PDA

Visualizza versione completa : Priorità Explorer


The Master
07-06-2000, 10.51.00
Dato che spesso mentre navigo scarico numerosi file contemporaneamente, mi servirebbe conoscere il modo per settare la priorità dell'explorer nell'accedere alla connessione alta, in modo che che gli altri programmi in esecuzione scaricassero utilizzando esclusivamente la parte di banda inutilizzata dal browser.
Se nei prossimi giorni non rispondessi è perchè in questo perido sono abbasanza preso da altri impegni.
Thanks

The Master
08-06-2000, 17.46.00
Accidenti. Cos'è successo ? Con la mia richiesta vi ho spiazzati ?

Bertans
09-06-2000, 11.39.00
Che io sappia, con solo Explorer non è impostabile nessuna priorità... con altri programmi tipo GetRight si può impostare il numero massimo di kb/sec assegnabili a ciascun download in coda... non ho altre idee! http://www.wintricks.com/ubb/tongue.gif

Il Bertans

The Master
10-06-2000, 15.47.00
Io uso Go!Zilla. ho provato ad usare la funzione "global throttle" e metterla ad un valore % più basso, però non noto differenze. Una volta agivo sul throttle di ogni singolo download, dove almeno era specificata una velocità precisa. Poi ho scoperto che l'explorer spesso non rispondeva proprio perchè usavo questa limitazione. Getright l'ho abbandonato perchè spesso si inchiodava e perchè mi rompevano le finestre dei download che si aprivano.

The Master
13-06-2000, 21.16.00
Mi togliete proprio ogni speranza ? http://www.wintricks.com/ubb/frown.gif

------------------
3ye http://wwp.icq.com/scripts/online.dll?icq=72865550&img=5

Bertans
14-06-2000, 10.21.00
Sì, in effetti la tua richiesta ha coinvolto poche persone... eh, eh! Comunque, per quanto può valere, sappi che se dovessi trovare qualcosa che possa fare al caso tuo non esiterò a comunicartelo... http://www.wintricks.com/ubb/biggrin.gif

Il Bertans

The Master
14-06-2000, 20.27.00
Speriamo in bene ....
Vorrà dire che ogni tanto rianimerò questo topic ... "per non dimenticare" ! http://www.wintricks.com/ubb/wink.gif

------------------
3ye http://wwp.icq.com/scripts/online.dll?icq=72865550&img=5

The Master
27-06-2000, 17.44.00
Spesso in passato ho ricevuto la soluzione ad al mio problema on all'uscita del topic sul forum, ma dopo una delle mie tante rianimazioni ....

------------------
http://emiliano81.interfree.it/img/signature.gif
3ye http://wwp.icq.com/scripts/online.dll?icq=72865550&img=5

The Master
14-07-2000, 23.53.00
Ho trovato del materiale che ha riaperto le speranze. Quello che riporto è tratto dalla guida di w2000.

++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++ +++++++++++++

Rete privata virtuale (VPN) con IPSec

L'intero processo di incapsulamento, instradamento ed eliminazione dell'incapsulamento viene chiamato tunneling. Il tunneling nasconde, ovvero incapsula, il pacchetto originale all'interno di un nuovo pacchetto. Il nuovo pacchetto potrebbe avere nuove informazioni di indirizzamento e instradamento che ne consentono il trasferimento attraverso le reti. Quando si vuole garantire la riservatezza durante il processo di tunneling, l'accesso ai dati del pacchetto originale, così come l'accesso ai dati relativi all'origine e alla destinazione iniziali, viene negato a tutti coloro che accedono alla rete, sia che si tratti di una rete Intranet privata che di Internet. Quando i pacchetti incapsulati raggiungono la propria destinazione, l'intestazione di incapsulamento viene eliminata e viene utilizzata l'intestazione del pacchetto originale per instradare il pacchetto alla destinazione finale.

Il tunnel vero e proprio è il percorso logico dei dati attraverso cui viaggiano i pacchetti incapsulati. Per il peer dell'origine e della destinazione iniziali, il tunnel è generalmente trasparente e si presenta semplicemente come un'ulteriore connessione point-to-point nel percorso di rete. I peer non sono consapevoli di router, commutatori, server proxy o altri gateway di protezione situati tra il punto iniziale e quello finale del tunnel. Quando il processo di tunneling viene integrato con la riservatezza dei dati, esso può essere utilizzato per la creazione di reti private virtuali (VPN).

In Windows 2000 vengono forniti due tipi di tunneling che utilizzano IPSec:

Layer 2 Tunneling Protocol (L2TP/IPSec), in cui L2TP consente l'incapsulamento e la gestione del tunnel per qualsiasi tipo di traffico di rete, mentre IPSec in modalità di trasporto fornisce la protezione per i pacchetti del tunnel L2TP.
IPSec in modalità tunnel, in cui lo stesso IPSec esegue l'incapsulamento solo per il traffico IP.
Prima di utilizzare uno qualsiasi dei tipi di tunneling, è necessario avere una conoscenza approfondita delle relative funzionalità. Per ulteriori informazioni, vedere "Virtual Private Networking and IPSec" nel Windows 2000 Resource Kit (informazioni in lingua inglese).

I pacchetti incapsulati viaggiano attraverso la rete all'interno del tunnel. In questo esempio, la rete è Internet. Il gateway può essere un gateway esterno collocato tra la rete Internet esterna e la rete privata: un router, un firewall, un server proxy o un altro gateway di protezione. All'interno della rete privata è possibile utilizzare anche due gateway per proteggere il traffico nelle zone meno sicure della rete.

L2TP e IPSec
L'utilizzo combinato di IPSec e L2TP consente l'utilizzo del tunnel e garantisce la protezione per IP, IPX e altri pacchetti di protocolli su qualsiasi rete IP. È possibile creare il tunnel utilizzando IPSec senza L2TP, ma si consiglia di effettuare tale operazione solo per motivi di interoperabilità quando uno dei gateway non supporta L2TP o PPTP.

L2TP incapsula i pacchetti originali all'interno di un frame PPP effettuando la compressione, quando possibile, quindi all'interno di un pacchetto di tipo UDP assegnato alla porta 1701. Dal momento che il formato del pacchetto UDP è un pacchetto IP, il protocollo L2TP utilizza automaticamente IPSec per proteggere il tunnel in base alle impostazioni di protezione della configurazione utente del tunnel L2TP. Il protocollo IPSec Internet Key Exchange (IKE) negozia la protezione per il tunnel L2TP utilizzando l'autenticazione basata sul certificato, in base all'impostazione predefinita. Tale autenticazione utilizza i certificati computer, non i certificati utente per verificare che tra il computer di origine e quello di destinazione esista una relazione di trust. Se viene garantita la protezione del trasporto IPSec, L2TP negozierà il tunnel, comprese le opzioni di compressione e di autenticazione utente, ed effettuerà il controllo di accesso in base all'identità dell'utente. L2TP/IPSec rappresenta dunque l'opzione di tunneling di più semplice utilizzo, più flessibile, interoperabile e sicura sia per la VPN di accesso remoto client sia per i tunnel VPN gateway-to-gateway.

La configurazione per i client di accesso remoto VPN di L2TP/IPSec viene effettuata utilizzando Rete e connessioni remote. La configurazione per il server di accesso remoto VPN e per i tunnel gateway-to-gateway viene effettuata utilizzando la console Routing e Accesso remoto.

L'intestazione del pacchetto originale, indicata come intestazione IP o IPX, contiene gli indirizzi iniziali e finali di origine e di destinazione utilizzati nella rete privata, mentre l'intestazione IP esterna, indicata come Nuova intestazione IP, contiene gli indirizzi di origine e di destinazione degli endpoint del tunnel utilizzati sulla rete pubblica. L'intestazione L2TP riporta informazioni sul controllo del tunnel. L'intestazione PPP identifica il protocollo del pacchetto originale, ad esempio IP o IPX. Per ulteriori informazioni su L2TP/IPSec, vedere Rete e connessioni remote nella Guida in linea di Windows 2000 Server.

Tunneling IPSec
La ragione principale per la quale viene utilizzata la modalità tunnel IPSec è l'interoperabilità con altri router, gateway o sistemi finali che non supportano la tecnologia tunneling VPN L2TP/IPSec o PPTP. La modalità tunnel IPSec è supportata solo in scenari di tunneling gateway-to-gateway e per determinate configurazioni server-to-server o server-to-gateway come funzionalità avanzata. Prima di utilizzare la modalità tunnel IPSec, consultare il capitolo del Windows 2000 Resource Kit relativo a IPSec che descrive nei dettagli tali scenari e configurazioni. La modalità tunnel IPSec non è supportata per gli scenari VPN di accesso remoto client per i quali occorre invece utilizzare L2TP/IPSec o PPTP.

I due formati dei pacchetti IPSec possono essere utilizzati anche in modalità tunnel:

Modalità tunnel ESP
L'intestazione IP originale, che corrisponde all'intestazione del pacchetto originale, contiene in genere gli indirizzi finali di origine e di destinazione, mentre l'intestazione IP esterna contiene l'indirizzo di origine e di destinazione dei gateway di protezione. Il formato tunnel ESP assicura sempre integrità e autenticità avanzate per il traffico all'interno del tunnel. Il tunnel ESP viene utilizzato soprattutto per garantire riservatezza per i pacchetti di tunneling mediante la crittografia DES o 3DES. Il livello di crittografia è specificato nell'operazione filtro della regola del tunnel, pertanto se il contenuto del traffico di tunnel non richiede riservatezza, è possibile anche configurare il tunnel per l'utilizzo di Nessuna crittografia.

Nell'illustrazione precedente il pacchetto originale tra l'origine e la destinazione finali viene incapsulato dalle nuove intestazioni IP e ESP. L'area Firmato indica la posizione in cui il pacchetto è stato protetto per garantire l'integrità. L'area Crittografato indica che l'intero pacchetto originale potrebbe essere crittografato.

Le informazioni contenute nella nuova intestazione IP vengono utilizzate per instradare il pacchetto dall'origine all'endpoint di destinazione del tunnel, che in genere è costituito da un gateway di protezione. La nuova intestazione IP ESP non è protetta dall'hash di integrità. Si tratta della RFC IETF progettata per consentire che l'intestazione del pacchetto venga modificata dai componenti di rete in base alle necessità per fornire servizi aggiuntivi, quale il cambiamento dell'indirizzo IP di origine o di destinazione o l'assegnazione di una priorità maggiore a questo pacchetto rispetto agli altri.

Modalità tunnel AH
La modalità tunnel AH non fornisce al contenuto del tunnel la riservatezza della crittografia, ma solo integrità e autenticità avanzate.

L'intero pacchetto, inclusa la nuova intestazione del tunnel, viene firmato per

reg
14-07-2000, 23.53.00