PDA

Visualizza versione completa : [Politica & co.] Il nuovo miracolo italiano?


Pagine : 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 [17] 18 19 20

Gigi75
08-01-2007, 12.11.03
ma roba da matti!


..sembra che tu sia un mezzo delinquente...da tenere sotto controllo..

infinitopiuuno
08-01-2007, 12.13.04
Prodi....

«Restituire all´impresa e al lavoro la centralità che spetta loro, finora sacrificata a favore della rendita. Aprire un'impresa in un giorno semplificando le procedure burocratiche».

http://www.unita.it/view.asp?IDcontent=62094

Gigi75
08-01-2007, 12.14.33
Be' però il titolo dà una certa speranza: Prodi: «Il 2007 anno della svolta»

..che sia la svolta giusta... :D

Dav82
10-01-2007, 20.31.52
Da Repubblica, Monsignor Betori, segretario della CEI:

"Nell'attuale quadro costituzionale - avrebbe affermato in Parlamento il segretario generale della Cei - l'eguale libertà di ogni confessione non implica piena uguaglianza. Lo Stato sia prudente e non firmi troppe intese"


Retrogradi del ca@@o :rolleyes:


E poi questi signori sono quelli dell'eguaglianza, della fratellanza, del perdono, della comprensione, del conforto, dell'ascolto, del dialogo.... della min@@@a, altroché! Visto che la situazione non è di piena eguaglianza, occhio a non cambiare troppo le cose! Ma certo, ma che bel pensiero! Come al solito: ignoranza, oscurantismo!

exion
10-01-2007, 21.48.33
Art. 3.

Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.




Art. 20.

Il carattere ecclesiastico e il fine di religione o di culto d'una associazione od istituzione non possono essere causa di speciali limitazioni legislative, né di speciali gravami fiscali per la sua costituzione, capacità giuridica e ogni forma di attività.




Art. 8.

Tutte le confessioni religiose sono egualmente libere davanti alla legge.

Le confessioni religiose diverse dalla cattolica hanno diritto di organizzarsi secondo i propri statuti, in quanto non contrastino con l'ordinamento giuridico italiano.

I loro rapporti con lo Stato sono regolati per legge sulla base di intese con le relative rappresentanze.




Art. 19.

Tutti hanno diritto di professare liberamente la propria fede religiosa in qualsiasi forma, individuale o associata, di farne propaganda e di esercitarne in privato o in pubblico il culto, purché non si tratti di riti contrari al buon costume.






Non userò i toni veementi di Dav :p, però è vero che questa smania improvvisa della CEI di richiedere un intervento legislativo ordinario per qualcosa che è già tutelato costituzionalmente in modo ampio pare alquanto sospetto. Senza contare i diritti enormi, incomparabili con qualsiasi altro stato di cultura cristiana, garantiti al cattolicesimo italiano dal concordato....
Pare alquanto sospetto e oserei dire persino un tantino scorretto, perché sottintende che in Italia la libertà dei cattolici di professarsi tali sia in pericolo (argomento per altro implicito anche nei recenti richiami papali). Una incommensurabile sciocchezza.

exion
10-01-2007, 21.55.03
La Libertà religiosa aspetta la legge di attuazione

Valdo Spini, 10 gennaio 2007
Stato e Chiese
Da ben tre legislature il Parlamento si sta confrontando sul tema dell'attuazione degli articoli della Costituzione in tema di libertà religiosa per tutte le fedi e confessioni. Sarebbe necessario che le proposte di legge in tema di libertà religiosa vengano discusse per quello che sono: non uno strumento di indebolimento dello Stato italiano, bensì di rafforzamento


L'edificio costituzionale italiano in tema di rapporti Stato e Chiese è articolato su tre piani. Quelli con la Chiesa cattolica sono regolati in forma di Trattato Internazionale a norma dell'art. 7 della Costituzione: quelli con le Chiese, che hanno negoziato a norma dell'art. 8, le Intese (che assumono la forma di legge ordinaria). Di fatto sono varie Chiese Protestanti e l'Unione delle comunità israelitiche; per tutte le altre fedi e confessioni religiose valgono gli articoli della Costituzione e, per quello che ne è rimasto in vigore, la legge sui culti ammessi del 1929-30. Manca quindi un provvedimento organico e aggiornato di attuazione della Costituzione.

(continua) (http://www.aprileonline.info/1245/la-liberta-religiosa-aspetta-la-legge-di-attuazione)


Beh... alora così la cosa è un pò diversa però :p

Dav82
11-01-2007, 00.36.26
E ancora in tema di religione, bigottismo etc, dal Corriere:


L'onorevole Santanché, sulla propria idea di vietare per legge che prima dei 18 anni si possa portare un qualsiasi tipo di velo (parafrasando altri commenti ad altre leggi, la si potrebbe chiamare "lex contra musulmanos" ... mh, ai tempi avevo 9 in latino :mm: ):

"presenterò una proposta di legge perché venga vietato in Italia l'uso di qualsiasi tipo di velo fino a 18 anni."

«Le bambine a 10-12 anni non sono in grado di decidere di fare una scelta di questo genere. È bene che in Italia, all'interno della scuola pubblica italiana, i bambini siano tutti uguali», ha affermato Santanchè. «A 18 anni, quando si ha la struttura psicologica mentale per poter fare una scelta, decideranno se si vogliono velare o no. Non mi invento le discriminazioni e le violenze che vengono compiute tutti i giorni, anche in Italia, ai danni delle donne mussulmane. Sono sotto gli occhi di tutti, ma tutti tacciono. Non è accettabile il buonismo della classe politica del nostro Paese»



E allora vietiamo pure che un bambino venga battezzato, perché certo a 3 mesi non è "in grado di decidere di fare una scelta di questo genere", vietiamo che sia comunicato o cresimato, perché a 8 o 11 anni non è "in grado di decidere di fare una scelta di questo genere" (e smettiamola di considerarlo come un "dono" della famiglia al pargoletto o al ragazzino, perché solo dopo, e a propria discrezione, l'interessato può considerarlo un dono o meno, io nel mio caso non lo considero certo tale, ma un'imposizione di un qualcosa che prima non mi interessava e che adesso non condivido per nulla).

Ovviamente la mia è una boutade, perché ognuno è liberissimo di comunicarsi, cresimarsi come e quando vuole... così come di mettersi il velo come e quando vuole (a patto, ovviamente, che non vada in giro senza farsi riconoscere, quello mi sembra pacifico :o)


Santanché, ma mi facci il piacere :rolleyes:

exion
13-01-2007, 09.01.14
'Lo sforzo di attuazione della legge Finanziaria - prosegue il documento - la collaborazione con il Parlamento nel seguire l'iter legislativo dei provvedimenti già proposti così come le nuove iniziative del governo ed il pieno utilizzo del metodo della concertazione saranno volti ad operare per la crescita lungo le seguenti direttrici.

- Ricerca e istruzione.
- Apertura dei mercati e difesa del cittadino consumatore e riforma delle autorità di regolamentazione.
- Semplificazione amministrativa e tempi della giustizia.
- Sviluppo delle infrastrutture e delle reti di mobilità.
- Sviluppo del Mezzogiorno ed attuazione del nuovo quadro comunitario di sostegno 2007-2013.

- Difesa del territorio e del mare e sviluppo delle energie rinnovabili.
- Attrazione degli investimenti esteri e ristrutturazione di Sviluppo Italia.
- Federalismo fiscale e codice delle autonomie.
- Ricerca di una maggiore equità sociale ed intergenerazionale con la piena valorizzazione della famiglia, dei giovani e delle donne.
- Apertura del tavolo con le parti sociali per la verifica e la modernizzazione dello stato sociale''.


http://niappanige.supereva.it/mmm.gif



Si ok ma.... Concretamente come contano fare?? :mm:


Anch'io dico sempre "entro due anni voglio raddoppiare il mio netto in busta paga, comprarmi una bella casa a due piani e viaggiare in giro per il mondo a bordo di una CLK cabrio dormendo solo nei migliori alberghi!!"...
Però poi tra il dire e il fare c'è di mezzo il mare e questi mi sembra che non abbiano ancora manco mollato gli ormeggi..... :D

Cecco
14-01-2007, 17.40.42
Con tutto il rispetto...

Un giornale, che di "Libero" ha solo il titolo e che definirlo "giornale" è una forzatura...

Un articolo tratto da un Blog che definire ridicolo è poco...

In più una, tutta loro, traduzione del testo, con argomentazioni vaghe e senza alcun fondamento (dicasi illazioni), deduzioni di parte, e alcune, davvero ilari, conclusioni, degne della peggior propaganda.

(N) (N) (N)

Ah...tanto per non apparire di parte, ci tengo a precisare, che ritengo indegni molti giornali...non mi piace il giornale che pubblicizza il potente di turno, così come quello che lo attacca senza argomentare per partito preso.
Ste cose appartengono sia alla destra che alla sinistra, e finchè non avremo dei giornali "liberi" davvero, con dei "veri" giornalisti, non potrò attribuire loro il fare informazione.

Il tutto ovviamente imho.

Non xchè sia il mio giornale preferito, ma non credo tu abbia dato oltre qualche occhiatina a "libero".

Certamente Feltri è un uomo di destra, prima ancora un uomo davvero libero ed un giornalista con i fiocchi come alcuni dei suoi collaboratori non ultimo il vice Farina, oggi sospeso per spionaggio.

Tra l'altro, sinonimo assoluto d'intelligenza, si è contraddistinto sempre come primo critico di quel centrodestra che vorrebbe, come tanti, diverso sopratutto nel perseguimento degli obiettivi prefissati.

Ciao

WinUser92
14-01-2007, 17.53.06
ragazzi io la vedo dura per prodi, ci sta portando in mutande e nn migliorerà la nostra situazione, che a me nn sembra poi tanto disastrosa, ma ognuno vive diversamente i casotti della finanziaria e del governo di prodi che ahimè nn sta contribuendo allo sviluppo del paese, cmq speriamo che prodi eviti di dire che tutto quello che fa porterà allo sviluppo dell'italia, i miracoli li fa solo Jesus! ;)

exion
14-01-2007, 18.07.59
Non xchè sia il mio giornale preferito, ma non credo tu abbia dato oltre qualche occhiatina a "libero".

Certamente Feltri è un uomo di destra, prima ancora un uomo davvero libero ed un giornalista con i fiocchi come alcuni dei suoi collaboratori non ultimo il vice Farina, oggi sospeso per spionaggio.

Tra l'altro, sinonimo assoluto d'intelligenza, si è contraddistinto sempre come primo critico di quel centrodestra che vorrebbe, come tanti, diverso sopratutto nel perseguimento degli obiettivi prefissati.

Ciao


Farina uomo libero e giornalista coi fiocchi???





:D :D :D :D :D




Zavoli è un uomo libero e un giornalista coi fiocchi. Indro Montanelli lo era.


Farina? Ma fammi il favore, fammi! :p
Se solo pensi la frase "violare le norme di autodisciplina e di etica giornalista", puff!!!, come per incanto ti si materializza Farina davanti a te :D

NightMan
14-01-2007, 18.18.55
Farina uomo libero e giornalista coi fiocchi???





:D :D :D :D :D




Zavoli è un uomo libero e un giornalista coi fiocchi. Indro Montanelli lo era.


Farina? Ma fammi il favore, fammi! :p
Se solo pensi la frase "violare le norme di autodisciplina e di etica giornalista", puff!!!, come per incanto ti si materializza Farina davanti a te :D

Stavo per rispondere in maniera simile. Feltri mi sta anche simpatico ma di uomo libero ha solo l'apparenza, come una volta si diceva dei giornalisti del TG5 (poi in realtà, i pochi liberi che c'erano li hanno cacciati ;) anche da lì). Farina poi non ne parliamo proprio. Se questi sono gli esempi di giornalisti che mi portate, allora è normale che non possa esserci dialogo.

NightMan
14-01-2007, 18.30.24
ragazzi io la vedo dura per prodi, ci sta portando in mutande e nn migliorerà la nostra situazione, che a me nn sembra poi tanto disastrosa, ma ognuno vive diversamente i casotti della finanziaria e del governo di prodi che ahimè nn sta contribuendo allo sviluppo del paese, cmq speriamo che prodi eviti di dire che tutto quello che fa porterà allo sviluppo dell'italia, i miracoli li fa solo Jesus! ;)

Non mi va di difendere Prodi o il governo. La finanziaria in certi punti è indifendibile e possiamo essere d'accordo tutti su questo ma da qui alle affermazioni che ti ho evidenziato passa un mare sotto i ponti.
Mi daresti dei dati validi che evidenzino in maniera netta e non astratta il fatto che Prodi ci sta "portando in mutande" o che "non migliorerà la situazione" o che "non sta contribuendo allo sviluppo del paese"? Io, ultimamente ho solo avuto notizia di dati economici nettamente diversi da quelli che prospetti e ho solo assistito ad una battaglia politica tra i due schieramenti sulla maternità delle scelte economiche che li hanno partoriti. Se le tue sono opinioni personali specificalo, se sono dati oggettivi cita le fonti, altrimenti è tutta propaganda ;)

Silence
14-01-2007, 22.48.14
Non xchè sia il mio giornale preferito, ma non credo tu abbia dato oltre qualche occhiatina a "libero".

Certamente Feltri è un uomo di destra, prima ancora un uomo davvero libero

Ma Feltri non era quello che si era arricchito con la pubblicità di libero/infostrada di cui era tappezzato il suo "giornale"?

Cecco, fidati, che "Libero" l'ho letto per un bel pezzo, così come tanti altri giornali.
Se non fosse così me ne guarderei bene dall'avere una posizione così netta ;)

Cecco
15-01-2007, 17.23.11
Farina uomo libero e giornalista coi fiocchi???





:D :D :D :D :D




Zavoli è un uomo libero e un giornalista coi fiocchi. Indro Montanelli lo era.


Farina? Ma fammi il favore, fammi! :p
Se solo pensi la frase "violare le norme di autodisciplina e di etica giornalista", puff!!!, come per incanto ti si materializza Farina davanti a te :D

In linea puramente teorica e senza voler passare per anarchico o sovversivo violare le regole non è certo espressione di dipendenza!

Cecco
15-01-2007, 17.25.25
Ma Feltri non era quello che si era arricchito con la pubblicità di libero/infostrada di cui era tappezzato il suo "giornale"?

Cecco, fidati, che "Libero" l'ho letto per un bel pezzo, così come tanti altri giornali.
Se non fosse così me ne guarderei bene dall'avere una posizione così netta ;)

Feltri non è ricco, pare anzi ricchissimo ma per quelli come me arricchirsi onestamente e pagando le tasse è un merito, non certo un fio da espiare!

biologist1972
15-01-2007, 18.19.55
Non xchè sia il mio giornale preferito, ma non credo tu abbia dato oltre qualche occhiatina a "libero".

Certamente Feltri è un uomo di destra, prima ancora un uomo davvero libero ed un giornalista con i fiocchi come alcuni dei suoi collaboratori non ultimo il vice Farina, oggi sospeso per spionaggio.

Tra l'altro, sinonimo assoluto d'intelligenza, si è contraddistinto sempre come primo critico di quel centrodestra che vorrebbe, come tanti, diverso sopratutto nel perseguimento degli obiettivi prefissati.

Ciao
(Y) (Y) (Y)

Dav82
15-01-2007, 18.27.38
Marò Feltri è uno dei giornalisti "più pessimissimi assai" che la Terra abbia mai visto :o E Farina uguale :o

Silence
15-01-2007, 19.18.05
Feltri non è ricco, pare anzi ricchissimo ma per quelli come me arricchirsi onestamente e pagando le tasse è un merito, non certo un fio da espiare!

Bene attenti quando si dicono delle cose però ;)

Nessuno ce l'ha coi ricchi, la lotta di classe è finita da un pezzo, bisogna però fare un distinguo fra coloro che hanno messo da parte bei soldoni onestamente, come nel tuo caso a quanto dici, e quelli che invece li hanno messi da parte in altri modi.

Sai...dire che Feltri è un onesto risparmiatore francamente mi fa sorridere. :)

k501
17-01-2007, 09.50.44
Finalmente il governo ha detto "SI" alla base americana a Vicenza! Ma bravi! Una promessa va mantenuta, da quanto riferisce ai mass media il capo del governo. Una promessa fatta dal precedente governo che ha tenuto all'oscuro i diretti interessati, cioè i cittadini vicentini (sottoscritto compreso)! La mia città già deve fare i conti con una base americana insediata circa 40 anni fa, in centro cittadino, la Ederle appunto, ed una base "segreta" scavata per chilometri sotto i colli berici, ad una decina di chilometri dal centro storico! Quest'ultima è una vera e propria polveriera, con missili balistici di diverso tipo, da quanto affermano fonti indiscrete, subito smentite dal governo americano ed italiano (precedenti governi compresi).
Perchè non è mai stato fatto un referendum, nonostante le continue richieste avanzate dai cittadini e i comitati da un anno circa?
Troppo comodo per i signori di Roma dire che una promessa dave essere mantenuta, intanto siamo noi ad avere giorno e notte mezzi aerei militari che ci volano sopra la testa. Siamo noi ad essere costreti a vivere in un luogo trasformato da città d'arte a città d'armi!
Grazie, politici...

exion
17-01-2007, 10.25.25
In linea puramente teorica e senza voler passare per anarchico o sovversivo violare le regole non è certo espressione di dipendenza!


Violare le regole??? :D

Ma per favore!!!

Farina non ha violato le regole, ha violato la deontologia che è cosa diversa.

E' come se un professore estroverso si mettesse ad insegnare ai suoi allievi che scuola si scrive squola, o come se un medico eccentrico si mettesse a curare il cancro con il succo di pomodoro, o ancora come se secondino libertario si impegnasse a far evadere tutti i detenuti che può dal carcere dove lavora.



Lascia stare Cecco: Farina è indifendibile. Ha fatto qualcosa di sbagliato, di sporco, non un gesto di libertà. Per fortuna esiste ancora un limite oggettivo e non opinabile che separa il bene e il male.

Sbavi
17-01-2007, 10.32.54
Finalmente il governo ha detto "SI" alla base americana a Vicenza! Ma bravi! Una promessa va mantenuta, da quanto riferisce ai mass media il capo del governo. Una promessa fatta dal precedente governo che ha tenuto all'oscuro i diretti interessati, cioè i cittadini vicentini (sottoscritto compreso)! La mia città già deve fare i conti con una base americana insediata circa 40 anni fa, in centro cittadino, la Ederle appunto, ed una base "segreta" scavata per chilometri sotto i colli berici, ad una decina di chilometri dal centro storico! Quest'ultima è una vera e propria polveriera, con missili balistici di diverso tipo, da quanto affermano fonti indiscrete, subito smentite dal governo americano ed italiano (precedenti governi compresi).
Perchè non è mai stato fatto un referendum, nonostante le continue richieste avanzate dai cittadini e i comitati da un anno circa?
Troppo comodo per i signori di Roma dire che una promessa dave essere mantenuta, intanto siamo noi ad avere giorno e notte mezzi aerei militari che ci volano sopra la testa. Siamo noi ad essere costreti a vivere in un luogo trasformato da città d'arte a città d'armi!
Grazie, politici...

Boh, devo dire che la base di Sigonella qua vicino non crea affatto problemi del genere, però è situata in piena "Piana di Catania".

exion
17-01-2007, 10.53.10
Io direi che per le basi militari servirebbe reciprocità :o


Gli Stati Uniti vogliono una base in Italia? Ok, l'Italia ne vuole una in California :D

k501
17-01-2007, 11.45.57
Boh, devo dire che la base di Sigonella qua vicino non crea affatto problemi del genere, però è situata in piena "Piana di Catania".

Beh... Qui di basi ce ne sono già due (americane) e bastano e avanzano! In secondo luogo c'è da tenere in considerazione anche l'aspetto urbanistico, tra l'altro riconosciuto dal Prodi come "scarso".... Peccato che resti convinto non sia un problema che deve affrontare il governo, ma la provincia se non addirittura la regione. Su questo non so se dargli torto, cmq mi sembra vogliano lavarsi le mani con la banalissima giustificazione dicendo che "una promessa deve essere mantenuta", cioè quella fatta dal governo precedente che ha preso accordi senza informare nessuno!
Il "mister" ha aggiunto pure che lui le pormesse le ha sempre mantenute... Boh, staremo a vedere!

Dav82
17-01-2007, 13.26.38
Io direi che per le basi militari servirebbe reciprocità :o

Gli Stati Uniti vogliono una base in Italia? Ok, l'Italia ne vuole una in California :D

:o :o


Altrimenti raus, sciò, foera di ball! :o

wilhelm
17-01-2007, 20.35.00
Finalmente il governo ha detto "SI" alla base americana a Vicenza! Ma bravi! Una promessa va mantenuta, da quanto riferisce ai mass media il capo del governo. Una promessa fatta dal precedente governo che ha tenuto all'oscuro i diretti interessati, cioè i cittadini vicentini (sottoscritto compreso)! La mia città già deve fare i conti con una base americana insediata circa 40 anni fa, in centro cittadino, la Ederle appunto, ed una base "segreta" scavata per chilometri sotto i colli berici, ad una decina di chilometri dal centro storico! Quest'ultima è una vera e propria polveriera, con missili balistici di diverso tipo, da quanto affermano fonti indiscrete, subito smentite dal governo americano ed italiano (precedenti governi compresi).
Perchè non è mai stato fatto un referendum, nonostante le continue richieste avanzate dai cittadini e i comitati da un anno circa?
Troppo comodo per i signori di Roma dire che una promessa dave essere mantenuta, intanto siamo noi ad avere giorno e notte mezzi aerei militari che ci volano sopra la testa. Siamo noi ad essere costreti a vivere in un luogo trasformato da città d'arte a città d'armi!
Grazie, politici...

Parlo da vicino la base di Aviano, che qui non dà fastidio.

Però riflettevamo anche sui pro/contro economici di ingrandire/perdere la base, che nel secondo dei casi si concretizzerebbero in un tracollo locale.

NightMan
18-01-2007, 02.23.58
scusate. la seconda guerra mondiali è finita da 61 anni. Gli americani ci hanno liberato e in cambio ci hanno messo ste basi. Siamo grati e li ringraziamo, ma quanti altri anni ancora vogliono tenercele???

Approvo l'idea di eXion. Vogliamo una base in California, vicino ad un campo di prugne.

exion
18-01-2007, 06.57.28
Parliamoci chiaro.

Militarmente l'Italia è quasi zero.

L'Italia fa parte del G7, è tra i 5 paesi più industrializzati del mondo, è un paese guida della odierna Unione Europa e riveste il ruolo morale non indifferente di co-fondatrice della CEE.

Ma militarmente il paese non segue.

Tecnicamente parlando, l'Italia non ha possibilità di intervento militare, né nei suoi confini né al di fuori, fatta eccezione per alcune azioni puramente rappresentative, come l'invio di un paio di battaglioni motorizzati a Nassiriya , di un altro battaglione a Kabul, di un paio di battaglioni ancora in Libano, o di una o due draga-mine nel Golfo Persico.

Allo stato attuale delle cose, se l'Italia volesse sbarazzarsi delle basi americane, dovrebbe portare il suo esercito professionale a un livello minimo di indipendenza di azione, come l'esercito inglese o francese.

Questo ha un costo, in termini economici e morali, che secondo me la nazione non ha nessuna intenzione di accollarsi.

Gli amici di Rifondazione forse sognano un paese senza esercito. Anch'io. Ma allo stato attuale delle cose bisogna riconoscere realisticamente e politicamente che questo non è possibile.

crazy.cat
18-01-2007, 07.49.16
Certo che la falsa ingenuità di quest'uomo è stupenda.
Ma in quale pianeta vive?
Sono mesi e mesi che se ne parla sui giornali, e poi ha il coraggio di affermare anche in tv (vediamo se poi smentirà anche questa dicendo che non è stato capito) che non sapeva niente.....ma non prendete in giro la gente più del necessario.


Prodi: "Su base Usa non sapevamo"
"Iter governo precedente riservato"

Secondo il presidente del Consiglio Romano Prodi, sulla vicenda dell'ampliamento della base Usa di Vicenza il precedente governo ha tenuto "un iter troppo riservato". "Io stesso - ha detto il premier al termine della sua visita in Bulgaria - non ne sapevo assolutamente nulla e credo che queste decisioni dovrebbero essere prese rendendo partecipe l'opinione pubblica".

Insomma, "il governo ha preso una posizione e non c'è nessuna osservazione da fare", ha ribadito il premier che al presidente della Camera ha risposto: "un problema politico non si pone certo per l'ampliamento di una base militare".

"Quando uno prende una decisione difficile - afferma Prodi- sa benissimo che possono esserci polemiche, ma la decisione è una decisione. Noi ci eravamo impegnati a seguire quello che l'amministrazione locale indicava. C'è stato un voto (21 contro 17) del comune di Vicenza, il governo ne prende atto perché non c'era un problema di strategia politica generale, vi era un serio problema urbanistico. Noi crediamo nella sussidiarietà il comune ha deciso formalmente, la provincia e la regione sono stati d'accordo su questo, il governo ha preso una posizione finale e su questa ovviamente non c'è nessuna osservazione ulteriore da fare, rendendosi conto che i problemi locali vanno gestiti localmente".

"Essendo un problema urbanistico - conclude Prodi - la coerenza dice che come tale va trattato".

http://www.tgcom.mediaset.it/politica/articoli/articolo344689.shtml

exion
18-01-2007, 08.09.32
Certo che la falsa ingenuità di quest'uomo è stupenda.
Ma in quale pianeta vive?
Sono mesi e mesi che se ne parla sui giornali, e poi ha il coraggio di affermare anche in tv (vediamo se poi smentirà anche questa dicendo che non è stato capito) che non sapeva niente.....ma non prendete in giro la gente più del necessario.


Prodi: "Su base Usa non sapevamo"
"Iter governo precedente riservato"

Secondo il presidente del Consiglio Romano Prodi, sulla vicenda dell'ampliamento della base Usa di Vicenza il precedente governo ha tenuto "un iter troppo riservato". "Io stesso - ha detto il premier al termine della sua visita in Bulgaria - non ne sapevo assolutamente nulla e credo che queste decisioni dovrebbero essere prese rendendo partecipe l'opinione pubblica".

Insomma, "il governo ha preso una posizione e non c'è nessuna osservazione da fare", ha ribadito il premier che al presidente della Camera ha risposto: "un problema politico non si pone certo per l'ampliamento di una base militare".

"Quando uno prende una decisione difficile - afferma Prodi- sa benissimo che possono esserci polemiche, ma la decisione è una decisione. Noi ci eravamo impegnati a seguire quello che l'amministrazione locale indicava. C'è stato un voto (21 contro 17) del comune di Vicenza, il governo ne prende atto perché non c'era un problema di strategia politica generale, vi era un serio problema urbanistico. Noi crediamo nella sussidiarietà il comune ha deciso formalmente, la provincia e la regione sono stati d'accordo su questo, il governo ha preso una posizione finale e su questa ovviamente non c'è nessuna osservazione ulteriore da fare, rendendosi conto che i problemi locali vanno gestiti localmente".

"Essendo un problema urbanistico - conclude Prodi - la coerenza dice che come tale va trattato".

http://www.tgcom.mediaset.it/politica/articoli/articolo344689.shtml

Ha imparato bene la lezione di Berlusconi e l'ha fatta sua. E' sempre colpa di qualcun altro, possibilmente di chi c'era prima :o


Io non c'ero, se c'ero dormivo, e se dormivo stavo sognando un'altra cosa :D

NightMan
18-01-2007, 12.22.29
Certo che la falsa ingenuità di quest'uomo è stupenda.
Ma in quale pianeta vive?
Sono mesi e mesi che se ne parla sui giornali, e poi ha il coraggio di affermare anche in tv (vediamo se poi smentirà anche questa dicendo che non è stato capito) che non sapeva niente.....ma non prendete in giro la gente più del necessario.

Hai perfettamente ragione. Era un problema che è stato più volte messo in evidenza dai mass media. Io, che non sono nessuno, avrò visto due o tre trasmissioni a riguardo (una era Ballarò per certo), Prodi che invece era un gran professorone ed ora è PdC, che faceva, dormiva??? Quando fa così mi fa andare in bestia. Se volevamo un bugiardo al governo bastava riconfermare Berlusconi.

k501
18-01-2007, 12.28.05
Parlo da vicino la base di Aviano, che qui non dà fastidio.



Però riflettevamo anche sui pro/contro economici di ingrandire/perdere la base, che nel secondo dei casi si concretizzerebbero in un tracollo locale.


Non so dove sia ubicata esattamente la base di Aviano, ma la Ederle è in pieno centro a Vicenza, si può arrivare tranquillamente a piedi. A 3 km circa incontrate già il teatro Olimpico (di recente sono state girate alcune scene di "casanova" ultimo film...).
L'ampliamneto verrà fatto nella zona Ovest, anche qui il centro storico e facilmente raggiungibile, sempre a piedi... Non è un fatto di distanze, ma di problemi urbanistici, e potete credermi se vi dico che qui ce ne sono parecchi!
Per quanto riguarda i pro, secondo una statistica del comitato del NO ce ne sono pochi. Economicamnete, s'intende, in quanto gli appalti per la costruzione sono destinati a sole 2 o 3 aziende italiane, il resto è tutto USA (e getta, aggiungerei...)
Di alloggi non se ne parla... Verranno crreate delle palazzine al suo interno e non sono di proprietà del governo italiano. Nei centri commerciali sono pochi gli americani che girano (e spesso li vedi girare senza borse della spesa) perchè hanno già tutto nel loro villaggio, naturalmete americano anch'esso!

Gigi75
18-01-2007, 12.28.52
Premetto che personalmente ed istintivamente io ste basi non le vorrei, ed anzi penso che sul territorio italiano vi debbano essere solo militari italiani (non siamo mica il Kosovo!)

Come non mi sembra giusto che in Italia vi siano le decine di bombe atomiche gestite e a disposizione di un altro Stato.

Però il punto è che noi 50 e passa anni fa abbiamo dato il nostro consenso (d'altronde perdere una guerra mondiale ha un prezzo che si paga per secoli, nn per qualche anno), senza prevedere un termine, e le basi americane sono decine e decine in tutta Italia, per cui non capisco quale diritto abbia l'Italia di nn adempiere ad un "contratto" senza un lecito motivo.

E quale diritto ha in particolare Vicenza di dire no, mentre le altre centinaia di località devono "subire" (ove ritengano di subire la presenza americana).

Se i diritti degli enti locali sono pari, e lo sono, allora si deve dire che ciascun sindaco interessato ha la possibilità di gestire il rapporto Italia-USA, con le assurde conseguenze evidenti.

Se invece si decide che il fine della politica estera italiana è quella di porre un limite all'accordo stipulato (cosa di per sè politicamente legittima) allora è ovvio che la discussione deve essere nazionale.

E riguarderà vicenza come lampedusa, roveredo come la maddalena.
ma fintanto che quell'accordo c'è e non si ridiscute, non onorarlo è un inadempimento internazionale, c'è poco da fare. e sarebbe ancora più grave se l'Italia fosse inadempiente per colpa di un sindaco di una città, che decide per tutta la nazione.

Poi, lo ripeto, se si dice: "secondo me allora poteva giustificarsi, ora non più, perciò voglio che sia ridiscusso se e come..", allora sono d'accordo.

Ma per farlo la cosa deve passare dal Parlamento, non dal Consiglio Comunale

E per quanto riguarda i vantaggi economici portati dalla base alla città, certo, l'idea di accogliere come pezzenti ai bordi delle strade i ricconi che ci portano calze chewing-gum e coca cola.. non è che mi esalti..tuttavia se i numeri che si sono detti sono veri, sarebbe da criminali nn ammettere il vantaggio e accettare il bene economico della comunità.

biologist1972
18-01-2007, 12.30.05
Premetto che personalmente ed istintivamente io ste basi non le vorrei, ed anzi penso che sul territorio italiano vi debbano essere solo militari italiani (non siamo mica il Kosovo!)

Come non mi sembra giusto che in Italia vi siano le decine di bombe atomiche gestite e a disposizione di un altro Stato.

Però il punto è che noi 50 e passa anni fa abbiamo dato il nostro consenso (d'altronde perdere una guerra mondiale ha un prezzo che si paga per secoli, nn per qualche anno), senza prevedere un termine, e le basi americane sono decine e decine in tutta Italia, per cui non capisco quale diritto abbia l'Italia di nn adempiere ad un "contratto" senza un lecito motivo.

E quale diritto ha in particolare Vicenza di dire no, mentre le altre centinaia di località devono "subire" (ove ritengano di subire la presenza americana).

Se i diritti degli enti locali sono pari, e lo sono, allora si deve dire che ciascun sindaco interessato ha la possibilità di gestire il rapporto Italia-USA, con le assurde conseguenze evidenti.

Se invece si decide che il fine della politica estera italiana è quella di porre un limite all'accordo stipulato (cosa di per sè politicamente legittima) allora è ovvio che la discussione deve essere nazionale.

E riguarderà vicenza come lampedusa, roveredo come la maddalena.
ma fintanto che quell'accordo c'è e non si ridiscute, non onorarlo è un inadempimento internazionale, c'è poco da fare. e sarebbe ancora più grave se l'Italia fosse inadempiente per colpa di un sindaco di una città, che decide per tutta la nazione.

Poi, lo ripeto, se si dice: "secondo me allora poteva giustificarsi, ora non più, perciò voglio che sia ridiscusso se e come..", allora sono d'accordo.

Ma per farlo la cosa deve passare dal Parlamento, non dal Consiglio Comunale

E per quanto riguarda i vantaggi economici portati dalla base alla città, certo, l'idea di accogliere come pezzenti ai bordi delle strade i ricconi che ci portano calze chewing-gum e coca cola.. non è che mi esalti..tuttavia se i numeri che si sono detti sono veri, sarebbe da criminali nn ammettere il vantaggio e accettare il bene economico della comunità.
(Y) (Y) (Y) :act: :act:

k501
18-01-2007, 12.34.40
E quale diritto ha in particolare Vicenza di dire no, mentre le altre centinaia di località devono "subire" (ove ritengano di subire la presenza americana).


.


L'ampliamento è destinato su un territorio dove c'è la falda acquifera più importante, non solo per la comunità vicentina, ma addirittura di quella padovana. Rifornisce d'acqua una vasta zona che non comprende solo la provincia stessa, e loro vorrebbero inondarla di cemento... Ora non so a che profondità arriveranno, ma se ne compromettono l'integrità? Coca cola per sempre?

Gigi75
18-01-2007, 12.39.45
L'ampliamento è destinato su un territorio dove c'è la falda acquifera più importante, non solo per la comunità vicentina, ma addirittura di quella padovana. Rifornisce d'acqua una vasta zona che non comprende solo la provincia stessa, e loro vorrebbero inondarla di cemento... Ora non so a che profondità arriveranno, ma se ne compromettono l'integrità? Coca cola per sempre?


Certamente il problema è delicato, ma riguarda i rapporti Sato-Regione e non Comune di Vicenza - Stati Uniti.

Il Governo ha valutato, o avrebbe dovuto, rischi/vantaggi e ha preso la decisione.
Ma l'Italia, in politica estera, non può parlare all'esterno con le voci di ciascun ente locale..compromettendone i rapporti internazionali perchè a giudizio di un Sindaco v'è timore di qualcosa.

exion
18-01-2007, 13.47.06
...


E per quanto riguarda i vantaggi economici portati dalla base alla città, certo, l'idea di accogliere come pezzenti ai bordi delle strade i ricconi che ci portano calze chewing-gum e coca cola.. non è che mi esalti..tuttavia se i numeri che si sono detti sono veri, sarebbe da criminali nn ammettere il vantaggio e accettare il bene economico della comunità.


Questo fattore semmai sottolinea la necessità di programmare una strategia, che ad oggi è del tutto assente, di uscita dal patto siglato 50 anni fa.

Sostanzialmente stiamo dicendo che ci sono dei comuni, forse possiamo estendere il ragionamento anche a intere province, che dipendono economicamente dalla presenza delle basi americane.

Questo significa che un giorno, se per un qualunque motivo le priorità strategiche militari americane dovessere mutare, quelle zone potrebbero ritrovarsi dal giorno all'indomani in braghe di tela. E dubito che il fattore sociale italiano possa in alcun modo impietosire i livelli amministrativi del Pentagono americano.

k501
18-01-2007, 15.07.03
Certamente il problema è delicato, ma riguarda i rapporti Sato-Regione e non Comune di Vicenza - Stati Uniti.

Il Governo ha valutato, o avrebbe dovuto, rischi/vantaggi e ha preso la decisione.
Ma l'Italia, in politica estera, non può parlare all'esterno con le voci di ciascun ente locale..compromettendone i rapporti internazionali perchè a giudizio di un Sindaco v'è timore di qualcosa.

Vero. Ma forse non hai fatto attenzione a quanto ho riportato sopra, nei precedenti interventi... Vicenza ha diritto a contrastare l'ennesima decisione di costruzione di un ALTRA base americana in quanto non è la prima ne l'unica ad essere edificata all'interno delle mura urbane cittadine.Ho parlato di un'ALTRA base americana e non della prima. Quante provincie ci sono a vantarne nel proprio territorio almeno 3 (quella che in sostanza contiene l'armamento missilistico, si trova nelle cavità dei monti berici)? Tra l'altro anche questa verrà edificata all'interno di un contesto urbano CITTADINO e non in aperta campagna, come potrebbe essere sigonella o altre che tu stesso hai menzionato.
Per quanto riguarda l'aspetto economico, mi sono giàespresso anche in questo, sopra.
Bisognerebbe viverci a vicenza...

Sbavi
18-01-2007, 15.16.57
E per quanto riguarda i vantaggi economici portati dalla base alla città, certo, l'idea di accogliere come pezzenti ai bordi delle strade i ricconi che ci portano calze chewing-gum e coca cola.. non è che mi esalti..tuttavia se i numeri che si sono detti sono veri, sarebbe da criminali nn ammettere il vantaggio e accettare il bene economico della comunità.

Non è così. O almeno non per Sigonella.
Tutto il "grosso" avviene entro i limiti della base, anzi, a volte siamo proprio noi italiani a cercare agganci per entrarvi e comprare roba a prezzi "americani".
Capita poi che vengano stretti affari ed un complesso di appartimenti / condomio venga ceduto in toto. Loro lo utilizzano solo per andarci a dormire. Reale beneficiaro il padrone dello stabile. Alla comunità solo mosche.

wilhelm
19-01-2007, 09.14.31
Questo fattore semmai sottolinea la necessità di programmare una strategia, che ad oggi è del tutto assente, di uscita dal patto siglato 50 anni fa.

Sostanzialmente stiamo dicendo che ci sono dei comuni, forse possiamo estendere il ragionamento anche a intere province, che dipendono economicamente dalla presenza delle basi americane.

Questo significa che un giorno, se per un qualunque motivo le priorità strategiche militari americane dovessere mutare, quelle zone potrebbero ritrovarsi dal giorno all'indomani in braghe di tela. E dubito che il fattore sociale italiano possa in alcun modo impietosire i livelli amministrativi del Pentagono americano.

Sono perfettamente d'accordo! :) (Y)

k501
19-01-2007, 17.28.57
Questo fattore semmai sottolinea la necessità di programmare una strategia, che ad oggi è del tutto assente, di uscita dal patto siglato 50 anni fa.

Sostanzialmente stiamo dicendo che ci sono dei comuni, forse possiamo estendere il ragionamento anche a intere province, che dipendono economicamente dalla presenza delle basi americane.

Questo significa che un giorno, se per un qualunque motivo le priorità strategiche militari americane dovessere mutare, quelle zone potrebbero ritrovarsi dal giorno all'indomani in braghe di tela. E dubito che il fattore sociale italiano possa in alcun modo impietosire i livelli amministrativi del Pentagono americano.

Mah?! Io sono disposto a provare! La presenza americana influisce solo parzialmente all'aspetto economico di Vicenza, dal momento che hanno tutto all'interno delle loro basi. Per quanto riguarda i consumi, acqua luce e gas (e carburanti) sono pagati dal governo americano. Dopo l'11 settembre americani in giro se ne vedono sempre meno, sembrano spariti! :mm:

crazy.cat
31-01-2007, 20.01.25
Nessun commento riguardo i favolosi aumenti di stipendio?

L'abbattimento del cuneo fiscale doveva portare tanti soldi nelle tasche degli operai da rilanciare l'economia, invece....tanto rumore per nulla.
Il cuneo, gli operai se lo sono ritrovato nel solito posto....

Le liberalizzazioni, anche qui si vocifera che le famiglie risparimieranno centinaia di euro all'anno.
Staremo a vedere e faremo i conti.
Io penso che molte piccole imprese, distributori, giornalai ed altri "ricconi" colpiti da questi provvedimenti, chiuderanno baracca.

Intanto oggi mi è arrivato l'aumento di 10 € mensili dell'affitto delle case comunali, 20 centesimi di più in autostrada ogni giorno, canone rai aumentato, 30 centesimi in più sulle medicine che devo prendere.
E vedremo poi il resto, perchè siamo solo agli inizi.

Non ho uno stipendio da riccone perchè supero di poco i mille euro al mese, ma mi sento tanto, ma tanto più povero.

Grazie Prodi, stai proprio facendo un bel lavoro. :grrr:

(di quella bella schifezza che stanno cercare di organizzare con l'immigrazione ne parleremo in seguito, oggi mi girano troppo forte)

wilhelm
31-01-2007, 21.26.16
150€ in meno al mese, in più 800€ in più di tasse universitarie (da single lavoratore).

Non aggiungo altro!

wilhelm
31-01-2007, 21.29.56
(di quella bella schifezza che stanno cercare di organizzare con l'immigrazione ne parleremo in seguito, oggi mi girano troppo forte)


E non solo di quella schifezza...

I pacs, l'indulto, questo strazio di finanziaria.


Ma dico: che cosa me ne frega se mi tolgono i costi di ricarica se tra diminuzione dello stipendio e aumento dell'università (per la quale risulto "ricco" solo perché ho ancora la residenza dai miei: pensate l'assurdo) mi trovo con 2500€ circa in meno all'anno.

:mad: :mad: :mad:

exion
31-01-2007, 21.34.56
150€ in meno in busta paga per colpa del governo? :eek:

E com'è possibile? http://niappanige.supereva.it/mmm.gif

wilhelm
31-01-2007, 21.43.03
Fidati!

Pensavo anch'io a un errore all'inizio, ma poi leggi qua, leggi là, chiedi a questo, chiedi a quello, ho scoperto che tantissime persone (e stipendi sotto i 2000€, che non si creda chissacché) hanno avuto questa sorpresa. (Le lettere a Romano sul Corriere ne sono testimonianza).

exion
31-01-2007, 22.01.25
Fidati!

Pensavo anch'io a un errore all'inizio, ma poi leggi qua, leggi là, chiedi a questo, chiedi a quello, ho scoperto che tantissime persone (e stipendi sotto i 2000€, che non si creda chissacché) hanno avuto questa sorpresa. (Le lettere a Romano sul Corriere ne sono testimonianza).


Ehm...... :o


Non prenderla sul personale eh.... :o


Mi piacerebbe capire "tecnicamente" dove vanno a finire, o meglio a "sparire", questi 150€.... http://niappanige.supereva.it/mmm.gif

Robbi
31-01-2007, 22.28.16
MMMhhhhh, Momento....
Prudenza sulle cifre, sono d'accordo con Math.

Non sono un esperto, ma da quello che mi hanno spiegato per fare un confronto verosimile bisogna aspettare le buste di febbraio dove saranno presenti i conteggi con le nuove addizionali regionali e comunali.

Per quello che e' la mia testimonianza, vi posso dire fin subito che il mio reddito, confrontato con quello di Ottobre 2006 (Novembre aveva una festivita' pagata e Dicembre tredicesima e conguagli) non e' affatto diminuito, anzi forse ci sono una ventina di euro in piu' e il mio e' un reddito medio alto, fisso!!

Il mese prossimo staremo a vedere!

exion
01-02-2007, 07.52.23
Diciamo che se fossero effetivamente 150€ in meno sulla busta paga di gennaio rispetto a dicembre, siete sull'orlo della rivoluzione :D

crazy.cat
01-02-2007, 08.23.50
Per tutti quelli che si sono alzati questa mattina in mezzo alla nebbia e se ne vanno a lavorare per 1000 € al mese.

E il senatore lavora dieci ore al mese
Con la nuova legislatura il ruolo di Palazzo Madama è sceso ai minimi termini. A cavallo delle festività cinque settimane di ferie: non era mai successo
http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/politica/200702articoli/17397girata.asp

Ma quanto sudano i nostri poveri senatori, poi su temi di strettissima attualità e fondamentali per l'Italia.

Però i 12.000 e passa euro al mese li prendono anche lavorando, ed è una parola molto grossa, solo qualche ora ogni tanto.

E noi dobbiamo fare i sacrifi, pagare, tacere e votarli.

exion
01-02-2007, 08.51.11
Per tutti quelli che si sono alzati questa mattina in mezzo alla nebbia e se ne vanno a lavorare per 1000 € al mese.

E il senatore lavora dieci ore al mese
Con la nuova legislatura il ruolo di Palazzo Madama è sceso ai minimi termini. A cavallo delle festività cinque settimane di ferie: non era mai successo
http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/politica/200702articoli/17397girata.asp

Ma quanto sudano i nostri poveri senatori, poi su temi di strettissima attualità e fondamentali per l'Italia.

Però i 12.000 e passa euro al mese li prendono anche lavorando, ed è una parola molto grossa, solo qualche ora ogni tanto.

E noi dobbiamo fare i sacrifi, pagare, tacere e votarli.


1.000€ al mese? Che culo! :o

Per tornare a 1.000€ netti di stipendio ho dovuto espatriare :p

Robbi
13-02-2007, 09.28.44
Sfiorato l'incidente diplomatico con la Croazia?
Staremo a vedere, oggi D'Alema convoca l'Ambasciatore di quel paese.

Personalmente, penso che bene ha fatto Napolitano a ricordare e finalmente a riconoscere una "strage di serie B" per troppi anni sottaciuta nel nostro paese, quasi fosse proibito parlarne. Ora per la verita' qualcosa si sta muovendo e che il Capo dello Stato,ma soprattutto un ex comunista, pronunci quelle parole, mi fa piacere.

Perche' un minimo di verita' storica sulle foibe va detta, inutile negare che forse i primi 400/500 infoibati siano stati personaggi odiati per le loro malefatte durante il regime fascista, anche se mi ripugna questa forma di giustizia sommaria, ma se si contestualizza il momento e il periodo storico, senza assolutamente giustificarlo, si capisce che queste cose possono succedere.

Ma le altre decine di migliaia di morti buttati nelle foibe del Carso?? per "pulire" quella che doveva diventare una zona sotto l'inflenza Jugoslava??

Per decenni le responsabilita' anche della nostra sinistra, sono state enormi, rispetto a quella vicenda, se non altro, perche' MAI riconosciute come una strisciante e silenziosa STRAGE.

Ora che Il Sig. Stipe Mesic, attuale presidente Croato, venga a raccontare la favoletta accusando Napolitano, di razzismo, revisionismo storico e revanscismo, mi fa solo che inca@@are!!

Conosco molto bene Stipe Mesic, ex dirigente del partito comunista Jugoslavo, ex candidato alla presidenza collettiva per la Croazia, sempre ai tempi della Jugoslavia ed ora che si e' "ripulito" politicamente parla!!

Posso anche comprendere le ragioni per cui lo fa, visto che forse deve sedare la forte componente ultra-nazionalista croata, con queste dichiarazioni del menga, ma non me ne frega nulla.

Si preoccupi piuttosto del suo passato in primis, secondariamente forse dovrebbe essere lui a spiegare alla Comunita' Internazionale chi era un certo Ante Pavelic, chi comandava e cosa fece a Jasenovac, ma senza andare troppo indietro, c'e una recente guerra balcanica, non molti anni fa.

Ecco, che spieghi bene il Sig. Mesic, cosa successe a Knin nel 1995. Io lo so, lui forse se lo e' dimenticato!

E facciamola questa crisi diplomatica!!

The_Prof
13-02-2007, 10.45.37
Sfiorato l'incidente diplomatico con la Croazia?
Staremo a vedere, oggi D'Alema convoca l'Ambasciatore di quel paese.

Personalmente, penso che bene ha fatto Napolitano a ricordare e finalmente a riconoscere una "strage di serie B" per troppi anni sottaciuta nel nostro paese, quasi fosse proibito parlarne. Ora per la verita' qualcosa si sta muovendo e che il Capo dello Stato,ma soprattutto un ex comunista, pronunci quelle parole, mi fa piacere.

Perche' un minimo di verita' storica sulle foibe va detta, inutile negare che forse i primi 400/500 infoibati siano stati personaggi odiati per le loro malefatte durante il regime fascista, anche se mi ripugna questa forma di giustizia sommaria, ma se si contestualizza il momento e il periodo storico, senza assolutamente giustificarlo, si capisce che queste cose possono succedere.

Ma le altre decine di migliaia di morti buttati nelle foibe del Carso?? per "pulire" quella che doveva diventare una zona sotto l'inflenza Jugoslava??

Per decenni le responsabilita' anche della nostra sinistra, sono state enormi, rispetto a quella vicenda, se non altro, perche' MAI riconosciute come una strisciante e silenziosa STRAGE.

Ora che Il Sig. Stipe Mesic, attuale presidente Croato, venga a raccontare la favoletta accusando Napolitano, di razzismo, revisionismo storico e revanscismo, mi fa solo che inca@@are!!

Conosco molto bene Stipe Mesic, ex dirigente del partito comunista Jugoslavo, ex candidato alla presidenza collettiva per la Croazia, sempre ai tempi della Jugoslavia ed ora che si e' "ripulito" politicamente parla!!

Posso anche comprendere le ragioni per cui lo fa, visto che forse deve sedare la forte componente ultra-nazionalista croata, con queste dichiarazioni del menga, ma non me ne frega nulla.

Si preoccupi piuttosto del suo passato in primis, secondariamente forse dovrebbe essere lui a spiegare alla Comunita' Internazionale chi era un certo Ante Pavelic, chi comandava e cosa fece a Jasenovac, ma senza andare troppo indietro, c'e una recente guerra balcanica, non molti anni fa.

Ecco, che spieghi bene il Sig. Mesic, cosa successe a Knin nel 1995. Io lo so, lui forse se lo e' dimenticato!

E facciamola questa crisi diplomatica!!

Caro Robbi, come non quotarti in toto, dal momento che sono coinvolto in prima persona.
Voglio solo aggiungere che almeno dalla fine del '45 all'inizio del '46, ci fu un pesante coinvolgimento dell'allora PCI, dal momento che gli slavi non intendevano piu' proseguire con la pulizia etnica, anzi erano contrari.
Solo questo avrebbe dovuto aggiungere Napolitano, ma per fortuna con il suo discorso, finalmente e' stata fatta chiarezza sulla pulizia etnica.

Ciao :)

Billow
13-02-2007, 10.52.11
(Y)

mah se notate i croati han casini con tutti..
con gli Italiani, con gli Sloveni, con i Serbi, con gli Ungheresi..
mettono la scacchiera persino sugli auguri di natale.
han cambiato TUTTI i cognomi in Istria...
se sei ITALIANO = FASCISTA

nel sud della Slovenia sia i Partigiani che gli Ustasha, ne hanno infoibati oltre 120.000
:(

quando il nazionalismo diventa RAGION di stato, c'è poco da mettersi dietro ad un tavolo

infinitopiuuno
13-02-2007, 11.14.18
Mi è piaciuto Napolitano. Stipe Mesic e le sue dichiarazioni...non gli avrei nemmeno risposto...troppo onore per quell'essere.

Dav82
13-02-2007, 11.33.54
Assolutamente d'accordo con voi

NightMan
13-02-2007, 13.30.57
Stipe Mesic? Chi è costui? Lasciamo le pagine di storia ai grandi! Napolitano (Y)

wilhelm
13-02-2007, 14.36.22
D'accordo con voi! e super quote alla nota di Billow. (Y)

NightMan
21-02-2007, 15.46.54
Politica estera, governo battuto per due voti

Per due voti in meno (158 favorevoli, sui 160 necessari per ottenere la maggioranza) la mozione favorevole al ministro Massimo D'Alema non è passata. E subito l'opposizione attacca: "Prodi salga al Colle e rassegni le dimissioni". Dopo la sconfitta, breve vertice dell'Unione a Palazzo Madama, poi D'Alema va a Palazzo Chigi. Prima nell'l'intervento e poi nella replica il ministro degli Esteri aveva illustrato la strategia italiana: "La missione in Afghanistan è politica e civile. Solo restando si lavora per la pace". E su Vicenza: "La base si farà ma apriremo un confronto con i cittadini". La Cdl presenta una mozione-trappola a favore di D'Alema, ma poi la ritira dopo l'annuncio di astensione dell'Udc

La diretta di Repubblica: http://www.repubblica.it/2007/b/dirette/sezioni/politica/afghanistanfiducia/afghanistansenato/index.html

Ludwig
21-02-2007, 15.56.50
sì sì, c'è proprio bisogno del partito democratico

Robbi
21-02-2007, 16.08.52
LOL :D
Bene! ora vediamo la credibilita' di questi signori.
I titoli odierni dei maggiori quotidiani, riportavano una dichiarazione forte di D'Alema
Se non passa la mozione al Senato si va a casa

Posto che in politica nulla e' dato per scontato e sicuro, almeno la dignita' dovrebbe essere una motivazione forte sulla quale fare leva in casi come questi.

Il mio personale auspicio e' che Mortazzone e la sua sgangherata maggioranza salgano al Colle, girino i tacchi e liberino nell'ordine
1) Posti in Parlamento
2) i maroni degli italiani
3) me medesimo dalla loro visione quotidiana a mezzo stampa


Nessun rimpasto o colpo di mano. Elezioni!!
Propongo un tedesco candidato a Presidente del Consiglio

Noi non siamo capaci!!
:rolleyes:

NightMan
21-02-2007, 16.10.50
Nessun rimpasto o colpo di mano. Elezioni!!
Propongo un tedesco candidato a Presidente del Consiglio

Noi non siamo capaci!!
:rolleyes:

Appoggio la candidatura del tedesco ma mi sa che ci ritocca Silvio vs Mister X. Ormai Prodi è definitivamente bruciato...

infinitopiuuno
21-02-2007, 16.12.14
Intanto godo...:) ma D'Alema potrebbe rassegnare le dimissioni a Prodi e questi rifiutarle; in ogni caso fra Dico, Pensioni e TFR la vedo durissima! :jump:

Peccato per le liberalizzazioni e il pacchetto energia.

NightMan
21-02-2007, 16.12.24
16:03 Prodi: "Andrò presto al Quirinale"

"Ho sentito il presidente della Repubblica e gli ho comunicato l'intenzione di recarmi al più presto al Quirinale, per conferire e informarlo della situazione alla luce del voto odierno al Senato".

Ucci ucci sento odor di dimissionucci...

Dav82
21-02-2007, 16.14.33
Previsione:

Prodi sale, rassegna le dimissioni, Napolitano lo rimanda alle camere, fiducia accordata.
E si riparte con il teatrino di questi giorni :rolleyes:

Se per caso mancassero i voti al senato, elezioni in autunno.
E con mio grande, immenso dolore... non potete immaginare. vincerà ancora silvio.

Italia R.I.P.

NightMan
21-02-2007, 16.15.15
Intanto godo...:) ma D'Alema potrebbe rassegnare le dimissioni a Prodi e questi rifiutarle; in ogni caso fra Dico, Pensioni e TFR la vedo durissima! :jump:

Peccato per le liberalizzazioni e il pacchetto energia.

Godi che cade un governo? A parte le simpatie politiche, quando impareremo che la stabilità è un punto fondamentale per lo sviluppo di un paese? Venga Berlusconi, almeno lui 5 anni li riesce a fare. Questa volta avrà pure il mio voto per protesta contro questo csx ma in tutto questo non ci vedo nulla di buono. Siamo un paese senza futuro :(

NightMan
21-02-2007, 16.17.00
Previsione:

Prodi sale, rassegna le dimissioni, Napolitano lo rimanda alle camere, fiducia accordata.
E si riparte con il teatrino di questi giorni :rolleyes:

Se per caso mancassero i voti al senato, elezioni in autunno.
E con mio grande, immenso dolore... non potete immaginare. vincerà ancora silvio.

Italia R.I.P.

La penso come te e mi sa che per liberarmi di queste ansie devo fare come exion. Germania arrivooooooo

NightMan
21-02-2007, 16.22.29
16:14 Napolitano per ora resta a Bologna

Nonostante l'intenzione espressa da Romano Prodi (il premier ha manifestato l'intenzione di recarsi "al più presto al Quirinale") per ora il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano resta a Bologna, dove si trova per una visita ufficiale di due giorni.


Forte sta notizia, mi ha fatto pensare ad una barzelletta:
Prodi sale al quirinale, bussa il campanello e chiede: "Signora, sono Romano, c'è Giorgio? devo dirgli una cosa..." La moglie risponde e dioce: "No Romà, vedi che è andato a Bologna" e Prodi secco: "Cazzarola già è andato a casa mia per licenziarmi?!?!" :D

infinitopiuuno
21-02-2007, 16.23.28
Godi che cade un governo? A parte le simpatie politiche, quando impareremo che la stabilità è un punto fondamentale per lo sviluppo di un paese? Venga Berlusconi, almeno lui 5 anni li riesce a fare. Questa volta avrà pure il mio voto per protesta contro questo csx ma in tutto questo non ci vedo nulla di buono. Siamo un paese senza futuro :(


Ho dei motivi personali che riguardano il mio lavoro, e i miei clienti.

Se la stabilità significa tarpare le ali all'economia meglio il caos.

Dav82
21-02-2007, 16.23.31
16:14 Napolitano per ora resta a Bologna

Nonostante l'intenzione espressa da Romano Prodi (il premier ha manifestato l'intenzione di recarsi "al più presto al Quirinale") per ora il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano resta a Bologna, dove si trova per una visita ufficiale di due giorni.


Forte sta notizia, mi ha fatto pensare ad una barzelletta:
Prodi sale al quirinale, bussa il campanello e chiede: "Signora, sono Romano, c'è Giorgio? devo dirgli una cosa..." La moglie risponde e dioce: "No Romà, vedi che è andato a Bologna" e Prodi secco: "Cazzarola già è andato a casa mia per licenziarmi?!?!" :D


LOLLONE :D :D :D

Tiriamoci su :p

Sbavi
21-02-2007, 16.31.30
Almeno hanno (abbiamo :rolleyes: ) mangiato il panettone...

NightMan
21-02-2007, 16.33.32
LOLLONE :D :D :D

Tiriamoci su :p


Eheh solo questo ci rimane. L'ultima mazzata sarebbe quella di dover ricorrere all'appoggio di Follini o di altri trasformisti della politica per rimanere in vita.

Dav82
21-02-2007, 16.34.17
Già.. ora andrà su il nano, negli anni prossimi non modificherà gli effetti della finanziaria, ma avrà i conti in ordine... e dirà che lui non mette tasse. certo: usa le finanze messe a posto dagli altri.


[censored] :mpp:

NightMan
21-02-2007, 16.37.48
Già.. ora andrà su il nano, negli anni prossimi non modificherà gli effetti della finanziaria, ma avrà i conti in ordine... e dirà che lui non mette tasse. certo: usa le finanze messe a posto dagli altri.


[censored] :mpp:

Si, ci meritiamo il nano.

Dav82
21-02-2007, 16.39.55
Già :(

NightMan
21-02-2007, 16.42.54
16:34 Giovani Fi a An manifestano davanti a Palazzo Chigi

Una settantina di giovani di Alleanza nazionale e di Forza Italia si sono radunati vicino Palazzo Chigi, con bandiere e cartelloni che recitano "Coraggio, coraggio Prodi è di passaggio...'. Con loro anche parlamentari ed esponenti romani dei due partiti.

Come direbbe sbavi: Ma tu guarda sti fanca**isti :D :p

Dav82
21-02-2007, 16.44.53
Dai cacchio, lasciami piangere in santa pace :D Se metti una barzelletta ogni due per tre... :p



... continua ti pregooooooo che tiro le testate contro il muro :wall: :(

NightMan
21-02-2007, 16.47.31
Io la prendo a ridere perchè siamo un paese politicamente ridicolo. Annettiamoci alla Spagna vi prego. Zapatero conquistaci!!!

NightMan
21-02-2007, 16.51.30
Comunque dalle ultime notizie sembra che siamo caduti al senato perchè la Montalcini e Scalfaro hanno la febbre. Insomma siamo caduti per il virus dell'influenza :eek:

NightMan
21-02-2007, 16.52.52
Vabbè, vado a farmi una doccia e nel frattempo mi fischio l'inno sovietico... Adda venì baffon... :D

Dav82
21-02-2007, 17.00.21
Vabbè, vado a farmi una doccia e nel frattempo mi fischio l'inno sovietico... Adda venì baffon... :D


Toh va :p
Eccolo non in cirillico, non traslitterato, non tradotto ma in una comoda versione "pronuncia italiana" (by Dav82 ascoltando inno cantato probabilmente dall'armata russa), versione 1943 ovviamente :o


Sajuz nieruscimi respublik svabodgnik
spatila navieki velikaja Rus!
da zravstuje sosdani voli naroda
jedini maguci Savietzki Sajuz!

Slavsa atjecesva, nasce svabodnaje
rusgbi naroda najoci aplo
zana savietskaje, zana narodnaje
pusta pabiedi pebiedje viegnò



Mo Billow dirà che "no no, lì ci va una 'i' e non una 'j'..." vabbè :p

Buona doccia :D

infinitopiuuno
21-02-2007, 17.27.09
Il sito ansa.it è stravisitato....colpa di Pininfarina e Andreotti (entrambi in bagno durante la votazione).





LA 'CINQUINA' CHE HA FATTO INCIAMPARE IL GOVERNO
ROMA - Tre senatori a vita e due "irriducibili" della sinistra radicale. E' la curiosa cinquina che ha fatto inciampare il governo a Palazzo Madama nella votazione sulla politica estera. Il centrosinistra si è fermato a quota 158 voti, due in meno del quorum richiesto di 160 sì. Giusto quelli dei senatori a vita Giulio Andreotti e Sergio Pininfarina che a sorpresa, hanno deciso di astenersi.

Da ricordare che al Senato l'astensione ai fini pratici vale come un voto contrario, dunque i due voti dei senatori a vita hanno pesato enormemente. Il terzo senatore a vita che ha dato un dispiacere alla maggioranza è l'ex capo delo Stato Oscar Luigi Scalfaro: ma se questa volta non ha votato con la maggioranza la colpa è di una fastidiosa influenza che lo ha tento bloccato a letto.

L'altro ex capo dello Stato Francesco Cossiga ha votato contro la maggioranza, ma il suo no era stato ampiamente annunciato e spiegato da molti giorni. A favore del centrosinistra hanno votato invece Rita Levi Montalcini e Emilio Colombo. Nel voto sono mancati anche i due "pasdaran" della sinistra radicale Ferdinando Rossi e Franco Turigliato: entrambi hanno deciso di non prendere parte alla votazione.

Inutile, a questo punto, si è rivelato il pressing sugli altri dissidenti, che in extremis hanno votato sì, sia pure obtorto collo: il verde Mauro Bulgarelli, che si è autosospeso dal partito, il leader della minoranza di Rifondazione Comunista Claudio Grassi, la senatrice dell'Italia dei Valori Franca Rame. Altra sorpresa amara quella del presidente della commissione Difesa Sergio De Gregorio: il transfuga dell'Italia dei Valori, da tempo fuori dalla maggioranza, ieri aveva manifestato una certa disponibilità a votare a favore, ma alla fine ha optato per il voto contrario.


www.ansa.it se riuscite ad aprirlo...

exion
21-02-2007, 18.02.00
Se cade Prodi adesso e si va a votare, costi quel che costi mi faccio i 1600Km in giornata per andare a votare Fini :mad:

[spike]
21-02-2007, 18.23.21
Si deve tutto solo ed esclusivamente ai due senatori di RC e PdCi che non hanno votato a favore.
Dato che non sono masochista e non voglio di nuovo Berlusconi o continua il governo di centro sinistra che HA VINTO le elezioni politiche o cambio Paese.
Almeno in Spagna mi posso sposare col mio fidanzato!

Dav82
21-02-2007, 18.29.38
E anche a quel simpaticissimo De Gregorio, ex FI, fattosi eleggere nelle fila di Di Pietro e ripassato dall'altra parte appena chiuse le urne :S Li mortacci sua :mad:

NightMan
21-02-2007, 18.41.08
']Almeno in Spagna mi posso sposare col mio fidanzato!

Si, SPAGNA CONQUISTACI!!!

mao
21-02-2007, 18.44.04
AIUTO!!!!!!! Alla sola idea di altri 5 anni di Berlusconi & co. mi sento male... aiuto aiuto aiuto....

Dav82
21-02-2007, 18.47.16
AIUTO!!!!!!! Alla sola idea di altri 5 anni di Berlusconi & co. mi sento male... aiuto aiuto aiuto....


Sto giusto consolando via skype una persona in Finlandia che quasi quasi valuta l'idea di rimanere là!! :crying: :crying:
Altri cinque anni di Ilvio veramente no... veramente. Sarebbe una tragedia immane... IMMANE :(

Fumettos
21-02-2007, 18.50.44
Ma de che vi lamentate... almeno con il nano non si rischia di andare a votare tra 1/2 anni...

E poi... scusate... ma a questa sx (che di sinistra ha solo il nome, e neanche quello) preferisco la dx...

mao
21-02-2007, 18.50.59
se non fosse per il freddo polare un saltino ce lo farei pure io...


comunque, alla fine credo che si farà un prodi-bis, senza D'Alema (avete sentito il discorso? pare fosse veramente bello) e qualcun altro, ma resta il problema del senato.

Un sentito f@nkulo alla destra per questa splendida legge elettorale, grazie alla quale, a meno di nuove maggioranze (tipo UDC col centro-sinistra), convivremo fino alle prossime elezioni: ce l'hanno fatta!

C'è chi pensa a un governissimo per una nuova legge elettorale, e poi andare al voto in autunno... forse non sarebbe male, ma le elezioni si possono anche perdere...

insomma, che schifo

Billow
21-02-2007, 18.51.15
Su su Dav e SSJ.,.
non siate tristi.. stavolta cambiamo l'allegra musichina (http://dlll.yorku.ca/russian/Audio/sov.mid)
________________
E ritooorna Silviooo
Al posto di Prooooodi
che adesso al governo sei anni staraaaaaa

e per prima coosaaaa
la missiooone in libano
il ns. Silvietto, lui ritireraaaaaaa'

Fooooorzaaaa torna quaaaaa
ritorna anche Tremoooontiiiiii

Niente più tasse
e si fa la Taaaavvvv
______________

:jump:
Posso scrivervela anche in RUsso :D :D

NightMan
21-02-2007, 18.56.36
Su su Dav e SSJ.,.
non siate tristi.. stavolta cambiamo l'allegra musichina (http://dlll.yorku.ca/russian/Audio/sov.mid)
________________
E ritooorna Silviooo
Al posto di Prooooodi
che adesso al governo sei anni staraaaaaa

e per prima coosaaaa
la missiooone in libano
il ns. Silvietto, lui ritireraaaaaaa'

Fooooorzaaaa torna quaaaaa
ritorna anche Tremoooontiiiiii

Niente più tasse
e si fa la Taaaavvvv
______________

:jump:
Posso scrivervela anche in RUsso :D :D

L:DL



ps: non mi chiamo SSJ :grrr:
:p

Dav82
21-02-2007, 18.56.59
Ma si può bannare l'admin? :mm:

:p

mao
21-02-2007, 18.59.36
No, Tremonti no!!!!!

Robbi
21-02-2007, 19.03.34
Ma si può bannare l'admin? :mm:

:p


OT
Lo posso fare solo io :o
Ma lo amo!! (L) per cui: :tie:
/OT

La bocca della verita'
Mia figlia 6 anni:
Papa' ma adesso torna Berlusconi??
Emh amore.. non lo so e' ancora presto per dirlo.

Mah! (scuotendo la testa) Tanto che cambia... :rolleyes: sono uno piu' pir@a dell'altro! Prodi e' peggio pero'


LOOOOL :D:D:D

amoreeeeeeee (L)

Billow
21-02-2007, 19.14.10
Mah! (scuotendo la testa) Tanto che cambia... :rolleyes: sono uno piu' pir@a dell'altro!



sante parole.... (Y)

ma tra due mali.. ME-LIO MA-LE MI-NORE (antico detto greco)

NightMan
21-02-2007, 19.30.12
Ad ogni modo c'è sempre la zampa di Andreotti...
Siamo un paese in ostaggio di un pugno di vecchiacci! :mad:

Robbi
21-02-2007, 19.41.14
Un sentito f@nkulo alla destra per questa splendida legge elettorale, grazie alla quale, a meno di nuove maggioranze (tipo UDC col centro-sinistra), convivremo fino alle prossime elezioni: ce l'hanno fatta!

Che la legge lettorale sia una cosa che grida vendetta non ci piove, personalmente l'ho detto piu' e piu' volte, ma qui il problema e' tutto politico. Non credo onestamente ci si possa attaccare SOLO alla legge elettorale

E' forse un mistero che in politica estera e non solo, la sinistra "radicale" sia antagonista, se non addirittura antitetica alle posizioni del Governo, benche' faccia parte della medesima maggioranza??

E allora, non e' che ci sia da aspettarsi molto. Prima o poi le contraddizioni esplodono.
Faccio anche una certa fatica a capire chi si sente deluso da questa sinistra, magari votata.
Ma deluso da che?? :D

Il peccato originale della sinistra e' aver presentato un "vecchio democristiano" per giunta ex boiardo di Stato e una formazione politica con una tale eterogeneita' di proposte e intenti in antitesi tra di loro che veramente... solo un naif puo' credere siano spendibili politicamente

Su su!! un po' di coraggio. Non voglio fare a D'Alema la battuta di Nichetti... ma insomma!!

Ostia :eek: se fossi morto mi rivolterei nella tomba!! :D

e al voto in autunno... forse non sarebbe male, ma le elezioni si possono anche perdere...



il CS le deve perdere Solo toccando il fondo puo' risalire.
Eppure io sono convinto che vista la compagine di primo livello, difficilmente modificabile in pochi mesi, per fare una vecchia battuta... questi comincino a scavare

Lionsquid
21-02-2007, 19.41.40
intanto bisognerebbe eliminare questo senatoraggio a vita che è un'assurdo democratico, assurdo!

poi, ... sta diventando sempre più evidente che votare dx o sx è solo una inutile distinzione, salvo fatto biscottini per il popolino... ha ragione grillo nel suo ultimo editoriale

a quando un bel ottobre rosso.... di sangue! :mad:

Lionsquid
21-02-2007, 19.44.52
sante parole.... (Y)

ma tra due mali.. ME-LIO MA-LE MI-NORE (antico detto greco)

e qual'è il male minore??

non riesco più a vederlo, non più :(