PDA

Visualizza versione completa : I grandi problemi dell'Italia: Un gabinetto per Luxuria


NightMan
27-10-2006, 17.42.52
Gardini contro Luxuria: "Non puoi usare il bagno delle donne" (http://www.repubblica.it/2006/10/sezioni/politica/gardini-luxuria/gardini-luxuria/gardini-luxuria.html)

No comment...

sono arrivato
27-10-2006, 17.44.05
ma la fa in piedi :devil:
o seduta :inn:

Flying Luka
27-10-2006, 17.51.25
Beh in effetti penso che nessuno abbia proprio torto, ma neanche ragione.

Coraggio, miei "prodi", nessun problema.

Nuova tassa in arrivo per la costruzione a Montecitorio di un bagno per transex! :D:D:D

Sbavi
27-10-2006, 17.52.24
Mi farebbe un po di senso beccarlo/a nel bagno, in piedi, con il fagiolo in mano :eek:

Flying Luka
27-10-2006, 17.55.15
Mi farebbe un po di senso beccarlo/a nel bagno, in piedi, con il fagiolo in mano :eek:


Credo che forse questo sarebbe il problema anche del gentil sesso!

Anche se in fondo può sempre entrate e chiudersi dentro una cabina. Intendo dire che non è obbligata a farla nel vespasiano, tanto per intenderci.

Doomboy
27-10-2006, 17.56.12
Non prendetemi per "xenofobo" o per "bigotto".... Ma c'ha il pisello? Allora la facesse nel bagno degli uomini.

:o

Gergio
27-10-2006, 18.02.56
Credo che forse questo sarebbe il problema anche del gentil sesso!
Anche se in fondo può sempre entrate e chiudersi dentro una cabina. Intendo dire che non è obbligata a farla nel vespasiano, tanto per intenderci.

non penso nemmeno che ci sia un vespasiano nel bagno delle donne... ;)


mi viene in mente che anni (e anni) fa al politecnico ero intento a soddisfare un bisogno fisiologico in un bagno (della nave, per chi sa cosa sia), usando appunto uno orinatoio a muro. Sono li' che espleto e entrano un paio di ragazzE e si mettono li' vicino a fumare e chiacchierare. Il primo pensiero e' stato: oddio ho sbagliato cesso! Poi mi sono reso conto di cosa stavo facendo e dove e ho pensato: hanno sbagliato loro. Piu tardi ho scoperto che, ai tempi, i bagni non erano separati :p

Sbavi
27-10-2006, 18.04.30
:eek: cioè stavi cacando nell'orinatoio a muro? :eek:

Dav82
27-10-2006, 18.04.55
gergio ma che sei, 'na cariatide? :D Ora son tutti divisi cmq, direi :o

Gergio
27-10-2006, 18.05.20
@ sbavi

:D e dove l'ho scritta qsta cosa?

Sbavi
27-10-2006, 18.16.08
@ sbavi
:D e dove l'ho scritta qsta cosa?

Beh, da come hai posto il periodo sembrava così :p

NightMan
27-10-2006, 18.51.17
Non prendetemi per "xenofobo" o per "bigotto".... Ma c'ha il pisello? Allora la facesse nel bagno degli uomini.
:o


Effettivamente, per me, il fulcro del problema è tutto qui.
Non so se Luxuria ha il pisello o la patatina (cioè non so se si è operata o meno) però penso che nel primo caso sia più giusto che vada nel bagno degli uomini mentre nel secondo non vedo il problema a farla andare nel bagno delle donne. Insomma io troverei una soluzione sostituendo i classici bagni per "uomini" e per "donne" con bagni per "pisellati" e "spisellati"...
così non si discrimina nessuno ( a parte gli ermafroditi...)

Flying Luka
27-10-2006, 19.12.59
non penso nemmeno che ci sia un vespasiano nel bagno delle donne... ;)
[OT]


Intendevo "vespasiano" nell'eventualità si fosse recata nel bagno degli uomini, ovviamente.

Gigi75
27-10-2006, 19.15.42
la Gardini chi?
quella che non sapeva cosa fosse la Consob? :eek: :rolleyes:

....europa europa... :D

Dav82
27-10-2006, 21.05.30
Lei :D :D E dubito che alle altre domande abbia risposto :p

zen67
28-10-2006, 00.29.53
la Gardini chi?
quella che non sapeva cosa fosse la Consob? :eek: :rolleyes:
....europa europa... :D
si si la portavoce di berlusconi e di Fi... :D oramai derubricata anche da loro, si sono accorti del valore intrinseco della donna in questione... :devil:

wilhelm
28-10-2006, 08.22.43
:eek: :mad:


Fossero questi i problemi...

Bea*
28-10-2006, 08.45.46
IO non vedo proprio dove sia il problema. Luxuria è una donna, ha l'aspetto da donna, i modi di fare di una donna...chissà con quanti transgender la Gardini ha condiviso il bagno senza saperlo!
E poi che maleducata, bigotta e ignorante...ti pare che chiami le guardie perché c'é Luxuria al bagno?!

fisiologohifi
28-10-2006, 10.01.24
Non prendetemi per "xenofobo" o per "bigotto".... Ma c'ha il pisello? Allora la facesse nel bagno degli uomini.
:o
:inn:

Variac
28-10-2006, 10.44.42
IO non vedo proprio dove sia il problema. Luxuria è una donna, ha l'aspetto da donna, i modi di fare di una donna...chissà con quanti transgender la Gardini ha condiviso il bagno senza saperlo!
E poi che maleducata, bigotta e ignorante...ti pare che chiami le guardie perché c'é Luxuria al bagno?!

...Beh che abbia un'aspetto da donna non so da cosa l'hai notato. A me sembra un uomo, vestito x martedì grasso.

infinitopiuuno
28-10-2006, 12.23.37
Serve una legge quadro. E necessita una visita medica per il controllo dell'organo "riproduttivo".

Se maschile dovrebbe entrare dalla porta dove è indicato un omino.

Se ci fosse più civiltà si sarebbe già da anni aperto un bagno per transgender, trans, crossdresser ecc. prevedendo entrambi i tipi di "gabinetto".

Piledriver
28-10-2006, 12.27.03
e se mettessero un bagno per f***i e l*****he?

Doomboy
28-10-2006, 14.25.32
Se ci fosse più civiltà si sarebbe già da anni aperto un bagno per transgender, trans, crossdresser ecc. prevedendo entrambi i tipi di "gabinetto".

Su questo non sono d'accordo: Un bagno per "i diversi" sarebbe ghettizzazione. Niente di più.

Secondo me non servono bagni "ad-hoc". E non conta se ti senti uomo o donna. Se BIOLOGICAMENTE ed ORGANICAMENTE sei maschio, la fai nel bagno dei maschi e viceversa. Non mi sembra così bigotto o sbagliato, come discorso.

La differenziazione delle toilette uomo/donna nasce dalle effettive differenze pratiche e le differenti necessità igieniche.

Vladimir Luxuria potrà anche fare pipì seduta, ma di fatto credo debba usare il bagno per gli uomini, finchè "tecnicamente" rimane un uomo.


IMHO!

biologist1972
28-10-2006, 14.38.55
Su questo non sono d'accordo: Un bagno per "i diversi" sarebbe ghettizzazione. Niente di più.
Secondo me non servono bagni "ad-hoc". E non conta se ti senti uomo o donna. Se BIOLOGICAMENTE ed ORGANICAMENTE sei maschio, la fai nel bagno dei maschi e viceversa. Non mi sembra così bigotto o sbagliato, come discorso.
La differenziazione delle toilette uomo/donna nasce dalle effettive differenze pratiche e le differenti necessità igieniche.
Vladimir Luxuria potrà anche fare pipì seduta, ma di fatto credo debba usare il bagno per gli uomini, finchè "tecnicamente" rimane un uomo.
IMHO!

perfettamente d'accordo, però mi sorge un dubbio: le donne gradirebbero che si aggirasse nei loro bagni una persona vestita da donna, ma fisicamente uomo a tutti gli effetti?

Doomboy
28-10-2006, 14.53.33
perfettamente d'accordo, però mi sorge un dubbio: le donne gradirebbero che si aggirasse nei loro bagni una persona vestita da donna, ma fisicamente uomo a tutti gli effetti?

Infatti ripeto il mio concetto: Finchè hai gli organi sessuali esterni maschili, vai al bagno degli uomini.

Silence
28-10-2006, 14.59.26
la Gardini chi?
quella che non sapeva cosa fosse la Consob? :eek: :rolleyes:
....europa europa... :D


Si si proprio quella!

Ma lo stile di vita Darfur non lo batte nessuno :D :D :D

NightMan
28-10-2006, 15.13.21
e se mettessero un bagno per f***i e l*****he?

Eh no, non ci siamo, per me questa sarebbe discriminazione vera. Ribadisco il mio concetto di regola che poi equivale a quello di doom: "Se hai il pisello vai nel bagno degli uomini, se non ce l'hai vai in quello delle donne".
L'unica alternativa che pure condividerei sarebbe quella di eliminare proprio la distinzione e fare cessi unici dove tutti possano entrare indistintamente dal loro sesso o dalla loro inclinazione sessuale.

Dav82
28-10-2006, 15.15.16
Nel merito del problema, tolta l'ilarità che genera uno strano personaggio come la Gardini :D, mi trovo d'accordo con Doom :)

Cmq anche il "cesso unico" non sarebbe poi così stramba come idea: alla fine non mi sembra un problema se lo spazio comune dei lavandini viene condiviso da donne e da uomini... per dirla terra terra, non stai col pistulin al vento quando ti lavi le mani! Quando poi devi dare spazio al richiamo della natura, ti chiudi la porta alle spalle. L'unica cosa è togliere i vari vespasiani, che ovviamente non potrebbero stare in luogo comune.

Robbi
28-10-2006, 15.16.24
perfettamente d'accordo, però mi sorge un dubbio: le donne gradirebbero che si aggirasse nei loro bagni una persona vestita da donna, ma fisicamente uomo a tutti gli effetti?

Guarda e' una cosa che volevo sperimentare lunedi' mattina in ufficio.

Siccome io a volte mi sento tutta femmina voglio proprio vedere che ne pensano le mie colleghe. Mi presento con il wuberone in bella vista e poi vediamo che succede!! :devil:

Per il resto sono d'accordo al 120% con il mio amato Doom.

Quando il Sig. Luxuria passera' per Casablanca e dara' un bel taglio netto niente da dire, ma finche' ha la miccetta, fa il piacere di accomodarsi al cesso per gli uomini :rolleyes:

Mi vien da ridere :D con tutti i problemi che abbiamo... di dove va a pisciare Luxuria ci dobbiamo preoccupare
LOL :D

Dav82
28-10-2006, 15.22.30
ma finche' ha la miccetta

Quante cose che cambiano per una "c" in più o in meno :D :D :inn:

Silence
28-10-2006, 15.33.31
Quante cose che cambiano per una "c" in più o in meno :D :D :inn:

http://www.yourimages.org/upload/116204623243.gif

NightMan
28-10-2006, 15.46.19
Cmq anche il "cesso unico" non sarebbe poi così stramba come idea

Dav, l'ho buttata lì così per dire ma è una cosa a cui non credo. In verità il cesso unico sarebbe un grande problema soprattutto per i maschi. Ma ti immagini se entro nel bagno, faccio la mia pisciatina, poi entra subito dopo una donna e magari si viene a lamentare se ho scrollato una goccetta sul bordo water o se non ho scaricato? E poi, vogliamo parlare degli specchi o dei lavandini? Per noi uomini diventerebbero terreno minato, sempre occupati da orde di donne che "devono" truccarsi. Mamma mia, Dio ci scampi da questa tragedia...

infinitopiuuno
28-10-2006, 15.49.28
Il mio era un post ironico. Ci mancherebbe pure il bagno per i trans....siamo mica in Brasile!

Da un lato, se le cose avvengono in Parlamento, è giusto che chi è munito di organo maschile, vada nei bagni maschili ma non vorrei che la cosa si estendesse a livello nazionale:)

Entrare nel bagno uomini e trovare uno come Lux che si trucca, mi scioccherebbe alquanto:o

Dav82
28-10-2006, 15.54.34
Ma anche io credo che mai ci sarà una "organizzazione dei bagni" di questo tipo.

Però scusa, ma lasciare un ricordino sul bordo del water o non tirare lo sciacquone non è neanche cosa da prendere in considerazione, è una cosa di estrema inciviltà! E vale per un uomo nei confronti di una donna, per una donna nei confronti di un uomo, per un uomo nei confronti di un uomo e per una donna nei confronti di una donna, non c'è alcuna differenza... è una questione di igiene, di correttezza e di civiltà!
Tu non ti lamenteresti a trovare un bagno in quelle condizioni?

Se uno si comporta civilmente non ha di questi problemi, uomo o donna che sia ;)

Piledriver
28-10-2006, 15.59.56
Eh no, non ci siamo, per me questa sarebbe discriminazione vera. Ribadisco il mio concetto di regola che poi equivale a quello di doom: "Se hai il pisello vai nel bagno degli uomini, se non ce l'hai vai in quello delle donne".
L'unica alternativa che pure condividerei sarebbe quella di eliminare proprio la distinzione e fare cessi unici dove tutti possano entrare indistintamente dal loro sesso o dalla loro inclinazione sessuale.

Sarebbe una buona idea.....

infinitopiuuno
28-10-2006, 16.06.25
Hmm il partito del bagno unico avrebbe poca vita...ma voi lo sapete cosa fanno le donne nei bagni?????

real7
28-10-2006, 16.07.31
Ma anche io credo che mai ci sarà una "organizzazione dei bagni" di questo tipo.
Però scusa, ma lasciare un ricordino sul bordo del water o non tirare lo sciacquone non è neanche cosa da prendere in considerazione, è una cosa di estrema inciviltà! E vale per un uomo nei confronti di una donna, per una donna nei confronti di un uomo, per un uomo nei confronti di un uomo e per una donna nei confronti di una donna, non c'è alcuna differenza... è una questione di igiene, di correttezza e di civiltà!
Tu non ti lamenteresti a trovare un bagno in quelle condizioni?
Se uno si comporta civilmente non ha di questi problemi, uomo o donna che sia ;)
sei mai stato in un gabinetto lungo le autostrade d'Italia,altro che ricordino sul bordo del water, ho visto m.... anche sul soffitto

Dav82
28-10-2006, 16.10.06
Eh lo so bene come sono, lo so bene... ed è un'indecenza che la gente li lasci così :S

Doomboy
28-10-2006, 16.59.56
Cmq anche il "cesso unico" non sarebbe poi così stramba come idea:

Mica vero, Dav!

Per esempio, quante volte alzi la tavoletta prima di fare pipì? Pensa se una donna si dovesse sedere sulla toilette pubblica dove uno o più uomini, passati prima di lei, non hanno alzato la tavoletta prima di fare pipì...

Dav82
28-10-2006, 17.17.31
Io mai la alzo, in effetti... ma perchè appunto, siccome fare centro - specie quando ti svegli alle sei di mattina - non è facile... adotto altre soluzioni ;) Nel senso: o uno sa di non lasciare tracce del proprio passaggio, e allora può farla in piedi etc etc, altrimenti si ingegna e magari si siede, con copriwater (o senza se è casa propria), o se è nel fiore degli anni e i quadricipiti lo sostengono, può farne a meno... non so, non mi sembra stramba come cosa... io non concepisco il fatto che sia in qualche modo scusabile o comprensibile lasciare il "goccino" e che qualcuno poi non possa sedersi perchè c'è sporco (o usare il copriwater, perchè se c'è la tavoletta "schizzata" ti sfido io)

Certo, la praticabilità effettiva di questa cosa è nulla, perchè c'è sempre qualche zozzone, e infatti come dicevo questo tipo di organizzazione dei bagni non ci sarà mai.

klarence
28-10-2006, 17.25.49
luxuria è un transessuale pertanto è ancora maschio anche se si sente donna. un conto è chiamarlo come una donna e con il suo nome femminile per rispetto al fatto che si sente una lei, ma per lo stato è ancora maschio.

Flying Luka
28-10-2006, 18.12.40
Mica vero, Dav!
Per esempio, quante volte alzi la tavoletta prima di fare pipì? Pensa se una donna si dovesse sedere sulla toilette pubblica dove uno o più uomini, passati prima di lei, non hanno alzato la tavoletta prima di fare pipì...

E che ne sai?

Magari l'On. Luxuria, malgrado l'attriibuto maschile, si siede per far la pipì!

:devil:

NightMan
28-10-2006, 18.20.07
E che ne sai?
Magari l'On. Luxuria, malgrado l'attriibuto maschile, si siede per far la pipì!
:devil:
Hai ragione. Sedersi per far pipì NON E' DA UOMINI! L'uomo vero mira e centra il bersaglio dall'alto. Se Luxuria si siede, può andar benissimo nel bagno femminile. :inn:

biologist1972
28-10-2006, 20.03.42
Qualche tempo fa, Luxuria intervistata da Fazio, asserì che non si sarebbe mai operata poiché essendo transgender non si sentiva di appartenere a nessuno dei due sessi, ma gradiva migrare da un genere all'altro, condizione ambigua pertinente al termine stesso che indica la loro categoria.
Non ho mai afferrato perché si veste da donna se sono questi i suoi presupposti psicologici. :mm:
Quindi se entra in un bagno femminile, mi sembrano giuste le sollevazioni delle onorevoli. L'individuo in questione, non ha mai rinunciato alla sua componente maschile. ;)

Bea*
29-10-2006, 09.58.24
Leggendo un po' le posizioni in questa discussione sembra che l'unica soluzione possibile sia quella di calarsi i pantaloni in una sorta di anticamera per stabilire il bagno da usare. Io credo che nessuno di noi sa per certo con chi condivide i bagni pubblici e in considerazione di questo è necessario essere un po'
elastici e dare al problema la giusta misura! Io non mi sentirei a disagio a condividere il bagno con un transgender, che si veste da donna, che si sente e si comporta come una donna e che soprattutto si sente a disagio a usare il bagno degli uomini. Credo che ogni tanto bisognerebbe avere la capacità di considerare un problema da diversi punti di vista e non focalizzarlo solo su se stessi. Di fronte ad una società che cambia ed è in continuo movimento credo non ci siano documenti di identità e considerazioni anatomiche che reggono! Sono un po' delusa da questa discussione...credevo fossimo un passettino più avanti.

Feintool
29-10-2006, 10.23.29
Leggendo un po' le posizioni in questa discussione sembra che l'unica soluzione possibile sia quella di calarsi i pantaloni in una sorta di anticamera per stabilire il bagno da usare. Io credo che nessuno di noi sa per certo con chi condivide i bagni pubblici e in considerazione di questo è necessario essere un po'
elastici e dare al problema la giusta misura! Io non mi sentirei a disagio a condividere il bagno con un transgender, che si veste da donna, che si sente e si comporta come una donna e che soprattutto si sente a disagio a usare il bagno degli uomini. Credo che ogni tanto bisognerebbe avere la capacità di considerare un problema da diversi punti di vista e non focalizzarlo solo su se stessi. Di fronte ad una società che cambia ed è in continuo movimento credo non ci siano documenti di identità e considerazioni anatomiche che reggono! Sono un po' delusa da questa discussione...credevo fossimo un passettino più avanti.


(Y)
Sono d'accordo con te Bea, e' per questo che mi sono astenuto dal commentare il thread, ideologie a parte il senso di umanita' non dovrebbe mai venire meno.. da ogni direzione.

infinitopiuuno
29-10-2006, 14.34.48
Anch'io mi sono trattenuto. Linko un bel passaggio di Klaus Mondrian che ci porterà ad un più civile senso delle cose.

http://www.progettocomunista.it/mondrian_dichiarazione.htm

NightMan
29-10-2006, 17.14.16
Leggendo un po' le posizioni in questa discussione sembra che l'unica soluzione possibile sia quella di calarsi i pantaloni in una sorta di anticamera per stabilire il bagno da usare. Io credo che nessuno di noi sa per certo con chi condivide i bagni pubblici e in considerazione di questo è necessario essere un po'
elastici e dare al problema la giusta misura! Io non mi sentirei a disagio a condividere il bagno con un transgender, che si veste da donna, che si sente e si comporta come una donna e che soprattutto si sente a disagio a usare il bagno degli uomini. Credo che ogni tanto bisognerebbe avere la capacità di considerare un problema da diversi punti di vista e non focalizzarlo solo su se stessi. Di fronte ad una società che cambia ed è in continuo movimento credo non ci siano documenti di identità e considerazioni anatomiche che reggono! Sono un po' delusa da questa discussione...credevo fossimo un passettino più avanti.

Penso che molti qui, come me, hanno scritto in maniera ironica. L'idea di fondo rimane ma, alla fine, cosa vuoi che ce ne freghi veramente se Vladimir Luxuria utilizza il bagno delle donne o quello degli uomini. Il problema è che in questo paese una ca**ata del genere si trasforma in una polemica incredibile mentre ci si dovrebbe scandalizzare di ben altre cose...

Robbi
29-10-2006, 20.18.14
Scusa Bea.. ma delusa da che?? da una discussione con una piega chiaramente ironica??

Io a volte faccio un po' il pirla, ma ti garantisco che sono una persona serissima, sinceramente democratica e aperta ad una visione del mondo meno bigotta e manichea possibile, non ti sto neanche a dire che approvo incondizionatamente il tuo pensiero, ma noto che sempre piu' spesso ci si prende troppo sul serio e questo argomento, spero concorderai, non merita di assurgere agli onori della cronaca. :)


Per il resto concordo con ssj, capisco possa essere un problema per l'On. Gardini e L'On. Luxuria, e per il giornali che riempiono pagine e pagine di inutili commenti, personalmente dove va a espletare le sue necessita' fisioligiche interessa molto relativamente, ho piu' a cuore una famiglia ( e ce ne sono tante) che non arriva a fine mese!

Doomboy
29-10-2006, 20.32.30
Per il resto concordo con ssj, capisco possa essere un problema per l'On. Gardini e L'On. Luxuria, e per il giornali che riempiono pagine e pagine di inutili commenti, personalmente dove va a espletare le sue necessita' fisioligiche interessa molto relativamente, ho piu' a cuore una famiglia ( e ce ne sono tante) che non arriva a fine mese!

La parte seria del discorso mi porta a questa riflessione:

E' fin troppo facile strumentalizzare un personaggio come "Vladimir Luxuria" a fini politici, e la mia opinione è che sia stato messo lì apposta per essere uno "strumento". Ma è la mia opinione e tale resta.

Apparte questo, io cercherei di rendere la questione più pratica possibile. Non conta, secondo me, se la persona in questione si sente donna o uomo o un trangender a metà tra i due universi.

Anzi, onestamente trovo che vista la carica che ricopre, sarebbe più corretto che si presentasse al suo ruolo ISTITUZIONALE usando il suo nome e non uno pseudonimo, per altro volutamente "estroso", per non dire altro.

La Gardini (che certo voglio difendere) ha fatto l'errore di cascare in una "trappola", nel senso che è ovvio che la situazione è di persè strumentalizzabile. Detto ciò, trovo che non abbia avuto tutti i torti a lamentarsi. Ma lo doveva fare sicuramente in modo molto meno pubblico.
La mia opinione poi resta quella già espressa: Non ho nulla contro la persona o con le persone che scelgono una sessualità che vada oltre gli stereotipi uomo o donna, però qui il punto è un altro. Luxuria "gioca" col suo essere ambiguo, e siccome non si tratta di Platinette su Canale5, ma di un parlamentare del Governo, sarebbe forse il caso che si inquadrasse la cosa entro certi canoni meno "spettacolari" e più istituzionali.

In questo non vedo bigotteria o xenofobia o altre posizioni volte a minare la libertà dell'individuo.


:)

Bea*
29-10-2006, 20.51.29
Delusa dal fatto che alle volte la soluzione mi sembra talmente semplice che è un peccato nasconderla dietro un velo d'ironia. :)

Robbi
29-10-2006, 21.09.32
Doom, il tuo pensiero era gia' chiarissimo nel tuo primo intervento:)

Ora se Luxuria sia una sorta di "provocatore" non lo so.
Non lo conoscevo, ma credevo fosse il solito personaggio strumentalizzabile, con un certo seguito, messo apposta per raccatare voti!.

Ho avuto modo di sentire qualche suo intervento nelle varie tribune politiche, debbo dire che avevo una opinone errata, e' una persona che ha un certo spessore politico e non mi sembra utilizzi la sua "diversita'" per i soliti polveroni mediatici!
Detto questo, credo che la cosa di per se stesso, abbia anche travalicato le intenzioni di ambedue i personaggi.

Come al solito sono gli organi di stampa e i media televisivi che NON sapendo piu' come fare per vendere la loro poca mercanzia, in mancanza di qualunque strategia e di qualunque idea, di un progetto editoriale SERIO, che possa attirare l'opinone pubblica su qualcosa che non sia Costantino Vitagliano, le risse di buona domenica e similia, di meglio non hanno per riempire pagine, e ore di trasmissioni , che queste baruffe chiozzotte di Goldoniana memoria!!
:)

Robbi
29-10-2006, 21.13.01
Delusa dal fatto che alle volte la soluzione mi sembra talmente semplice che è un peccato nasconderla dietro un velo d'ironia. :)

Come vedi Bea, da qualche post in qua... ci stiamo impegnando.
;)

zen67
30-10-2006, 09.01.16
Penso comuque che nel bagno delle donne (non vi sono mai entrato... ;) ) ma non ci siano vespasiani... per tornare a noi dunque "luxuria" dentro codesti bagni sicuramente sarà entrato ed avrà chiuso la porta della toilette per fare i suoi bisogni.. ma che sta gardini ha guardato dalla serratura e si è scandalizzata o che ha fatto? Se una persona vestita da donna entra in un bagno donne, chiude la porta della sua toilette fa qualcosa di sbagliato..
Questa si è sentita offesa? Ma che vada a fare un po di servizio civile in sostegno delle donne violentate e poi se ne riparla....



La gardini ha fatto sta caciara tanto per far politica, mi spiego: questo è il livello max cui questa nostra :grrr: parlamentare può raggiungere (visti anche gli ulitimi esami delle iene...) penso non abbia tenuto conto il massimo ottenibile era quello di farsi additare come discriminatrice cosa che ovviamente e a ragione è avvenuto.
Del resto da un personaggio politico di tale levatura (non so se ancora portavoce di fi o è stata sollevata per incompetenza..) non ci si può aspettare di meglio...
Ed in più si becca un fracco di soldi alla faccia nostra... :grrr:

The_Prof
30-10-2006, 10.20.59
Delusa dal fatto che alle volte la soluzione mi sembra talmente semplice che è un peccato nasconderla dietro un velo d'ironia. :)

Provo ad impegnarmi anch'io :D
La separazione dei gabinetti e' dovuta solo ad una profilassi igienica, per evitare che il gentil sesso, data la minor lunghezza dell'uretra, contragga infezioni alle parti intime, sedendosi dove prima e' stata effettuata una minzione maschile, magari con la presenza di residuo post minzionale.
Quindi il/la/boh Luxuria vada nel cesso confacente alla lunghezza della sua uretra :D

Ciao :)

Robbi
30-10-2006, 10.29.40
Ma LOL :D:D:D
Cesare... ti ho mai detto che ti amo?

biologist1972
30-10-2006, 13.33.16
Provo ad impegnarmi anch'io :D
La separazione dei gabinetti e' dovuta solo ad una profilassi igienica, per evitare che il gentil sesso, data la minor lunghezza dell'uretra, contragga infezioni alle parti intime, sedendosi dove prima e' stata effettuata una minzione maschile, magari con la presenza di residuo post minzionale.
Quindi il/la/boh Luxuria vada nel cesso confacente alla lunghezza della sua uretra :D
Ciao :)

ecco una spiegazione che non fa una grinza.... (Y) (Y) (Y)

Biologicamente in natura esistono due generi, succede a volte che un individuo nasce maschio, ma in realtà si sente femmina (o viceversa) e pertanto dopo una preparazione psicologica e clinica decide di subire un intervento chirurgico, cambiando sesso in maniera definitiva. Invece i transgender non avvertono questa pressione di mutare la propria sessualità e quindi non ripudiano quella d'appartenenza. Quindi l'onorevole in questione si sente uomo o donna in virtù della predisposizione del momento o del contesto che sta vivendo.
Rimanere un po' perplessi dinanzi a queste manifestazioni comportamentali, mi sembra del tutto normale. Per evitare di essere additato come bigotto o retrogrado da qualche presunto "avanguardista" dei costumi sessuali, devo fingere che queste personalità multiple siano del tutto normali nell'ambito dei nostri rapporti interpersonali quotidiani. Quanti di voi vedendo un uomo travestito che entra nel bagno delle donne, non rimarrebbe un attimo interdetto?
E le stesse signore vedendo questo omone truccato e con la parrucca, continuerebbero, impassibili, le loro attività, come se nulla fosse avvenuto?
Nell'approccio col prossimo, occorre tolleranza e rispetto, non certo l'ipocrisia di considerare "normali" situazioni e comportamenti che esulano dalla realtà di tutti i giorni e che possono generare un disagio momentaneo non etichettabile dal solito qualunquismo fintamente progressista.

miciomao
30-10-2006, 14.43.37
:eek: cioè stavi cacando nell'orinatoio a muro? :eek:

Chi ha detto che sbavi ha studiato delle suore pallottine ?

Bea*
30-10-2006, 18.16.34
ecco una spiegazione che non fa una grinza.... (Y) (Y) (Y)
Biologicamente in natura esistono due generi, succede a volte che un individuo nasce maschio, ma in realtà si sente femmina (o viceversa) e pertanto dopo una preparazione psicologica e clinica decide di subire un intervento chirurgico, cambiando sesso in maniera definitiva. Invece i transgender non avvertono questa pressione di mutare la propria sessualità e quindi non ripudiano quella d'appartenenza. Quindi l'onorevole in questione si sente uomo o donna in virtù della predisposizione del momento o del contesto che sta vivendo.
Rimanere un po' perplessi dinanzi a queste manifestazioni comportamentali, mi sembra del tutto normale. Per evitare di essere additato come bigotto o retrogrado da qualche presunto "avanguardista" dei costumi sessuali, devo fingere che queste personalità multiple siano del tutto normali nell'ambito dei nostri rapporti interpersonali quotidiani. Quanti di voi vedendo un uomo travestito che entra nel bagno delle donne, non rimarrebbe un attimo interdetto?
E le stesse signore vedendo questo omone truccato e con la parrucca, continuerebbero, impassibili, le loro attività, come se nulla fosse avvenuto?
Nell'approccio col prossimo, occorre tolleranza e rispetto, non certo l'ipocrisia di considerare "normali" situazioni e comportamenti che esulano dalla realtà di tutti i giorni e che possono generare un disagio momentaneo non etichettabile dal solito qualunquismo fintamente progressista.


Sarò strana io, ma rimango molto più perplessa difronte a certi discorsi che difronte ad una bella parrucca. Tra l'altro, proseguendo sulla tua linea, credo che anche i signori deputati non sarebbero contenti di condividere il bagno con un transgender imparruccato...qual'è allora la soluzione?! E proseguendo ancora su questa linea, prima o poi avremo comprensione anche per le signore deputate che si sentono offese dalla presenza di una loro collega lesbica in bagno?! Ieri, sul sito di repubblica, vedevo le foto dell'ultimo concorso di bellezza transgender: altro che parrucche e omoni...sfido chiunque a capire il sesso delle bellissime partecipanti. Rimango convinta del fatto che nessuno di noi sa per certo con chi condivide i bagni pubblici, e aggiungo: a nessuno di noi dovrebbe poi tanto interessare!

Variac
30-10-2006, 19.27.52
Invece secomdo me biologist1972 ha dato una bella risposta.
In sostanza, essere transgender esula da quella che si può definire normalità. Che entri in un bagno maschile o uno femminile suscita almeno un certo disagio/interdizione. La soluzione è semplicemente quella di accettare questo tizio/a nel bagno, il che non pregiudica accettarlo come la normalità quotidiana.
Da parte del transgender, deve prendere quegli accorgimenti per evitare il disagio.
(nel senso, non è che può entrare in un bagno di donne, ...una bella ravanata e batte il campanaccio sul bordo del cesso. o magari urlà roba tipo "booohhh deh che sgrullata" :) )
Sintesi: - per me non rientri nella normalità, ma ti rispetto e usa pure il mio bagno purchè tu lo faccia senza particolari ostentazioni provocatorie (in tutti i sensi).

Bea*
30-10-2006, 20.23.27
Ci provo, ma è veramente difficile per me non trovare dei pregiudizi in quel che dite. Detesto la negazione della parola "normalità" in relazione a una qualunque minoranza. Meglio dire che per l'italiano medio è insolito trovarsi di fronte ad un transgender. Ma il rapporto, e per me è fondamentale sottolienarlo, è c o m p l e t a m e n t e alla pari! Il primo non compie un atto di bontà accettando il secondo. E quest'ultimo non si deve attenere a delle regole particolari (che valgono solo per lui)...ma alle sempilici regole di convivenza e civiltà che valgono per tutti. E se non si capisce e non si parte da questo presupposto: per cui tutti sono uguali, nel senso che tutti hanno gli stessi diritti e le stesse libertà, è impossibile a mio avviso fare qualsiasi ragionamento, perché sarebbe sbagliato a priori.

Robbi
30-10-2006, 20.43.55
Ok Bea ;)

apprezzo il tuo ragionamento, ma non ti sembra che siamo un po' sui massimi sistemi??
Riconduciamo per un attimo la questione per quello che e', ovvero non meritevole di menzione!! Mi riferico alla diatriba Luxuria/Gardini

Quello che tu afferisci, si rifa' ad un piu' ampio concetto di civilta' sociale sostanzialmente siamo nel campo delle uguaglianze ideologiche e dei diritti fondamentali e su questo ovviamente sfondi una porta aperta!

No dai Bea ;) in questa discussione gogliardica non vedo pre-giudizi, vedo solo la voglia di sdrammatizzare una questione che e' assunta a un ruolo sin troppo rilevante!

Non e' con il diritto al cesso che i trangender o altre" minoranze" avranno maggiori visibilita' o maggiori tutele. Sono le battaglie civili quelle "alte" importanti che danno dignita' alla persona!! QUALUNQUE ESSA SIA!! Il resto e' solo barbarie concettuale!!
:)

Bea*
30-10-2006, 21.00.00
Credo che la carta dei diritti dell'uomo non valga solo davati alla corte di Strasburgo. Credimi, non voglio esagerare, ma mi spaventa un certo modo di parlare e ragionare. E' qualcosa che avverto talmente spesso: se a problemi così banali, non si riesce a dare una soluzione semplice ed equa (una soluzione che vista la banalità del problema dovrebbe veramente essere spontaneamente immediata)...figurati a problemi più importanti! :)

Variac
30-10-2006, 22.02.19
Ma scusa, allora se sono uguali, nel senso che tutti hanno gli stessi diritti e le stesse libertà, facciamo il bagno comune. Se a te non da fastidio vederti un uomo in bagno... figurati a me, anzi benvenga.
A sto punto la discussione si fa più ampia. Io credo che la distinzione bagni uomo/donna sia imputabile più a una causa femminile che maschile. Nondimeno in parecchi locali trovi più servizi per le donne che per gli uomini. A sto punto o siamo tutti uguali etc allora bagno unico, o siamo diversi, e quindi se io uomo sono diverso da te donna (come penso che sia), io uomo e te donna siamo diversi dal transgender che non è nessun dei due o meglio è un pò di tutti e due (inteso corpo/mente). Quindi, o facciamo un edificio solo bagni per uomini, donne, handicappati, transgender, trans, gay, lesbiche o che, o altrimenti riduciamo a soli 2/3 tipologie di bagni e ci adattiamo un pò tutti.
Inoltre non ci vedo niente di offensivo nell'usare il termine "normale", perchè non è inteso come "sano"; è ovviamente inteso come maggioranza.
Se uno nasce con i piedi piatti, non è "normale". Non è offensivo... purtroppo il piede umano non deve essere piatto ma avere l'incavatura. Certo può far male a sentirselo dire, chi dice il contrario. Ma infatti non è che io vado in giro a dare del normale a questo o a quello. Solo che se ci troviamo in discussione e dobbiamo mettere le carte in tavola, preferisco metterle scoperte, e non velarmi dietro a ideologie comuni, ipocrisie etc.
I pregiudizi li hanno tutti... li hai anche tu, non credere. Alcuni possono essere messi da parte in una discussione seria, altri no probabilmente perchè il signor X che parla nel momento Y non ha proprio la coscienza che si sta poggiando su uno di essi.

Detto questo io ripeto, a vedermi nel bagno uno come Luxuria, a me metterebbe a disagio, però sono tranquillamente disposto a condividere il bagno. Non c'è nulla di favore/attinenza a regole. C'è solo da convivere, e io l'accetto tranquillamente. Solo che non desidero che una volta che io do la mia disponibilità, chi è dall'altra parte ne approfitti in maniera sbagliata.

...cavolo scrivo troppo io. poi la gente si stufa di leggere le mie ragioni.

Robbi
30-10-2006, 22.26.18
Credo che la carta dei diritti dell'uomo non valga solo davati alla corte di Strasburgo. Credimi, non voglio esagerare, ma mi spaventa un certo modo di parlare e ragionare. E' qualcosa che avverto talmente spesso: se a problemi così banali, non si riesce a dare una soluzione semplice ed equa (una soluzione che vista la banalità del problema dovrebbe veramente essere spontaneamente immediata)...figurati a problemi più importanti! :)

Ma Bea.. non so piu' come spiegarlo, questa e' una discussione con una forte base e componente ironica.

Io credo che ognuno di noi poi abbia singolarmente una sua posizione su una vicenda come questa.

Non necessariamente chi critica l'On Luxuria perche' usa la toilette delle donne e' necessariamente un reazionario o peggio ancora un revanscista ;)

Io per esempio mi baso su un dato oggettivo... se hai il pisellino ti accomodi nella toilette dei maschietti, che c'e' di strano??

Paradossalmente se una donna con tratti e atteggiamenti decisamente maschili venisse a fare la pipi' nella toilette dei maschi, personalmente non ci troverei nulla di strano, ma sant'iddio consentiamo anche a chi non la pensa in questo modo di poterlo sostenere, senza per questo sentirsi affibbiare l'etichetta di chi vuol mettere in discussione un diritto fondamentale come la carta dei diritti dell'uomo ( e aggiungo della donna)
:)

Bea*
30-10-2006, 22.44.14
Grazie mille per le risposte e le spiegazioni. Credo che la pensiamo in modo completamente diverso, succede, non è grave :) ;)

buona serata a tutti, Bea*

Robbi
30-10-2006, 22.56.33
ah figurati il bello delle diverse posizioni e' proprio questo ognuno e' libero di pensare cio' che crede.

Con una differenza, parlo per me ovviamente, io mi sono sforzato e ti ho anche detto di comprendere e condividere le tue posizioni TU NO!! Proprio vuoi voler avere ragione a tutti i costi!

Classico atteggiamento da radical chic di sinistra! Non me ne volere ;) Non c'e' nulla di male ad esserlo.
Ma la mia mentalita' operaista con i calli sulle mani a volte fatica a comprendere. Mio limite!!
Buona serata anche a te!!
:)

Bea*
30-10-2006, 23.58.45
Mi assumo tutte le mie responsabilità in maiuscolo :)...credimi, nonostante il tuo sforzo, la pensiamo in modo differente!

Robbi
31-10-2006, 00.05.53
Eppure, guarda ,sono un testone, ma non ti voglio convincere... figurati! a che pro?? NOn credo le nostre posizioni siano cosi' distanti devi solo scendere un po' tra i mortali ;)

Notte Bea ;)

Variac
31-10-2006, 00.17.25
....boia il mi soliloquio è finito nel cesso (per rimanere in tema).

zen67
31-10-2006, 09.01.53
:D :D :D

Sbavi
31-10-2006, 10.02.06
E se non si capisce e non si parte da questo presupposto: per cui tutti sono uguali, nel senso che tutti hanno gli stessi diritti e le stesse libertà, è impossibile a mio avviso fare qualsiasi ragionamento, perché sarebbe sbagliato a priori.

Perbacco! L'uguaglianza! :eek:

Ma io, uomo ignorante come tanti abituato a dormire nella paglia, avrò il fondamentale diritto di pensare che un transché? è un essere diverso da me e naturalmente deviato, o no?
Trovi qualcosa di sbagliato in questo? Credi che io alla prima occasione tiri fuori un manganello con lo scopo di epurare il mondo??
Non credi che a dispetto del nostro spaventoso modo di parlare e ragionare siamo lo stesso in grado di vivere le nostre vite, senza ledere la libertà della gente che ci sta intorno?

:)

zen67
31-10-2006, 10.21.37
all'uguaglianza dunque la parolina da aggingere è tolleranza...

sono arrivato
31-10-2006, 19.13.20
e' stato appurato se fa la pipi' in piedi o seduta?

biologist1972
31-10-2006, 19.29.39
Perbacco! L'uguaglianza! :eek:
Ma io, uomo ignorante come tanti abituato a dormire nella paglia, avrò il fondamentale diritto di pensare che un transché? è un essere diverso da me e naturalmente deviato, o no?
Trovi qualcosa di sbagliato in questo? Credi che io alla prima occasione tiri fuori un manganello con lo scopo di epurare il mondo??
Non credi che a dispetto del nostro spaventoso modo di parlare e ragionare siamo lo stesso in grado di vivere le nostre vite, senza ledere la libertà della gente che ci sta intorno?
:)
(Y) (Y) (Y) (Y) (Y) (Y)
semplice ed efficace :act: :act:

Sbavi
17-02-2007, 09.33.08
Perbacco! L'uguaglianza! :eek:

Ma io, uomo ignorante come tanti abituato a dormire nella paglia, avrò il fondamentale diritto di pensare che un transché? è un essere diverso da me e naturalmente deviato, o no?
Trovi qualcosa di sbagliato in questo? Credi che io alla prima occasione tiri fuori un manganello con lo scopo di epurare il mondo??
Non credi che a dispetto del nostro spaventoso modo di parlare e ragionare siamo lo stesso in grado di vivere le nostre vite, senza ledere la libertà della gente che ci sta intorno?

:)


WOW CHE SUPERPOST! :cool: :act:

infinitopiuuno
17-02-2007, 11.38.56
Perbacco! L'uguaglianza! :eek:

Ma io, uomo ignorante come tanti abituato a dormire nella paglia, avrò il fondamentale diritto di pensare che un transché? è un essere diverso da me e naturalmente deviato, o no?


Bel post! :)

NightMan
17-02-2007, 12.51.06
WOW CHE SUPERPOST! :cool: :act:

cos'è una botta di modestia a scoppio ritardato? :D
Cmq è un post significativo ;)

exion
17-02-2007, 13.18.49
Comunque questa discussione, per altro come tante altre in passato su questo forum o comunque un pò dappertutto sulla rete, dimostra bene come la nostra cultura riduca l'individuo al suo modo di rapportarsi al sesso, e di come noi giudichiamo il prossimo raffrontandolo al nostro modo di rapportarci al sesso.

In questo modo tutto diventa devianza.

Mi viene da dire: e allora? Tutto qui? Tutto il dibattito culturale e politico di una società si riduce solo a questo? Tette, culi e piselli?

Luxuria è un estremo. Ma quel che dico è di ordine generale e vale per tutti. Qui in Francia con Segolène Royale ne abbiamo un altro bel esempio.



Comunque penso abbia ragione quel filosofo ebreo di cui purtroppo non ricordo il nome che disse: "Nel processo dell'evoluzione, il segno che la bestia si è fatta uomo è quando la merd@ è diventata un problema".

Il caso della Luxuria sembra fatto apposta per illustrare questa massima.

Variac
17-02-2007, 14.16.15
Beh perchè no? Alla fine è così. Lo dice anche Freud.
Alla fine, di base, ci comanda il nostro sesso, molte cose di cui ci facciamo grandi e per cui ci sentiamo un palmo sopra agli istinti etc, in realtà non sono altro che macchinazioni che comunque poggiano su di essi.

Sbavi
17-02-2007, 14.20.35
(Y)

Se lavora e se fatica per la panza e per la fi@a :D

biologist1972
17-02-2007, 15.17.00
(Y)

Se lavora e se fatica per la panza e per la fi@a :D
:D :D