PDA

Visualizza versione completa : Berlusca & Co.


Pagine : 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 [28] 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42

Giorgio Drudi
11-05-2003, 09.03.25
Originariamente inviato da Lello


Quello che dici rispetto all'estremizzazione del confronto è vero e molto triste...
bisogna riappropriarsi di quel terreno comune fatto di rispetto per l'avversario...
questa è la democrazia.

Imporre autoritariamente la propria leadership o il proprio pensiero porta allo scontro e alla repressione delle idee...

quanto al "provarci ad ammazzare Berlusconi" spero fortemente non venga in mente a nessuno...
questo paese ha già avuto troppi morti innocenti...

in questi giorni veniva ucciso Moro... (F)(F)(F)

Giorgio spero che tu venga smentito come profeta...
lo speri anche tu vero?

Io ho voglia di politica
e di politica per la gente, per me ed i miei figli...
non di morti, P38, Gladio, servizi deviati, stragi nere e rosse, servitori dello stato, morti...!
televisioni ammutolite o altoparlanti del regime...

Io voglio una vita libera, voglio credere e professare
liberamente
fede ed idee politiche...

Lo vuoi anche tu vero?...

Per fare ciò non aiuta intravedere nuovi morti...
sono solo un macabro presagio, che non ci libera, anzi....

anzi....
Come si può credere che non venga in mente a nessuno ...se è stato ucciso Marco Biagi...se qualcuno minaccia di morte un sindacalista...se ci sono soggetti politici che approvano gli omicidi di Castro.
Se ciò che s'intravede corrisponde a verità, dare un allarme aiuta e come...a meno che non si voglia proprio che accada il peggio .
Io sono per una "politica" che accolga la verità portata da ognuno ...perciò non avrò mai un partito...sono invece cattolico che significa vedere... nel tutto.
Se si vuole la democrazia e la pace sociale bisogna cominciare con l'accettare il risultato elettorale...se veramente la si vuole...altrimenti l'ultima parola passerà alla forza.
Pace e bene.
Ciao Lello

Paco
11-05-2003, 11.35.10
Originariamente inviato da Giorgio Drudi

Come si può credere che non venga in mente a nessuno ...se è stato ucciso Marco Biagi...se qualcuno minaccia di morte un sindacalista...se ci sono soggetti politici che approvano gli omicidi di Castro.
Se ciò che s'intravede corrisponde a verità, dare un allarme aiuta e come...a meno che non si voglia proprio che accada il peggio .
Io sono per una "politica" che accolga la verità portata da ognuno ...perciò non avrò mai un partito...sono invece cattolico che significa vedere... nel tutto.
Se si vuole la democrazia e la pace sociale bisogna cominciare con l'accettare il risultato elettorale...se veramente la si vuole...altrimenti l'ultima parola passerà alla forza.
Pace e bene.
Ciao Lello

Fai il nome dei politici che approvano gli omicidi di Castro.
Il risultato elettorale è stato accettato, questo non significa che bisogna accettare tutto quello che fa la maggioranza...contraddici proprio quello che hai detto nella frase precedente!

Paco
11-05-2003, 11.41.09
Originariamente inviato da Lello


Ma non ti vergogni Paco...
sei un campione della "Disinformatia" di regime (comunista... non c'è dubbio)

come osi usare per squallidi e ridanciani fini (... Fini?)
il testo di un poeta sommo come il liberal singer della Nuova Napoli...
quella libera dai Bassolino e dalle Russo Jervolino...

Il vero testo del Prevert dei Quartieri è questo (http://www.lyricsmania.com/g/gigidalessio/106.html) ....
e non continuare, Paco: basta
ad oltraggiare un eroe libero e onesto
a cui dedicheranno presto una pasta:
La tagliatella del Posteggiatore...
dedicata a stu' bellu guaglione
che sì tanto nel mondo ci fa onore...
degno seguace del sommo gigante: Berluscone....



:p :p :p
:D

:D

É stato più forte di me. Mi dispiace per il povero Berlusconi, vittima dei giornalisti e dell'opinione pubblica. Ma che pena che ci fa! La vittima!!!

Giorgio Drudi
11-05-2003, 12.00.17
Originariamente inviato da Paco


Fai il nome dei politici che approvano gli omicidi di Castro.
Il risultato elettorale è stato accettato, questo non significa che bisogna accettare tutto quello che fa la maggioranza...contraddici proprio quello che hai detto nella frase precedente!

Cossuta e il suo partito.
Quando si dice che è in forza degli strumenti mediatici che ha vinto le elezioni si toglie dignità a chi lo ha votato.
L'accettazione del governo Berlusconi e la sua legittimità a governare è il primo passo per una politica costruttiva. Il resto è guerra civile latente.
Fra accettare tutto quello che il governo fa e negare tutto c'è appunto una politica di opposizione matura e democratica, che non si è ancora vista.
Ciao

Giorgio Drudi
11-05-2003, 12.03.39
Originariamente inviato da Paco


:D

É stato più forte di me. Mi dispiace per il povero Berlusconi, vittima dei giornalisti e dell'opinione pubblica. Ma che pena che ci fa! La vittima!!!
Anche questo disprezzo ...comincia a far pena...appare fanatico , squilibrato, e inguaribilmente ideologico.

Al primo posto se si vuole la pace stà la dignità della persona umana.

Ciao Paco

Giorgio Drudi
11-05-2003, 12.10.52
Un minimo di umiltà e di onestà nelle valutazioni politiche dovrebbe spingere ognuno a prendere in considerazione che la corruzione è diffusa ovunque...e pretendere che ora si faccia piena luce sulla questione IRI Prodi, sulla faccenda Mitrokin, sugli affari di Nomisma, sulle vendite di computer inefficienti di De Benedetti...

i politici sono tutti corrotti

Ciao

Giorgio Drudi
11-05-2003, 12.14.47
Molti italiani credono che avere determinate posizioni politiche comporti un pericolo "giudiziario" ad ogni livello del potere...quartiere, comune, provincia, regione, ecc.
...e non hanno tutti i torti.

Paco
11-05-2003, 12.15.12
Originariamente inviato da Giorgio Drudi


Cossuta e il suo partito.
Quando si dice che è in forza degli strumenti mediatici che ha vinto le elezioni si toglie dignità a chi lo ha votato.
L'accettazione del governo Berlusconi e la sua legittimità a governare è il primo passo per una politica costruttiva. Il resto è guerra civile latente.
Fra accettare tutto quello che il governo fa e negare tutto c'è appunto una politica di opposizione matura e democratica, che non si è ancora vista.
Ciao

Grazie per aver fatto i nomi.
Scusa Giorgio, no lo dico più così non offendo nessuno. :rolleyes:
L'opposizione c'è e c'è stata, però puntualmente ogni proposta buttata nel ... dalla maggioranza.

Paco
11-05-2003, 12.17.57
Originariamente inviato da Giorgio Drudi

Anche questo disprezzo ...comincia a far pena...appare fanatico , squilibrato, e inguaribilmente ideologico.

Al primo posto se si vuole la pace stà la dignità della persona umana.

Ciao Paco

Sì, sono penoso, fanatico e squilibrato.
Grazie Giorgio, è sempre un piacere. :p

Se si vuole la pace bisogna sorridere al proprio nemico, stringergli la mano. Abolire tutti i giornalisti faziosi, solo VESPA può restare. Via la costituzione sovietica, via tutto, solo lui può.
Ancora Grazie Giorgio...sempre illuminante.

Paco
11-05-2003, 12.18.48
Originariamente inviato da Giorgio Drudi
Un minimo di umiltà e di onestà nelle valutazioni politiche dovrebbe spingere ognuno a prendere in considerazione che la corruzione è diffusa ovunque...e pretendere che ora si faccia piena luce sulla questione IRI Prodi, sulla faccenda Mitrokin, sugli affari di Nomisma, sulle vendite di computer inefficienti di De Benedetti...

i politici sono tutti corrotti

Ciao

ma proprio tutti tutti? oh cacchio, allora siamo rovinati! :eek: :rolleyes:

Giorgio Drudi
11-05-2003, 12.22.49
Originariamente inviato da Paco


ma proprio tutti tutti? oh cacchio, allora siamo rovinati! :eek: :rolleyes:

...c'è Qualcuno che guida la storia...il solo ottimismo, la sola speranza viene da lui.
Ciao Paco

Paco
11-05-2003, 12.25.43
Originariamente inviato da Giorgio Drudi
Molti italiani credono che avere determinate posizioni politiche comporti un pericolo "giudiziario" ad ogni livello del potere...quartiere, comune, provincia, regione, ecc.
...e non hanno tutti i torti.

quindi meglio nascondersi dietro a un dito come fanno certe persone (N)

Paco
11-05-2003, 12.28.11
continuo con il mio fantatismo Giorgio

con un fans club così potrebbe arrivare primo a Saranno Famosi :D

http://www.silvioberlusconifansclub.org/

Giorgio Drudi
11-05-2003, 12.31.44
Originariamente inviato da Paco


quindi meglio nascondersi dietro a un dito come fanno certe persone (N)

No, meglio una radicale riforma di un sistema giudiziario che non solo dal dopoguerra è gravemente e ordinariamente inefficiente ma in alcune sacche strumento di gravi ingiustizie.
Meglio la verità e la giustizia che nascondersi dietro un simbolo di partito.
Ciao

Giorgio Drudi
11-05-2003, 12.46.42
Originariamente inviato da Paco
continuo con il mio fantatismo Giorgio

con un fans club così potrebbe arrivare primo a Saranno Famosi :D

http://www.silvioberlusconifansclub.org/

Potresti provare anche al "grande fratello" :)

" Chi non risica non rosica " tratto dal libro della Sapienza di Pasquale.
Ciao

Lello
11-05-2003, 13.06.00
Originariamente inviato da Giorgio Drudi
Molti italiani credono che avere determinate posizioni politiche comporti un pericolo "giudiziario" ad ogni livello del potere...quartiere, comune, provincia, regione, ecc.
...e non hanno tutti i torti.
Dicci almeno qual'è il tuo livello: comune, provincia.....

Lello
11-05-2003, 13.09.24
Originariamente inviato da Giorgio Drudi


...c'è Qualcuno che guida la storia...il solo ottimismo, la sola speranza viene da lui.
Ciao Paco
Certo...
ma tu come Suo testimone sei alquanto appannato, parola mia....






parlavi di Berlusconi, vero?

Tanto è lo stesso, sei un testimone appannato e very fan...
e ai very fan si obnubila la vista... :cool:

jannaz
11-05-2003, 13.17.16
Originariamente inviato da Giorgio Drudi


Potresti provare anche al "grande fratello" :)

" Chi non risica non rosica " tratto dal libro della Sapienza di Pasquale.
Ciao

hehhe i suoi fans hanno le idee chiare

Sondaggio preso dal sito sopracitato:

Risultati del sondaggio:
Chi è l'alleato più fedele di Silvio Berlusconi?

1 ) Bossi
76%
18673 voti

2 ) Fini
18%
4434 voti

3 ) Casini & C.
5%
1198 voti

4 ) Altri
1%
348 voti

per loro l'alleato piu' fedele e' Bossi che gia' una volta gle lo ha messo nel c...lo

JaNnAz

Lello
11-05-2003, 13.29.00
Grafica, comunicazione...
per chi voglia approfondire, un pochino...
può farlo qui sotto...

http://www.unita.it/images/2003maggio/comanif/galleria.html


http://www.unita.it/images/2003maggio/comanif/cop.jpg

Paco
11-05-2003, 13.32.03
Originariamente inviato da Giorgio Drudi


No, meglio una radicale riforma di un sistema giudiziario che non solo dal dopoguerra è gravemente e ordinariamente inefficiente ma in alcune sacche strumento di gravi ingiustizie.
Meglio la verità e la giustizia che nascondersi dietro un simbolo di partito.
Ciao

Meglio la verità e la giustizia...giusto...sono daccordo...11 anni meritati. (Y)

Lello
11-05-2003, 13.32.51
Originariamente inviato da jannaz


hehhe i suoi fans hanno le idee chiare

Sondaggio preso dal sito sopracitato:

.....

per loro l'alleato piu' fedele e' Bossi che gia' una volta gle lo ha messo nel c...lo

JaNnAz
Purtroppo le hanno chiarissime...:(
gliele ricordano ogni giorno sulle reti Mediaset...
e su fanzine dedicate al GF e Amici....

che vita patinata sognano questi ragazzi....
no dubbi, no errori
c'è sempre il vestito ed il prodotto giusto...

e loro a speculare, bombardandoli di pubblicità :mad:

Paco
11-05-2003, 13.42.00
Originariamente inviato da Lello
Grafica, comunicazione...
per chi voglia approfondire, un pochino...
può farlo qui sotto...

http://www.unita.it/images/2003maggio/comanif/galleria.html


http://www.unita.it/images/2003maggio/comanif/cop.jpg

Grazie per il link, molto interessante. ;)

Giorgio Drudi
11-05-2003, 16.01.34
Originariamente inviato da Lello

Certo...
ma tu come Suo testimone sei alquanto appannato, parola mia....


parlavi di Berlusconi, vero?

Tanto è lo stesso, sei un testimone appannato e very fan...
e ai very fan si obnubila la vista... :cool:


Flop...flop :)

Giorgio Drudi
11-05-2003, 16.12.50
Originariamente inviato da Paco


Sì, sono penoso, fanatico e squilibrato.
Grazie Giorgio, è sempre un piacere. :p

Se si vuole la pace bisogna sorridere al proprio nemico, stringergli la mano. Abolire tutti i giornalisti faziosi, solo VESPA può restare. Via la costituzione sovietica, via tutto, solo lui può.
Ancora Grazie Giorgio...sempre illuminante.

Credo che tu sia molto molto di più e possa fare molto molto meglio...:) forse perchè non riesci a credere che qualcuno sia libero da appartenenze politiche...eppure..
Ciao Paco :) ...cercare di amare i propri nemici pare sia il massimo...lo dico solo per sentito dire...speriamo di arrivarci

Cecco
11-05-2003, 16.54.45
Intanto mi fa piacere, ma non avevo alcun dubbio in proposito, sapere
che gradite la mia presenza ed il mio contraddittorio.
In effetti volevo dire che non possiamo usare diverse opinioni per eguali comportamenti. Se può sembrarvi esagerata l'intervista concessa
a Berlusconi, vi dirò che in un paese normale, per dirla alla D'Alema,
la penserei esattamente come voi. Ma noi non siamo in un paese normale
ed abbiamo dovuto assistere ad una vergognosa presidenza Zaccaria che ha calpestato ogni diritto dell'opposizione non solo avallando trasmissioni faziose ed offensive ma anzi aggiungendoci di proprio un comportamento partigiano evidente in ogni suo atto ed intervento.
Ora mi rendo conto quanto ciò piacesse al popolo del cs, ma ha mai tal
popolo pensato l'effetto sull'avversario e che un giorno avrebbe potuto trovarsi ad esser lui in quella situazione?
La stessa cosa vale nel campo della giustizia, son pronto a scommettere oggi con chiunque di voi: il cs non fa che plaudire e difendere quei magistrati partigiani poichè in effetti i loro atti colpiscono avversari politici, tutto ciò un giorno ci porterà, vergognosamente, a magistrati di destra che si prenderanno le loro belle rivincite! Il magistrato, quando indaga e quando giudica, dovrebbe accantonare le proprie idee politiche e condannare o assolvere esclusivamente sulla base dei fatti e della legge, consentendo alla difesa tutto quanto la costituzione e le norme garantiste del paese gli assicurano. Ma come potremo mai arrivare a questo se la magistrature si è divisa in correnti politiche che fanno politica al punto di invadere la sfera legislativa?
Ecco, se noi cittadini comuni, di destra e sinistra, prendessimo atto di questo senza farci lusingare da piccole vittorie momentanee, beh in quel momento anche la magistratura, attraverso i suoi organi, dovrà
prendere atto e tornare a quell'equilibrio che è o dovrebbe essere la dote principale di quel mestiere.
Vedete, forse nel 1994 si poteva aver qualche dubbio, in effetti il popolo che aveva eletto il cd non ancora conosceva le mille vicende giudiziarie che avrebbero travolto il premier di lì a poco. Le ultime
elezioni che hanno dato a Berlusconi un consenso spaventoso, eppure ormai quelle vicende erano stranote, stanno a significare che il popolo ha risposto anche alla magistratura di credere nell'innocenza
di Berlusconi, o quanto meno alla teoria dell'accanimento per fini politici. Tutto qui, ciao a tutti

Lello
11-05-2003, 17.22.49
Originariamente inviato da Cecco
.....
Le ultime elezioni che hanno dato a Berlusconi un consenso spaventoso, ....

Tutto qui, ciao a tutti

Tanto spaventoso non era questo consenso....
ovvero di voti, preferenze, cittadini reali... non è così eclatante...
o plebiscitario.....
al Senato (meccanismo fortemente maggioritario):
ULIVO 38.7 ---- CDL 42.5

http://cedweb.mininterno.it:8890/senato/S000000.htm

e alla Camera all'uninominale 43.7 contro 45.4

solo che il meccanismo (che per voi era diabolico nel '96)
affida all'Ulivo 184 deputati contro i 282 della CDL... (esclusi i deputati del proporzionale)
uno scarso 2% di differenza....

http://www.repubblica.it/speciale/elezioni2001/camera.html

parlando di voti reali non è cosi "spaventoso" il risultato...
speriamo non lo diventi.... dai risultati.

:)

Lello
11-05-2003, 20.27.54
http://www.independent.co.uk/img/furniture/mastheads/www_mast.gif


Berlusconi seeks immunity ahead of EU presidency
By Peter Popham in Rome
08 May 2003


Italy's Prime Minister, Silvio Berlusconi, has decided to save himself from possible criminal conviction by introducing a law that will grant legal immunity to members of parliament.

The decision came after a dramatic court appearance in Milan on Monday by the billionaire media tycoon at the trial in which he is accused of bribing judges to swing a business deal. Without denying the charges, he told the court: "I am proud of my actions." On Tuesday, a group of four "wise men" in the ruling right-wing coalition proposed introducing immunity only for ministers and their deputies and secretaries, but yesterday a decision was taken to apply it to all sitting MPs.

.... http://news.independent.co.uk/europe/story.jsp?story=404103


«Silvio Berlusconi: Poor Silvio», povero Silvio.
The Independent on Sunday, edizione domenicale del quotidiano britannico The Independent titola così un durissimo articolo firmato da Peter Popham sul presidente del Consiglio italiano e sulla prospettiva che diventi, per sei mesi, presidente dell'Unione europea. Il titolo prende le mosse dall'intervisat pubblicata sabato dal New York Times, nella quale Berlusconi si lamenta di aver dovuto accettare un lavoro terribile «per tener lontano i comunisti dal potere».

http://www.corriere.it/Media/Foto/2003/05_Maggio/11/udine.jpg

«Grazie alla presidenza a rotazione dell'Unione europea che l'Italia assumerà il 1 luglio, il resto dell'Europa sta per avere un corso intensivo su quello che significa avere come leader Silvio Berlusconi» scrive Popham. «Un brutto assaggio lo abbiamo avuto lunedì scorso, quando, tre anni dopo l'inizio del suo processo a Milano per aver corrotto dei giudici, Berlusconi ha fatto una dichiarazione al processo....È stata una prova totalmente distruttiva. Berlusconi non ha fatto nulla per allontanare da sé il sospetto. Ha tuttavia acceso un potente riflettore internazionale su un caso che mostra l'uomo più ricco d'Italia capace di affari squallidi e cinici, capace di corrompere i giudici - un caso che si è sviluppato a partire dal 2000 in gran parte senza che il mondo se ne accorgesse».

Il tono e la sostanza dell'articolo sono durissimi, anche se non molto dissimili dai toni di altri articoli, come quello del Financial Times di tre giorni fa, del Economist del 9 maggio, e così via.

«Facendo gratuite e sgradevoli insinuazioni su Prodi e Amato, ha reso immensamente difficile per l'Italia e per se stesso trasformare in un successo il suo semestre di presidenza... l'Europa ha avuto una visione raccapricciante di un uomo che non sembra avere esitazioni a piegare fatti politici e giudiziari al proprio tornaconto personale... negli ultimi due anni Berlusconi ha fatto del salvarsi la pelle il tema del suo governo».

Il giornale non si risparmia un'ironia: «Come altri leader potentissimi, come proprio Ceausescu al quale era stato paragonato da un contestatore fuori del tribunale, Berlusconi si è creato una vita dove tutto quello che lo circonda riflette la sua propria gloria»

(trad italiana dell'inaffidabile e faziosissima Unità :p)

http://www.unita.it/index.asp?SEZIONE_COD=HP&TOPIC_TIPO=&TOPIC_ID=25672

carletto
11-05-2003, 22.33.09
Originariamente inviato da Lello
http://www.independent.co.uk/img/furniture/mastheads/www_mast.gif


Berlusconi seeks immunity ahead of EU presidency
By Peter Popham in Rome
08 May 2003


Italy's Prime Minister, Silvio Berlusconi, has decided to save himself from possible criminal conviction by introducing a law that will grant legal immunity to members of parliament.

The decision came after a dramatic court appearance in Milan on Monday by the billionaire media tycoon at the trial in which he is accused of bribing judges to swing a business deal. Without denying the charges, he told the court: "I am proud of my actions." On Tuesday, a group of four "wise men" in the ruling right-wing coalition proposed introducing immunity only for ministers and their deputies and secretaries, but yesterday a decision was taken to apply it to all sitting MPs.

.... http://news.independent.co.uk/europe/story.jsp?story=404103


«Silvio Berlusconi: Poor Silvio», povero Silvio.
The Independent on Sunday, edizione domenicale del quotidiano britannico The Independent titola così un durissimo articolo firmato da Peter Popham sul presidente del Consiglio italiano e sulla prospettiva che diventi, per sei mesi, presidente dell'Unione europea. Il titolo prende le mosse dall'intervisat pubblicata sabato dal New York Times, nella quale Berlusconi si lamenta di aver dovuto accettare un lavoro terribile «per tener lontano i comunisti dal potere».

http://www.corriere.it/Media/Foto/2003/05_Maggio/11/udine.jpg

«Grazie alla presidenza a rotazione dell'Unione europea che l'Italia assumerà il 1 luglio, il resto dell'Europa sta per avere un corso intensivo su quello che significa avere come leader Silvio Berlusconi» scrive Popham. «Un brutto assaggio lo abbiamo avuto lunedì scorso, quando, tre anni dopo l'inizio del suo processo a Milano per aver corrotto dei giudici, Berlusconi ha fatto una dichiarazione al processo....È stata una prova totalmente distruttiva. Berlusconi non ha fatto nulla per allontanare da sé il sospetto. Ha tuttavia acceso un potente riflettore internazionale su un caso che mostra l'uomo più ricco d'Italia capace di affari squallidi e cinici, capace di corrompere i giudici - un caso che si è sviluppato a partire dal 2000 in gran parte senza che il mondo se ne accorgesse».

Il tono e la sostanza dell'articolo sono durissimi, anche se non molto dissimili dai toni di altri articoli, come quello del Financial Times di tre giorni fa, del Economist del 9 maggio, e così via.

«Facendo gratuite e sgradevoli insinuazioni su Prodi e Amato, ha reso immensamente difficile per l'Italia e per se stesso trasformare in un successo il suo semestre di presidenza... l'Europa ha avuto una visione raccapricciante di un uomo che non sembra avere esitazioni a piegare fatti politici e giudiziari al proprio tornaconto personale... negli ultimi due anni Berlusconi ha fatto del salvarsi la pelle il tema del suo governo».

Il giornale non si risparmia un'ironia: «Come altri leader potentissimi, come proprio Ceausescu al quale era stato paragonato da un contestatore fuori del tribunale, Berlusconi si è creato una vita dove tutto quello che lo circonda riflette la sua propria gloria»

(trad italiana dell'inaffidabile e faziosissima Unità :p)

http://www.unita.it/index.asp?SEZIONE_COD=HP&TOPIC_TIPO=&TOPIC_ID=25672


Vabbè ma tu non puoi citare delle faziose gazzette comuniste, complici della banda delle toghe rosse, che tendono solo ad infangare la luminosa figura di chi, faro del popolo italiano, si accinge ad illuminare di luce intensa ed operosa il popolo europeo tutto!
Popolo che in ansiosa attesa null'altro aspetta che essere guidato dall'inviato, ed unto, dal Signore.
































Però da quando il Signmore lo ha unto è passato un pò di tempo. Chissa che puzza di olio rancido.

Paco
11-05-2003, 22.47.02
Originariamente inviato da Giorgio Drudi


Credo che tu sia molto molto di più e possa fare molto molto meglio...:) forse perchè non riesci a credere che qualcuno sia libero da appartenenze politiche...eppure..
Ciao Paco :) ...cercare di amare i propri nemici pare sia il massimo...lo dico solo per sentito dire...speriamo di arrivarci

Sono lusingato, ma non ci riesco Giorgio.

Paco
11-05-2003, 22.49.37
Originariamente inviato da Cecco
Intanto mi fa piacere, ma non avevo alcun dubbio in proposito, sapere
che gradite la mia presenza ed il mio contraddittorio.
In effetti volevo dire che non possiamo usare diverse opinioni per eguali comportamenti. Se può sembrarvi esagerata l'intervista concessa
a Berlusconi, vi dirò che in un paese normale, per dirla alla D'Alema,
la penserei esattamente come voi. Ma noi non siamo in un paese normale
ed abbiamo dovuto assistere ad una vergognosa presidenza Zaccaria che ha calpestato ogni diritto dell'opposizione non solo avallando trasmissioni faziose ed offensive ma anzi aggiungendoci di proprio un comportamento partigiano evidente in ogni suo atto ed intervento.
Ora mi rendo conto quanto ciò piacesse al popolo del cs, ma ha mai tal
popolo pensato l'effetto sull'avversario e che un giorno avrebbe potuto trovarsi ad esser lui in quella situazione?
La stessa cosa vale nel campo della giustizia, son pronto a scommettere oggi con chiunque di voi: il cs non fa che plaudire e difendere quei magistrati partigiani poichè in effetti i loro atti colpiscono avversari politici, tutto ciò un giorno ci porterà, vergognosamente, a magistrati di destra che si prenderanno le loro belle rivincite! Il magistrato, quando indaga e quando giudica, dovrebbe accantonare le proprie idee politiche e condannare o assolvere esclusivamente sulla base dei fatti e della legge, consentendo alla difesa tutto quanto la costituzione e le norme garantiste del paese gli assicurano. Ma come potremo mai arrivare a questo se la magistrature si è divisa in correnti politiche che fanno politica al punto di invadere la sfera legislativa?
Ecco, se noi cittadini comuni, di destra e sinistra, prendessimo atto di questo senza farci lusingare da piccole vittorie momentanee, beh in quel momento anche la magistratura, attraverso i suoi organi, dovrà
prendere atto e tornare a quell'equilibrio che è o dovrebbe essere la dote principale di quel mestiere.
Vedete, forse nel 1994 si poteva aver qualche dubbio, in effetti il popolo che aveva eletto il cd non ancora conosceva le mille vicende giudiziarie che avrebbero travolto il premier di lì a poco. Le ultime
elezioni che hanno dato a Berlusconi un consenso spaventoso, eppure ormai quelle vicende erano stranote, stanno a significare che il popolo ha risposto anche alla magistratura di credere nell'innocenza
di Berlusconi, o quanto meno alla teoria dell'accanimento per fini politici. Tutto qui, ciao a tutti

Cecco sei daccordo con me su una cosa?
Non ci sono le prove della sua colpevolezza? Allora dove sta lo scandalo? Ci sarà un processo che avrà una fine, spero presto, ma vista la resistenza del Presidente sarà difficile arrivarci in fondo!
Non ci trovo nulla di scandaloso. In Italia se sei sotto processo puoi essere eletto, allora? Può anche essere processato dopo che è stato eletto.

exion
11-05-2003, 22.53.28
Originariamente inviato da Cecco
....cut...


Vedete, forse nel 1994 si poteva aver qualche dubbio, in effetti il popolo che aveva eletto il cd non ancora conosceva le mille vicende giudiziarie che avrebbero travolto il premier di lì a poco. Le ultime
elezioni che hanno dato a Berlusconi un consenso spaventoso, eppure ormai quelle vicende erano stranote, stanno a significare che il popolo ha risposto anche alla magistratura di credere nell'innocenza
di Berlusconi, o quanto meno alla teoria dell'accanimento per fini politici. Tutto qui, ciao a tutti


E' fuori discussione che il voto legittima al 100% l'azione politica del Polo, anche se a volte non è male ricordarlo.

Io però interpreto il risultato delle ultime elezioni in modo un po' diverso. Io credo che, tra gli elettori del polo, molti credano che effettivamente Berlusconi abbia avuto le mani in pasta in qualche cosa di poco legale. Molti sospettano che Berlusconi come imprenditore abbia "oliato" parecchi ingranaggi. La maggioranza di questi colpevolisti appartiene sicuramente ad AN e Lega, e tuttavia sono convinto che anche tra le fila del CCD e in Forza Italia stessa ci siano molti elettori che la pensano in questo modo.

Eppure hanno votato Berlusconi, pur essendo convinti del torbido che lo circonda. Perché? Per il semplice fatto che pensano che non sia grave. E forse anche perché molti si identificano nella situazione del presidente del Consiglio: tante piccole azioni contro la legge, tante piccole code di paglia, che non contano piu' nulla se il primo a farle e a giustificarle non solo davanti al tribunale, ma davanti al popolo, è proprio la massima carica governativa italiana.

Oppure ancora piu' semplicemente non glie ne frega nulla: sanno che è inquisito, immaginano che probabilmente sia anche colpevole, ma lo votano lo stesso perché per loro avere un potenziale delinquente alla guida dell'Italia non fa alcuna differenza. Magari pensano che il programma di Forza Italia sia piu' importante della morale e della legalità degli atti del loro leader. Una posizione questa che ovviamente non condivido, ma per carità, assolutamente legittima e da rispettare.

Dopotutto, non è una situazione molto diversa dagli anni di tangentopoli. Oggi sembra che tangentopoli sia nata nel '92, ma in realtà è nata ben prima. Questo sembra essere stato cancellato dalle nostre memorie dal passaggio di Di Pietro e compagni, ma noi tutti sapevamo: sapevamo senza bisogno dei giudici e dei processi, e sapevamo tutto molto prima del '92.

Negli anni '80 i socialisti si facevano già "simpaticamente" soprannominare "ladri", e i democristiani "magnoni". Che la corruzione fosse elevata a sistema in quegli anni, era il segreto di pulcinella.
Eppure alle elezioni il PSI sembrava inarrestabile, la DC incrollabile. E il giorno dopo le elezioni, giu' tutti a lamentarci per la corruzione, per il lavoro distribuito in base alle tessere di partito, per le raccomandazioni che spuntavano come funghi.


In conclusione, dal mio punto di vista, il voto legittima l'azione politica, ma, a differenza del battesimo, non lava i peccati. Se il popolo elegge un inquisito, l'elezione di per sé non scagiona l'inquisito, e nemmeno dimostra che il popolo creda nella sua innocenza. Al contrario, si potrebbe immaginare che il popolo tutto si sia macchiato del reato di "complicità collettiva nazionale", semmai un simile reato potesse esistere :)

Paco
11-05-2003, 23.09.56
Originariamente inviato da exion


In conclusione, dal mio punto di vista, il voto legittima l'azione politica, ma, a differenza del battesimo, non lava i peccati. Se il popolo elegge un inquisito, l'elezione di per sé non scagiona l'inquisito, e nemmeno dimostra che il popolo creda nella sua innocenza. Al contrario, si potrebbe immaginare che il popolo tutto si sia macchiato del reato di "complicità collettiva nazionale", semmai un simile reato potesse esistere :)

(Y)

Hai notato che ripetono sempre la forumuletta del "eletto democraticamente"? Come se non lo sapessimo! :rolleyes:

exion
11-05-2003, 23.16.05
Originariamente inviato da Paco


(Y)

Hai notato che ripetono sempre la forumuletta del "eletto democraticamente"? Come se non lo sapessimo! :rolleyes:


Ma guarda... su questo francamente capisco l'ossessività del Polo a ripeterlo.

C'è, da parte della sinistra piu' "sinistra" se mi concedi l'espressione :), la tendenza a lasciarsi andare a questa tentazione, di dire che Berlusconi non dovrebbe stare dove sta per i suoi problemi con la giustizia.
E' una tentazione che non dovrebbe nemmeno esistere e invece c'è, la si sente, è palpabile.

Poi, una volta stabilito che il problema della leggitimità di Berlusconi e del suo governo, al momento attuale, non si pone e non si deve porre, il problema si capovolge: una volta eletto, Berlusconi non deve approfittare della sua posizione per sottrarsi al normale corso della giustizia. E questa è una critica che mi pare ineccepibile.

Confondere le due cose pero' puo' essere molto negativo IMHO.

Paco
11-05-2003, 23.22.12
Originariamente inviato da exion



Ma guarda... su questo francamente capisco l'ossessività del Polo a ripeterlo.

C'è, da parte della sinistra piu' "sinistra" se mi concedi l'espressione :), la tendenza a lasciarsi andare a questa tentazione, di dire che Berlusconi non dovrebbe stare dove sta per i suoi problemi con la giustizia.
E' una tentazione che non dovrebbe nemmeno esistere e invece c'è, la si sente, è palpabile.

Poi, una volta stabilito che il problema della leggitimità di Berlusconi e del suo governo, al momento attuale, non si pone e non si deve porre, il problema si capovolge: una volta eletto, Berlusconi non deve approfittare della sua posizione per sottrarsi al normale corso della giustizia. E questa è una critica che mi pare ineccepibile.

Confondere le due cose pero' puo' essere molto negativo IMHO.

Capisco, ma mi sembra una strozzatura per chiudere una discussione, per impedire agli altri di criticare. Non lo approvo!

afterhours
11-05-2003, 23.26.48
"Berlusconi riceve un avviso di garanzia praticamente ogni mese, ma continua a giurare sulla testa dei figli di essere innocente. Non puo' essere un padre cosi' snaturato da giurare il falso sui suoi figli! Sorge quindi spontanea una domanda: Di chi sono veramente i suoi figli?" (Roberto Benigni)

Paco
11-05-2003, 23.42.01
Originariamente inviato da afterhours
"Berlusconi riceve un avviso di garanzia praticamente ogni mese, ma continua a giurare sulla testa dei figli di essere innocente. Non puo' essere un padre cosi' snaturato da giurare il falso sui suoi figli! Sorge quindi spontanea una domanda: Di chi sono veramente i suoi figli?" (Roberto Benigni)

e pensare che questa battuta è del 95
ancora attuale

Cecco
12-05-2003, 09.25.03
Originariamente inviato da exion



E' fuori discussione che il voto legittima al 100% l'azione politica del Polo, anche se a volte non è male ricordarlo.

Io però interpreto il risultato delle ultime elezioni in modo un po' diverso. Io credo che, tra gli elettori del polo, molti credano che effettivamente Berlusconi abbia avuto le mani in pasta in qualche cosa di poco legale. Molti sospettano che Berlusconi come imprenditore abbia "oliato" parecchi ingranaggi. La maggioranza di questi colpevolisti appartiene sicuramente ad AN e Lega, e tuttavia sono convinto che anche tra le fila del CCD e in Forza Italia stessa ci siano molti elettori che la pensano in questo modo.

Eppure hanno votato Berlusconi, pur essendo convinti del torbido che lo circonda. Perché? Per il semplice fatto che pensano che non sia grave. E forse anche perché molti si identificano nella situazione del presidente del Consiglio: tante piccole azioni contro la legge, tante piccole code di paglia, che non contano piu' nulla se il primo a farle e a giustificarle non solo davanti al tribunale, ma davanti al popolo, è proprio la massima carica governativa italiana.

Oppure ancora piu' semplicemente non glie ne frega nulla: sanno che è inquisito, immaginano che probabilmente sia anche colpevole, ma lo votano lo stesso perché per loro avere un potenziale delinquente alla guida dell'Italia non fa alcuna differenza. Magari pensano che il programma di Forza Italia sia piu' importante della morale e della legalità degli atti del loro leader. Una posizione questa che ovviamente non condivido, ma per carità, assolutamente legittima e da rispettare.

Dopotutto, non è una situazione molto diversa dagli anni di tangentopoli. Oggi sembra che tangentopoli sia nata nel '92, ma in realtà è nata ben prima. Questo sembra essere stato cancellato dalle nostre memorie dal passaggio di Di Pietro e compagni, ma noi tutti sapevamo: sapevamo senza bisogno dei giudici e dei processi, e sapevamo tutto molto prima del '92.

Negli anni '80 i socialisti si facevano già "simpaticamente" soprannominare "ladri", e i democristiani "magnoni". Che la corruzione fosse elevata a sistema in quegli anni, era il segreto di pulcinella.
Eppure alle elezioni il PSI sembrava inarrestabile, la DC incrollabile. E il giorno dopo le elezioni, giu' tutti a lamentarci per la corruzione, per il lavoro distribuito in base alle tessere di partito, per le raccomandazioni che spuntavano come funghi.


In conclusione, dal mio punto di vista, il voto legittima l'azione politica, ma, a differenza del battesimo, non lava i peccati. Se il popolo elegge un inquisito, l'elezione di per sé non scagiona l'inquisito, e nemmeno dimostra che il popolo creda nella sua innocenza. Al contrario, si potrebbe immaginare che il popolo tutto si sia macchiato del reato di "complicità collettiva nazionale", semmai un simile reato potesse esistere :)

Ci siamo quasi, ma quasi. Al di là della legittimazione del voto fuori discussione, a mio parere il ragionamento della gente che ha votato in massa proprio Berlusconi, sia stato leggermente diverso.
Berlusconi ha svolto l'attività imprenditoriale ed ha avuto gran successo in un periodo che certamente non può dirsi limpido, dunque non si pecca ad immaginare che anche egli possa aver commesso qualche
errore. Fatto sta che durante il periodo di tangentopoli, allorchè la
magistratura senza dubbio ha sviato dal compito istituzionale di punire i colpevoli tendendo a ricoprire sempre più un ruolo politico
che ha portato alla scomparsa di tanti partiti storici, il nome di Berlusconi non è mai comparso nelle inchieste. Perchè? Ma ovvio, la operazione che direttamente o meno lanciava il cs al governo del paese non era interessata a colpire un imprenditore tanto potente.
Difatti, ricorderai che i mille attacchi a Berlusconi iniziano con la sua decisione di scendere i campo e assumono via via toni sempre più forti allorchè addirittura vince le elezioni del 1994.
Ecco, qui sta la chiave di tutto. A quel punto non ci si limita più a indagare sul premier e trovare le prove di reati eventuali, piuttosto
lo si fa oggetto degli attacchi più disparati, e l'avviso di garanzia
a Napoli in quel contesto internazionale poi rilevatosi una bufala ne rappresenta l'esempio più evidente, al fine di screditare i ogni caso
il personaggio per metterlo politicamente fuori gioco. E come non ricordare poi che di quelle mille inchieste è rimasto ancora in piedi,
in un modo o nell'altro, solo la faccenda misteriosa della SME!
Ora gli Italiani avranno tanti difetti, non certamente quello della stupidità, e dunque proprio quell'accanimento più volte dimostrato dall'esito dei processi ha fatto capire a tutti, son certo anche a tantissimi del cs, che il problema era e rimane politico.
Può darsi ripeto che Berlusconi abbia potuto incorrere in qualche passo falso ma il compito dei Pm è quello d'indagare, reperire prove
ed eventualmente rinviare a giudizio. Hanno fatto questo?
E poi un altro punto che sinceramente mi sta molto a cuore. Il magistrato è un uomo innanzitutto ed in quanto tale può avere le sue idee anche politiche, ma ritieni giusto che si siano organizzati in correnti politiche che dicono e fanno politica?
Ma è ovvio che io Brlusconi per nessuna ragione al mondo vorrei essere
indagato o giudicato da qualcuno che manifestamente appartenga ad una
corrente avversa alla mia parte politica!
Che ne pensereste di un eventuale Fassino sottoposto a processo da parti di eventuali correnti della magistratura di destra?
Spero d'essermi spiegato, ciao

Cecco
12-05-2003, 09.37.17
Originariamente inviato da Lello


Tanto spaventoso non era questo consenso....
ovvero di voti, preferenze, cittadini reali... non è così eclatante...
o plebiscitario.....
al Senato (meccanismo fortemente maggioritario):
ULIVO 38.7 ---- CDL 42.5

http://cedweb.mininterno.it:8890/senato/S000000.htm

e alla Camera all'uninominale 43.7 contro 45.4

solo che il meccanismo (che per voi era diabolico nel '96)
affida all'Ulivo 184 deputati contro i 282 della CDL... (esclusi i deputati del proporzionale)
uno scarso 2% di differenza....

http://www.repubblica.it/speciale/elezioni2001/camera.html

parlando di voti reali non è cosi "spaventoso" il risultato...
speriamo non lo diventi.... dai risultati.

:)

Beh Lello, questa è un pò originale. Saprai che viviamo un sistema maggioritario che ha permesso al cd o al cs di vincere solo allorchè
si siano compattati. Sappiamo certo che nel paese, tutto sommato, il cd prevale di poco dal punto di vista numerico. Ma, ciò premesso, come
definire, se non spaventoso, un successo che ha portato ad una maggioranza di seggi così evidente e mai riscontrata!
Ricorderai la esigua maggioranza del 1994, ricorderai la vittoria dell'ulivo più evidente ma certo non bulgara.
Allora, se volessimo restare ai numeri dovremmo sconfessare quella vittoria dell'ulivo stante i voti presi separatamente dalle forze del cd. Tutto questo per spiegare l'uso di quell'aggettivo "spaventoso".
Semplicemente nessuno lo avrebbe ipotizzato. Ciao

Paco
12-05-2003, 09.40.06
Cecco, ormai tutta la faccenda l'abbiamo capita. Hai paura che si inventino prove fasulle e che quindi Berlusconi venga condannato?

Cecco
12-05-2003, 09.55.43
Originariamente inviato da Paco
Cecco, ormai tutta la faccenda l'abbiamo capita. Hai paura che si inventino prove fasulle e che quindi Berlusconi venga condannato?

No, forse non tutti l'hanno capita per davvero! Io spero che mai accada che un tribunale inventi prove false per condannare qualcuno, ma non è poi questo l'oggetto del processo SME? Nel senso che il capo d'accusa concerne un processo oggetto di presunta compravendita. Se così fosse, perchè dovremmo avere cieca fiducia nella magistratura?
Se vuoi poi una risposta nel merito, beh io non credo che Andreotti
potesse essere oggetto di una accusa tanto infamante solo per confessioni di un pentito non acquisite direttamente e nemmanco suffragate da un riscontro obbiettivo, come non credo che Berlusconi
alla fine del percorso giudiziario potrà risultare colpevole di quel brutto reato ove le confessioni dell'Ariosto non vengano confermate
da incontestabili passaggi di denaro tra accusati. E penso che anche
tu sia del mio stesso avviso. Ciao

Paco
12-05-2003, 10.03.04
Originariamente inviato da Cecco


No, forse non tutti l'hanno capita per davvero! Io spero che mai accada che un tribunale inventi prove false per condannare qualcuno, ma non è poi questo l'oggetto del processo SME? Nel senso che il capo d'accusa concerne un processo oggetto di presunta compravendita. Se così fosse, perchè dovremmo avere cieca fiducia nella magistratura?
Se vuoi poi una risposta nel merito, beh io non credo che Andreotti
potesse essere oggetto di una accusa tanto infamante solo per confessioni di un pentito non acquisite direttamente e nemmanco suffragate da un riscontro obbiettivo, come non credo che Berlusconi
alla fine del percorso giudiziario potrà risultare colpevole di quel brutto reato ove le confessioni dell'Ariosto non vengano confermate
da incontestabili passaggi di denaro tra accusati. E penso che anche
tu sia del mio stesso avviso. Ciao

Appunto, dove sta lo scandalo. Secondo me in giro si pensa che l'Ariosto sia stata "spinta" a fare quelle accuse, o sbaglio? É questo il polverone che Berlusconi vorrebbe tirar su secondo me.

exion
12-05-2003, 10.28.59
Comunque ieri Fassino e Castagnetti si sono pronunciati molto chiaramente, auspicando l'assoluzione di Berlusconi e che il suo governo finisca prima o poi con un voto in parlamento a lui contrario.
Molti esponenti importanti del centrosinistra, a partire da Violante, pensano che un Berlusconi condannato possa rappresentare un problema piu' per la sinistra che per il centrodestra.

Piu' limpido di così... Non vedo proprio dove sia la persecuzione.

E poi accidenti... siamo il paese piu' garantista d'Europa, abbiamo 3 gradi di giudizio, tutte le garanzie possibili e immaginabili per l'inquisito. Alla fine io non ci posso credere che tutta la magistratura, in tutte le sedi e in tutti gradi, stia complottando contro Berlusconi, è fantapolitica. E se è fantapolitica, e ammesso che Berlusconi non abbia nulla da rimproverarsi sotto il profilo legale, allora lo assolveranno di sicuro. Perché deve continuamente lanciarsi in improbabili piagnistei?

E' presidente del consiglio
E' leader indiscusso del maggior partito italiano
E' proprietario di un impero economico
E' unto dal singore
E' proprietario di 3 reti TV nazionali oltre che parte importante nelle decisioni delle 3 reti pubbliche
Fra poco sarà anche presidente di turno della U.E.

E allora basta fare la vittima, pensi a fare il suo lavoro invece di passare il suo tempo a dimostrare di essere perseguitato e cercare di far credere che i comunisti stiano per fare la rivoluzione :D

Cecco
12-05-2003, 10.40.08
Originariamente inviato da Paco


Appunto, dove sta lo scandalo. Secondo me in giro si pensa che l'Ariosto sia stata "spinta" a fare quelle accuse, o sbaglio? É questo il polverone che Berlusconi vorrebbe tirar su secondo me.

Lo scandalo scoppierebbe allorquando le dichiarazioni Ariosto non fossero obbiettivamente suffragate da prove. Altrimenti in un eventuale processo dovremmo condannare Prodi & Amato & Fassino per le dichiarazioni di tal Marini. Insomma cerchiamo di capirci, ciao.

Paco
12-05-2003, 11.11.12
Originariamente inviato da exion
Comunque ieri Fassino e Castagnetti si sono pronunciati molto chiaramente, auspicando l'assoluzione di Berlusconi e che il suo governo finisca prima o poi con un voto in parlamento a lui contrario.
Molti esponenti importanti del centrosinistra, a partire da Violante, pensano che un Berlusconi condannato possa rappresentare un problema piu' per la sinistra che per il centrodestra.

Piu' limpido di così... Non vedo proprio dove sia la persecuzione.

E poi accidenti... siamo il paese piu' garantista d'Europa, abbiamo 3 gradi di giudizio, tutte le garanzie possibili e immaginabili per l'inquisito. Alla fine io non ci posso credere che tutta la magistratura, in tutte le sedi e in tutti gradi, stia complottando contro Berlusconi, è fantapolitica. E se è fantapolitica, e ammesso che Berlusconi non abbia nulla da rimproverarsi sotto il profilo legale, allora lo assolveranno di sicuro. Perché deve continuamente lanciarsi in improbabili piagnistei?

E' presidente del consiglio
E' leader indiscusso del maggior partito italiano
E' proprietario di un impero economico
E' unto dal singore
E' proprietario di 3 reti TV nazionali oltre che parte importante nelle decisioni delle 3 reti pubbliche
Fra poco sarà anche presidente di turno della U.E.

E allora basta fare la vittima, pensi a fare il suo lavoro invece di passare il suo tempo a dimostrare di essere perseguitato e cercare di far credere che i comunisti stiano per fare la rivoluzione :D

C'è un perchè semplice a tutto questo...LE AMMINISTRATIVE!!!
Ha paura. ;)

Paco
12-05-2003, 11.13.46
Originariamente inviato da Cecco


Lo scandalo scoppierebbe allorquando le dichiarazioni Ariosto non fossero obbiettivamente suffragate da prove. Altrimenti in un eventuale processo dovremmo condannare Prodi & Amato & Fassino per le dichiarazioni di tal Marini. Insomma cerchiamo di capirci, ciao.

Ma non accadrà un simile fatto indegno. ;)
Non voglio crederci e i fatti mi daranno ragione...ciao Cecco

exion
12-05-2003, 11.25.06
Originariamente inviato da Paco


C'è un perchè semplice a tutto questo...LE AMMINISTRATIVE!!!
Ha paura. ;)

Ne parlavo proprio stamattina con mio padre. C'è un clima febbricitante da campagna elettorale ai ferri corti.

Ma dubito che abbia paura... penso invece che prema sull'accelleratore per rafforzare ulteriormente le posizioni conquistate.

Cecco
12-05-2003, 11.34.19
Originariamente inviato da exion
Comunque ieri Fassino e Castagnetti si sono pronunciati molto chiaramente, auspicando l'assoluzione di Berlusconi e che il suo governo finisca prima o poi con un voto in parlamento a lui contrario.
Molti esponenti importanti del centrosinistra, a partire da Violante, pensano che un Berlusconi condannato possa rappresentare un problema piu' per la sinistra che per il centrodestra.

Piu' limpido di così... Non vedo proprio dove sia la persecuzione.

E poi accidenti... siamo il paese piu' garantista d'Europa, abbiamo 3 gradi di giudizio, tutte le garanzie possibili e immaginabili per l'inquisito. Alla fine io non ci posso credere che tutta la magistratura, in tutte le sedi e in tutti gradi, stia complottando contro Berlusconi, è fantapolitica. E se è fantapolitica, e ammesso che Berlusconi non abbia nulla da rimproverarsi sotto il profilo legale, allora lo assolveranno di sicuro. Perché deve continuamente lanciarsi in improbabili piagnistei?

E' presidente del consiglio
E' leader indiscusso del maggior partito italiano
E' proprietario di un impero economico
E' unto dal singore
E' proprietario di 3 reti TV nazionali oltre che parte importante nelle decisioni delle 3 reti pubbliche
Fra poco sarà anche presidente di turno della U.E.

E allora basta fare la vittima, pensi a fare il suo lavoro invece di passare il suo tempo a dimostrare di essere perseguitato e cercare di far credere che i comunisti stiano per fare la rivoluzione :D

Ecco, io penso che il cs farebbe bene a capire cosa fare da grande, organizzarsi e cercare di formare una coalizione aggregata da un programma di governo. Si dice che Berlusconi la butta sulla giustizia
per confondere la gente e distrarla dagli errori che la maggioranza va commettendo. Potrei di converso dire che il cs parla di Berlusconi
ossessivamente e del pericolo democratico che rappresenta per distrarre gli eventuali elettori dalla pochezza della politica che sta portando avanti.
Attenzione, quando vi saranno le prossime elezioni, come sempre, per vincere non basteranno le chiacchiere o quanto meno dovranno essere abbastanza convincenti. Ciao

exion
12-05-2003, 11.40.28
Originariamente inviato da Cecco


Ecco, io penso che il cs farebbe bene a capire cosa fare da grande, organizzarsi e cercare di formare una coalizione aggregata da un programma di governo. Si dice che Berlusconi la butta sulla giustizia
per confondere la gente e distrarla dagli errori che la maggioranza va commettendo. Potrei di converso dire che il cs parla di Berlusconi
ossessivamente e del pericolo democratico che rappresenta per distrarre gli eventuali elettori dalla pochezza della politica che sta portando avanti.
Attenzione, quando vi saranno le prossime elezioni, come sempre, per vincere non basteranno le chiacchiere o quanto meno dovranno essere abbastanza convincenti. Ciao


e su questo.... totale intesa bi-partisan (coma va di moda dire adesso :D) (Y)(Y)(Y)

jannaz
12-05-2003, 12.00.57
Originariamente inviato da Cecco


Si dice che Berlusconi la butta sulla giustizia
per confondere la gente e distrarla dagli errori che la maggioranza va commettendo. Potrei di converso dire che il cs parla di Berlusconi
ossessivamente e del pericolo democratico che rappresenta per distrarre gli eventuali elettori dalla pochezza della politica che sta portando avanti.


Ultimamente ha talmente problemi sulla giustizia che per confondere la gente attacca l'opposizione dandogli del comunista a questo e del dittatore all'altro.
Forse ha ragione Fassino - berlusconi e' un disperato e basta.
Se non fosse il che e' il capo del governo italiano....

JaNnAz

Cecco
12-05-2003, 12.06.48
Qualcuno giurerebbe o sarebbe pronto a scommettere una cospicua cifra
sulla colpevolezza di berlusconi nel processo SME?
Perchè faccio questa domanda che ovviamente non vuole una risposta?
Ma perchè personalente in tanti storici processi, politici o meno, mi son sempre fatto, sia pur prudentemente, dei personali convincimenti, giusti o sbagliati che fossero, ma certamente slegati dalle mie idee politiche. Mi son vergognato, ad esempio, di aver assistito alla tragica vicenda Tortora che onestamente avevo considerato colpevole.
Non ho mai avuto dubbi sull'innocenza di Andreotti, seppure non abbia
mai in vita mia votato il suo o altri partiti a lui legati. Propendo per la colpevolezza della madre nel caso Cogne eppur mi rendo conto che mostro sarei se lei fosse innocente.
Voglio dire insomma che una persona sana, avendo un cervello si crea delle opinioni, ma ne sente anche tutto il peso. Ed allora immaginate
cosa dovrebbe scorrere nel sangue e nell'animo del giudice quando sta
per emettere una sentenza che può stravolgere la vita di una pesona!
Grande equilibrio, concentrazione solo sul processo, condanna solo in caso di prove certe o pesantissimi indizi in varie direzioni.
La pensate come me?

Cecco
12-05-2003, 12.12.58
Originariamente inviato da jannaz


Ultimamente ha talmente problemi sulla giustizia che per confondere la gente attacca l'opposizione dandogli del comunista a questo e del dittatore all'altro.
Forse ha ragione Fassino - berlusconi e' un disperato e basta.
Se non fosse il che e' il capo del governo italiano....

JaNnAz

Guarda, avrà ragione o torto non lo so, metto però una mano sul fuoco
sul fatto che l'avversione totale non solo per il comunismo ma per tutti quei comportamenti ad esso riconducibili siano una spinta assoluta per berlusconi, assolutamente slegata da convenienze.
Beh definirlo "disperato" è classico di fassino ( che davvero dovrebbe
invece disperarsi della considerazione che i suoi hanno di lui e della
sua politica) ma certo, vorrei esser disperato io come il berlusca.
Ciao

The_Prof
12-05-2003, 13.47.27
Originariamente inviato da Cecco
Qualcuno giurerebbe o sarebbe pronto a scommettere una cospicua cifra
sulla colpevolezza di berlusconi nel processo SME?
Perchè faccio questa domanda che ovviamente non vuole una risposta?
Ma perchè personalente in tanti storici processi, politici o meno, mi son sempre fatto, sia pur prudentemente, dei personali convincimenti, giusti o sbagliati che fossero, ma certamente slegati dalle mie idee politiche. Mi son vergognato, ad esempio, di aver assistito alla tragica vicenda Tortora che onestamente avevo considerato colpevole.
Non ho mai avuto dubbi sull'innocenza di Andreotti, seppure non abbia
mai in vita mia votato il suo o altri partiti a lui legati. Propendo per la colpevolezza della madre nel caso Cogne eppur mi rendo conto che mostro sarei se lei fosse innocente.
Voglio dire insomma che una persona sana, avendo un cervello si crea delle opinioni, ma ne sente anche tutto il peso. Ed allora immaginate
cosa dovrebbe scorrere nel sangue e nell'animo del giudice quando sta
per emettere una sentenza che può stravolgere la vita di una pesona!
Grande equilibrio, concentrazione solo sul processo, condanna solo in caso di prove certe o pesantissimi indizi in varie direzioni.
La pensate come me?


Ciao Cecco, ognuno e' libero di farsi delle opinioni.

Il problema della giustizia italiana risiede nel fatto che nella fase istruttoria dibattimentale, si rinvia a giudizio l'accusato, quasi sempre senza prove.

In Italia si confonde l'indizio con la prova, o peggio ancora come nel caso di Cogne, si instaura il processo perche' secondo l'accusa solo la madre avrebbe potuto compiere il delitto.

Nel caso Andreotti non avrebbe dovuto neppure svolgersi il processo, costato fior di quattrini alla comunita'.

Nel caso SME e Mondadori, sembra strano che i presunti danneggiati non si siano rivolti subito all'autorita' giudiziaria, per rivendicare i loro diritti, ma sia partito tutto da una sedicente testimone (compagna di Dotti), che in sede processuale un qualunque avvocato della difesa avrebbe facilmente smontato, se la Difesa avesse potuto avere il diritto di interrogarla come succede negli USA.

Assomiglia al processo Marta Russo, nel quale la testimone chiave riceveva continua assistenza da parte del Giudice.

Qualcuno ha affermato che la giustizia in Italia e' garantista al massimo.
Spero non debba mai incorrere in un processo.

Ciao e benritrovato :)

Cecco
12-05-2003, 16.53.11
Originariamente inviato da The_Prof



Ciao Cecco, ognuno e' libero di farsi delle opinioni.

Il problema della giustizia italiana risiede nel fatto che nella fase istruttoria dibattimentale, si rinvia a giudizio l'accusato, quasi sempre senza prove.

In Italia si confonde l'indizio con la prova, o peggio ancora come nel caso di Cogne, si instaura il processo perche' secondo l'accusa solo la madre avrebbe potuto compiere il delitto.

Nel caso Andreotti non avrebbe dovuto neppure svolgersi il processo, costato fior di quattrini alla comunita'.

Nel caso SME e Mondadori, sembra strano che i presunti danneggiati non si siano rivolti subito all'autorita' giudiziaria, per rivendicare i loro diritti, ma sia partito tutto da una sedicente testimone (compagna di Dotti), che in sede processuale un qualunque avvocato della difesa avrebbe facilmente smontato, se la Difesa avesse potuto avere il diritto di interrogarla come succede negli USA.

Assomiglia al processo Marta Russo, nel quale la testimone chiave riceveva continua assistenza da parte del Giudice.

Qualcuno ha affermato che la giustizia in Italia e' garantista al massimo.
Spero non debba mai incorrere in un processo.

Ciao e benritrovato :)

Già, proprio così. Benritrovato a te, ciao prof.

Paco
12-05-2003, 17.43.31
Originariamente inviato da Cecco
Qualcuno giurerebbe o sarebbe pronto a scommettere una cospicua cifra
sulla colpevolezza di berlusconi nel processo SME?
Perchè faccio questa domanda che ovviamente non vuole una risposta?
Ma perchè personalente in tanti storici processi, politici o meno, mi son sempre fatto, sia pur prudentemente, dei personali convincimenti, giusti o sbagliati che fossero, ma certamente slegati dalle mie idee politiche. Mi son vergognato, ad esempio, di aver assistito alla tragica vicenda Tortora che onestamente avevo considerato colpevole.
Non ho mai avuto dubbi sull'innocenza di Andreotti, seppure non abbia
mai in vita mia votato il suo o altri partiti a lui legati. Propendo per la colpevolezza della madre nel caso Cogne eppur mi rendo conto che mostro sarei se lei fosse innocente.
Voglio dire insomma che una persona sana, avendo un cervello si crea delle opinioni, ma ne sente anche tutto il peso. Ed allora immaginate
cosa dovrebbe scorrere nel sangue e nell'animo del giudice quando sta
per emettere una sentenza che può stravolgere la vita di una pesona!
Grande equilibrio, concentrazione solo sul processo, condanna solo in caso di prove certe o pesantissimi indizi in varie direzioni.
La pensate come me?

Certo che la penso come me e credo che i giudici di Milano siano in grado di giudicare il Mister.
Io invece ho sempre creduto che Ferraro e Scattone fossero innocenti e forse ci credo ancora. (Li ho citati perchè The_prof me li ha ricordati)

State tranquilli, Berlusconi non verrà condannato.

Cecco
12-05-2003, 17.52.24
x Paco

In verità avevo affrontato il problema dell'enorme carico di responsabilità che pesa sul giudice. Per quanto riguarda berlusconi
spero invece in un accordo che congeli i processi e relativa prescrizione al fine di sgombrare ogni residuo dubbio. Ciao

jannaz
12-05-2003, 23.49.29
Originariamente inviato da Cecco
x Paco

In verità avevo affrontato il problema dell'enorme carico di responsabilità che pesa sul giudice. Per quanto riguarda berlusconi
spero invece in un accordo che congeli i processi e relativa prescrizione al fine di sgombrare ogni residuo dubbio. Ciao

Io spero di no, perche la legge non e' carta a cul@ e perche' spero che piano piano quello che ha fatto berlusconi salti fuori nel male e nel bene come spero che risulti perche' alla fine avremo accertato che il primo ministro, uomo ricchissimo e tra i piu' potenti al mondo non sia un farabutto come sembra risultare da processi di corruzione.
La legge e' uguale per tutti.berlusconi non si e' trovato per caso nel processo, le tangenti sono partite dalla sua azienda, dalle sue tasche, dalle sue mani.
Negli anni ottanta tutti gli addetti ai lavori sapevano delle tangenti che giravano (gli stessi muratori o stradini che costruivano le gli ospedali o le autostrade fantasma lo sapevano)
Craxi e' scappato perche' se no finiva in galera per corruzione come hanno ammesso i suoi colleghi di partito gia' condannati, non come dice berlusconi che secondo lui era solo un povero perseguitato.
Mani pulite all'estero e' stata una leggenda perche in nessun paese il circolo delle tangenti si era mai interrotto in questo modo perche' faceva comodo a tutti ovunque.
La procura di Roma era chiamata dagli avvocati il porto delle nebbie e non era una questione climatologica.I giudici del processo sme sono gia' stati condannati per lo stesso reato,insomma non erano nuovi alla cosa.
Berlusconi spera nell'impunita' e basta.
Non crede nella legge se non che sia a lui sottomessa.
Sta sfasciando quel poco che c'e' in Italia di stato di diritto e ne e' felice perche lui e i suoi amici se ne avvantaggiano.

Tanto e' inutile parlare il fiato e' sprecato per berlusconi ci sono 6 reti televisive (95% di share?) che lo fanno gridare e amplificano la sua voce 1000 volte.

JaNnAz

jannaz
13-05-2003, 00.28.32
Originariamente inviato da The_Prof



Qualcuno ha affermato che la giustizia in Italia e' garantista al massimo.
Spero non debba mai incorrere in un processo.

Ciao e benritrovato :)

Speriamo di no ma solo perché nessuno abbia fatto qualcosa di male.

Il fatto e' che tutti i processi che hai citato sono stati sotto i riflettori della stampa per tanto tempo trasformandosi in romanzi rosa (o gialli noire fate voi)

In italia la giustizia non e' garantista al massimo,purtroppo.
Non esistono sistemi perfetti e la legislazione italiana e scarsissima e piena di falle ma da comunque le possibilita' ad un imputato di dimostrarsi innocente se accusato.
Non e' che negli altri paesi sia eccessivamente meglio, purtroppo esistono anche gli errori e sicuramente da noi se ne compiono toppi, anche in malafede.

Sta di fatto che berlusconi e' arrivato a cambiare la legislazione piu' volte per interropere un processo ed e' appena all'inizio.
Una cosa del genere non si era mai vista.
L'unico obbiettivo del cdl sembra essere la salvezza di Previti come se il destino di una formazione politica fosse legata ad un suo membro di seconda linea.
Cosa si nasconde dietro processo veramente?il presidente del consiglio ha paura di quest'uomo?Perche gli ha giurato fedelta assoluta?

Che la giustizia italiana non funzioni bene e' una cosa - il caso Previti esula dalla normalita' e merita' un'analisi diversa

JaNnAz

Lello
13-05-2003, 07.13.30
Originariamente inviato da jannaz


Io spero di no, perche la legge non e' carta a cul@ e perche' spero che piano piano quello che ha fatto berlusconi salti fuori nel male e nel bene come spero che risulti perche' alla fine avremo accertato che il primo ministro, uomo ricchissimo e tra i piu' potenti al mondo non sia un farabutto come sembra risultare da processi di corruzione.
La legge e' uguale per tutti.berlusconi non si e' trovato per caso nel processo, le tangenti sono partite dalla sua azienda, dalle sue tasche, dalle sue mani.
Negli anni ottanta tutti gli addetti ai lavori sapevano delle tangenti che giravano (gli stessi muratori o stradini che costruivano le gli ospedali o le autostrade fantasma lo sapevano)
Craxi e' scappato perche' se no finiva in galera per corruzione come hanno ammesso i suoi colleghi di partito gia' condannati, non come dice berlusconi che secondo lui era solo un povero perseguitato.
Mani pulite all'estero e' stata una leggenda perche in nessun paese il circolo delle tangenti si era mai interrotto in questo modo perche' faceva comodo a tutti ovunque.
La procura di Roma era chiamata dagli avvocati il porto delle nebbie e non era una questione climatologica.I giudici del processo sme sono gia' stati condannati per lo stesso reato,insomma non erano nuovi alla cosa.
Berlusconi spera nell'impunita' e basta.
Non crede nella legge se non che sia a lui sottomessa.
Sta sfasciando quel poco che c'e' in Italia di stato di diritto e ne e' felice perche lui e i suoi amici se ne avvantaggiano.

Tanto e' inutile parlare il fiato e' sprecato per berlusconi ci sono 6 reti televisive (95% di share?) che lo fanno gridare e amplificano la sua voce 1000 volte.

JaNnAz
(Y) Sei incisivo forte: ben detto!

:)

Paco
13-05-2003, 08.44.41
Originariamente inviato da Cecco
x Paco

In verità avevo affrontato il problema dell'enorme carico di responsabilità che pesa sul giudice. Per quanto riguarda berlusconi
spero invece in un accordo che congeli i processi e relativa prescrizione al fine di sgombrare ogni residuo dubbio. Ciao

Non preferisci che il processo arrivi in fondo nella speranza che venga a galla la verità?

Giorgio Drudi
13-05-2003, 09.21.10
Originariamente inviato da Lello

(Y) Sei incisivo forte: ben detto!

:)

Sarebbe opportuno per una analisi meno generalizzata distinguere quali tendenze vengono espresse nelle singole reti.
Ciao

Paco
13-05-2003, 09.25.22
Originariamente inviato da Giorgio Drudi


Sarebbe opportuno per una analisi meno generalizzata distinguere quali tendenze vengono espresse nelle singole reti.
Ciao

l'unico tg che potrebbe non essere vicino al Premier è il TG3, non a caso l'unico attaccato duramente (N)

Giorgio Drudi
13-05-2003, 09.46.27
Originariamente inviato da Paco


l'unico tg che potrebbe non essere vicino al Premier è il TG3, non a caso l'unico attaccato duramente (N)

Mentana...Costanzo...sinceramente non mi sembrano vicini al loro datore di lavoro...:)
in ogni caso...il tg 3 coincide completamente con il pensiero, le tattiche e le strategie della sinistra ...e non da oggi... con quale diritto? Se c'è una giustificazione per loro c'è per tutti.
Ciao Paco

jannaz
13-05-2003, 15.44.48
Originariamente inviato da Giorgio Drudi


Mentana...Costanzo...sinceramente non mi sembrano vicini al loro datore di lavoro...:)
in ogni caso...il tg 3 coincide completamente con il pensiero, le tattiche e le strategie della sinistra ...e non da oggi... con quale diritto? Se c'è una giustificazione per loro c'è per tutti.
Ciao Paco

Forse non sono vicini al loro datore di lavoro ma se ne guardano bene dal stargli lontano.
In italia i telegiornali sono piuttosto radiocronache molto uniformate, gia' LA7 suona diverso almeno come ritmo - con gli altri sembra di sentire solo delle litanie a squadre stile radiomaria.

Ormai c'e' rifugio solo nei quotidiani.

JaNnAz

Cecco
13-05-2003, 16.20.09
Originariamente inviato da Paco


Non preferisci che il processo arrivi in fondo nella speranza che venga a galla la verità?

Se il processo per il suo iter completo dal 1° grado alla cassazione
durasse 6 mesi, vorrei che continuasse. Considerato ottimisticamente
un periodo di circa tre anni, immagino un futuro non proprio roseo ed
allora mi auguro su un accordo per rinviare il processo fermo restando
che sarebbe congelata anche la prescrizione.
Ma perchè? Perchè la penso diversamente da te e sento che berlusconi verrà probabilmente condannato in 1° grado ed assolto in 2°, e non farmi dire di più. Ciao

Cecco
13-05-2003, 16.22.33
Originariamente inviato da jannaz


Io spero di no, perche la legge non e' carta a cul@ e perche' spero che piano piano quello che ha fatto berlusconi salti fuori nel male e nel bene come spero che risulti perche' alla fine avremo accertato che il primo ministro, uomo ricchissimo e tra i piu' potenti al mondo non sia un farabutto come sembra risultare da processi di corruzione.
La legge e' uguale per tutti.berlusconi non si e' trovato per caso nel processo, le tangenti sono partite dalla sua azienda, dalle sue tasche, dalle sue mani.
Negli anni ottanta tutti gli addetti ai lavori sapevano delle tangenti che giravano (gli stessi muratori o stradini che costruivano le gli ospedali o le autostrade fantasma lo sapevano)
Craxi e' scappato perche' se no finiva in galera per corruzione come hanno ammesso i suoi colleghi di partito gia' condannati, non come dice berlusconi che secondo lui era solo un povero perseguitato.
Mani pulite all'estero e' stata una leggenda perche in nessun paese il circolo delle tangenti si era mai interrotto in questo modo perche' faceva comodo a tutti ovunque.
La procura di Roma era chiamata dagli avvocati il porto delle nebbie e non era una questione climatologica.I giudici del processo sme sono gia' stati condannati per lo stesso reato,insomma non erano nuovi alla cosa.
Berlusconi spera nell'impunita' e basta.
Non crede nella legge se non che sia a lui sottomessa.
Sta sfasciando quel poco che c'e' in Italia di stato di diritto e ne e' felice perche lui e i suoi amici se ne avvantaggiano.

Tanto e' inutile parlare il fiato e' sprecato per berlusconi ci sono 6 reti televisive (95% di share?) che lo fanno gridare e amplificano la sua voce 1000 volte.

JaNnAz

Credo tu abbia capito poco/niente del mio intervento, comunque ok.
Ciao

Paco
13-05-2003, 18.42.04
Originariamente inviato da Giorgio Drudi


Mentana...Costanzo...sinceramente non mi sembrano vicini al loro datore di lavoro...:)
in ogni caso...il tg 3 coincide completamente con il pensiero, le tattiche e le strategie della sinistra ...e non da oggi... con quale diritto? Se c'è una giustificazione per loro c'è per tutti.
Ciao Paco

Ti svelo un segreto. Sappiamo tutti bene o male le tendenze delle 6 reti nazionali. Oggi c'è maggior preoccupazione perchè il Presidente del Consiglio vuole cambiare la rete che non è vicina a lui e lasciare così come sono quelle molto vicine a lui. Rai Tre non devia le menti, quindi è lui che crede che la gente sia stupida! (N)

Poi non deve permettersi di dire che è colpa dell'Unità se la sua figura è messa in cattiva luce. Stiamo parlando di un giornale che vende poco e sappiamo per quali motivi ha chiuso per un periodo, quindi non ci venga a raccontare la balla che è colpa di un giornale che viene letto nel 99,9% dei casi da elettori di sinistra e certamente non da gente che non sa a chi ca@@o dare il voto. Scusa per il linguaggio poco formale. :p

Paco
13-05-2003, 18.49.32
Originariamente inviato da Cecco


Se il processo per il suo iter completo dal 1° grado alla cassazione
durasse 6 mesi, vorrei che continuasse. Considerato ottimisticamente
un periodo di circa tre anni, immagino un futuro non proprio roseo ed
allora mi auguro su un accordo per rinviare il processo fermo restando
che sarebbe congelata anche la prescrizione.
Ma perchè? Perchè la penso diversamente da te e sento che berlusconi verrà probabilmente condannato in 1° grado ed assolto in 2°, e non farmi dire di più. Ciao

Basterebbe più collaborazione da parte di tutti e dico proprio tutti.
E poi perchè condannato in 1°Grado? Con che prove? Preferisco che tu dica di più. :p

Axtech
13-05-2003, 18.51.05
E' pazzesco! l'ultima l'ho appena sentita a RMC : chi Gli mancherà di rispetto (secondo il Suo modo di vedere), verrà identificato e perseguito...non so che dire, l'indignazione supera la decenza a notizie del genere, scusate lo sfogo ma queste "amenità di regime" mi hanno indotto a ciò. :wall:

Paco
13-05-2003, 18.58.49
Originariamente inviato da Axtech
E' pazzesco! l'ultima l'ho appena sentita a RMC : chi Gli mancherà di rispetto (secondo il Suo modo di vedere), verrà identificato e perseguito...non so che dire, l'indignazione supera la decenza a notizie del genere, scusate lo sfogo ma queste "amenità di regime" mi hanno indotto a ciò. :wall:

A questo punto dobbiamo preoccuparci anche noi perchè questo è un forum pubblico. :(

Paco
13-05-2003, 19.05.39
Le preoccupazione aumentano...

Il premier ribatte alla critiche alla sua intervista a "Excalibur"
e rilancia: "Contro di me accuse politicamente organizzate"
Berlusconi al contrattacco
"Denuncerò chi mi offende"
Poi se la prende con "Bandiera rossa"
"Canzone piena di cattiverie"


BARI - Dice di non voler fare polemiche con Romano Prodi, ma intanto replica alle critiche del presidente della Commissione europea: "La vera indecenza - dice Silvio Berlusconi lasciando la Turchia alla volta di Bari - non è l'uso fatto dalla tv, ma che mi si accusi di cose inesistenti". Per questo, appena giunto in Italia, annuncia: "Ho dato incarico di perseguire tutti quelli che offendono la carica di presidente del Consiglio e lo farò in termini penali. Non credo di essere illiberale ma di compiere un dovere". Il premier ha detto di ritenere che queste manifestazioni di "offesa" siano accuratamente organizzate. E, nella foga della critica il capo del governo se la prende anche con "Bandiera rossa", la canzone dei comunisti che Berlusconi chiama "Avanti popolo" e accusa di essere "piena di cattiveria".[continua-Repubblica.it (http://www.repubblica.it/online/politica/giuscontrodue/bari/bari.html)]

exion
13-05-2003, 19.15.12
Ma pure con le canzoni se la prende adesso????

E se fossero i primi segni di squilibrio?

Ho uno psichiatra in famiglia, quindi qualcosina so...

e so anche che certe forme patologiche latenti vengono fuori proprio così... da un momento all'altro, senza preavviso, nel giro di pochi mesi, poche settimane, il cervello se ne va per la tangente...

Forse sta succedendo la stessa cosa al presidente del consiglio?

Vuoi vedere che non lo mandano via perché corrotto, ma perché devono fargli un bel TSO? (trattamento sanitario obbligatorio, in gergo TSO) :D




ps.: chi è che mi sta loggando l'IP?
:D :D :D

Stalker
13-05-2003, 19.37.12
Originariamente inviato da jannaz


Io spero di no, perche la legge non e' carta a cul@ e perche' spero che piano piano quello che ha fatto berlusconi salti fuori nel male e nel bene come spero che risulti perche' alla fine avremo accertato che il primo ministro, uomo ricchissimo e tra i piu' potenti al mondo non sia un farabutto come sembra risultare da processi di corruzione.
La legge e' uguale per tutti.berlusconi non si e' trovato per caso nel processo, le tangenti sono partite dalla sua azienda, dalle sue tasche, dalle sue mani.
Negli anni ottanta tutti gli addetti ai lavori sapevano delle tangenti che giravano (gli stessi muratori o stradini che costruivano le gli ospedali o le autostrade fantasma lo sapevano)
Craxi e' scappato perche' se no finiva in galera per corruzione come hanno ammesso i suoi colleghi di partito gia' condannati, non come dice berlusconi che secondo lui era solo un povero perseguitato.
Mani pulite all'estero e' stata una leggenda perche in nessun paese il circolo delle tangenti si era mai interrotto in questo modo perche' faceva comodo a tutti ovunque.
La procura di Roma era chiamata dagli avvocati il porto delle nebbie e non era una questione climatologica.I giudici del processo sme sono gia' stati condannati per lo stesso reato,insomma non erano nuovi alla cosa.
Berlusconi spera nell'impunita' e basta.
Non crede nella legge se non che sia a lui sottomessa.
Sta sfasciando quel poco che c'e' in Italia di stato di diritto e ne e' felice perche lui e i suoi amici se ne avvantaggiano.

Tanto e' inutile parlare il fiato e' sprecato per berlusconi ci sono 6 reti televisive (95% di share?) che lo fanno gridare e amplificano la sua voce 1000 volte.

JaNnAz

(Y)

Paco
13-05-2003, 21.18.19
Originariamente inviato da exion
Ma pure con le canzoni se la prende adesso????

E se fossero i primi segni di squilibrio?

Ho uno psichiatra in famiglia, quindi qualcosina so...

e so anche che certe forme patologiche latenti vengono fuori proprio così... da un momento all'altro, senza preavviso, nel giro di pochi mesi, poche settimane, il cervello se ne va per la tangente...

Forse sta succedendo la stessa cosa al presidente del consiglio?

Vuoi vedere che non lo mandano via perché corrotto, ma perché devono fargli un bel TSO? (trattamento sanitario obbligatorio, in gergo TSO) :D




ps.: chi è che mi sta loggando l'IP?
:D :D :D

Ammetto che tutto quello che ho scritto in passato è stato scritto dal mio fratello gemello. Io non c'entro. :D

Axtech
13-05-2003, 21.44.12
Ho Ho, hai ragione, anch'io non ero in pieno possesso delle mie facoltà o forse ero sotto l'effetto di stupefacenti (acc. dalla padella alla brace), sono stato frainteso...:D nel senso che le cose più stupefacenti sono le situazioni che stiamo vivendo.

jannaz
13-05-2003, 23.51.59
Originariamente inviato da Cecco


Credo tu abbia capito poco/niente del mio intervento, comunque ok.
Ciao

Per me il fatto di bloccare un processo per far governare non e' giusto.Il mio intervento spiegava perche'.
No e' che dobbiamo andare a prendere esempio dallo stato spagnolo a tutti i costi.
Perche non prendiamo esempio dallo stato americano(che tanto piace a berlusconi) dove i processi non si interrompono ma si portano fino in fondo senza privilegi per nessuno.
E' giusto che esistano delle garanzie (che ci sono) ma non dei privilegi di tipo medievale.
E poi qui non si parla di bo@@hini fatti sotto il tavolo ma di corruzione di giudici.

JaNnAz

succhione
14-05-2003, 00.30.19
...la media della gente...dice le stesse cose.....fa le stesse cose...elegge sempre chi li prende x il.....


..Vi ringrazio....:rolleyes:

Giorgio Drudi
14-05-2003, 07.16.45
Originariamente inviato da jannaz


Forse non sono vicini al loro datore di lavoro ma se ne guardano bene dal stargli lontano.
In italia i telegiornali sono piuttosto radiocronache molto uniformate, gia' LA7 suona diverso almeno come ritmo - con gli altri sembra di sentire solo delle litanie a squadre stile radiomaria.

Ormai c'e' rifugio solo nei quotidiani.

JaNnAz

Forse la cosa migliore sarebbe la libertà effettiva per tutti di accedere ai mezzi di comunicazione...rendere l'accesso accessibile...
nè canoni, nè televisioni pubbliche destinate comunque ad essere lottizzate.
Ciao

Cecco
14-05-2003, 08.46.39
Originariamente inviato da jannaz


Per me il fatto di bloccare un processo per far governare non e' giusto.Il mio intervento spiegava perche'.
No e' che dobbiamo andare a prendere esempio dallo stato spagnolo a tutti i costi.
Perche non prendiamo esempio dallo stato americano(che tanto piace a berlusconi) dove i processi non si interrompono ma si portano fino in fondo senza privilegi per nessuno.
E' giusto che esistano delle garanzie (che ci sono) ma non dei privilegi di tipo medievale.
E poi qui non si parla di bo@@hini fatti sotto il tavolo ma di corruzione di giudici.

JaNnAz

Vedo jannaz, questo è un altro metodo sbagliato: si prendono ad esempio gli Stati Uniti d'America, nazione peraltro contestata oltre ogni misura dalle nostre parti, e si dimentica l'intera Europa che invece, ad eccezione del Portogallo, offre immunità e garanzie ai propri eletti. D'altra parte la situazione USA è ben differente: intanto i giudici sono eletti dal popolo, poi si tratta sempre di singoli processi; qui da dieci anni si processa l'intera classe politica, con scarni risultati finali dal punto di vista penale, ed il solo Berlusconi è stato rivoltato come un calzino, mi pare 35 azioni giudiziarie, ed oggi rimane in piedi solo il processo SME.
Ma il fraintendimento nasce dal fatto che tu pensi che le mie idee siano indirizzate al salvataggio di Berluscni, no assolutamente.
Continuiamo pure così, l'ho già detto che alla fine Berlusconi ne uscirà indenne, ma intanto il paese sarà massacrato da polemiche ed attacchi violenti reciproci mettendo a rischio la stabilità del paese,
il suo sviluppo, le sue istituzioni.
Ed alla fine, ove il cd abbia mal governato, Berlusconi potrà ben giustificare tutto ciò alla luce dell'accanimento politico/giudiziario.
Infine, mi pare strano che tali mie considerazioni non siano estranee
a molti esponenti del cs ed invece siano rigettate da un cittadino come me. Ciao

Giorgio Drudi
14-05-2003, 09.23.08
Originariamente inviato da succhione
...la media della gente...dice le stesse cose.....fa le stesse cose...elegge sempre chi li prende x il.....


..Vi ringrazio....:rolleyes:


...famolo strano...:)

The_Prof
14-05-2003, 09.30.47
Originariamente inviato da Paco


Certo che la penso come me ......

Un bel Lapsus Freudiano :D :D :D

Ciao :)

Cecco
14-05-2003, 09.42.58
Originariamente inviato da succhione
...la media della gente...dice le stesse cose.....fa le stesse cose...elegge sempre chi li prende x il.....


..Vi ringrazio....:rolleyes:

Pensa un pò che idea deve avere questo mediocre cittadino, tra i quali
mi annovero, della sinistra al punto di preferire farsi prendere per i fondelli! Ciao

exion
14-05-2003, 10.29.02
Originariamente inviato da Cecco


Vedo jannaz, questo è un altro metodo sbagliato: si prendono ad esempio gli Stati Uniti d'America, nazione peraltro contestata oltre ogni misura dalle nostre parti, e si dimentica l'intera Europa che invece, ad eccezione del Portogallo, offre immunità e garanzie ai propri eletti.


.........


E' anche vero Cecco che noi in Europa siamo un caso unico. Siamo l'unico paese ad evere elevato a sistema la corruzione, mentre altrove il fenomeno è endemico ma limitato.

L'immunità fu tolta, anzi no, ridotta, proprio per l'eccezionalità del caso Italia in materia di corruzione.

Secondo me è ancora troppo presto per reintrodurre una forma di immunità totale come nel resto dei paesi europei (dove per altro è prassi corrente che chi è inquisito si dimetta dalla proprie cariche pubbliche).

Paco
14-05-2003, 11.08.54
Originariamente inviato da The_Prof


Un bel Lapsus Freudiano :D :D :D

Ciao :)

:D

mi sto autoconvincendo :p

Cecco
14-05-2003, 11.32.08
Originariamente inviato da exion



E' anche vero Cecco che noi in Europa siamo un caso unico. Siamo l'unico paese ad evere elevato a sistema la corruzione, mentre altrove il fenomeno è endemico ma limitato.

L'immunità fu tolta, anzi no, ridotta, proprio per l'eccezionalità del caso Italia in materia di corruzione.

Secondo me è ancora troppo presto per reintrodurre una forma di immunità totale come nel resto dei paesi europei (dove per altro è prassi corrente che chi è inquisito si dimetta dalla proprie cariche pubbliche).

Certo, è vero che la corruzzione nel ns. paese era diventato sistema.
Tale sistema poteva e doveva esser risolto dalla politica che, prendendone atto, avrebbe dovuto voltare pagina.
Ma la magistratura avrebbe dovuto allora individuare le singole colpe e processare i presunti colpevoli sulla base delle leggi in vigore.
Volle invece, sull'onda dell'opinione pubblica, forzare la mano, a volta forzando le norme e, laddove non riusciva con l'investigazione, allora ricorreva al carcere preventivo con una certa facilità per ottenere confessioni e delazioni. Alla fine che cosa si è prodotto?
Molti, magari colpevoli, sono alla fine risultati innocenti proprio a causa delle prove non trovate, alcune tristi morti per malattia o suicidio, un'intera classe politica distrutta in uno ai loro partiti
storici d'appartenenza e, beffa delle beffe, credo che lo stato abbia
speso molti più soldi di quanti sia riuscito a recuperarne.
Ti sbagli poi circa quella prassi delle dimissioni che vigerebbe negli altri paesi: Chirac è lì, al suo posto restò Kool, ecc.. ecc..
e lo trovo giustissimo e ti spiego.
Prova a metterti nei panni di un premier eletto democraticamente con la sua coalizione che ad un certo punto venga accusato di un certo reato. Lui si dimette, il governo cade, le elezioni successive premiano l'altra coalizione e poi, alla fine, risulta innocente.
Ti rendi conto della portata di tutto questo? Ciao

Cecco
14-05-2003, 11.41.59
In generale io trovo che da un pò di tempo vi sia uno squilibrio tra i poteri dello stato. Posso dire, senza tema d'esser smentito, che quell'equilibrio faticosamente trovato nella costituente è andato perduto anche a causa della brama di giustizialismo che all'epoca di tangentopoli travolse alcune forze politiche anche dell'attuale cd.
L'abolizione dell'immunità parlamentare fu un errore grave suggerito dalla popolarità che avrebbe creato tra gli elettori disgustati, ed oggi ne paghiamo giustamente le conseguenze.
Senza quella tutela, oggi ci troviamo al paradosso che forse Bossi
visiterà le pubbliche carceri a causa di reati d'opinione più volte
commessi dal pci quando vigeva l'immunità.

exion
14-05-2003, 12.07.49
Originariamente inviato da Cecco


.....

Ti sbagli poi circa quella prassi delle dimissioni che vigerebbe negli altri paesi: Chirac è lì, al suo posto restò Kool, ecc.. ecc..
e lo trovo giustissimo e ti spiego.
Prova a metterti nei panni di un premier eletto democraticamente con la sua coalizione che ad un certo punto venga accusato di un certo reato. Lui si dimette, il governo cade, le elezioni successive premiano l'altra coalizione e poi, alla fine, risulta innocente.
Ti rendi conto della portata di tutto questo? Ciao

No, non mi sbaglio, perché ho parlato di "pratica corrente", non sistematica.
Kohl è rimasto al suo posto, ma si è fatto processare. Per quanto abbia fortemente e aspramente criticato il governo Schroder per averlo denigrato e per aver sfruttato il suo processo a fini politici, Kohl non ha mai messo in discussione (e ancor meno si è permesso di delegittimare) i giudici che seguono il suo caso.

Chirac è effettivamente rimasto al suo posto, e ha sfruttato tutte le immunità di cui poteva godere. E in Francia è esploso il dibattito sull'immunità: è giusto che il presidente si sottragga a un'inchiesta? E' giusto che egli possa impunemente commettere dei reati e farla franca? Così mentre noi parliamo di reintrodurre l'immunità totale, in Francia parlano di ridurla. Ovviamente l'istituto dell'immunità in Francia rimarrà invariato fin quando sarà in carica Chirac. Ma fra tre anni, che succederà?



A conferma di tutto ciò.... Il lupo perde il pelo ma non il vizio...
due notizie, colpo su colpo, dal televideo, che confermano il mio precedente post:


14/05 11:18
Tangenti,arrestati 4 ufficiali esercito

Quattro ufficiali dell'esercito sono stati arrestati a Roma dai carabinieri in relazione ad un'indagine su tangenti e fatture false legate al centro rifornimenti. Con i militari sono finiti in manette anche due imprenditori. L'inchiesta è coordinata dal sostituto procuratore di Roma Silverio Piro



14/05 11:02
Tangenti Anas, 5 nuovi arresti a Milano

Nuovi arresti a Milano nell'ambito dell'indagine avviata a febbraio sulle presunte irregolarità nelle assegnazioni di appalti e lavori urgenti al compartimento Anas del capoluogo lombardo. I Carabinieri del Noe hanno arrestato 4 imprenditori e un Capo centro manutenzione dell'Anas milanese con l'accusa di corruzione.Salgono così a 40 gli arresti eseguiti dai militari. Gli episodi contestati sarebbero avvenuti tra aprile e dicembre 2000. Ogni volta sarebbero state pagate mazzette da 5-6 mila euro.


La corruzione in Italia è lungi dal tornare a livelli fisiologici e accettabili.

Il lassismo del governo in materia fiscale e in materia di repressione dei reati finanziari non puo' che aggravare la sensazione diffusa che, dopotutto, rubare allo stato e fregare il cittadino non è poi così grave.

succhione
14-05-2003, 14.36.38
Originariamente inviato da Cecco


Pensa un pò che idea deve avere questo mediocre cittadino, tra i quali
mi annovero, della sinistra al punto di preferire farsi prendere per i fondelli! Ciao

...in uno slancio...direbbe ( il cittadino..)...ci evolviamo, come x riuscire a camminare eretti ci sono voluti migliaia di anni...per camminare da "soli".......
http://www.starkravingbrad.com/graphics/evolution.gif

exion
14-05-2003, 18.46.10
14/05 18:06
Cè: azione governo non soddisfa Lega

"Vogliamo dire al presidente del Consiglio, con tono pacato ma fermo, che l'azione di governo complessivamente non ci soddisfa". La Lega, con il suo capogruppo alla Camera, Cè, si rivolge a Berlusconi. Cè afferma: "Oltre ad attaccare la magistratura politicizzata, sarebbe opportuno che il Presidente si preoccupasse maggiormente di garantire una azione legislativa di qualità migliore rispetto a quella che, recentemente, ci viene sottoposta dal governo".

Stalker
14-05-2003, 19.33.36
Originariamente inviato da Cecco
In generale io trovo che da un pò di tempo vi sia uno squilibrio tra i poteri dello stato. Posso dire, senza tema d'esser smentito, che quell'equilibrio faticosamente trovato nella costituente è andato perduto anche a causa della brama di giustizialismo che all'epoca di tangentopoli travolse alcune forze politiche anche dell'attuale cd.
L'abolizione dell'immunità parlamentare fu un errore grave suggerito dalla popolarità che avrebbe creato tra gli elettori disgustati, ed oggi ne paghiamo giustamente le conseguenze.
Senza quella tutela, oggi ci troviamo al paradosso che forse Bossi
visiterà le pubbliche carceri a causa di reati d'opinione più volte
commessi dal pci quando vigeva l'immunità.

Cecco ma mai per una volta hai fatto l'esercizio mentale di considerare che sia la politica che sta rendendo la vita impossibile alla magistratura e non viceversa ?
Parli di giustizialismo, toghe politicizzate ecc... ecc...
Io la vedo all'esatto contrario. Il sistema dei partiti era quel che era. Appena qualcuno ha incominciato a fare qualcosa (Di Pietro & Co.), la stessa partitocrazia (come un tempo la chiamava Pannella) ha preso le sue difese... come ? Ovvio. Delegittimando, deleggittimando, delegittimando.

exion
14-05-2003, 20.14.52
Originariamente inviato da Stalker


Cecco ma mai per una volta hai fatto l'esercizio mentale di considerare che sia la politica che sta rendendo la vita impossibile alla magistratura e non viceversa ?
Parli di giustizialismo, toghe politicizzate ecc... ecc...
Io la vedo all'esatto contrario. Il sistema dei partiti era quel che era. Appena qualcuno ha incominciato a fare qualcosa (Di Pietro & Co.), la stessa partitocrazia (come un tempo la chiamava Pannella) ha preso le sue difese... come ? Ovvio. Delegittimando, deleggittimando, delegittimando.

Stalker, la cosa è perfettamente speculare...

Qualche volta ho cercato di considerare molro seriamente che ci sia effettivamente una persecuzione dei giudici nei confronti dei politici. Alla fine, valutati tutti i fatti valutabili, ho pensato "naaah... impossibile!". :D

Stalker
14-05-2003, 20.31.28
Originariamente inviato da exion


Stalker, la cosa è perfettamente speculare...

Qualche volta ho cercato di considerare molro seriamente che ci sia effettivamente una persecuzione dei giudici nei confronti dei politici. Alla fine, valutati tutti i fatti valutabili, ho pensato "naaah... impossibile!". :D

Infatti. Anche io, con tutta la buona volontà non vedo tale persecuzione.

Stalker
14-05-2003, 21.35.19
Ri-svegliamoci. Primo appuntamento, domani
FRANCESCO PARDI
Dove sono finiti i movimenti del 2002?, chiede Jena nel suo corsivo di qualche giorno fa. Possiamo dare una prima risposta, che in qualche modo accoglie anche lo spirito della «modesta proposta» dell'altroieri di Barenghi: ci vediamo domani a Roma in piazza Navona, alle ore 19, per un raduno di protesta civile contro il nuovo attacco che il capo del governo ha mosso alla giustizia e all'informazione. Non è una novità. Ora vuole immunità e impunità per i suoi guai giudiziari e per ottenerle sta da tempo squassando l'architettura istituzionale del paese. Stendere l'elenco delle sue ultime prove riempirebbe più di una colonna. Ma forse un breve promemoria non guasta. Si prepara alla guerra illegittima in Iraq lasciandosi aperte le due vie opposte: se si eviterà il conflitto sarà l'artefice della pace, se ci sarà la guerra si iscrive in anticipo tra i vincitori. Durante l'ondata pacifista mondiale si nasconde e scompare dal video. Ma appena la coalizione angloamericana può certificare una vittoria militare, eccolo di nuovo sulla scena a brigare per gli affari della rinascita irachena.

Giunge la sentenza Previti, prevista dai più: i soldi transitati dai fondi Fininvest al conto di Previti e da quello ai conti di Metta e Squillante lasciano pochi dubbi. Basti ricordare che suo è l'avvocato, sua l'impresa che beneficia dell'affare, con cui cattura l'ammiraglia dell'editoria italiana. Né va dimenticato che egli stesso esce per il rotto della cuffia dalla faccenda: imputato come Previti, la corruzione aggravata viene derubricata in corruzione semplice (secondo Cordero per una svista) e solo su questa base può godere delle attenuanti generiche che gli garantiscono la prescrizione, e queste gli vengono concesse in virtù della sua particolare condizione: è presidente del consiglio! Una persona normale andrebbe a nascondersi, serbando un briciolo di gratitudine per la magistratura che l'ha liberato di un tale fardello.

Al contrario attacca menando fendenti in tutte le direzioni: la sua politica perseguitata, la magistratura golpista, la costituzione sovietica. Di nuovo insediato nel video, sua sede naturale, sparge veleni. Dall'aula del processo di Milano, dove si guarda bene dall'accettare il contraddittorio processuale, rivendica come un merito storico l'aver eseguito per conto di Craxi, cui non poteva negare nulla perché gli era debitore del monopolio televisivo, l'ordine di intralciare la conquista della Sme da parte di De Benedetti. Incurante delle conseguenze sulla sua stessa presidenza europea, per nostra fortuna solo semestrale, accusa Prodi e Amato, i due massimi esponenti italiani nelle istituzioni europee, di manovre ai danni dell'erario. Parla di tangenti. Ce n'è anche per il segretario Ds. All'uscita, contro un cittadino che lo invitava a farsi processare si scaglia con un piglio che oggi molti questurini non adottano più e subito dopo muove la censura contro il Tg3 che ha riferito la notizia.

Non contento della sola televisione occupa anche la radio e da lì illustra il suo ruolo di vittima: a distanza di un giorno non è più l'esecutore di Craxi, ma un forzato dell'assegno in bocca per il governo comunale milanese, saldamente in mano ai suoi amici socialisti che gli hanno permesso di realizzare in periferia i suoi capolavori di urbanistica. Ritorna in televisione per una serata intera, sempre senza contraddittorio, parlando dall'al di là di un nastro preregistrato con il quale l'ossequiente vandeano in studio fa finta di interloquire. Ribatte sulla magistratura politicizzata, cancro da estirpare, e sostiene che l'impunità per sé stesso e Previti equivale alla restaurazione dei diritti costituzionali. Il giorno dopo ancora, col microfono in mano in mezzo a una platea di udinesi plaudenti, impersona il ruolo di animatore televisivo e da lì compie un ulteriore passo nel degrado istituzionale: nega ogni legittimità all'opposizione e ogni suo futuro diritto a governare. Poi si proclama baluardo dell'occidente contro il comunismo.

Ma sarebbe un errore cogliere solo il lato grottesco di queste bravate pacchiane. La situazione è serissima. L'egotismo sterminato del personaggio non ha solo un rilievo clinico ma produce gravi conseguenze di distorsione nell'equilibrio tra i poteri costituzionali. E mentre si stringe una morsa sui processi, per farli scomparire o rinviare all'infinito, un'altra morsa serra il mondo dell'informazione e della comunicazione televisiva, e si estende anche al futuribile paradiso pluralistico dei canali digitali rastrellati dall'amico Murdoch.

E l'opposizione? La sua indignazione delle ultime ore non può far dimenticare che dalle sue file erano partite le proposte più concilianti. Il lodo Maccanico per la sospensione dei processi alle alte cariche dello Stato. Motivazione: evitare la coincidenza dei processi con il semestre di presidenza italiano in Europa. Ma il buon nome dell'Italia non è già compromesso dall'avere a capo del governo un monopolista televisivo imputato di corruzione della magistratura? La proposta Boato sull'immunità, in cui vari critici hanno trovato perle aggiuntive come l'inutizzabilità delle registrazioni telefoniche in cui l'interlocutore dell'indagato è un parlamentare. Infine, nella bagarre apparente degli ultimi giorni una cospicua parte dell'opposizione è riuscita ad astenersi sulla concessione di maggiori poteri al capo del governo (questo capo del governo) sui servizi segreti.

La rete dei movimenti deve esprimere un'opinione più vigile e più severa. Deve preparare un nuovo ciclo di iniziative dentro la società civile contro l'erosione delle garanzie costituzionali. Le assemblee vivacissime che si tengono in tutta Italia mostrano la nascita di nuove forme di partecipazione in molte città e in tanti centri minori: testimonianza di uno spirito che non si vuole arrendere all'imperio dell'anomalia istituzionale che avvelena la nostra vita politica. Ritorniamo tutti insieme a piazza Navona, riapriamo un colloquio e un cammino comune con tutte le forze sociali che avvertono la gravità del momento. Contro il monopolio televisivo dell'informazione nazionale riscopriamo la capacità collettiva di parlare e di persuadere. Apriamo un semestre europeo dell'informazione libera.


http://www.ilmanifesto.it/oggi/art49.html

Lello
14-05-2003, 21.51.18
Ottima segnalazione
;)

Cecco
15-05-2003, 10.30.28
Originariamente inviato da Stalker


Cecco ma mai per una volta hai fatto l'esercizio mentale di considerare che sia la politica che sta rendendo la vita impossibile alla magistratura e non viceversa ?
Parli di giustizialismo, toghe politicizzate ecc... ecc...
Io la vedo all'esatto contrario. Il sistema dei partiti era quel che era. Appena qualcuno ha incominciato a fare qualcosa (Di Pietro & Co.), la stessa partitocrazia (come un tempo la chiamava Pannella) ha preso le sue difese... come ? Ovvio. Delegittimando, deleggittimando, delegittimando.

Il mondo è bello perchè vario. Dopo la laurea in giurisprudenza, cominciai a prepararmi per il concorso in magistratura, era la mia grande aspirazione, ma alcuni eventi collaterali mi costrinsero a desistere e dedicarmi ad altro.
Questo solo per dirti quanto mi appassioni ancora questo mestiere, pur facendomi un pò paura per l'enorme responsabilità che il giudice
si porta dietro e dentro con i suoi atti che possono incidere in maniera devastante sugli uomini.
Te la dirò franca franca: non mi piace il protagonismo assunto da certa parte della magistratura, non mi è piaciuto all'epoca l'uso regolare degli arresti preventivi, non mi sono piaciute certe scene
di manette facili, neppure la sistematica fuoriuscita di notizie che
seppur non direttamente imputabile, non ha mai trovato responsabili,
aborro la suddivisione per correnti politicizzate, e così potrei continuare ad oltranza. Posssono poi legittimamente discutersi i provvedimenti legislativi, ma quando si legge che ci si organizza per vanificarli, beh credo si sia toccato il fondo.
Ora obiettivamente non posso dar colpa alla magistratura di tutto ciò,
sicuramente la causa è stata politica, precisamente un vuoto politico
che si è manifestato in un certo periodo storico, ma non voglio, non posso pensare che l'andazzo possa continuare all'infinito.
E poi io, se vogliamo scendere nel merito, guardo i fatti e questi mi dicono che il pericoloso imprenditore Berlusconi mai era stato toccato
prima della sua discesa in campo, da lì una serie interminabile di ispezioni, inchieste, accuse, processi, corruttore di giudici e finanzieri, mafioso, tangentista, evasore fiscale, falsificatore di bilanci, scusami eventuali omissioni.
Quanto di tutto ciò è diventato fumo? Se ci fossero state prove il Berlusca sarebbe già nelle patrie galere, ma intanto ha subito accuse
infamanti, discredito anche internazionale ed ingiurie popolari.
L'avviso di garanzia a Napoli, congresso internazionale sulla criminalità, ne è l'esempio più grave poichè colui o coloro che si sono assunti la responsabilità di quell'atto contro un presidente del consiglio sotto i riflettori internazionali, dovevano avere elementi molto forti per arrivare a tanto con tanta urgenza. Ebbene, dopo che il tutto si è rilevato una bufala, ti risulta che qualcuno abbia pagato per quella sconcezza?
Continua ad essere della tua idea, per carità, ma io quell'esercizio mentale che mi chiedi, proprio non riesco a farlo con tutta la buona
volontà ed anche con l'obiettività che sempre mi sforzo di avere.
Vedremo, il tempo darà ragione ad uno dei due, ciao

Giorgio Drudi
15-05-2003, 16.19.59
Originariamente inviato da Stalker


Infatti. Anche io, con tutta la buona volontà non vedo tale persecuzione.

:D ...nenche un pochino.:inn: :inn: ?

Stalker
15-05-2003, 20.25.18
Originariamente inviato da Giorgio Drudi


:D ...nenche un pochino.:inn: :inn: ?

No. Sinceramente. E su queste cose è da irresponsabili scherzare... :rolleyes:

Stalker
15-05-2003, 20.39.15
Originariamente inviato da Cecco

Questo solo per dirti quanto mi appassioni ancora questo mestiere, pur facendomi un pò paura per l'enorme responsabilità che il giudice
si porta dietro e dentro con i suoi atti che possono incidere in maniera devastante sugli uomini.
Non credo che diventino giudici cani e porci. Ritengo che questi ultimi più facilmente entrino in politica. Non credi ?
Proprio perchè hai fatto Giurisprudenza sai che la professione forense non è robetta per furbi e fighetti. Bisogna sudare.
Politico lo può diventare chiunque (Cicciolina docet ;) ).

Te la dirò franca franca: non mi piace il protagonismo assunto da certa parte della magistratura
Ovviamente il "protagonismo" che non piace è quello dimostrato da quei magistrati che lamentano situazioni di disagio.

non mi è piaciuto all'epoca l'uso regolare degli arresti preventivi, non mi sono piaciute certe scene
di manette facili, neppure la sistematica fuoriuscita di notizie che
seppur non direttamente imputabile, non ha mai trovato responsabili,
Molti esponenti della attuale maggioranza plaudevano a tali sistemi. Ricordi il cappio mostrato dalla Lega in Parlamento ? E il compiacimento di Vittorio Feltri ?
All'epoca faceva moda darla ai politici corrotti. E bisognava accaparrarsi le simpatie della gente.
Anche Berlusconi non era esente da questo. ;)

E poi io, se vogliamo scendere nel merito, guardo i fatti e questi mi dicono che il pericoloso imprenditore Berlusconi mai era stato toccato
prima della sua discesa in campo, da lì una serie interminabile di ispezioni, inchieste, accuse, processi, corruttore di giudici e finanzieri, mafioso, tangentista, evasore fiscale, falsificatore di bilanci, scusami eventuali omissioni.
Ma se prima governavano gli "amici" di Berlusconi !!! E' ovvio che non avesse da temere nulla dalla magistratura che pensava agli affaracci suoi. Quando la politica era potente, quando Craxi era potente, Berlusconi poteva fare quello che voleva. Questo è ormai verità storica e non propaganda politica.

Ciao

Stalker
15-05-2003, 21.38.04
Le Grandi Opere del Grande Presidente
di Madame Psychosis

“Parleranno i fatti”, dice Berlusconi. Ma fatti di che?

Fra grandi sorrisi, il nostro Presidente del Consiglio (meglio scrivere tutto maiuscolo, a scanso di equivoci, la lesa maestà è in agguato) dichiara di non temere confronti: la differenza fra lui e il resto del mondo, quello che ha torto, starebbe nelle Grandi Opere (maiuscole anche queste, non si sa mai).

Ma come? Non ci avevano detto che non c'era più una lira, o euro che dir si voglia? Calma, quello che non c'è, si trova. E’ o non è il Presidente dei nostri sogni?

Basta fare una legge, detta Obiettivo, e inventarsi un bel general contractor. Una sorta di super-impresa a cui affidare tutto, o quasi: progettazione e realizzazione della Grande Opera, ma non la gestione della stessa.

Quelli dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, prima della approvazione della legge hanno messo lo Stato in guardia dal rischio di scontrarsi con la normativa europea in materia di appalti pubblici. Infatti, tra le tante cose che un general contractor può fare, c'è anche la possibilità di affidare i lavori a chi preferisce, con trattativa privata. Adesso andate un attimo col pensiero a una cosa chiamata ponte sullo Stretto e al territorio in cui sorgerà, e fate un piccolo esercizio logico.

Inascoltata l'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, è stato uno scherzo scavalcare le Regioni (alcune hanno fatto ricorso alla Corte Costituzionale), alla faccia dell'art.V della Costituzione. Le Grandi Opere infatti decide il Grande Capo dove e come farle (peraltro rinunciando al controllo sulle varianti in corso d’opera e sui loro costi), mica il feudo. Tantomeno quei sovversivi di Legambiente e Italia Nostra.

Ma veniamo ai soldi. Patrimonio dello Stato spa e Infrastrutture spa vi dicono nulla? Tremonti, esatto. Società un po' pubbliche un po' private (pubblico il capitale, privato il diritto) che hanno un compito fondamentale: parare il culo a Lunardi.

E' il geniale Lunardi infatti che compie il vero miracolo, introducendo sulla Grande Scena delle Grandi Opere il project financing, con la legge delega sulle infrastrutture.

Il meccanismo è semplice: i soldi che non ci sono per le Grandi Opere li mettono le banche, con la garanzia dello Stato, di Infrastrutture spa, o Stretto di Messina spa, eccetera. E non del profitto derivante dalla gestione delle Grandi Opere: il general contractor, come già detto, la Grande Opera la deve realizzare, mica gestire. Parentesi: cosa converrà fare secondo voi, al general contractor, consegnare i lavori nel più breve tempo possibile, o far levitare i costi?

Insomma, uno si immagina imprenditori che affrontano il rischio e investono su opere che, domani, renderebbero. Non è così. Certo è una strana pratica per un governo che si dice liberale, visto che così facendo si trasferisce il rischio di impresa dal privato allo Stato.

Un genio, vero, il nostro Presidente? Ma non è tutta farina del suo sacco. Infatti questo non è altro che il modello, perfezionato, detto Tav. Se lo inventò Cirino Pomicino.

Non vi preoccupate, andrà tutto bene. Fino al giorno in cui le banche vorranno i loro soldi indietro. E allora toccherà iscrivere al bilancio spese che per anni (di mandato?) non sono state iscritte. Con buona pace del Patto di stabilità.

Avrei solo una parola ancora da aggiungere. Ma potrei contare solo su un avvocato d'ufficio. E poi sono pur sempre una madame.


http://www.ilbarbieredellasera.com/article.php?sid=7483

Stalker
15-05-2003, 22.17.05
Vi segnalo questo articolo per fare un po' il riassunto della situazione paradossale in cui ci troviamo:

http://www.rsf.fr/article.php3?id_article=6393

La traduzione qua:

http://www.ilbarbieredellasera.com/article.php?sid=7329

jannaz
16-05-2003, 08.21.19
Bari, rapporto Digos alla procura per manifestazione non autorizzata
Martedì 30 persone avevano gridato: "Buffone, fatti processare"
Identificati e segnalati i contestatori del premier
Nell'informativa inviata alla Procura figurano undici nomi
Una protesta del tutto pacifica, di quelle che non fanno neppure notizia. Se non fosse per il rilievo che le ha dato lo stesso Berlusconi poche ore dopo in una conferenza stampa: "Ho dato mandato all'avvocatura dello Stato di far identificare e perseguire chiunque offenda la figura del presidente del Consiglio". Le identificazioni sono in parte già avvenute, ma il fascicolo per "vilipendio delle istituzioni" ancora non c'è: alla Procura sono stati trasmessi i nomi di alcuni dei manifestanti che hanno organizzato la protesta senza aver preavvisato la Questura.

tra un po' vengono a prenderci a casa...anzi scommetto che verra' formato un corpo speciale che si occupera' solo di questo....potrebbero chiamarlo P-GAT (piu' gogna per tutti) avete altri nomi da proporre?

JaNnAz

p.s che schifo - che vergogna leggere certe notizie