PDA

Visualizza versione completa : Presentata la Desmosedici RR Stradale!!!


TyDany
01-06-2006, 15.06.38
http://www.ducati.com/it/

Cliccate sul banner in homepage, sono di fretta, dico solo :eek:

Gigi75
01-06-2006, 15.55.47
55.000 euro compreso manutenzione per tre anni...

...mannaggia!Potevo comprarla! :D:D:D

RNicoletto
01-06-2006, 17.43.45
200 CV!! :eek:

accensione ==> dai gas ==> blackout ==> ospedale ("come si sente??") :devil:

succhione
01-06-2006, 20.54.22
...ha tutto ciò che manca ad una Jap...
..si leggono.. la storia delle linee e la forza del motore..

..non ho tutti quei soldi...ma la follia di averla in camera x starci su...( giusto in camera però...:p )

TyDany
05-06-2006, 13.20.27
Sto pensando se ipotecare casa per prendermela :mm::D

P.S. Si aprono sondaggi sul tempo che dovremo aspettare prima che i jap copino gli scarichi sottocodone :inn:

TyDany
07-06-2006, 11.33.49
http://www.motonline.com/article.do?id=1149154504092689

http://www.motoblog.it/uploads/D16RRS2.jpg

Cito:

"...sarà realizzata in pratica a mano (i carter ad esempio sono fusi in terra). "

"Non si parla di look racing, di grafiche e pezzi in carbonio e titanio messi su una moto di serie. Operazione che chiunque con un catalogo aftermarket e un paio di attrezzi è in grado di fare.
Qui hanno preso un foglio bianco, i migliori fornitori del settore e hanno detto: "La vogliamo uguale". Ed ecco arrivare un telaio in traliccio di tubi in acciaio con le stesse quote di una moto che corre nel mondiale, hanno detto alla Ohlins di fare sospensioni con elementi pressurizzati e trattamenti da GP, hanno imposto alla Magneti Marelli una centralina che tenga sotto controllo 200 CV a 14.000 giri anche rispondendo alle regole delle omologazioni.
E soprattutto hanno rifatto il motore V4 Ducati con successione twin pulse degli scoppi. I dischi freno sono esattamente gli stessi che si usano quando piove, e stiamo parlando di quelli da 6 millimetri. Roba di serie A, di quella vera, senza scandali. Il motore è il cuore di una moto e qui ci sono anche le stesse misure di alesaggio e corsa.
Davvero un sogno a due ruote e di sicuro non per i 200 CV con lo scarico libero da usare in pista, quello che fa impressione è il potenziale di una moto per la quale non si è badato a spese, facendo addirittura realizzare dalla Bridgestone gomme dedicate. "

"Giù il cappello, di fronte alla moto che segna una tappa dell'evoluzione, ma che riprende un concetto caro alla Ducati fin dalla sua fondazione: portare su strada quello che corre in pista e in pista ciò che va su strada."

"La livrea della Desmosedici RR è stata progettata da Alan Jenkins, già designer e artefice della Desmosedici MotoGP.
Il telaio ibrido realizzato con un traliccio di tubi in acciaio saldati (ALS 450) abbinato a piastre fresate dal pieno con geometrie del tutto simili a quelle della GP6.
Il forcellone scatolato in lega di alluminio è infulcrato direttamente sul basamento.
L’avantreno è equipaggiato con una forcella Öhlins pressurizzata a steli rovesciati da 43 mm di diametro, con trattamento superficiale TiN sugli steli.
Lo schema della sospensione posteriore è quello della GP6, con ammortizzatore fissato superiormente al forcellone e influcrato inferiormente su un bilancere, a sua volta incernierato al basamento.

I cerchi Marchesini sono forgiati in lega di magnesio a sette razze, mentre i pneumatici sono Bridgestone con intaglio, struttura e profilo appositamente sviluppati per questa moto.
L’impianto frenante Brembo si compone all’anteriore di una coppia di pinze freno monoblocco ad attacco radiale e 4 pistoncini da 34 mm, gli stessi che equipaggiano la GP6 nelle gare in condizioni di bagnato. Al posteriore troviamo una pinza flottante con doppio pistoncino contrapposto da 34 mm di diametro che lavora su un disco fisso da 240 mm.
Il motore della Desmosedici RR realizzato con basamento e teste in lega di alluminio fusi in terra e coperchi in magnesio ripropone lo schema del propulsore della MotoGp: la tradizionale distribuzione desmodromica Ducati, si sposa perfettamente con la modernità dell’architettura del quattro cilindri ad L da 989 cc, con quattro valvole in titanio per cilindro, in configurazione a scoppi asimmetrici Twin Pulse. Un vero e proprio capolavoro di meccanica e di precisione.
Gli alberi a cammes (due per ogni bancata) sono guidati da una cascata di ingranaggi: una soluzione sofisticata e affidabile, che permette di avere la massima precisione della fasatura in ogni situazione. Il cambio è a sei marce estraibile e la frizione è multidisco a secco con dispositivo meccanico antisaltellamento.




L'alimentazione è affidata a quattro corpi farfallati Magneti Marelli da 50 mm di diametro con iniettori a 12 fori sopra la farfalla. Per gestire l’iniezione e l’accensione elettronica del potente propulsore a quattro cilindri è stata utilizzata la centralina 5SM della Magneti Marelli e cablaggi su linea CAN ad alta velocità.
L' impianto di scarico 4 in 2 in 1 con silenziatore con uscite a camino è completamente racchiuso all’interno del codone.
Prestazioni da riferimento per questa MotoGp stradale che, in allestimento racing, ovvero con il kit composto da scarico racing (102 dB) e centralina - distribuito a corredo con la moto – è in grado di superare i 200 CV di potenza massima. La Desmosedici RR con l’impianto di scarico catalizzato, omologato per l’uso stradale, rientra nei limiti della normativa Euro3."

:eek: