PDA

Visualizza versione completa : L' influenza suina farà 12000 morti in Italia


prandot
20-09-2009, 07.48.09
http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/cronache/200909articoli/47492girata.asp

Flying Luka
20-09-2009, 12.33.02
:tie:

Scusate, ma una grattatina scaramantica ci vuole.

Speriamo sia il solito allarmismo per vendere più giornali .....

e-minor
20-09-2009, 12.33.08
Le solite minch***e allarmistiche. Quelli che fanno i vaccini devono vendere (fare + soldi possibile), i giornalisti devono vendere anche loro, ecc...
Da un lato mi fanno anche ridere, dall'altro li disprezzo xchè prendono x il c**o la gente e/o la terrorizzano (cosa che fa sempre comodo a chi comanda).
Spero che la gente faccia un pò di mente locale, guardi un pò a quello che è successo gli anni passati e non consideri neanche questa sottospecie di notizie.

cippico
20-09-2009, 13.18.06
:tie:

Scusate, ma una grattatina scaramantica ci vuole.

Speriamo sia il solito allarmismo per vendere più giornali .....

...e medicinali pressoche' inutili...

ormai e' asodato che certe nuove malattie e/o mutazioni di esse sono create dall'uomo...

la vecchia teoria che chi produce antivirus (parlo dei pc)...prima produce il virus...e poi l'antidoto...

la cosa va a pari passo con i virus che colpiscono gli esseri umani...

ciaooo a tutti

roberto45
20-09-2009, 14.46.15
Che sia assodato che siano create dall'uomo é tutto da dimostrare, la leggerezza che denotano certe persone sull' argomento é già dimostrata da scrittori che parlano di macchine per il colera in Sicilia. Una certa subcultura attribuisce a governi, nazioni, gruppi di potere e consimilia la creazione in laboratori di numerose malattie. In genere si tratta di guerra di intossicazione di servizi segreti a cui si prestano individui inclini alla scienza come Giacobbo. Non nego che ci siano interessi economici in gioco e che i giornalisti si siano prostituiti a questo malvezzo; evidentemente laurea, esame di giornalismo e ordine (corporazione) nulla possono conto il mercimonio di notizie che fanno scalpore ed incassi. La deontologia professionale del giornalista é una fola.

prandot
20-09-2009, 14.57.21
nel mondo sono già morte 3500 persone, sarà vero o è anche questa un' invenzione ?
Precedenti pandemie hanno causato dai 2 milioni ai 100 milioni di morti, anche questa una favola per allocchi ?

roberto45
20-09-2009, 17.04.47
Ogni giorno si muore; con la nascita si prende una malattia che si chiama vita e di cui moriremo un minuto o 100 anni dopo. Si muore di incidenti d'auto, epatite, tumori e di malattie circolatorie dovute al sovrappeso più che di aids o tubercolosi. La mortalità di questa variante di influenza (0,5%) é inferiore a quella di tutte le influenze precedenti e per il 60% é dovuta alle precarie condizioni di salute precedenti.
I giornalisti di oggi sono solamente BRACCIA RUBATE ALL'AGRICOLTURA.
----------------------------------------------------
"I giornali hanno con la vita all’incirca lo stesso rapporto che le cartomanti hanno con la metafisica” (Karl Kraus)

cippico
20-09-2009, 19.30.36
dal blog di Beppe Grillo:

Per capire se devo vaccinarmi o meno contro l'influenza suina sto cercando le informazioni on line. Ho trovato un sito che ogni giorno mi informa (in inglese) sul procedere di tutte le malattie infettive più pericolose del pianeta. Dal colera alla febbre gialla. Belin. Oggi ho ricevuto le informazioni rilevate negli ospedali spagnoli sull'H1N1. Nelle prossime settimane il blog fornirà altre informazioni aggiornate sull'influenza suina in Europa. In Spagna, come riportato dallo studio, lo 0,2% dei pazienti ha conseguenze gravi. In fondo l'unica domanda che conta e che dobbiamo porci e di cui però non avremo mai risposta è: "Ne uccide più il vaccino o il virus?".

"Secondo uno studio condotto in 21 ospedali spagnoli e diffuso dalla International Society for Infectious Diseases, non esistono fattori di rischio o malattie pregresse che possano agevolare la contrazione dell’influenza A (pandemic A (H1N1) 2009 virus). I pazienti sani senza fattori di rischio non dovrebbero però sottovalutare il rischio di contrazione del virus. Se per un verso è vero che la grande maggioranza di coloro che contrarranno l’influenza la vinceranno senza complicazioni, una minoranza dei pazienti peggiora attorno al quarto o quinto giorno. "I sintomi naturali della malattia (virus H1N1) sono 3-4 giorni di febbre, generalmente attorno ai 38° con un netto miglioramento delle condizioni nei giorni seguenti" (Jordi Rello, primario di terapia intensiva all’ospedale Giovanni XXIII di Tarragona).
Le autorità sanitarie dovrebbero concentrarsi non solo sulla prevenzione della malattia e alla cura dei casi più lievi, ma anche alla cura in terapia intensiva dei pazienti con complicazioni. Si stima che solo lo 0,2% dei pazienti soffra complicazioni gravi dell’influenza. Ciò significa che per ogni milione di persone colpite, circa 2.000 soffriranno complicazioni. Un numero spesso ingestibile dai centri di terapia intensiva.
L’obesità e la gravidanza sono fattori di rischio per lo sviluppo di complicazioni gravi. L’età media dei pazienti in cura in terapia intensiva per l’influenza A è 40 anni, il 25% dei quali circa muore."

link wikipedia (http://it.wikipedia.org/wiki/Influenza_suina)

ciaooo a tutti

Dxman79
20-09-2009, 20.53.00
A me può anche andar bene che ci siano certe "previsioni", ma vorrei che chi le "spara" si prendesse anche la responsabilità delle bombe che tira, e che il 25 dicembre, quando si scoprirà che i malati saranno si e no un migliaio, ed i morti una dozzina (gente con altre patologie...), il signore in questione chieda scusa all'Italia, e sia pronto anche ricevere qualche richiesta di danni, da parte di aziende o attività penalizzate da così funeste previsioni.

Come sarebbe stato giusto, "frugare in tasca" a chi prevedeva effetti disastrosi per l'influenza aviaria, mettendo sul lastrico i produttori/venditori di pollame, previsioni rivelate la più grande bufala al pari del millennium bug !! :wall:

Meglio andare a vedere la partita.....

prandot
20-09-2009, 21.09.48
che il 25 dicembre, quando si scoprirà che i malati saranno si e no un migliaio, ed i morti una dozzina (gente con altre patologie...), il signore in questione chieda scusa all'Italia, e sia pronto anche ricevere qualche richiesta di danni, da parte di aziende o attività penalizzate da così funeste previsioni.


Probabilmente non sai neanche tu quello che dici, ma non è colpa tua, ma della disinformazione che ha regnato sovrana fino ad oggi

Dxman79
20-09-2009, 21.20.04
Probabilmente non sai neanche tu quello che dici, ma non è colpa tua, ma della disinformazione che ha regnato sovrana fino ad oggi

Illuminami e toglimi dall'ignoranza, te ne sarà grato ! ;)

prandot
20-09-2009, 21.37.32
Il virus pandemico è una variante maggiore rispetto al virus stagionale e per questo non viene riconosciuto dal nostro sistema immunitario ( ad eccezione dei vecchi che ne hanno incontrato uno simile nella loro fanciullezza). Questo implica che tante più persone sono suscettibili e il numero degli infetti può arrivare al 30% della popolazione ( quello normale il 10-15%)
Altra differenza del virus pandemico, rispetto al virus stagionale, è di saper aggredire direttamente i nostri polmoni, causando quadri molto gravi e spesso mortali. Colpite sono persone giovani con o anche senza problemi di salute preesistenti.
La mortalità si aggira intorno allo 0,1%, per questo Pregliasco ha parlato di 12000 morti su 12 milioni di infetti.

Dxman79
21-09-2009, 10.09.04
Onestamente, mi preoccuperei più di questo :

http://www.corriere.it/salute/sportello_cancro/09_settembre_20/morti_tumore_raddoppio_venti_anni_7ebbcd36-a5fa-11de-a2a4-00144f02aabc.shtml

prandot
21-09-2009, 10.24.54
E' senz'altro un problema molto più grande dell' influenza suina. Purtroppo l' abitudine al fumo, soprattutto tra i giovani, non tende a diminuire, almeno a livello di impressione, non ho al momento dati precisi.

I problemi dei tumori sono però a medio-lungo termine, mentre l' attuale pandemia pone problematiche che possono risultare drammatiche nel breve periodo. Non mi riferisco solo ai morti.

RNicoletto
21-09-2009, 15.23.33
Scusate la domanda da ignorante ma, le normali influenze di stagione quanti morti fanno mediamente?

baby_ro
21-09-2009, 15.37.22
Secondo me è solo inutile allarmismo.. come al solito insomma.
Ho parlato ieri con amici americani che ne parlano con tranquillità, e testuali loro parole,
dopo 3 giorni letto fine della storia. Ovvero una nuova influenza, con un altro nome.

Poi però magari mi sbaglio.. ma spero di aver ragione.

prandot
21-09-2009, 15.56.37
Con la normale influenza in Italia muoiono dai 5 ai 10000 morti stimati. Il calcolo non è basato su dati reali ma presunti. In ogni caso a morire sono per il 90% ultra sessantacinquenni con problemi sottostanti di salute. Con la nuova influenza invece vengono maggiormente colpiti i giovani della fascia 25-50 anni.

Negli Usa ci sono stati con livelli bassi di diffusione della malattia e altri dove sta diffondendo in maniera molto forte. Si contano ca 700 morti.

LoryOne
21-09-2009, 17.57.26
Quel che è certo è che il vaccino è un grande business, quindi aspettiamoci l'H2N2 per il prossimo anno.
Vi siete mai chiesti com'è possibile che ogni anno, nello stesso periodo, nascano nuove influenze ?
Il virus continua a mutare ... mah. Credo che sia più naturale produrlo in provetta vhe aspettare che la natura faccia il suo corso ... non voglio fare allusioni, però è un pensiero che mi passa per la testa....

Che poi faccia maggiori danni nei confronti di persone già debilitate fino a portarle alla morte non è certo solo a cuasa dell' H1N1: Qualunque influenza potrebbe ammazzarci se avessimo problemi polmonari ...

Vacciniamoci tutti, purchè sia gratuito (Così dev'essere ... si paga il CSSN d'altronde !)

LoryOne
21-09-2009, 18.12.01
... Con la nuova influenza invece vengono maggiormente colpiti i giovani della fascia 25-50 anni...


Non saranno mica quelli che fino ad adesso non si sono vaccinati ? :D
(Scheeeerzo, è una battuta)

prandot
21-09-2009, 18.52.42
Per fare un pò di chiarezza, il virus influenzale è un virus mutevole per definizione e ogni anno cambia, ma in maniera molto ridotta. Ogni 30-40-50 anni si verifica una mutazione maggiore e questo fa si che non venga riconosciuto dal nostro sistema immunitario. Nel 1918 c' è stata l' epidemia di H1N1, nel 1957 di H2N2, nel 1968 di H3N2 e ora nuovamente H1N1.I vecchi hanno ancora nel sangue anticorpi del vecchio H1N1 che ha circolato fino al 1956 e per questo si ammalano di meno

LoryOne
21-09-2009, 19.25.38
Argomento affascinante:
Se si producono gli anticorpi, il virus lo si debella.
Il riconoscimento della minaccia penso debba essere legato in qualche modo alla chimica organica.
Per mutare deve essere in qualche modo sopravissuto, ma se è così, chi è il portatore ?
Potrebbe essere chi non si è mai ammalato pur avendolo in incubazione latente, cioè le persone sane o ritenute tali ?

prandot
22-09-2009, 07.56.07
Qie entriamo in argomenti complessi, ma ti posso dire che di virus influenzali ce ne sono tanti e molti infettano specie animali diverse, soprattutto uccelli e maiali.
Il mutamento maggiore avviene quando si mescolano virus di diverse provenienze.
Questo virus H1N1 è una mescolanza di virus umano, suino e aviario.

cippico
22-09-2009, 15.03.25
ho trovato anche questo su internet...chiaramente sarebbe anche tutto da verificare...

ROMA - Mentre l'Organizzazione Mondiale della Sanita' decide sulla strategia da applicare per i vaccini di massa contro l'influenza A dopo aver inspiegabilmente innalzato il livello d'allarme per la pandemia da 5 a 6 nel mese di Maggio e mentre la giungla mediatica ripropone a raffica in tv, sui giornali il medesimo melodramma che racconta preventivamente della sciagura imminente, la comunita' di internet e' ormai in allerta da diversi mesi, infatti, sta attuando la sua forza propagandistica per ostacolare questo vaccino che sembra avere tutte le sembianze di un ''terrorismo mediatico'' attutato a fini politici ed economici ai danni delle popolazioni mondiali.

L'ALLARME: Le proteste non sono nate da un popolo di visionari del web, ma dalle denunce di alcuni esponenti della comunita' medico-scientifica in primis della Dott.sa Jane Burgermeister del mese di Giugno e poi un articolo apparso sul Daily Mail che riferiva di una lettera intercettata e inviata dal Governo Inglese a 600 neurologi in cui si allertava la comunita' scientifica sulla probabilita' di riscontrare casi di Sindrome di Guillem-Barre' nelle persone vaccinate.

In realta' questo sintomo non e' un semplice sospetto, ma e' stato gia' riscontrato nel 1976 quando improvvisamente una influenza suina che semino' il panico nella popolazione anche grazie all'appoggio dei media, indusse numerose persone a vaccinarsi. Morirono piu' persone a causa del vaccino rispetto a quante ne morirono a causa della pandemia. In quell'anno pero' sfortunatamente le case farmaceutiche produttrici del vaccino non riuscirono ad incassare quanto avevano pronosticato perche' la Sindrome fu subito ricondotta alle sostanze di cui era composto il materiale vaccinico ed il Governo Americano fu costretto a rimborsare con milioni di dollari le persone colpite.

Molte sono le reazioni della comunita' scientifica che nel frattempo si e' divisa in due tronconi: da una parte coloro che appoggiano il vaccino e che lo descrivono come necessario al fine di bloccare una presunta ''pandemia'' lanciata dall'OMS e appoggiati anche dal mondo politico. Dall'altro invece medici, immunologi, neurologi, giornalisti medico-scientifici come la Burgermeister che parlano non solo di pericolo e di materiale vaccinico contaminato, ma di denunce contro il Governo Americano, contro la Bexter (azienda farmaceutica che ha prodotto il vaccino) e contro l'OMS. Secondo la Burgermeister anche in questo caso i fondi vengono dalla Rockefeller Foundation come avvenne negli anni '70 e nei primi anni '90 quando si vaccino' la popolazione delle Filippine cntro il ''tetano'' in realta' le categorie che furono vaccinate erano soltanto ''donne incinte'' che poi abortirono ispiegabilmente. Si scopri' poi che il vaccino conteneva l'ormone della gravidanza o hCG che produceva un effetto anticoncezionale. Dunque anche questo progetto di vaccinazone di massa fa parte di un unico progetto da analizzare nella storia delle vaccinazioni di massa e che fino ad oggi e' costato centinaia di milioni di dollari tutti derivanti dalla Rockefeller Foundation.

Nel frattempo Kathleen Sebelius ha firmato un decreto che garantisce l'immunita' giuridica alle case produttri del vaccino.
Perche' tutto questo? Si pronostica forse un'Apocalisse?

Sulla base di cio' sono nate numerosissime resistenze al vaccino in tutto il mondo sia da parte dei cittadini sia da parte della comunita' scientifica:

Resistenza Austriaca: la dott.sa Jane Burbermeiser che lavora come giornalisa in ambito medico scientifico ed ha collaborato per numerose testate scientifiche come ''The Scientist'', il ''Reuter's Healt'', il ''British Medical Journal'', ''Nature'', si e' impegnata a sporgere denuncia prima presso l'ambasciata statunitense a Vienna e poi all'FBI.

Resisenza Francese: Il Professor Debre' parla in un'intervista televisiva di un'influenza blanda e denuncia il governo di terrorismo mediatico per fini politici. Debre' e' Direttore del servizio di Urologia presso l'ospedale di Cochin, membro del comitato nazionale di etica e parlamentare francese.

Resistenza Italiana: Il Dottor Serravalle ha scritto un'aperta lettera ai genitori dando il suo parere di pediatra in merito al vaccino e raccomandando i genitori a non vaccinare i propri figli poiche' non solo il vaccino non e' stato testato e non si conoscono di specifico gli effetti collaterali sui bambini, ma poiche' ''gli antivirali possono dare a vlte effetti collaterali importanti. Il 18% dei bambini in eta' scolare del Regno Unito a ci e' stato somministrato l'Oseltamvir in occasione dell'epidemia, ha presentato sintomi neuropsichiatrici ed il 40% sintomi gastroenterici. Con lui si schiera anche l'Associazione Culturale dei Pediatri Italiani.

Composizione del vaccino. Quel che si sa e' che questo vaccino e' stato adiuvato con ''MS 59 un derivato dell'MF 59 della Chiron ideato per la Guerra del Golfo e modificato per l'influenza H5N1. Secondo alcuni esperti della sanita' i coadiuvanti fanno parte della nuova generazione di armi biologiche'' in quanto possono ''rompere la ''tolleranza'' cioe' la capacita' dei globuli bianchi di ignorare cio' che e' auto e attaccare cio' che e' straniero''. Quesa capacita' viene ostacolata dai coadiuvanti e il pericolo di una vera e propria autodistruzione sale poiche' viene messo in bilico il sistema immunitario del corpo umano. Fin dal 1930 l'utilizzo dei coadiuvanti a base di olio (MS 59) fu limitato alla ricerca sugli animali a causa dell'elevata pericolosita'.

Influenza stagionale: Sul sito del Ministero della Salute invece e' comparsa una circolare che informa sulla composizione del vaccino contro l'influenza stagionale 2009/2010. Il vaccino sara' trivalente come ogni anno, dunque proteggera' contro tre ceppi virali che si sono diffusi l'anno precedente, in questo modo si cerca di immunizzare contro eventuali modificazioni del virus. Come si legge nella circolare un antigene utilizzato e' analogo al ceppo A/BRISBANE/59/2007 (H1N1) e questo ci induce a pensare che qualora le persone decidano di non vaccinarsi contro l'influenza suina, saranno comunque immunizzati grazie al vaccino contro l'influenza stagionale. Non a caso Fazio, viceministro della salute, parla di evitare ''sovrapposizioni'' tra le due vaccinazioni.

Il piano del Governo: Il vaccino non e' stato sufficientemente testato e dunque sara' privo di ''bugiardno''. Questa e' la ragione per cui non sara' distribuito attraverso le farmacie. Il costo del vaccino sara' a carico del governo e sara' distribuito attraverso i medici di medicina generale, pediatrici e medici competenti. Il governo Italiano ha come obbiettvo quello di vaccinare da un minimo di 8,6 miloni di italiani fino a 24 milioni e poiche' ogni persna dovra' assumere due dosi di vaccino il Governo s e' impegnato ad acquistare un totale di 48 milioni di dosi. La campagna partira' il 15 Novembre ma, qualora il siero dverre raggiungere anticipatamente il mercato italiano, la campagna comincera' il 15 Ottobre.

Il piano Europeo: Il 12 Ottobre i ministri della sanita' UE si riuniranno in via straordinaria per fare il unto sull'influenza A, come riferisce il minstro svedese alla sanita', Maria Larsson. In particolare si decidera' su un accordo tra i vari paesi per dispensare il vaccino anche alle aree in via di sviluppo come l'Africa in quanto, la scarsita' delle risorse impedisce ai Governi africani di acquistare il vaccino o autoprodurlo come sta facendo l'India attravers 4 o 5 aziende locali.

L'obbiettivo dell'OMS e' quello di vaccinare un totale di 4,9 milioni di persone e la campagna di vaccinazione prevede due ondate: la prima che ha come obbiettivo quello di vaccinare almeno 2,5 miliardi di persone e la seconda invece a come obbiettivo quello di immunizzare almeno 2,4 miliardi di persone nel mondo.

Questa dunque e' una guerra combattuta semplicemene sulla base dell'informazione tra i media manipolati dai Governi che disseminano terrorismo e la comunita' scientifica che si sfoga su internet coivolgendo sempre piu' persone

ciaooo a tutti

prandot
22-09-2009, 17.05.17
Per la verità lo MF59 o squalene è un olio ricavato dagli squali ( ma anche dalle piante) viene utilizzato come adiuvante dei vaccini influenzali dal 1997 (Fluan della Chiron, ora Novartis) , usato ampiamente nella popolazione senza che abbia dato luogo a manifestazioni di rilievo. Per la sindrome della guerra del golfo invito a leggere questo articolo http://en.wikipedia.org/wiki/Gulf_War_syndrome, dove si ricava che il vaccino per l' antrace è stato ipotizzato come causa da un lavoro di Cao e Asa, che però successivamente è stato smentito. Più probabili altre cause come gas nervini, pesticidi e uranio impoverito.
Per la verità un problema per questo adiuvante si pone ed è l' uso nella popolazione pediatrica, su cui non è stato finora testato.

retalv
24-09-2009, 04.51.13
Scusate la domanda da ignorante ma, le normali influenze di stagione quanti morti fanno mediamente?

Diverse migliaia, dai 5000 ai 9000: ovviamente parliamo sempre di complicanze imputabili al virus dell'anno...

Pandemia e' una definizione purtroppo sia appropriata per il lessico sia per il roboante giornalismo che ci ritroviamo: di fatto, espandendo il concetto, è una malattia che interessa un numero di individui nettamente superiore a quanto ci si sarebbe atteso in una determinata area geografica fino ad arrivare all'intero globo terrestre.

Ho letto i messaggi precedenti e taccio...

Vorrei solo precisare alcune banalità... di virus influenzale difficilmente si muore o ci si ammala gravemente (stiamo parlando sempre di virus RNA, ma non di Ebola), i problemi sono le complicaze ed in quei casi spesso il pressapochismo di chi ci troviamo davanti, l'unica vera cura è la prevenzione.

Nel '18 la "Spagnola" o Grande Influenza (quella che oggi si conosce col nome di Aviaria ed il cui ceppo è la base della mutazione attuale) fece c.a. 50 Milioni di morti, per quattro fattori basilari: il vettore scatenante aviario (gli uccelli) quindi difficilmente circoscrivibile, il sistema di trasmissione aerobico, il fatto che non esistevano antibiotici per combattere le complicanze batteriche e l'omertà degli stati colpiti.

Una informazione molto disinformata e troppo sensazionalistica può creare solo disindormazione ed endemica paura.

Sarebbe meglio spiegare alle persone che le basilari norme di igiene "spicciola" sono una buona fetta della prevenzione assieme ai vaccini, prima di far correre la gente in farmacia a comprare antivirali...

Vorrei ricordare alcuni dati che non fanno notizia...

Annuario statistico italiano 2007 dell’Istat (riferito al 2002)
Morti all'anno per malattie cardiovascolari: c.a. 240.000
Morti all'anno per tumore: c.a. 170.000
Morti all'anno per malattie dell’apparato respiratorio: c.a. 35.000

Bologna (dove vivo) è una piccola città di 370.000 anime... tutti gli anni muore una città come la mia e un poco del suo interland per le cause dette prima...

Fonte ACI
Morti in incidenti stradali - Anno 2007: 5.131


Buon giorno a chi leggerà... ;)

prandot
24-09-2009, 07.57.00
Nel '18 la "Spagnola" o Grande Influenza (quella che oggi si conosce col nome di Aviaria ed il cui ceppo è la base della mutazione attuale) fece c.a. 50 Milioni di morti, per quattro fattori basilari: il vettore scatenante aviario (gli uccelli) quindi difficilmente circoscrivibile, il sistema di trasmissione aerobico, il fatto che non esistevano antibiotici per combattere le complicanze batteriche e l'omertà degli stati colpiti.




Apprezzo quello che hai scritto. Volevo correggere alcune informazioni sulla Spagnola. Il virus della spagnola non era un virus aviario strettamente parlando, anche se degli uccelli aveva delle componenti ( ma d' altra parte gli uccelli sono il serbatoio principale dei virus influenzali). L' origine precisa del virus della spagnola non è conosciuta.La trasmissione avvenne nel mondo principalmente da parte delle truppe che dai teatri di guerra ritornavano in patria.
Il sistema aerobico è il normale modo di diffondere di qualsiasi virus influenzale, che si trasmette anche per contatto.

retalv
24-09-2009, 12.39.02
L' origine precisa del virus della spagnola non è conosciuta.La trasmissione avvenne nel mondo principalmente da parte delle truppe che dai teatri di guerra ritornavano in patria.
No, oggi lo è.... hanno scomodato una deceduta in Alaska per confermarlo, in quanto i campioni biologici in archivio non erano sufficienti a ricostruire il DNA del virus dai frammenti...

Questo nel senso stretto del termine... la diffusione avvenne per quella che oggi chiameremmo una sorta di "politycally correct" dei governi del tempo, che preferirono non dare voce alla cosa per non apparire menomati in quello che per una guerra di trincea è basilare, il numero di soldati in campo...

La Spagna non era in guerra e non aveva questo tipo di remore, quindi fù l'unica a parlarne sui giornali definendola per quello che era, una pandemia incircoscritta.

prandot
24-09-2009, 12.50.25
Il virus è stato effettivamente isolato da Taubemberger nella donna dell' Alaska, ma le indagini dello stesso autore non sono riuscite a stabilire da dove fosse venuto. Visto che sei interessato all' argomento ti dò il link del suo lavoro del 2006

http://www.cdc.gov/ncidod/eid/vol12no01/05-0979.htm

roberto45
24-09-2009, 16.03.46
Il virus della spagnola ha passato più volte l'atlantico modificandosi ripetutamente e la gran parte dei morti é avvenuta a guerra finita !

Dxman79
12-11-2009, 10.52.45
Beh... tanto per rientrare in tema, al 9 novembre (gli ultimi dati in mio possesso) in Italia ci sono stati circa 700mila casi e 32 decessi, che equivale ad una mortalità dello 0.0045%

Quindi, anche se ci ammalassimo tutti e 60milioni di italiani (ipotesi assurda e ridicola), i morti non sarebbero che circa 2700.

Voglio ricordare che, l'anno scorso, la normale influenza stagionale provocò circa 8000, 8mila, decessi, quindi una mortalità di molto superiore alla H1N1.


Forse comincia ad arrivare il momento in cui, qlc, dovrebbe dichiarare di essersi sbagliato, in buona fede, oppure... pensando male...


Ciao ciao ! :)

roberto45
12-11-2009, 11.16.55
Per prima cosa si dovrebbe frustare i giornalisti per l'allarme provocato, per seconda cosa si dovrebbe bastonare i giornalisti per il loro babbeismo e per terza cosa si dovrebbe rifrustare i giornalisti per la loro ignoranza e senzazionalismo: ergo i giornalisti sono oltre che inutili ed ignoranti sono anche pericolosi perché rinfocolano l'emotività irrazionale di molta parte degli italiani. Ai giornalisti accomuno molti medici che straparlano dimostrando di essere inadeguati alla loro professione; a questo proposito i vostri medici di base hanno nello studio o nella stanza in cui ricevono un lavandino in cui si lavano le mani dopo la vista ? Vi visitano o sono solo degli impiegati passacarte ? Vi hanno mai chiesto durante la visita di mostrare la lingua ?

cippico
12-11-2009, 16.35.24
tutti quelli che hanno allarmato inutilmente andrebbero ricercati,trovati e puniti...

poi quando ci sono di mezzo guadagni astronomici...
e che dicano quando un decesso causato da questa pseudoinfluenza terribile e' stato causato da altre malattie che avevano gia' debilitato la persona...

medici...calci nel culo...
giornalisti...calci nel culo...servi che non sono altro...
non tutti si ntende...

e non si fa grancassa mediatica x i morti in incidenti stradali?
che sono molti di piu'...

ma si...intanto io mi ascolto WRONG... ;)

scusate l'arrabbiatura....ma quando ci vuole ci vuole... :inn:

ciaooo a tutti

Cecco
12-11-2009, 19.06.28
Ieri seguivo una interessante trasmissione tv sull'argomento, in particolare sui pro e contro della vaccinazione. Rispetto agli usa, in Europa il fattore di rischio in + deriverebbe dalla presenza nel vaccino di un adiuvante "Squalene" che in casi piuttosto rari potrebbe portare ad un morbo che procura paralisi ed anche morte. In verità la maggioranza quasi totalitaria dei medici italiani sarebbe contraria, invece il famoso immunologo D'Aiuti ritiene assolutamente necessario vaccinare in massa e criminale quella che lui definisce controinformazione sopratutto da parte di medici che sconsigliano. C'è stato poi una domanda sulla diffusione e pericolosità del contaggio rispetto agli altri ceppi influenzali ed una risposta molto significativa in merito rapporta il tutto proprio al successo della campagna vaccinale. Per capirci, se ogni anno muoiono in italia tot persone per la normale influenza a cospetto di una vaccinazione che copre circa la metà della popolazione, cosa potrebbe accadere con questo ceppo se fossero vaccinati solo 1/4 degli italiani?

Macao
12-11-2009, 21.39.27
mah, io ve lo dico, i miei amici medici e infermieri che lavorano all'ospedale di Padova e Verona, col cazzo che si vaccinano, men chemeno i loro figli...poi vedete voi.

prandot
13-11-2009, 21.17.54
INFLUENZA A: CDC, "IN USA QUASI 4.000 MORTI"

L'influenza A ha ucciso quasi quattromila persone negli Stati Uniti. Il dato e' stato diffuso dal Center for disease control (Cdc) secondo cui tra le vittime cui sono 540 bambini. Si tratta di un bilancio realizzato su un nuovo modello analitico e che e' sei volte superiore a quello ipotizzato fino a oggi: 672 morti da aprile. In dieci stati, ha calcolato il Cdc, si contano circa 3.900 vittime. "Anche se si tratta di una stima" ha scritto il Cdc, "riteniamo che si tratti di cifre che danno la reale dimensione della diffusione dell'H1N1 nel 2009 negli Usa". Si tratta comunque, ha sottolineato il Centro, di una metodologia "che non puo' essere utilizzata come uno strumento per fare previsioni sul numero dei casi, dei ricoveri o delle morti".

http://www.repubblica.it/ultimora/24...taglio/3733807

Dxman79
13-11-2009, 23.43.26
4000 morti in USA sono un numero "normale" per un influenza, probabilmente, là, diventeranno 10mila o 20mila.

E' proprio qui che si gioca la battaglia, sui numeri, la gente "normale" ignora quanta gente va al creatore ogni anni per l'influenza, e quindi cominciando a parlare di centiaia e migliaia di morti si è cominciato a fare terrorismo, sono numeri che così, da soli, fanno effetto, pochi, pochissimi hanno la razionalità di capire cosa sono quei numeri con i media sparano come fuoco di saturazione.
Tutto qua.

Numeri, solo numeri ed ignoranza, quanto basta per vendere milioni di vaccini e contare miliardi di €.

cippico
14-11-2009, 00.21.32
l'anno scorso x la prima volta mi sono fatto fare il vaccino contro la solita influenza annuale...

quest'anno pure...

mi hanno anche chiesto se volevo fare anche il vaccino contro questa nuova influenza...notare chela persona che raccoglieva le adesioni parlando ad altro collega ha detto che con questo nuovo vaccino le case farmaceutiche sono state sollevate da alcun tipo di responsabilita'...visto che e' stato fatto in fretta e furia senza i soliti test...(ma quali test volete che facciano :inkaz: )

quindi su questo vaccino io ho messo una croce sopra...opsss...anzi...non ho fatto la croce sopra...altrimenti...zac...gia' fatto? :inn:

ciaooo a tutti

Macao
14-11-2009, 02.40.36
4000 morti in USA sono un numero "normale" per un influenza, probabilmente, là, diventeranno 10mila o 20mila.

E' proprio qui che si gioca la battaglia, sui numeri, la gente "normale" ignora quanta gente va al creatore ogni anni per l'influenza, e quindi cominciando a parlare di centiaia e migliaia di morti si è cominciato a fare terrorismo, sono numeri che così, da soli, fanno effetto, pochi, pochissimi hanno la razionalità di capire cosa sono quei numeri con i media sparano come fuoco di saturazione.
Tutto qua.

Numeri, solo numeri ed ignoranza, quanto basta per vendere milioni di vaccini e contare miliardi di €.

chiedete agli informatori scientifici di novartis se si sono vaccinati...

prandot
14-11-2009, 08.48.01
4000 morti in USA sono un numero "normale" per un influenza, probabilmente, là, diventeranno 10mila o 20mila.



Ma quante persone hai visto o hai sentito tu personalmente che sono morte di influenza negli ultimi 10 anni ?

Dxman79
14-11-2009, 11.55.41
Scusate la domanda da ignorante ma, le normali influenze di stagione quanti morti fanno mediamente?


Come ho detto nel mio post precedente, l'influenza dell'anno scorso ha fatto circa 8mila morti in Italia, ma sono dati che trovi facilmente online.

Ci sono state influenze molto più leggere ma anche più "cattive" nei decenni.

Dxman79
14-11-2009, 11.56.56
Ma quante persone hai visto o hai sentito tu personalmente che sono morte di influenza negli ultimi 10 anni ?


Un paio di conoscenti, persone ultre ottentenni con problemi circolatori gravi o polmonari, dall'influenza sono passati alla polmonite, lunghi ricoveri... l'età ha fatto il resto.

prandot
14-11-2009, 12.05.03
appunto...a morire di influenza stagionale sono persone alla fine del loro ciclo vitale, in cui non solo l' influenza ma qualsiasi altro virus avrebbero potuto provocare lo stesso esito.
In questo caso a morire sono persone giovani e ,per una parte non trascurabile ( 25%) senza precedenti problemi di salute.
Ne muoiono meno, ma un conto è che a morire siano persone di 30-40 anni, un altro di 80.

Dxman79
14-11-2009, 12.31.40
appunto...a morire di influenza stagionale sono persone alla fine del loro ciclo vitale, in cui non solo l' influenza ma qualsiasi altro virus avrebbero potuto provocare lo stesso esito.
In questo caso a morire sono persone giovani e ,per una parte non trascurabile ( 25%) senza precedenti problemi di salute.
Ne muoiono meno, ma un conto è che a morire siano persone di 30-40 anni, un altro di 80.


Si, ma in Italia, per adesso, c'è una sola vittima causata dall'H1N1 su ormai quasi 1 milione di casi, o anche se fossero 800mila cambierebbe poco, una sola su 1 milione che non aveva altre patologie.
E non mi pare che avesse meno di 25 anni, ma semmai più di 40.

Ora, a me pare che sia ASSOLUTAMENTE fuori luogo il terrore che si è sparso sull'H1N1, e fuori luogo anche i miliondi € spesi per i vaccini, in un periodo di recessione !!
Ok la sicurezza, ma sperperare i soldi non va bene....

E' solo terrorismo mediatico, fomentato dalle case farmaceutiche per risollevarsi in un momento di crisi economica, sia per la vendita dei vaccini ai governi, sia per gli antivirali, sia per i disinfettati (ma avete visto quanta gente si rovina la pella con l'Amuchina ad ogni toccata ?!), questo è.
Non c'è altro.


In ogni modo, il 3d era stato aperto mesi fa per discutare sul numero, previsto da "popo" di luminari e sbandierati alla stampa, di vittime in Italia.
Numero, 12mila, che già risulta assolutamente fuori luogo, impossibile da raggiungere qls cosa succeda.
Non sarebbe male leggere, sempre sui giornali "ci siamo sbagliati" "abbiamo esagerato".

Quindi, io sono "maligno", penso male, ma senza offesa i presupposti per pensare male ci sono tutti.



Buona giornata.

prandot
14-11-2009, 13.09.42
E i due bambini morti, quello di 8 mesi e quello morto con la miocardite ?
l' indiano trovato morto a casa sua ? Che patologia precedente aveva ?

Stai attento all' informazione che arriva e tende a minimizzare.

Negli Usa sono morti ufficialmente fino ad adesso 178 bambini-ragazzi di eta' variabile tra 1 e 18 anni, un quarto dei quali senza precedenti problemi di salute.
In una stagione normale ne muoiono 60-80

ne eri a conoscenza ?

prandot
15-11-2009, 08.34.54
Per renderti conto di quello che sta succedendo negli Usa leggi questo articolo:

http://www.dailybreeze.com/latestnews/ci_13788465

RNicoletto
16-11-2009, 11.49.05
chiedete agli informatori scientifici di novartis se si sono vaccinati...Non credo... troppo impegnati a contare i soldi. :x:

Dxman79
16-11-2009, 22.31.00
MA PER ALCUNI ESPERTI IL PICCO E' PASSATO: Il picco dell'influenza H1N1 in Italia è già stato raggiunto e dalla prossima settimana assisteremo ad un calo dei casi, mentre non é previsto un secondo picco. E' quanto emerge dagli studi di un progetto finanziato dall'Unione Europea, Epiwork, di cui oggi è stato fatto il punto, a Torino, in un incontro a porte chiuse alla Fondazione Isi. Il lavoro degli scienziati, di 12 paesi, ha consentito di seguire l'evoluzione della pandemia in tutto il pianeta, attraverso modelli di simulazione che hanno suddiviso il mondo in quadrati da 20 chilometri, sulla base di dati ufficiali dell'Oms e delle agenzie nazionali, ma anche di 4.000 aeroporti e 20 mila collegamenti aerei. La proiezione evidenzia questa come la settimana rossa nel nostro Paese ma dalla prossima la curva sarà in discesa, "nella piena conferma delle previsioni", ha affermato una della ricercatrici, Vittoria Colizza. Gli studiosi sono inoltre critici sull'utilità, d'ora in poi, del vaccino antipandemico.

Gigi75
16-11-2009, 23.40.23
floris ha l'influenza..sospeso ballarò :o

Dxman79
18-11-2009, 15.21.19
"Polacchi" ma mica poi tanto... :

ROMA - Dalla Polonia un attacco ai paesi più ricchi sulla gestione dell'influenza A/H1N1. Un intervento in parlamento firmato dal ministro della Sanità, che accusa senza mezzi termini i governi, mette in discussione gli accordi con le case farmaceutiche e conclude: "Siamo in grado di distinguere una situazione oggettiva da una truffa".

Le domande sull'efficacia del vaccino, uniti alle polemiche sui ritardi delle consegne, alimentano dubbi e incertezze non solo in Italia. In questo clima ha colpito molto l'intervento di Ewa Kopacz, titolare del ministero della Sanità polacco, che ha denunciato pubblicamente la "truffa" ai danni dei cittadini da parte delle case farmaceutiche che producono i vaccini.

In un discorso in parlamento (pubblicato integralmente sul web dove sta facendo il giro del mondo, tradotto in varie lingue) il ministro pone una serie di dubbi, almeno una ventina, sugli accordi che i "governi di paesi più ricchi del nostro, hanno stipulato con i produttori di vaccini" e su quanto è stato proposto alla Polonia. Qual è, si chiede Kopacz, "il dovere di un ministero della Sanità? Concludere accordi che facciano l'interesse dei cittadini oppure siglare accordi che facciano l'interesse delle case farmaceutiche?".

Da qui parte un attacco preciso. "So che ci sono tre vaccini disponibili oggi sul mercato, realizzati da tre produttori diversi. Ognuno di loro ha una differente quantità di sostanze attive, non è strano che siano trattati tutti alla stessa stregua? Non è dunque ragionevole che il Ministero della Salute e i suoi esperti nutrano alcuni dubbi in proposito? E' possibile che uno di questi, magari quello con una quantità inferiore di sostanze attive, sia solo acqua fresca, alla quale attribuiamo il potere di curare l'influenza?".

Il ministro cita quindi l'esempio della Germania che "ha acquistato 50 milioni di dosi, di cui solo il 10% è stato finora utilizzato" contrariamente a quanto accade normalmente "perché i tedeschi hanno una percentuale di cittadini che si vaccinano molto alta, cioè se in Polonia si vaccinano 52 persone ogni 1000 abitanti, in Germania lo fanno in 238, ovvero il 23%". Quindi si chiede: "il loro governo ha comprato il vaccino, lo ha reso disponibile gratuitamente e loro non lo vogliono? Cos'è successo?".

Quindi passa alle controindicazioni. "Ci sono siti web nei quali i produttori di vaccini sono obbligati a pubblicare gli effetti collaterali della vaccinazione. Le vaccinazioni in Europa sono iniziate il primo di ottobre 2009. Vi invito a visitare uno qualsiasi di questi siti web" prosegue, "non esiste un solo effetto collaterale: hanno inventato il farmaco perfetto. E, visto che il farmaco è così miracoloso, come mai le società che lo producono non vogliono introdurlo nel mercato libero e assumersene la completa responsabilità?".

Ewa Kovacz insiste sulla questione. "Non abbiamo risultati di test clinici, nessun elenco di ingredienti e nessuna informazione sugli effetti collaterali. I vaccini sono arrivati al quarto stadio di controllo, controlli molto brevi a dire il vero, e ancora non abbiamo queste informazioni. Inoltre, il controllo sulle persone è stato molto ridotto". Dopo aver elencato i dubbi, il ministro ribadisce il suo ruolo: "Io voglio essere molto sicura nel raccomandare questo vaccino. E' una nostra competenza: durante la fase di negoziazione dobbiamo prenderci il tempo che ci serve e utilizzarlo per scoprire quanto più possibile su questo farmaco. Poi, se la commissione sulla pandemia accetterà il vaccino, allora e solo allora lo compreremo".

Infine il confronto con l'influenza stagionale. "Ci sono 1 miliardo di persone con l'influenza stagionale ogni anno in tutto il mondo. Un milione di persone muoiono ogni anno, sempre per l'influenza stagionale, su scala mondiale. Non sono statistiche di un anno o due, ma dati raccolti in anni e anni di osservazioni. E' mai stata annunciata una pandemia a causa dell'influenza stagionale?".

Tra l'altro, l'influenza stagionale è molto più pericolosa di quella suina, ricorda Kovacz. "A quelli che mi spingono a comprare il vaccino voglio chiedere: come mai non avete gridato e sbraitato l'anno scorso, due anni fa e nel 2003 quando abbiamo avuto 1 milione e 200mila polacchi con l'influenza stagionale. In quell'occasione, per caso qualcuno in quest'aula ha gridato 'Compriamo il vaccino per tutti'? Non riesco a ricordarmene". Il ministro conclude: "Da ultimo vorrei dire una cosa. Lo Stato polacco è molto saggio, i polacchi sanno distinguere la verità dalle balle con molta precisione. Sono anche in grado di distinguere una situazione oggettiva da una truffa".

E in Italia... Oltre un milione e mezzo le persone colpite dal virus H1N1, quasi 70 i decessi, più di 160mila le persone vaccinate). Gli esperti continuano a tranquillizzare gli italiani sostenendo che la percentuale delle vittime correlate al virus H1N1 è lo 0,0038% dei malati, contro lo 0,2% dei decessi causati dalla normale influenza stagionale. A fronte della campagna vaccinale in corso, l'Agenzia italiana del farmaco (Aifa) ha reso noto che sono 190 le sospette reazioni avverse al vaccino (l'elenco e i dati pubblicati sul sito dell'agenzia), ma si tratta di reazioni prevedibili (ad esempio si segnala la comparsa di cefalea, febbre, dolori articolari) e, rassicura l'Aifa, "allo stato attuale non sono stati evidenziati segnali di pericolo con la somministrazione del vaccino pandemico".

Dxman79
19-11-2009, 12.46.33
Dati aggiornati al 17/11/2009

In Italia circa 1.5milioni di casi, e 58 vittime accertate (la stragrande maggioranza affetta già da gravi o gravissime patologie).

Facciamo 2 conti, una mortalità dello 0.0038%

Secondo l'articolo da cui ha preso spunto questo 3D, anzi secondo il virologo in questione, che parlava di 12mila morti in Italia su circa 6-7milioni di casi la mortalità sarebbe dovuta essere dello 0.1 e lo 0.4.

Quindi, adesso con 1,5milioni di casi avremmo dovuto avere tra i 1500 ed i 6000 morti.

Un errore di poco...


Con questo, non voglio "sputtanare" nessuno, ma solo spingere un pò di gente ad usare la propria testa... tutto qua. ;)

prandot
21-11-2009, 23.08.41
Queste notizia non viene riportata dalla stampa nazionale, ma solo in quella locale:

E' risultata positiva al virus dell'influenza A H1N1 la bimba di 15 mesi morta giovedì scorso all'ospedale Pugliese-Ciaccio di Catanzaro. E' il primo esito dell'autopsia eseguita ieri pomeriggio...


Sarebbe stato il virus dell'influenza A a causare la morte della bambina di quindici mesi deceduta giovedì dopo il ricovero in seguito a forti dolori addominali e febbre. La notizia che era stata anticipata nel pomeriggio di ieri dall'avvocato della famiglia Fabio Talarico è stata confermata dall'Azienda Ospedaliera in un comunicato.
''Alle ore 17,45 di oggi venerdì 20 novembre - si legge nella nota - il Laboratorio di riferimento di Cosenza ha fornito il risultato del tampone Rinofaringeo della bambina di 15 mesi deceduta da un giorno presso l'Azienda Ospedaliera Pugliese Ciaccio di Catanzaro - Il tampone è risultato positivo al virus dell'influenza A/H1 N1. Pertanto, - sempre secondo quanto sostenuto dall'Azienda Sanitaria - sulla scorta della sintomatologia presentata dalla bambina, durante e dopo il ricovero e sul risultato del tampone , il decesso è da attribuire, verosimilmente, all' influenza A/H1 N1. Sono state effettuate dalla Direzione Medica di Presidio le notifiche obbligatorie per legge e avvertiti i servizi di Sanità pubblica della competente Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro. Tutto ciò - conclude il comunicato - farebbe cadere tutte le illazioni di presunta "malasanità" sollevate nell'immediatezza, su ipotetiche responsabilità della Azienda e del personale Sanitario'. Comunque saranno gli esiti dell'esame autoptico a fare maggiore luce sulle cause di un decesso intervenuto a pochissime ore dal ricovero della bimba, che pure era giunta al nosocomio in codice bianco, quello relativo alla minor gravita', e che presentava solo una febbre all'inizio neppure troppo alta. Nel pomeriggio, prima degli ultimi sviluppi era giunta la notizia dell'iscrizione sul registro degli indagati di due pediatri per la morte della bimba.

Dxman79
23-11-2009, 11.54.11
Lo dice anche la ADN Kronos http://www.adnkronos.com/IGN/News/Cronaca/?id=3.0.4024656687

Non cambia molto, se non per la sua famiglia... che vive una disgrazia immensa..... :timid:

Dxman79
14-12-2009, 10.25.20
A proposito.... http://www.repubblica.it/2009/11/sezioni/cronaca/nuova-influenza-7/virus-raffreddore/virus-raffreddore.html

prandot
18-12-2009, 21.39.20
In calo il numero dei nuovi casi stimati di influenza, che in questa settimana sono stati 132 mila

Il valore di incidenza attuale è in diminuzione, dopo aver raggiunto il picco epidemico nella 46° settimana

Nella 50° settimana (6-13 dicembre) sono state somministrate 35.305 dosi di vaccino. Dall’inizio della campagna vaccinale, complessivamente, sono state somministrate 749.842 prime dosi e 12.257 seconde dosi.

Nella 50° settimana (7-13 dicembre), il 5,4% di tutte le persone che si sono rivolte ai pronto soccorso è
stato visitato per sindrome respiratoria acuta. Di questi, il 24% è stato ricoverato
# rispetto alla 49° settimana (30 novembre-6 dicembre), il numero degli accessi per sindrome respiratoria
acuta rimane stabile (dal 5,6% al 5,4%)

Nell’ultima settimana (7-13 dicembre) si sono verificati 17 decessi dovuti all’influenza A/H1N1v, per un
totale di 163 decessi dall’inizio dell’epidemia. Di questi, il 40% erano donne

le fasce di età più colpite sono quella tra i 15 e i 44 anni (37% dei decessi) e quella tra i 45 e i 64 anni
(31,5%)

La Regione più colpita è la Campania con il 27,6% di tutti i decessi. Seguono poi Puglia (15,3%), Lombardia
e Calabria (entrambe 7,4%) e Piemonte, Emilia-Romagna, Lazio e Sicilia con il 6% circa di decessi ciascuna.
Tre Regioni/P.A. (Valle d’Aosta, Trento e Sardegna) non hanno segnalato alcun decesso

l’83% dei decessi è avvenuto in persone che presentavano almeno una condizione di rischio precedente


quasi un decesso su 5 in persone precedentemente sane


http://www.epicentro.iss.it/focus/h1n1/pdf/flunews/FluNews_7.pdf

ultimo aggiornamento. i decessi sono 178

Dxman79
22-12-2009, 07.36.23
178 decessi su circa 2 milioni di casi.... una malattia "rara" praticamente.

Miliardi spesi per i vaccini buttati davvero nella spazzatura, pensate a quanti problemi nella sanità si poteva risolvere.... o quanti aiuti si potevano inviare alle popolazioni del quarto mondo...

Invece s'è deciso di donarli alle case farmaceutiche..

Dxman79
02-01-2010, 19.19.47
Ultimi dati in Italia:

Circa 4 milioni di casi, 188 decessi.

Si potrebbe dire "dati finali" in quanto ormai i nuovi casi sono pochissimi e l'ipidemia sta rallentando moltissimo, ma ancora aspettiamo a tirare le somme.



Come far recuperare, a spese nostre, i capitali persi dalle case farmaceutiche durante lo scorso crollo dei mercati....

cippico
02-01-2010, 23.57.58
ho sentito la notizia su class action proprio sui test...
se cercate su google trovate varie pagine che ne danno notizia...

ciaooo a tutti

Dxman79
04-01-2010, 19.07.56
ho sentito la notizia su class action proprio sui test...
se cercate su google trovate varie pagine che ne danno notizia...

ciaooo a tutti


Per forza, non funziona ! Non è per nulla affidabile, provavano a dare ancora altri soldi alle case farmaceutiche.

Ora, e dei 40milioni di vaccini cosa ne facciamo ? Si svendono ai paesi del terzo o quarto mondo, tanto si sa, loro hanno l'anello al naso.... :eek:

Una politica a dir poco allucinante...

prandot
05-01-2010, 18.01.56
Mike Osterholm, direttore del CIDRAP ( Center for Infectious Disease Research and Policy's ) in un editoriale recentemente pubblicato ha dichiarato che bisognerebbe cancellare il termine "mite" dalla terminologia influenzale. Non vi e' nulla di lieve che riguardi l' influenza, come non c' è nulla di banale relativo ad un incidente d' auto. Vi sono casi in cui ci si ammala solo in maniera leggera e altri in cui ci si ammala molto gravemente. Nelle ultime stime pubblicate dalla CDC ( http://www.cdc.gov/h1n1flu/estimates_2009_h1n1.htm#Table ) si parla di circa 10000 decessi negli USA , 47 milioni di contagiati e 200000 ospedalizzazioni. Paragonare queste cifre con i 36000 morti di influenza stagionale e' come paragonare le mele con le arance. I 36000 morti sono solo il risultato di un estrapolazione statistica sui dati che rappresentano l' eccesso di mortalita'. Negli studi della CDC , solo 9000 di quei 36000 morti sono dovuti direttamente all' influenza o a polmoniti batteriche secondarie. Le altre morti avvengono in persone che hanno l' influenza e muoiono di infarto ed ictus. Se volete fare un confronto pensate ad una persona che muore di infarto mentre pulisce il vialetto di ingresso durante una tempesta di neve e la cui morte viene descritta come dovuta alla tempesta.
Non e' tanto il numero delle morti, quanto la differente tipologia di malattia a caratterizzare questa influenza. Piu' del 90 % delle morti dell' influenza stagionale riguarda persone anziane, che nella maggior parte dei casi hanno preesistenti problemi di salute, il che significa che la loro morte non e' un evento tanto remoto, indipendentemente dalla patologia influenzale. Noi tutti capiamo bene che la morte e' inevitabile e come operatori nel campo sanitario, io per primo trovo che questa pazza corsa per eliminare le 10 principali cause di morte non e' sempre ben ponderata.Se raggiungessimo tale obiettivo, ci sarebbero altre 10 cause principali di morte e non sono sicuro che sarebbero migliori di quelle attuali. Ma credo che siamo tutti d' accordo che le morti precoci- o quelle che avvengono prima dell' eta' senile- non dovrebbero avvenire. Nel modo in cui noi conteggiamo la mortalita' dovuta ad influenza, la morte di un ottantasettenne affetto da malattia di Alzheimer ha lo stesso peso della morte di una ventiduenne gravida precedentemente sana . Entrambe le morti sono egualmente tragiche , ma una qualsiasi persona ragionevole capirebbe che le conseguenze sul piano della salute pubblica non sono equivalenti.

Delle 9820 morti stimate :

1090 (11%) sono avvenute in soggetti da 0 a 17 anni
7450 (76%) in soggetti da 18 a 64 anni
1280 (13%) in soggetti con piu' di 65 anni

La distribuzione delle eta' e' molto diversa da quella della influenza stagionale

Certo questa non e' la pandemia del 1918, ma non e' comunque una banalità e ha gia' prodotto un numero di ospedalizzazioni superiore all' influenza stagionale e ancora non siamo nel cuore della stagione influenzale. Sta mettendo alla prova il nostro sistema sanitario come non avveniva da circa 30 anni. Questo mi rende difficile chiamarla "mite". Non credo che questa definizione sia azzeccata. Certo c' e' un influenza mite o severa su base individuale. Ma come definire una pandemia che colpisce duramente un piccolo gruppo di persone e causa un influenza di routine in tutte le altre ?

Pensiamo ad un incidente automobilistico,non ha senso definire "lieve" un incontro ravvicinato con una tonnellata di acciaio.Può essere un incidente che produce solo danni lievi, ma questa e' solo questione di fortuna. Ma nessuno che si reca dal carrozziere a pagare il conto si azzarderebbe a definirlo un incidente lieve. Ma soprattutto, un incidente di questo tipo ha la potenzialita' di essere catastrofico anche se quelli veramente brutti sono solo una fatalita'.La maggior parte non ha questa terribile sorte. Eppure anche semplici danni alla carrozzeria possono essere costosi e ci possono essere lesioni lievi o traumi emotivi o giorni di lavoro persi. Comunque lo si voglia chiamare, nessuno definirebbe un incidente d' auto una cosa lieve. E se il numero di persone che muoiono ogni anno di incidente d' auto e' sovrapponibile a quello dell' influenza stagionale, noi non pensiamo che questo bollettino di morti sia così lieve. Le eta' coinvolte da questo bollettino non sono diverse da quelle dell' influenza pandemica e rappresenta una fonte di ansia per qualsiasi genitore il cui figlio abbia appena acquisito la patente di guida.
La parola "mite" e' allo stesso tempo inadatta e pericolosa. E' un messaggio sbagliato perche' incoraggia un' assenza di misure urgenti tra le quali il programma di vaccinazione. Anche con tutti i vaccini attualmente disponibili ( negli USA) , siamo comunque nella condizione che a Gennaio gran parte della popolazione sara' senza protezione.

http://scienceblogs.com/effectmeasure/2009/12/mild_pandemic_bite_your_tongue.php#more

Silence
06-01-2010, 02.02.04
Con tutto il rispetto per la persona in questione, io vivo nel mio piccolo e faccio un paio di considerazioni.

-Nessun medico che io conosca, ne quelli che hanno partecipato a convegni sul tema, si è vaccinato contro l'influenza A (Se il rischio era così alto, come mai?)

-La stragrande maggioranza della gente ha preso d'assalto pronto soccorso e ospedale proprio per la fobia creata dai media sull'influenza...sia medici condotti che specialisti raccomandavano di restare a casa al caldo.

prandot
06-01-2010, 09.48.19
prova invece a guardare al di fuori del cortile di casa, ti renderai conto che solo in Italia si sono verificate percentuali così basse di vaccinazione.
In Canada e nei paesi scandinavi si e' vaccinato più del 50% della popolazione, in USA 60 milioni di persone , in altri paesi occidentali dal 5 al 15%. Solo in Italia la percentuale è pari all' 1,5%.

Dxman79
08-01-2010, 10.27.57
prova invece a guardare al di fuori del cortile di casa, ti renderai conto che solo in Italia si sono verificate percentuali così basse di vaccinazione.
In Canada e nei paesi scandinavi si e' vaccinato più del 50% della popolazione, in USA 60 milioni di persone , in altri paesi occidentali dal 5 al 15%. Solo in Italia la percentuale è pari all' 1,5%.


Peggio per loro, si sono fatti iniettare qlc di potenzialmente pericoloso (come tutti i vaccini) per poco o niente, perchè il rischio per chi non gravemente minato da altra patologie è bassissimo, se no nullo.

Il fatto che "loro" hanno usato più vaccini, non cambia il discorso, sono miliardi spesi per poco o nulla, ripeto.

La scienza e la teoria è alla base di tutto, ma bisogna anche usare al propria testa, i dati mondiali, ci dicono che NON è stata un'epidemia degna di tutta questa attenzione e soprattutto di tutti questi investimenti.


Forse se ci fossero persone un pochino meno inquadrate e con i paraocchi, le cose andrebbero un pò meglio, forse...

real7
08-01-2010, 11.30.05
Peggio per loro, si sono fatti iniettare qlc di potenzialmente pericoloso (come tutti i vaccini) per poco o niente, perchè il rischio per chi non gravemente minato da altra patologie è bassissimo, se no nullo.

Il fatto che "loro" hanno usato più vaccini, non cambia il discorso, sono miliardi spesi per poco o nulla, ripeto.

La scienza e la teoria è alla base di tutto, ma bisogna anche usare al propria testa, i dati mondiali, ci dicono che NON è stata un'epidemia degna di tutta questa attenzione e soprattutto di tutti questi investimenti.


Forse se ci fossero persone un pochino meno inquadrate e con i paraocchi, le cose andrebbero un pò meglio, forse...
e se fosse stato il contrario???
l'epidemia si fosse divulgata su tutto il pianeta con milioni di morti,tutti a imprecare che non c'erano vaccini a sufficienza

Dxman79
09-01-2010, 11.01.30
e se fosse stato il contrario???

E se il mondo finisse davvero nel 2012 ?

Sono daccordo, che tutti si sarebbero lamentati, però è compito della scienza e delle istituzioni addette valutare il rischio.
Ed in questo caso hanno toppato alla grande, lo stesso successe per l'influenza aviaria, l'eccessivo allarmismo portò ad una crisi immensa ed ingiustificata degli allevatori di pollame... e non diamo solo la colpa ai "media" per carità.

Gli errori capitano, ma di solito dovrebbero essere seguiti da, scuse ufficiali, dichiarazioni e "purghe", perchè chi sbaglia e fa spendere miliardi come noccioline, è giusto che vada a fare un'altra cosa, ammesso che non sia corrotto...

prandot
09-01-2010, 16.39.33
Peggio per loro, si sono fatti iniettare qlc di potenzialmente pericoloso (come tutti i vaccini) per poco o niente, perchè il rischio per chi non gravemente minato da altra patologie è bassissimo, se no nullo.



Il 50% delle persone ospedalizzate e il 30-40 % dei decessi a livello mondiale ha riguardato persone sane.
Il rischio di complicanze gravi per persone sane della fascia 0-65 anni è notevolmente superiore rispetto all' influenza stagionale
questi sono motivi validi per sostenere ancora la vaccinazione

Dxman79
12-01-2010, 07.43.45
Vaccinazione che, nel nostro paese va letteralmente nella spazzatura....
ci sono milioni di dosi giù scadute, tutte da buttare.

Non seguo da molto l'argomento, ma credo sia una delle emergenze sanitarie più assurdamente gestite della storia.

real7
12-01-2010, 12.00.27
Vaccinazione che, nel nostro paese va letteralmente nella spazzatura....
ci sono milioni di dosi giù scadute, tutte da buttare.

Non seguo da molto l'argomento, ma credo sia una delle emergenze sanitarie più assurdamente gestite della storia.
sono cose che capitano solo in Italia

Dxman79
15-01-2010, 16.03.08
A proposito di vaccino.... :mm: :

http://canali.kataweb.it/salute/2010/01/15/vaccino-h1n1-il-contratto-segreto-tra-novartis-e-governo/?h=0

Dxman79
16-01-2010, 11.48.41
Urge aggiornamento sulla situazione vaccini :

http://www.repubblica.it/cronaca/2010/01/16/news/vaccino_virus_a-1966773/