PDA

Visualizza versione completa : Sempre pił italiani in rete!


Robbi
10-12-2007, 09.09.42
<p align="center"><img class="" style="width: 230px; height: 261px" height="326" width="278" alt="" src="http://news.tecnozoom.it/img/tim-tutto-compreso-internet.jpg" /></p><p align="justify"><a target="_blank" href="http://forum.wintricks.it/showthread.php?t=127654&amp;highlight=internet">Anche se talvolta si pensa che la sua fine sia dietro l'angolo</a>. Internet &egrave; diventato anche in Italia uno strumento familiare ad un gran numero di persone, con una accelerazione estremamente significativa proprio nel corso di questo ultimo anno&raquo;. Lo afferma il 41esimo Rapporto annuale del Censis, dal quale emerge che il popolo italiano &egrave; sempre pi&ugrave; internettiano, giovani e le fasce pi&ugrave; istruite in testa. Sempre pi&ugrave; diffusa &egrave; anche la &quot;banda larga&quot; e quindi la capacit&agrave; di fruizione pi&ugrave; estesa delle potenzialit&agrave; del Web.</p><p align="justify">Nel 2007 gli utenti in generale di Internet hanno raggiunto una quota pari al 45,3% della popolazione. Prendendo in considerazione solo gli utenti abituali, quelli cio&egrave; che si connettono almeno tre volte alla settimana alla rete, si &egrave; passati dal 28,5% del 2006 al 38,3% del 2007, con un indice di penetrazione che ha raggiunto tra i giovani il 68,3% e tra i pi&ugrave; istruiti il 54,5%.</p><p align="justify">A questo si aggiunga la vera e propria impennata di connessioni a banda larga che si &egrave; verificata nell&rsquo;ultimo anno, visto che attualmente dispone di questo tipo di connessione l&rsquo;85,8% del totale degli utenti italiani di Internet.</p><p align="justify"><a target="_blank" href="http://forum.wintricks.it/showthread.php?t=118280&amp;highlight=telefonini">A trainare la diffusione di Internet</a> a banda larga sono gli uomini pi&ugrave; delle donne, visto che per i primi si arriva al 44,9% di utenti abituali rispetto al 32% delle seconde.</p><p align="justify">Il fattore discriminante per la diffusione di Internet, comunque &egrave; sempre l&rsquo;et&agrave;: Il 68,3% dei giovani tra i 14 e i 29 anni vive connesso in rete e tra di essi il 90% lo fa con una connessione a banda larga.</p><p align="justify">Posto che, per motivi anagrafici, tra i non diplomati figurano anche i ragazzi tra i 14 e i 17 anni, facile &laquo;capire quanto l&rsquo;indice di penetrazione di Internet tra gli anziani a bassa scolarizzazione risulti assolutamente marginale. L&rsquo;et&agrave; &egrave; fondamentale,ribadisce il Censis,unque, ma la formazione culturale &egrave; altrettanto importante, perch&egrave; tra i pi&ugrave; istruiti di tutte le et&agrave; Internet raggiunge il 54,5% di diffusione, con l&rsquo;89,9% di connessioni a banda larga&raquo;.</p><p align="justify">La televisione tradizionale risulta sempre il mezzo pi&ugrave; usato, con il 92,1% di utenti complessivi, ma la tv satellitare raggiunge il 27,3% e la digitale terrestre il 13,4% degli italiani sopra i quattordici anni.</p><p align="justify">Una &quot;rivoluzione&quot; che coinvolge anche gli altri media, come la radio, a cui al 56% di utenti da autoradio e al 53,7% di ascoltatori da apparecchi tradizionali vanno aggiunti il 13,6% di utenti da lettore Mp3 e il 7,6% da internet, e ancor di pi&ugrave; i quotidiani, visto che oltre al 67% di utenti che leggono un giornale tradizionale acquistato in edicola, si deve considerare anche il 34,7% di lettori di quotidiani gratuiti e il 21,1% di frequentatori delle pagine on line dei giornali via Internet. <a target="_blank" href="http://forum.wintricks.it/showthread.php?t=126503&amp;highlight=televisione">L&rsquo;integrazione tra i media</a> ne incrementa l&rsquo;uso, coinvolgendo in questo aumento d&rsquo;attenzione anche quelli tradizionali.a che anzi la sostiene&raquo;.</p><p align="justify">La tv satellitare, in un anno, &egrave; passata ad attirare dal 17,7% al 28,3% degli utenti di tv, il digitale terrestre dal 7% al 13,9% e anche tutte le altre forme di tv fanno notevoli passi in avanti. Pi&ugrave; netto risulta il progressivo passaggio dalla televisione tradizionale a tutte le forme di tv digitale tra i giovani.</p><p align="justify">Il telefono cellulare insegue la tv tradizionale come strumento di comunicazione pi&ugrave; diffuso in Italia: il suo uso &egrave; in continua ascesa da anni e nel 2007 il cellulare ha raggiunto un indice di penetrazione complessiva pari all&rsquo;86,4% della popolazione, ormai a un passo da quel 92,1% che costituisce il consumo complessivo della tv generalista.</p><p align="justify">Inoltre, se si prende in considerazione il livello raggiunto dall&rsquo;uso abituale del telefonino, si pu&ograve; constatare che il cellulare &egrave; considerato uno strumento d&rsquo;uso praticamente quotidiano dal 76,9% degli uomini, dal 92,6% dei giovani al 97,2% e dall&rsquo;81,4% degli utenti con il maggior livello di istruzione.</p><p align="justify">&nbsp;</p><br /><a href="http://www.wintricks.it/framer.php?url=http://www.censis.it/277/280/339/6366/cover.asp" target="_blank">Altre Info </a><br /><br /><br /><br /><br />

RNicoletto
11-12-2007, 09.31.56
Mi sento molto "italiano medio" :p visto che da quest'anno ho attivato a casa mia sia la connessione a banda larga sia di TV satellitare.