PDA

Visualizza versione completa : Una super Wi-Fi


Robbi
28-05-2007, 08.52.38
<p align="center"><img height="271" hspace="0" src="http://www.elettraimpiantisas.it/parabola.JPG" width="394" align="baseline" border="0"></p><p align="justify">Il Laboratorio Ixem del Politecnico di Torino ha annunciato la costruzione del primo ponte WiFi dal raggio di 300 chilometri di distanza. </p><p align="justify">E' un risultato eccezionale considerando che attualmente le normali schede WiFi trasmettono fino a circa 220 metri, mentre i sistemi WiMax attuali, considerati all’avanguardia, raggiungono i 40Km. </p><p align="justify">Il costo dell'operazione? Zero! </p><p align="justify">La gara tra atenei infatti non prevedeva investimenti. Per effettuare l'impresa è bastato utilizzare un vecchio PC 386 con un sistema operativo opensource Linux modificato e adattato dai ragazzi del Politecnico di Torino.</p><p align="justify">Il progetto è tutto stato autofinanziato all'interno del laboratorio. </p><p align="justify">&quot;Abbiamo collegato Capanna Margherita, il rifugio più alto d'Europa, a 4556 m di altezza, con Pian Cavallaro, sull'Appennino Tosco-Emiliano, a 295 chilometri di distanza - dice Trinchero - offrendo una velocità stabile di 20 megabit al secondo. La rete di collegamento è stata da subito utilizzata per rendere disponibile la connettività internet a banda larga agli ospiti del Rifugio e per l'installazione di una webcam che ogni 15 secondi trasmette immagini ad alta risoluzione sul sito web del laboratorio iXem del Politecnico di Torino. E questa estate puntiamo a trasmettere anche a 340 chilometri&quot;.</p><p align="justify"><br /><br /><a href="http://www.wintricks.it/framer.php?url=http://www.repubblica.it/2005/j/sezioni/scienza_e_tecnologia/wifi/record-collegamento/record-collegamento.html" target="_blank"> <li>Altre Info</li> </a><br /><br />

Thor
28-05-2007, 09.11.27
(Y) grandi!

speriamo questa possibilità di ampissimo raggio e zero costo diventi presto di uso pubblico!

marck
28-05-2007, 10.19.48
Ovviamente avranno superato il limite di potenza di emissione che per il Wi-Fi è fissato in 20db (100mW) EIRP proprio per far sì che troppi apparati attivi non interferiscano tra loro (ci sono solo una 10 di canali possibili che possono essere contemporaneamente attivi nella stessa zona). Se tutti si mettono a sparare a 5, 10 o 15 Watt nessuno riuscirebbe a trasmettere. Quindi assurdo paragonare questo esperimento al Wi-Fi, Hiperlan o Wimax che siano perchè le portate di queste tecnologie sono limitate dalla regolamentazione sulla potenza di emissione, non tanto dalla tecnologia in sè.

bricci_mn
28-05-2007, 15.36.56
Ovviamente avranno superato il limite di potenza di emissione che per il Wi-Fi è fissato in 20db (100mW) EIRP [...] perchè le portate di queste tecnologie sono limitate dalla regolamentazione sulla potenza di emissione, non tanto dalla tecnologia in sè.

Quoto in toto e sottoscrivo.
La stessa rete 11g con le belle antennine direttive che si trovano anche alle fiere radiantistiche e qualche accrocchio ai firmware/driver supera di gran lunga la limitata portatata delle antenne omnidirezionali presenti sugli Access Point. Visto a casa di un amico che fornisce soluzioni pratiche e molto molto economiche a chi glielo chiede... ;)

Gergio
28-05-2007, 16.02.19
Ovviamente avranno superato il limite di potenza di emissione che per il Wi-Fi è fissato in 20db (100mW) EIRP proprio per far sì che troppi apparati attivi non interferiscano tra loro (ci sono solo una 10 di canali possibili che possono essere contemporaneamente attivi nella stessa zona). Se tutti si mettono a sparare a 5, 10 o 15 Watt nessuno riuscirebbe a trasmettere. Quindi assurdo paragonare questo esperimento al Wi-Fi, Hiperlan o Wimax che siano perchè le portate di queste tecnologie sono limitate dalla regolamentazione sulla potenza di emissione, non tanto dalla tecnologia in sè.ovviamente, prima di fare questa affermazione, hai controllato, vero?


Sospettavo... ;)

prova a guardare qui (http://www.ixem.polito.it/research/record_2007/project_e.htm): e' inglese, ma credo sia abbastanza comprensibile The technology used to implement the network is Hiperlan type 2 and Wi-Max 802.16. EIRP regulatory requirements limited to 30 dBm is satisfied.

Gergio
28-05-2007, 16.13.54
forse non tutti sanno che

L'EIRP è la Potenza Isotropica Effettiva Irradiata (Isotropica significa 'in ogni direzione') ed indica la potenza che 'esce' effettivamente dall'antenna. L'EIRP è sempre limitato per legge: in Italia gli apparati Radiolan a 2.4GHz hanno il limite di 20dBm EIRP, pari a 100mW, gli apparati Hiperlan Outdoor (5.4-5.7GHz) sono limitati a 30dBm, pari ad 1W, e gli SRD non specfici a 5.8GHz hanno il limite di 25mW pari a circa 14dBm)

winnet
28-05-2007, 21.13.16
Ovviamente avranno superato il limite di potenza di emissione che per il Wi-Fi è fissato in 20db (100mW) EIRP proprio per far sì che troppi apparati attivi non interferiscano tra loro (ci sono solo una 10 di canali possibili che possono essere contemporaneamente attivi nella stessa zona). Se tutti si mettono a sparare a 5, 10 o 15 Watt nessuno riuscirebbe a trasmettere. Quindi assurdo paragonare questo esperimento al Wi-Fi, Hiperlan o Wimax che siano perchè le portate di queste tecnologie sono limitate dalla regolamentazione sulla potenza di emissione, non tanto dalla tecnologia in sè.
Non è che magari si è dato un'occhio all'articolo linkato prima vero?
Lavorano con potenza bassissima (-2 dBm), trascurabile rispetto a quella di un comune telefono cellulare, nel pieno rispetto della normativa nazionale ed internazionale. Li abbiamo collegati a delle antenne direzionali e siamo riusciti a spedire a 300 km di distanza non solo internet, ma anche servizi di telefonia Voip e di videoconferenze".

marck
28-05-2007, 21.54.59
Non è che magari si è dato un'occhio all'articolo linkato prima vero?

se il tx power è -2 dBm allora per stare nei limiti del Wi-fi 2,4Ghz (20 dB EIRP) non devono aver usato antenne di guadagno superiore a 22dB. Con questa combinazione IMHO è già difficile fare 10km

Se hanno usato Hiperlan2 e/o Wimax allora già non si può chiamare Wifi, stiamo lavorando a 5,4Ghz ed il limite di emissione è di 30dBm EIRP che, con tx a -2, consente di usare antenne che guadagnino al massimo 32dB. Anche in questo caso IMVHO non si può andare molto oltre i 20-25km.

Sarei curioso di sapere che modello di radio e di antenna hanno usato (visto che citano la marca, Andrew) e con che guadagno. Però non è scritto da nessuna parte.

marck
28-05-2007, 22.06.41
ovviamente, prima di fare questa affermazione, hai controllato, vero?
Sospettavo... ;)


Certo che l'ho letto, ma la mia esperienza mi lascia molto perplesso sulla possibilità di trasmettere 20Mbps a 300km di distanza con 30dBm EIRP a disposizione. Sarebbe un insulto a tutti i produttori mondiali di ponti radio, che hanno moltissimi soldi in più da investire rispetto al politecnico di TO, e che a malapena riescono a fare 1/10 di quella distanza con 30 dBm EIRP.

Se potessi avere in mano qualche dato tecnico in più di un articolo di giornale (che già parte male confondendo Wi-fi con Hiperlan2 e pre-wimax) sarebbe meglio.

Gergio
29-05-2007, 10.31.41
L'articolo di giornale e' fatto per diffondere la notizia e il concetto di WiFi e' piu' comprensibile per molti, rispetto a Hiperlan o WiMax. Dopotutto per l'utente finale e' comunque una tecnologia che permette di avere una connessione senza fili: non importa "cosa c'e' dentro". Quindi non puoi pretendere che un giornale che ha un target tanto vasto e "popolare" si metta a fornire dettagli tecnici, che pochi potrebbero comprendere.
Il Laboratorio Ixem, come avrai notato, non ha ancora rilasciato pubblicazioni, pero' puoi provare a chiedere direttamente le informazioni che desideri: sul sito che ho linkato ci sono pure i riferimenti.

unoDiiXem
01-06-2007, 00.08.45
Ciao, sono uno dei ricercatori del progetto del laboratorio iXem di cui stavate parlando.

Intervengo solo per una precisazione (e mi rivolgo soprattutto all'utente marck): noi siamo un gruppo di ricerca che ha come scopo dimostrare che si può fare un collegamento di backbone a basso costo e con una banda sufficientemente elevata. Lo facciamo soprattutto perchè vogliamo dimostrare che colmare il digital divide tra paesi industrializzati e paesi del Terzo Mondo non ha un costo elevato!

Per quanto riguarda l'emissione di potenza, il limite di EIRP NON è stato violato! Vi vorrei far notare che nn ci siamo mai presentati come un gruppo "privato" ma sempre come POLITECNICO DI TORINO e questo dovrebbe essere per voi e per tutti una garanzia!

Che siate perplessi su quello che siamo riusciti a fare è normale, anzi, mi stupirebbe il contrario! Se fare 300 km fosse alla portata di tutti, noi non l'avremmo fatto. Siamo ingegneri...

Cmq vi consiglio di tenere d'occhio il sito, sentirete parlare ancora di noi.

Ciao !

Variac
19-06-2007, 14.26.00
http://www.guru3d.com/newsitem.php?id=5473

382Km