

Mentre gli orrori a schermo intero continuano a passarci davanti agli occhi ricevendo il nostro "criogenico" interesse, arrivano nuovi idoli a plasmare le menti già confuse e spaesate dei giovani e dei meno giovani........

I malanni del mondo espresso in pollici continuano.

In questi giorni sto osservando con vivo interesse due nuovi
"serial" trasmessi su Italia uno.
Si tratta di "Dharma e Greg" e "Will e Grace".
Le due serie vanno in onda una dietro l'altra. La prima narra la storia di una coppia eterosessuale unitasi in matrimonio il giorno stesso in cui si son conosciuti. La seconda racconta invece la storia di un uomo omosessuale e della sua dirimpettaia di piano, anche sua ex convivente.

E' più che naturale pensare che, coloro che han prodotto queste "sit-com" sono in buona fede. Quelli che sembrano e forse sono in malafede, sono quelli che li hanno strutturati nei funesti e famosi "palinsesti pericolosi", in modo che vengano trasmessi uno dietro l'altro.

Due storie frivole all'apparenza, e anche divertenti. I personaggi sembrano scelti con "il riconoscitore universale della simpatia". Perché piacciono anche a me. Sono simpatici, divertenti, sono belli e fanno anche sorridere per le loro battute.

Quello che mi ha inquietato, sono i messaggi che appaiono nelle varie puntate e che, guarda caso si incastonano perfettamente l'uno con l'altra serie. In altre parole. che la prima sit-com dia il "LA" a quella successiva.

Tempo fa accadde qualcosa di simile con il palinsesto di Raitre, quando trasmettevano "Friends", altra serie "simpaticissima".

Non ho ancora preso in esame gli spot pubblicitari che trasmettono tra un intervallo e l'altro dei due telefilm.

Ho intenzione di mettermi a sezionare uno per uno questi telefilm:

Dharma e Greg
Will e Grace
Streghe
e altri altri ancora.
E ogni volta che vedrò qualcosa di "strano" lo posterò qui.

A presto

sarahkerrigan
20-08-2003, 21.01.29
Originariamente inviato da Kandran Kane





Ho intenzione di mettermi a sezionare uno per uno questi telefilm:

Dharma e Greg
Will e Grace
Streghe
e altri altri ancora.
E ogni volta che vedrò qualcosa di "strano" lo posterò qui.

A presto

Grazie Kandran!...sinceramente, fra i titoli che hai elencato, ho "visto" un paio di volte Streghe ma, sinceramente non ricordo nemmeno le facce degli attori...so solo che, quando capita, da quando tu hai cominciato a far risaltare con le tue osservazioni certe programmazioni e relative pubblicità, il mio modo di guardare un programma è diventato più attento rispetto a prima...questa sera, per esempio, ho ringhiato più del solito nel sentire la mammina, con quella vocetta da rimbambita, che spiegava al suo bambino ( futuro rimbambino) la questione fermenti lattici LC1, completa di disegno esplicativo ...:rolleyes:



Ciaociao :)

Lu(a
20-08-2003, 21.08.12
Ragazzi, ma basta condannare 'ste pubblicità, non ha senso.

La pubblicità è una "storia" fittizzia, che non è realmente accaduta, che "non esiste".

Vuol dire commentare su qualcosa che non esiste.

La mamma non ha mai insegnato al bimbo i fermenti attivi di LC1, lo scopo e solo sponsorizzare il prodotto, poi tutta la cornice è finzione, è una cosa in più, per "completare" il tutto, invece di dirvi solo "comprate questo!"


La pubblicità è una storia.

sarahkerrigan
20-08-2003, 21.38.54
Originariamente inviato da Lu(a
Ragazzi, ma basta condannare 'ste pubblicità, non ha senso.

La pubblicità è una "storia" fittizzia, che non è realmente accaduta, che "non esiste".

Vuol dire commentare su qualcosa che non esiste.

La mamma non ha mai insegnato al bimbo i fermenti attivi di LC1, lo scopo e solo sponsorizzare il prodotto, poi tutta la cornice è finzione, è una cosa in più, per "completare" il tutto, invece di dirvi solo "comprate questo!"


La pubblicità è una storia.



...non è proprio così Luca...alcuni di quei messaggi hanno influito, suggestionato al punto che, diversi bambini, si sono messi in testa che esistono davvero mucche viola, sai? Fra le altre cose, il lavoro di Kandran è quello di considerare proprio l'effetto che certi messaggi producono nella mente, soprattutto di quella di persone confuse, in crescita etc...il problema è quello: finchè certi messaggi vengono presi per quello che sono, non ci sono problemi ma, non è così...non hai visto il film di Bozzetto "VIP" Mio fratello superuomo?...è un chiaro esempio di quello che intendono comunicare con la pubblicità e con certe programmazioni.


Ciao :)

Kandran Kane
20-08-2003, 22.53.56
Originariamente inviato da Lu(a
Ragazzi, ma basta condannare 'ste pubblicità, non ha senso.

La pubblicità è una "storia" fittizzia, che non è realmente accaduta, che "non esiste".

Vuol dire commentare su qualcosa che non esiste.

La mamma non ha mai insegnato al bimbo i fermenti attivi di LC1, lo scopo e solo sponsorizzare il prodotto, poi tutta la cornice è finzione, è una cosa in più, per "completare" il tutto, invece di dirvi solo "comprate questo!"


La pubblicità è una storia.
Sarah ti ringrazio per le cose che hai scritto, tutta questa approvazione da parte tua mi spiazza sempre(K)(K)(K)

Lu(a ma che diavolo stai dicendo??????:D :D :o :D

Nessuno ha mai preso in esame "le trame" degli spot(ammesso che esistano).

Altra cosa. Dire "poi tutta la cornice è finzione, è una cosa in più, per "completare" il tutto, invece di dirvi solo "comprate questo!" significa ignorare alcune cose di pratica importanza.............

Lu(a, quante case hai mai visto ammobiliate come quelle degli spot televisivi??????

Quante "mamme" così belle e giovani e pronte di spirito hai mai visto in giro per il mondo????

ora abbiamo preso in esame lo spot citato da Sarah, ma ne esistono di peggiori. In ogni caso, il thread in cui si parla degli spot pubblicitari è
questo (http://www.wintricks.it/forum/showthread.php?s=&threadid=25887), dove per mettere a nudo il linguaggio subliminale degli spot(accoppiamenti di certe voci fuori campo che dicono determinate parole, con certe musiche di sottofondo), si cerca di spogliare lo "spot", interpretandolo per quello che è.

Piccola digressione sulla psicologia della pubblicità:

per trasmettere allo spettatore un senso di purezza, di bellezza, di serenità, accoppierò un velo di un tenue verde al corpo seminudo di una giovane donna, fuori campo una voce maschile baritonale esprime parole come "se vuoi sentirti così, adotta anche tu i prodotti della linea Minchiotti"(è un esempio :D).

Quello che a me interessa, in questo thread come in quello de Gli spot che mandereste al macello (http://www.wintricks.it/forum/showthread.php?s=&threadid=25887), è di invitare tutti a ragionarci sopra. Io non sono un luminare...........HO LA TERZA MEDIAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA, non giudico nessuno. Ho invitato tutti a far questo.

Quindi Lu(a, io non condanno nessuno, ma ho il sacrosanto diritto di parlare di tutto ciò che vedo storto o strano, e mi pare che fino ad oggi abbia anche detto "scusa ho sbagliato io", quando è successo(succede raramente ma lo faccio :D :D :D).

........................Prima o poi aprirò un thread in cui parlo di come vedo io "Quelli della moderna sinistra"....................Uaz

Deep73
20-08-2003, 23.31.52
nulla toglie che cmq. i vecchi caroselli, pur avendo lo stesso fine di ora - pubblicizzare un prodotto - , lo facevano molto meglio costruendoci VERAMENTE una storia attorno tratta da vita quotidiana.
Ora stereotipizzano una vita ideale del "così dovete fare per non essere degli emarginati"... il bello è che vedo masse di gente che si piglia ettolitri di Fresco Blu ignorando che è il latte meno latte che esista! Persino UHT sa + di latte.
Non è possibile chiamare latte un liquido che dura 8 giorni (e già la :eek: ) e per giunta ce ne ha messi ben 15 se non di + per arrivare imbottigliato in Italia.

Lu(a
20-08-2003, 23.52.55
Originariamente inviato da Kandran Kane


Lu(a, quante case hai mai visto ammobiliate come quelle degli spot televisivi??????

Quante "mamme" così belle e giovani e pronte di spirito hai mai visto in giro per il mondo????






Perciò è tutta finzione! E non possiamo giudicare.

Mi dite: (prendiamo sempre in esempio la pubblicità LC1)la mamma rimbambita......ma non esiste!

Capito il senso?

Lu(a
20-08-2003, 23.53.49
Originariamente inviato da Kandran Kane


ma ho il sacrosanto diritto di parlare di tutto ciò che vedo storto o strano



Ma chi te lo nega!

Kandran Kane
21-08-2003, 00.00.02
Originariamente inviato da Lu(a



Perciò è tutta finzione! E non possiamo giudicare.

Mi dite: (prendiamo sempre in esempio la pubblicità LC1)la mamma rimbambita......ma non esiste!

Capito il senso?

Lu(a, tenendo presente che appena una cosa è visibile, è già un buon segno che "in qualche mondo essa esista", io penso di aver compreso quello che vuoi dire.

Ciò di cui si discute non è la forma della pubblicità in sè, sono gli effetti che produce e può produrre in chi la guarda. Deep73 ha perfettamente inquadrato ciò che intendo dire io.

Sono stato più chiaro ora?

O devo ricominciare con i miei seminari su di "LORO"(eh eh eh oramai è diventato un logo la parola "LORO")

afterhours
21-08-2003, 00.04.12
da piccolino adoravo le pubblicita'...mi piacevano troppo...quelle anni 70... "potevamo stupirvi con effetti speciali ma noi siamo scienza..nn fantascienza" "rubinetti zucchetti"

dovrebbero fare delle pubblicita' + belle...dai creativi datevi una mossa... :p :D :D

cmq odio le pubblicita' che interrompono i film...spezzano l'emozione del momento...

Lu(a
21-08-2003, 00.47.18
Originariamente inviato da Kandran Kane

sono gli effetti che produce e può produrre in chi la guarda.




Tu cosa intendi per "effetti"?

Kandran Kane
21-08-2003, 11.22.10
Pensa al bambino che tartassa la madre al supermercato perché Vuole lo zaino dei pokemon...... secondo te da dove ha scoperto che esiste lo zaino dei pokemon? e in quel dove come può essergli nato il desiderare di "possedere" quello zaino(quando dico che li rovinano da piccoli......)?Deve sicuramente aver visto uno short pubblicitario tra un cartone e l'altro, in cui un gruppo di bambini veniva mostrato felice proprio per aver appena acquistato lo zaino dei pokemon. Non è lo zaino o le facce che rovinano, è il mostrarli insieme e felici che può produrre danni

Lu(a
21-08-2003, 13.06.51
Originariamente inviato da Kandran Kane
Pensa al bambino che tartassa la madre al supermercato perché Vuole lo zaino dei pokemon...... secondo te da dove ha scoperto che esiste lo zaino dei pokemon? e in quel dove come può essergli nato il desiderare di "possedere" quello zaino(quando dico che li rovinano da piccoli......)?Deve sicuramente aver visto uno short pubblicitario tra un cartone e l'altro, in cui un gruppo di bambini veniva mostrato felice proprio per aver appena acquistato lo zaino dei pokemon. Non è lo zaino o le facce che rovinano, è il mostrarli insieme e felici che può produrre danni

Quindi, secondo te, dovrebbero fare gli spot del tipo:


Spot dello zaino di Pokemon

Schermo grigio - Immagine del prodotto in primo piano - Voce fuori campo serissima -

"Da oggi la Mattel produce lo zaino dedicato al cartone "I pokemon", chi vuole può comprarlo. Grazie."

Sarebbe meglio così?

Lu(a
21-08-2003, 13.09.34
Originariamente inviato da Kandran Kane
Pensa al bambino che tartassa la madre al supermercato perché Vuole lo zaino dei pokemon...... (quando dico che li rovinano da piccoli......)

Questo è un altro discorso!

Kandran Kane
21-08-2003, 13.14.43
Originariamente inviato da Lu(a


Quindi, secondo te, dovrebbero fare gli spot del tipo:


Spot dello zaino di Pokemon

Schermo grigio - Immagine del prodotto in primo piano - Voce fuori campo serissima -

"Da oggi la Mattel produce lo zaino dedicato al cartone "I pokemon", chi vuole può comprarlo. Grazie."

Sarebbe meglio così?

Beh non vedo che male ci sarebbe. Gli spot durerebbero meno, si risparmierebbe perché il costo degli spot diminuirebbe, si potrebbero trasmettere più spot e il guadagno delle reti televisive non cambierebbe.

Il carosello era diverso per questo. Veniva trasmesso in un'ora strategica in cui erano tutti davanti alla tv chi più chi meno, guardavi la pubblicità ma ti divertivi anche. E non dovevi aver paura di spegnere la tv e provare un forte desiderio di possesso dell'oggetto pubblicizzato.....

Lu(a
21-08-2003, 13.22.10
Kandran ti capisco, ma questa è una delle tante cose che mirano a rivoluzionare uno "stato", una "condizione" che si è creata, ha messo radici (profonde) e che fa comodo a tante persone e come tutte le cose che fanno comodo a tante persone che ci mangiano su non potrà mai cambiare.

Quindi, meglio sorbirci le pubblicità, che poi diciamoci la verità alcune sono dei capoalavori, dei mini-film,...dicevo, sorbirci gli spot e digerire tutto, perchè a voler andare contro si è in pochi e ci si logora senza che cambi nulla.

Piccola digressione che non entra nel discorso ma che però.......

....la "fabbrica" della pubblicità produce anche posto di lavoro, utili.

(era una digressione eh!)




Allora Kandran, che ne pensi?

drakula
21-08-2003, 15.47.04
........anche le fabbriche di mine antiuomo se è per questo

Ciao a todos

Lu(a
21-08-2003, 15.48.39
Originariamente inviato da drakula
........anche le fabbriche di mine antiuomo se è per questo




:rolleyes: Mi vuoi fare il paragone tra la pubblicità e le mine anti-uomo?

ODDIO!

Ma non regge proprio!

:rolleyes:


Torna da dove sei venuto va!

Eccomi
21-08-2003, 17.42.52
Originariamente inviato da drakula
........anche le fabbriche di mine antiuomo se è per questo

Ciao a todos

Purtroppo ha detto la verità...:(

Ma ... Aaaaaarrrghhhh!! :eek:

Per favore, mi dia uno zaino dei Pokemon...:rolleyes:

Lu(a
21-08-2003, 17.45.28
Originariamente inviato da Eccomi


Purtroppo ha detto la verità...:(



Si, ma il paragone è assurdo se non stupido.

ClipperItaly
22-08-2003, 12.42.05
Originariamente inviato da Lu(a


Si, ma il paragone è assurdo se non stupido.

Cmq esistono lavori di cui non si sentirebbe la mancanza se non esistessero: ad esempio quelli che ti telefonano a casa per sondaggi, proposte commerciali e simili affari.

...e non credo che sentiremmo la mancanza delle fabbriche di mine anti-uomo....

Inoltre certe volte ho l'impressione che alcuni lavori siano "artificiali", servano non tanto a soddisfare bisogni ed esigenze reali, ma a crearne di fittizi.

Lu(a
22-08-2003, 13.00.04
Originariamente inviato da ClipperItaly


Cmq esistono lavori di cui non si sentirebbe la mancanza se non esistessero: ad esempio quelli che ti telefonano a casa per sondaggi, proposte commerciali e simili affari.

...e non credo che sentiremmo la mancanza delle fabbriche di mine anti-uomo....



Condivido.

drakula
23-08-2003, 22.27.06
senti bello, a me pare molto più stupido questo tuo difendere la "fabbrica" della pubblicità, cosa che io trovo inutile e qualche volta dannosa, poi ho solo detto che come la pubblicità anche le fabbriche delle mine antiuomo o delle armi in generale creano posti di lavoro. Se questo paragone sembra stupido......... :mad:

Lu(a
24-08-2003, 00.51.31
Originariamente inviato da drakula
senti bello, a me pare molto più stupido questo tuo difendere la "fabbrica" della pubblicità, cosa che io trovo inutile e qualche volta dannosa, poi ho solo detto che come la pubblicità anche le fabbriche delle mine antiuomo o delle armi in generale creano posti di lavoro. Se questo paragone sembra stupido......... :mad:


IO non difendo, bensi voglio far capire che "lottare" per una cosa che fa "piacere" a tutti e inutile.

Ma penso tu non l'abbia colto!



Il paragone è sempre stupido, le mine antimuomo uccidono la publbicità no!

Dietro il fabbricare mine antiuomo ci sono interessi e dietro la pubbllicità ce ne sono altri!

Daniela
24-08-2003, 11.12.02
Originariamente inviato da ClipperItaly


Inoltre certe volte ho l'impressione che alcuni lavori siano "artificiali", servano non tanto a soddisfare bisogni ed esigenze reali, ma a crearne di fittizi.


Che è una delle prime nozioni che ti insegnano del marketing, il creare nuovi bisogni ;)

Kandran Kane
25-08-2003, 10.46.24
Originariamente inviato da Lu(a


Il paragone è sempre stupido, le mine antimuomo uccidono la publbicità no!



E questo chi l'ha detto?????

Luca Io potrei affermare con un pizzico di Ironia, che Mike Buongiorno è stato più nazista di Himmler e avrei ragione, perché posso dimostrarlo. Tu hai detto una cosa in totale buona fede, ma con ampia "disinformatività"(copyright by il Vampiro Buonino).

Mike Buongiorno, con i suoi "messaggi promozionali" ha mandato centinaia di vecchi a comprare la lecitina di soia, molti dei quali sono morti perché non potevano più muoversi, altri hanno delle prostate da 8 9 etti e sicuramente non faranno una buona fine.

Posso farti decine di questi esempi. La Nike, La Nestlè, La coca cola Light, eccetera eccetera eccetera.

Torno anche a ripetere che, definire le opinioni di qualcun altro "stupide", non è una bella cosa.

Kandran Kane
25-08-2003, 10.48.54
Originariamente inviato da ClipperItaly


Cmq esistono lavori di cui non si sentirebbe la mancanza se non esistessero: ad esempio quelli che ti telefonano a casa per sondaggi, proposte commerciali e simili affari.

...e non credo che sentiremmo la mancanza delle fabbriche di mine anti-uomo....

Inoltre certe volte ho l'impressione che alcuni lavori siano "artificiali", servano non tanto a soddisfare bisogni ed esigenze reali, ma a crearne di fittizi.


Verissimissimissimissimo secondo me.

Una volta i sistemi economici erano basati sulla produzione di un bene a favore di molti. Oggi le parti si sono invertite: si producono migliaia di beni perché vengano comprati da pochissimi. E per portarli a comprare, questi "pochissimi" li devi studiare nelle loro passioni, nei loro regimi di vita.

Ecco come nasce la psicologia della pubblicità.

Eccomi
25-08-2003, 11.03.30
Non ho letto tutto... Ma mi sembra che il problema sia sempre lo stesso... Evitare di diventare pecore che pascolano a comando...
Eppure il 90% del problema lo si risolve subito...

"Pronto? ...Nettezza Urbana? Servizio raccolta rifiuti ingombranti?
Sì?... Bene, io avrei un televisore da gettare..." http://www.pippotirillo.it/occhietto.gif

Deep73
25-08-2003, 11.52.50
questa è una soluzione troppo di comodo... seguendo questa logica si dovrebbero buttare PC (stramaledetto ma amato) e radio tanto per dirne alcuni... pure quelli sono "instillati" di energia "pecoronica" se ci pensi.

drakula
25-08-2003, 18.55.08
Originariamente inviato da Kandran Kane


Torno anche a ripetere che, definire le opinioni di qualcun altro "stupide", non è una bella cosa.

Mah, Kandran.... la democrazia non la vendono in pastiglie,e neanche le buone maniere, e infatti vedi dove stiamo andando a finire....