PDA

Visualizza versione completa : [PsycoThread BOOSTED] Partire... un pò morire? Partire... Un pò rifiorire?


exion
15-05-2006, 16.17.23
Ci sono a volte nella vita delle scelte importanti da fare.

Una di queste è spesso quella di traslocare in posti magari anche molto lontani.

Partire... Un pò morire: gli affetti che rimangono dov'erano e diventano lontani; le piccole abitudine quotidiane, che non si possono portare con sé; una luce particolare all'alba, un'aria dolce la sera che non si possono mettere in valigia. Tutte le piccole e grandi cose che fanno la vita di una persona, diventano memoria: è un pò morire, abbandonare i sentieri della vita a cui si era abituati.


Partire... Un pò rifiorire: nuovi stimoli, nuovi luoghi, nuovi affetti e un futuro che non ti aspetti; nuove abitudini, piccoli gesti da imparare per essere ancora sé stessi ed esistere; una luce particolare all'alba, diversa e nuova, un'aria dolce la sera che non conosci ma che ti entrerà nel cuore. Tutte le piccole e grandi cose che fanno la vita di una persona e che sono ancora da imparare, nuove e sconosciute: è un pò ridiventare bambini, ripartire su nuovi sentieri tutti da esplorare...



Partire o restare, futuro o passato... Fate la vostra scelta.

Sbavi
15-05-2006, 16.19.22
Restare.

Sono dell'idea che andare via equivale ad un fallimento, una sconfitta.

exion
15-05-2006, 16.24.05
Originariamente inviato da sbavi
Restare.

Sono dell'idea che andare via equivale ad un fallimento, una sconfitta.

Ho detto partire. No fuggire :)

Ma allora cosa intendi? Che dove sei nato e cresciuto ci devi restare per forza tutta la vita? :confused:
Così mi pare più una condanna che una scelta di vita :D

E la curiosità di vedere il mondo? Di conoscere altre abitudini, altre culture? :mm:

Se sei in un luogo e stai realizzando qualcosa di importante in quel luogo, allora hai ragione, restare.
Ma se in quel luogo hai già realizzato ciò che per te era importante, missione compiuta insomma, e scopri che altrove c'è la possibilità di realizzare qualcosa di più importante, di più grande ancora, come puoi non avere lo stimolo almeno di tentare un'altra grande avventura altrove?

Sbavi
15-05-2006, 16.28.23
Originariamente inviato da exion


Ho detto partire. No fuggire :)

Ma allora cosa intendi? Che dove sei nato e cresciuto ci devi restare per forza tutta la vita? :confused:
Così mi pare più una condanna che una scelta di vita :D

E la curiosità di vedere il mondo? Di conoscere altre abitudini, altre culture? :mm:

Se sei in un luogo e stai realizzando qualcosa di importante in quel luogo, allora hai ragione, restare.
Ma se in quel luogo hai già realizzato ciò che per te era importante, missione compiuta insomma, e scopri che altrove c'è la possibilità di realizzare qualcosa di più importante, di più grande ancora, come puoi non avere lo stimolo almeno di tentare un'altra grande avventura altrove?

Il punto è che sono legato alla mia terra. Alle mie abitudini.
La tua curiosità di vedere il mondo può essere appagata con i viaggi, ma poi sempre all'ovile devi tornare. Non per forza devi traslocare nel Burkina Faso.

Flying Luka
15-05-2006, 16.36.18
Io posso solo dire che a breve lascerò Milano, visto che mi sono comprato la PRIMA VERA CASA della mia vita.

Non ho alcun rimpianto a lsciare Milano, anche perchè negli ultimi anni è diventata un piccola Bagdad dove si parla solo arabo e spagnolo...e non la riconosco, culturalmente parlando, come la città dove sono cresciuto per una buona parte della mia vita.
Camminare per alcune vie e vedere che tanti piccoli negozietti artigianali sono stati rimpiazzati dai pestilenziali Donner Kebab, è uno strazio.

Ben contento di partire: vita nuova, ma soprattutto aria nuova!

exion
15-05-2006, 16.37.31
Originariamente inviato da sbavi


Il punto è che sono legato alla mia terra. Alle mie abitudini.
La tua curiosità di vedere il mondo può essere appagata con i viaggi, ma poi sempre all'ovile devi tornare. Non per forza devi traslocare nel Burkina Faso.

Beh sì... Ma ad esempio io sono diviso tra l'amore a 750Km da casa mia, o la brioscina col cappuccino all'italiana al bar sotto casa ma da solo... Tra una prospettiva (forse eh! :p) di matrimonio lontano da casa o continuare a fare la vita del ragazzino a casa di mammà e papà (o comunque non molto lontano :D)

E' un caso della vita... E' successo così, lei stà a 750Km e non si può trasferire, non ci posso fare niente... Allora che fare?

Io, personalmente, parto. :)

exion
15-05-2006, 16.38.56
Originariamente inviato da Flying Luka
Io posso solo dire che a breve lascerò Milano, visto che mi sono comprato la PRIMA VERA CASA della mia vita.

Non ho alcun rimpianto a lsciare Milano, anche perchè negli ultimi anni è diventata un piccola Bagdad dove si parla solo arabo e spagnolo...e non la riconosco, culturalmente parlando, come la città dove sono cresciuto per una buona parte della mia vita.
Camminare per alcune vie e vedere che tanti piccoli negozietti artigianali sono stati rimpiazzati dai pestilenziali Donner Kebab, è uno strazio.

Ben contento di partire: vita nuova, ma soprattutto aria nuova!

sì... no... vabbeh.... ehmmm....

Partire da Milano non fa testo, è facilissimo, ovvio direi, chiunque vorrebbe partire da Milano :p

Gigi75
15-05-2006, 16.39.23
Originariamente inviato da sbavi
Restare.

Sono dell'idea che andare via equivale ad un fallimento, una sconfitta.

Sono sempre stato combattuto tra questo modo di pensare e una tentazione di trasgredire a ciò che sento naturale.

Quando ho dovuto scegliere, ho scelto di restare.
Ogni tanto penso a cosa sarebbe ora.. ma non sono rimpianti, piuttosto curiosità alla Sliding Doors :)

In generale non so rispondere per gli altri. A seconda del carattere è giusto seguire ciò che si sente.
E' sbagliato invece secondo me il partire per sentire di fare qualcosa di inusuale, e come tale importante.
Molti, sopratutto qui al sud - e perciò che capisco bene Sbavi - partono per questo motivo.

Il "che ci sto a fare qui" è ciò che non apprezzo.
Il "rifiorire" è invece una scommessa preziosa che ammiro.

:)

exion
15-05-2006, 16.41.30
la sola cosa che mi preoccupa di partire è che qui in Alsazia si cena alle 18.30, alle 19.00 non c'è più nessuno in giro, alle 20 i bimbi hanno fatto la doccia e sono a letto, un paio d'ore dopo altrettanto fanno gli adulti :p


Dov'è Nikzeno? :mm:

Ho bisogno di sapere se un mediterraneo può sopravvivere a lungo a questi ritmi :p :inn:

Gigi75
15-05-2006, 16.41.33
Originariamente inviato da exion


Beh sì... Ma ad esempio io sono diviso tra l'amore a 750Km da casa mia, o la brioscina col cappuccino all'italiana al bar sotto casa ma da solo... Tra una prospettiva (forse eh! :p) di matrimonio lontano da casa o continuare a fare la vita del ragazzino a casa di mammà e papà (o comunque non molto lontano :D)

E' un caso della vita... E' successo così, lei stà a 750Km e non si può trasferire, non ci posso fare niente... Allora che fare?

Io, personalmente, parto. :)

Se è per questo motivo.. parti.. scommettici su tutto ciò che riesci a puntarci.

E' una scommessa che non puoi non fare :)

Sbavi
15-05-2006, 16.45.01
Originariamente inviato da exion


Io, personalmente, parto. :)

Scusa Mat, non per farmi i fatti tuoi...ma stai ipotizzando o decidendo? Non starete correndo un po troppo?

Sbavi
15-05-2006, 16.46.18
Originariamente inviato da Gigi75


Sono sempre stato combattuto tra questo modo di pensare e una tentazione di trasgredire a ciò che sento naturale.

Quando ho dovuto scegliere, ho scelto di restare.
Ogni tanto penso a cosa sarebbe ora.. ma non sono rimpianti, piuttosto curiosità alla Sliding Doors :)

In generale non so rispondere per gli altri. A seconda del carattere è giusto seguire ciò che si sente.
E' sbagliato invece secondo me il partire per sentire di fare qualcosa di inusuale, e come tale importante.
Molti, sopratutto qui al sud - e perciò che capisco bene Sbavi - partono per questo motivo.

Il "che ci sto a fare qui" è ciò che non apprezzo.
Il "rifiorire" è invece una scommessa preziosa che ammiro.

:)

:) (Y)

Flying Luka
15-05-2006, 16.49.16
Originariamente inviato da sbavi


Scusa Mat, non per farmi i fatti tuoi...ma stai ipotizzando o decidendo? Non starete correndo un po troppo?

Quoto sbavettino! :o

Sbavi
15-05-2006, 16.50.13
Originariamente inviato da Gigi75
Molti, sopratutto qui al sud - e perciò che capisco bene Sbavi - partono per questo motivo.


Io mi riferivo ovviamente a quelli che partono per lavoro.
La cosa assurda è che qui il lavoro c'è, a patto di sapersi arrangiare ed avere un po di buona volonta.
Ho visto gente tornare dal "nord" sconfitta, demoralizzata, umiliata.
Per me è una pugnalata al cuore.

Nothatkind
15-05-2006, 16.52.39
Come sei precipitoso. :o
Se trovi lavoro vai, male che vada avrai provato e non ti potrai rimproverare nulla :)

AvvAlessandra
15-05-2006, 17.06.58
Partire o restare, bel dilemma!
Per me.
Credo che l'alternativa assuma un significato diverso a seconda dell'età.
Quando si è più giovani si tende ad associare la partenza, ad una "trasgressione". Si vorrebbe "spaccare il mondo", e ci si mette in gioco con più facilità, o meglio leggerezza.
Poi credo intervengano altri fattori... lavoro, affetti.. e si è costretti anche a razionalizzare la scelta.
E' la mia storia di sempre: sempre in bilico tra passione e razionalità.
(F)

infinitopiuuno
15-05-2006, 17.53.12
Nel 1995 volevamo andare una mia amica estetista ed io, in Brasile. Io avrei falsificato un certificato nel quale mi si dichiarava "dermatologista" come dicono loro:)...volevano 250 milioni di Lire come cauzione infruttifera per avere il permesso di lavoro...sti cazz1..tutto a monte.

Adesso credo che non mollerò più il mio paesotto...ho tutto qua e vicino ho Milano e Bergamo; la metropoli e le montagne.

Quando sarò vecchiettino, mi auguro di andare a svernare in Sicilia ma per poi tornare....sempre!

Piuttosto vorrei far "partire" qualcuno ma non c'è verso al momento:D

nikzeno
15-05-2006, 17.54.13
Originariamente inviato da exion
la sola cosa che mi preoccupa di partire è che qui in Alsazia si cena alle 18.30, alle 19.00 non c'è più nessuno in giro, alle 20 i bimbi hanno fatto la doccia e sono a letto, un paio d'ore dopo altrettanto fanno gli adulti :p


Dov'è Nikzeno? :mm:

Ho bisogno di sapere se un mediterraneo può sopravvivere a lungo a questi ritmi :p :inn:
Mah, io sono polentone, mi sono adeguato in fretta e senza problemi :D:D

E poi la serata lunga ti consente un pranzo in più verso mezzanotte, cosa da non sottovalutare :o


Seriamente, se la nuova destinazione mi offre possibilità che rimanendo non avrei (lavor migliore, vita sentimentale migliore, in generale vita migliore) sono sempre favorevole al partire. Cambiare le abitudini fa sempre bene, mantiene vivi.

Insomma, una volta che il posto nuovo è desiderabile, bisogna capire bene che cosa stai lasciando, se puoi permetterti di lasciarlo... se stai lasciando qualcosa di incompiuto... e qui ogni situazione va analizzata nel soggettivo

Sbavi
15-05-2006, 17.54.45
Originariamente inviato da infinitopiuuno
Quando sarò vecchiettino, mi auguro di andare a svernare in Sicilia ma per poi tornare....sempre!


Mi spiace deluderti Infy, ma San Berillo è in via di bonifica :D :devil:

infinitopiuuno
15-05-2006, 18.11.18
Pensavo a Modica o Siracusa....vedrò...non all'estero poichè si mangia male.:p

Sbavi
15-05-2006, 18.12.16
Vada per Modica.
Mozzarella, formaggi, insaccati e cioccolato ;)

AvvAlessandra
15-05-2006, 18.13.09
Originariamente inviato da sbavi
Vada per Modica.
Mozzarella, formaggi, insaccati e cioccolato ;)

cioccolato al peperoncino.:o

Sbavi
15-05-2006, 18.15.55
Originariamente inviato da AvvAlessandra


cioccolato al peperoncino.:o

Anche alla cannella, ma fa proprio schifo :o

Deep73
15-05-2006, 18.16.00
Sono legato da amore/odio in questa controversa città. Qui ho praticamente tutto, trasferirsi vorrebbe dire ricominciare tutto da 0 ed attualmente c'è solo UNA città italiana nella quale avrei la forza di farlo.

Tuttavia è evidente che io sono diverso dalla gente media di questa città (e parlo di giovani), troppo distante dalla mentalità sempliciotta e un pò ipocrita che permea i più profondi tessuti di ogni essere vivente qui.

Finirà che resterò qui, a morire, a meno che nn ci sia una VERA ragione per spingermi a ricominciare da un'altra parte. Ma deve essere veramente qualcosa che letteralmente mi strappa da qui per una necessità superiore.

exion
15-05-2006, 18.22.13
Originariamente inviato da sbavi


Scusa Mat, non per farmi i fatti tuoi...ma stai ipotizzando o decidendo? Non starete correndo un po troppo?

Decidendo? Noooo.... Già deciso :)

Sto correndo troppo? Forse. Ma ormai questa è la mia nuova filosofia di vita. Meglio commettere errori a cui si può sempre riparare, piuttosto che rinunciare a priori per paura dei rischi e avere dopo mille rimpianti. Gli errori si aggiustano sempre e sono lezioni di vita per il futuro. I rimpianti invece sono un peso al collo e una ferita insanabile nella memoria.

Comunque mal che vada potrò sempre rifare la valigia e tornarmene da dove son venuto... A volte nella vita tendiamo eccessivamente a considerare come definitivo ciò che non lo è.

"Partire" è un verbo che, a volte, implica anche il verbo "tornare"...

infinitopiuuno
15-05-2006, 18.23.15
Ma è vero che sta già aspettando un exioncino?:)

Robbi
15-05-2006, 18.23.53
Sono contento per te Mat, se siete innamorati.. lasciati guidare dal cuore, farai/farete la scelta giusta
(F)

Flying Luka
15-05-2006, 18.26.57
Originariamente inviato da exion


Decidendo? Noooo.... Già deciso :)

Sto correndo troppo? Forse. Ma ormai questa è la mia nuova filosofia di vita. Meglio commettere errori a cui si può sempre riparare, piuttosto che rinunciare a priori per paura dei rischi e avere dopo mille rimpianti. Gli errori si aggiustano sempre e sono lezioni di vita per il futuro. I rimpianti invece sono un peso al collo e una ferita insanabile nella memoria.

Comunque mal che vada potrò sempre rifare la valigia e tornarmene da dove son venuto... A volte nella vita tendiamo eccessivamente a considerare come definitivo ciò che non lo è.

"Partire" è un verbo che, a volte, implica anche il verbo "tornare"...


Saggia decisone Mat! :)

Va dove ti porta il cuore. (Y)

Auguroni per una felicità sconfinata e per tanti exioncini! (L)

Gigi75
15-05-2006, 18.41.34
E' bello vedere che qualcuno ha ancora la forza/follia/immaturità/saggezza/illusione/volontà/giudizio/spregiudicatezza di credere ancora in queste cose :)

Ti invidio (D)

Robbi
15-05-2006, 18.43.07
esistono Gigi... esistono, basta aprire il cuore
(F)

Gigi75
15-05-2006, 18.45.11
In questo momento ho un frappè di frattaglie..meglio nn aprirlo per non far scappare il fetore..

.. chissà...forse..un giorno.. boh..:rolleyes:

Sbavi
15-05-2006, 18.46.59
@ Mat

OK. Hai la mia benedizione. Va dove ti portano il cuore e l'uccello :p :)

AvvAlessandra
15-05-2006, 18.49.51
Originariamente inviato da sbavi
@ Mat

OK. Hai la mia benedizione. Va dove ti portano il cuore e l'uccello :p :)

qual saggezza....:o


:D

Robbi
15-05-2006, 18.50.18
:D

Nothatkind
15-05-2006, 18.52.53
Originariamente inviato da sbavi
Va dove ti portano il cuore e l'uccello :p :)

Soprattutto.... vabbè, ognuno ha il proprio "soprattutto" :D

:)

TyDany
15-05-2006, 21.53.26
Originariamente inviato da exion


cut

Sto correndo troppo? Forse. Ma ormai questa è la mia nuova filosofia di vita. Meglio commettere errori a cui si può sempre riparare, piuttosto che rinunciare a priori per paura dei rischi e avere dopo mille rimpianti. Gli errori si aggiustano sempre e sono lezioni di vita per il futuro. I rimpianti invece sono un peso al collo e una ferita insanabile nella memoria.

Comunque mal che vada potrò sempre rifare la valigia e tornarmene da dove son venuto... A volte nella vita tendiamo eccessivamente a considerare come definitivo ciò che non lo è.

cut

Come non quotarti, condivido pienamente questo pensiero anche se, al momento, farei una cosa del genere per mille motivi ma non per il tuo, ho delle serie difficoltà ad "investirmi" in una storia d'amore.

Per quanto riguarda la domanda nel titolo direi che dipende da molti fattori ed è difficile rispondere così a priori, dipende dal motivo.
In genere potrei dire che non avrei grossi problemi a partire, se non fosse che la mia famiglia ha bisogno di me probabilmente ora vivrei negli states.
Però mai e poi mai dimenticherei Varese che per me è la mia vera ed unica casa, amo troppo questa città e ci sono troppo legato sentimentalmente :)

P.S. In groppa al riccio Mat e figli maschi :p

Deep73
16-05-2006, 12.09.50
Originariamente inviato da exion


Decidendo? Noooo.... Già deciso :)

Sto correndo troppo? Forse. Ma ormai questa è la mia nuova filosofia di vita. Meglio commettere errori a cui si può sempre riparare, piuttosto che rinunciare a priori per paura dei rischi e avere dopo mille rimpianti. Gli errori si aggiustano sempre e sono lezioni di vita per il futuro. I rimpianti invece sono un peso al collo e una ferita insanabile nella memoria.

Comunque mal che vada potrò sempre rifare la valigia e tornarmene da dove son venuto... A volte nella vita tendiamo eccessivamente a considerare come definitivo ciò che non lo è.

"Partire" è un verbo che, a volte, implica anche il verbo "tornare"...

Io ho un pò paura di queste cose, anzi a dire il vero ne sarei terrorizzato. E nn parlo del trasferimento, ma di tutto il resto. Personalmente rimpiango forse di non averlo fatto una volta e invece c'è chi l'ha fatto per me ( un (K) a te). In realtà mi lamento, ma alla fine non riesco a staccarmi. GLi anni avanzano ed alla fine, so già, morirò qui.... con solo i miei + cari amici come compagnia.

wilhelm
16-05-2006, 12.16.58
Originariamente inviato da Flying Luka
Io posso solo dire che a breve lascerò Milano, visto che mi sono comprato la PRIMA VERA CASA della mia vita.

Non ho alcun rimpianto a lsciare Milano, anche perchè negli ultimi anni è diventata un piccola Bagdad dove si parla solo arabo e spagnolo...e non la riconosco, culturalmente parlando, come la città dove son cresciuto per una buona parte della mia vita.
Camminare per alcune vie e vedere che tanti piccoli negozietti artigianali sono stati rimpiazzati dai pestilenziali Donner Kebab, è uno strazio.

Ben contento di partire: vita nuova, ma soprattutto aria nuova!

A BG l'altro giorno ho mangiato - a poco e ottimamente (Y), - in una trattoria non lontana dai propilei. :)

exion
17-05-2006, 10.33.28
Originariamente inviato da Deep73


Io ho un pò paura di queste cose, anzi a dire il vero ne sarei terrorizzato. E nn parlo del trasferimento, ma di tutto il resto. Personalmente rimpiango forse di non averlo fatto una volta e invece c'è chi l'ha fatto per me ( un (K) a te). In realtà mi lamento, ma alla fine non riesco a staccarmi. GLi anni avanzano ed alla fine, so già, morirò qui.... con solo i miei + cari amici come compagnia.

E' una questione anche di carattere e di abitudini penso.

Da piccolo viaggiavo tantissimo coi miei, ho viaggiato più da bambino di quanto non lo faccia oggi. Sono cresciuto con la convinzione che, finita la scuola, mi sarei trasferito a Milano (e così e stato), per cui sin da piccolo immaginavo che sarei partito dalle mie terre natali.

Poi ok, a Milano è andata come è andata, nella vita può anche esserci qualche inciampo, ma probabilmente mi è rimasta un pò questa propensione al vagabondaggio e la facilità di dire "ok, faccio le valigie e parto".

Però appunto vagabondi non si nasce, si diventa :p

Deep73
17-05-2006, 11.07.47
Originariamente inviato da exion


E' una questione anche di carattere e di abitudini penso.

Da piccolo viaggiavo tantissimo coi miei, ho viaggiato più da bambino di quanto non lo faccia oggi. Sono cresciuto con la convinzione che, finita la scuola, mi sarei trasferito a Milano (e così e stato), per cui sin da piccolo immaginavo che sarei partito dalle mie terre natali.

Poi ok, a Milano è andata come è andata, nella vita può anche esserci qualche inciampo, ma probabilmente mi è rimasta un pò questa propensione al vagabondaggio e la facilità di dire "ok, faccio le valigie e parto".

Però appunto vagabondi non si nasce, si diventa :p

Sì Mat, ma io nn parlavo del trasferimento in sè... oppure ho frainteso io in un tuo post.