PDA

Visualizza versione completa : RIAA: basta utenti si passa ai provider


Robbi
22-12-2008, 08.44.13
http://www.digitalsummit.org/templates/default/images/logo_RIAA.jpg



Per diversi anni la RIAA è stata al centro di migliaia di azioni legali contro persone che avrebbero condiviso musica coperta da copyright su Internet. Alcune di queste azioni legali sono diventate molto conosciute, trasformando i protagonisti in autentici personaggi pubblici. Tuttavia non sempre i giudici hanno dato ragione alla RIAA, anzi il più delle volte è accaduto proprio il contrario.

Da adesso, invece, la RIAA ha dichiarato che smetterà di iniziare nuove e costose azioni legali, scegliendo di collaborare con gli ISP per scollegare gli indirizzi IP considerati colpevoli di condivisioni illegali. Detto in parole povere, da oggi, milioni di persone potrebbero ricevere email di avvertimento dal proprio provider, basate su "prove" che l'utente ha scaricato e condiviso illegalmente.

Questo significa anche che migliaia di persone potrebbero benissimo ricevere email per errore, visto che diverse volte in passato i metodi di tracciamento della RIAA sono stati giudicati sbagliati e non attendibili.




Altre Info (http://news.wintricks.it/framer.php?ID=27892)

tstoracing
22-12-2008, 10.42.31
PERFETTO,
La volta buona che tolgo telefono ed adsl.... così almeno non devo più pagare un abbonamento....
Scusate l'ignoranza ma una volta non dissero che la musica si poteva scaricare tranquillamente?

Alceste
22-12-2008, 10.49.07
Chi non ricorda la pubblicità di Tele2 di qualche mese fa in cui un ragazzo camminava davanti ad un divano ascoltando musica col pc?

badile
22-12-2008, 13.16.25
beh, oramai io ho smesso cercare album e discografie complete...tanto poi non le ascolto..

molto piu bello ascoltare le radio via rete! per esempio Lastfm
quasi totalmente personalizzabile, se non ti piace la traccia mandi avanti ed è casuale come una radio vera, solo che non c'è pubblicità o dj imbecilli che ti intortano per minuti non dicendo niente di interessante,
questa secondo me è la vera alternativa al P2P, è un "social network musicale" (brutta parola :grrr: ) e sopratutto perfettamente legale, :act:

PS: alceste, non ricordo la pubblicità (non guardo la tv più che altro), ma in teoria la musica potresti anche acquistarla da i-tunes o sbaglio, non sei obbligato per legge a scaricare dal mulo ;) ) ciao!!

Antonius Blok
22-12-2008, 13.17.04
Questo significa anche che migliaia di persone potrebbero benissimo ricevere email per errore, visto che diverse volte in passato i metodi di tracciamento della RIAA sono stati giudicati sbagliati e non attendibili.

Appunto...Triste e pietoso..Gli utenti finali vanno sempre e comunque a subire delle batoste spesso di notevole entità...Notate che non si parla _mai_ di iniziative _serie_ per abbassare i prezzi della musica, e quando se ne parla, ci si riferisce sempre a iniziative isolate.. :mm: :mm: Per colpire i cd. "pirati", invece, ogni mezzo è buono, specie se sleale come in questo caso...
Sono leggermente avvilito... :inkaz: :inkaz: :inkaz: :inkaz: :inkaz:



Altre Info (http://news.wintricks.it/framer.php?ID=27892)[/QUOTE]

zen67
22-12-2008, 14.29.37
per definizione internet è aperto e disponibile a tutti, questo è il pregio ed il difetto del discorso....

è nella natura del web... in cina pur avendo una fortissima censura la gente che vuole riesce a comunicare e a parlare fregando con piccoli trucchi i bot di controllo ....

Irvin2000
22-12-2008, 15.29.56
Ma mi sembra o sbaglio ,che avevano messo una tassa sui CD da masterizzare proprio per questo motivo ?
Adesso vengono pure fuori che non si può più scaricare musica, allora con che c___o li masterizzo sto CD? Che si trovino d'accordo dove li vogliono prendere questi soldi.
Proverbio : chi troppo vuole nulla prende, a buon intenditor poche parole.

:inkaz:

Siddhartha
22-12-2008, 19.37.08
Che si fotta la riaa e compagnia bella facciano pure quello che vogliono alla prima e-mail che mi arriva stacco tutto visto che non scarico assulutamente niente con quei programmi p2p

n@ndo
22-12-2008, 19.46.27
:act: dai dai che ci siamo quasi :jump:
tra non molto manderanno le multe per eccesso di velocità,direttamente alle case automobilistiche.....sono loro che mettono in circolazione auto che superano i limiti massimi di velocità....dai dai :jump:

Aquax
22-12-2008, 20.08.50
Che si fotta la riaa e compagnia bella facciano pure quello che vogliono alla prima e-mail che mi arriva stacco tutto visto che non scarico assulutamente niente con quei programmi p2p
Quoto Quoto e riQuoto!!!!

Voglio vedere i provider cosa faranno, quando inizieranno a vedere che piano piano perderanno clienti.

E poi cmq questo è il classico metodo per "fare soldi", e non per fermare la pirateria. :grrr:

sicchiero
23-12-2008, 10.06.37
Io come già da tempo che scrivo e riscrivo è che la cura di questo male del copiright esiste da anni... dai tempi di Napster. Semplice basterebbe pagare all' ISP che ci si connette un tot. euri mensili pagabili in fase di abbonamento con rilascio fattura del pagamento come tassa a favore delle case discografiche, gli artisti detentori con milioni di abbonati nel mondo verrebbero strapagati!!!
L'ISP in seguito provvederà ad assolvere al pagamento di tali diritti e si elimina definitivamente la SIAE RIIA FILP e bestemmie varie.....tutto quì, mandiamo sonde su Marte però i cervelli dormono su queste beghe...

UG0_BOSS
23-12-2008, 11.01.13
Io come già da tempo che scrivo e riscrivo è che la cura di questo male del copiright esiste da anni... dai tempi di Napster. Semplice basterebbe pagare all' ISP che ci si connette un tot. euri mensili pagabili in fase di abbonamento con rilascio fattura del pagamento come tassa a favore delle case discografiche, gli artisti detentori con milioni di abbonati nel mondo verrebbero strapagati!!!
L'ISP in seguito provvederà ad assolvere al pagamento di tali diritti e si elimina definitivamente la SIAE RIIA FILP e bestemmie varie.....tutto quì, mandiamo sonde su Marte però i cervelli dormono su queste beghe...

Tempo fa si discuteva proprio qua tra le news di una proposta in questa direzione. Ma tieni conto che la rete non serve solo a scaricare musica e film e sarebbe ingiusto tassare indistintamente tutti gli utenti di internet, come già fanno con le tasse su CD/DVD vergini :rolleyes:

vincip71
23-12-2008, 14.50.43
Tempo fa si discuteva proprio qua tra le news di una proposta in questa direzione. Ma tieni conto che la rete non serve solo a scaricare musica e film e sarebbe ingiusto tassare indistintamente tutti gli utenti di internet, come già fanno con le tasse su CD/DVD vergini :rolleyes:

Giusto quello che dici, ma la tassa la potrebbero mettere solo a chi scarica!!!!

Scusate, ma la RIAA non riesce a tracciare chi scarica musica illegalmente???

Non sarebbe impossibile questa cosa allora!!!

Comunque su questo argomento si potrebbe parlare all'Infinito... ma dico la mia...

1) Bisognerebbe vedere che intendono per "Collaborazione" i provider. Perchè se la RIAA pensa di fare quelle che vuole in altre Nazioni, beh la vedo una Battaglia persa. In USA facessero quello che vogliono. Non mi interessa niente.

2) Ricordate quando la RIAA, SIAE e altre pretendevano dagli ISP i nominativi di coloro che facevano download illegalmente??? Beh tranne per casi davvero gravi di gente che lasciava i PC a scaricare a vita, non è che si sono sentite grosse notizie.

3) Morale della Favola: è il solito Fuoco di Paglia per intimidire l'ignaro utente a non effettuare più i download!!!

marlab
23-12-2008, 18.08.12
Ma io il pizzo alla SIAE non lo pagavo già con la tassa sui CD da masterizzare? Ma perchè devo pagare io le plastiche facciali di M. Jackson? Ma certo, ma bene! Che bella iniziativa adesso! Così saranno legittimati a vedere dove navighi e cosa scarichi. Alla faccia del Grande Fratello! Poi ti censureranno anche gli accessi ai siti porno (ognuno deve essere libero di fare cià che vuole...) e a quelli politicamente "contro" quello che non sia di loro gradimento. Già adesso Google ti esclude certi indirizzi. Che business Internet...

sicchiero
24-12-2008, 05.43.10
Forse non sapete che gli ISP sono già in possesso di congegni per filtrare la rete P2P e che tutti sappiamo già di quali stia parlando senza far nomi e che già applicano i filtri in downl, state pur certi che sanno tutto di ogni singolo loro utente, il tuo indirizzo IP è monitorato dai loro server con relativo log e attività di navigazione, ve lo dice uno che ci ha lavorato dentro e che conosce la loro strumentazione, Echelon è sempre lì non l'hanno dismessa, se decidono di rovinarti non ti resta che pregare in un santo giudice che ti assolva.

RNicoletto
24-12-2008, 11.49.15
beh, oramai io ho smesso cercare album e discografie complete...tanto poi non le ascolto..

molto piu bello ascoltare le radio via rete! per esempio Lastfm
quasi totalmente personalizzabile, se non ti piace la traccia mandi avanti ed è casuale come una radio vera, solo che non c'è pubblicità o dj imbecilli che ti intortano per minuti non dicendo niente di interessante,
questa secondo me è la vera alternativa al P2P, è un "social network musicale" (brutta parola :grrr: ) e sopratutto perfettamente legale, :act:Peccato che al momento non esiste un'alternativa simile per i contenuti video. :o

badile
27-12-2008, 14.51.43
Peccato che al momento non esiste un'alternativa simile per i contenuti video. :o


Giusto, ma mi spiego meglio...
...lo sappiamo tutti che è un "diritto acquisito" il download, ma rimane un modo arrogante per dire non pago... (i forum sul P"P sono pieni di riferimenti a come fare ma allo stesso tempo ti dicono k non si puo, non se illegale....)
una volta si registrava con cassetta audio/video da radio e tv con l'allora massimo dell tecnologia,
ora ci danno gli strumenti per poterlo fare a costi accessibili ma è "proibito" farlo (un pò come le pugnette ;) )
se un artista o un film ti piace lo noleggi o lo compri, dire che uno stacca internet perchè ha paura delle conseguenze è un concetto poco profondo. Perchè così dicendo, alla fine hanno ragione quei filmati che è come rubare, o evadere le imposete perchè chi ha i miliardi lo fa....

exion
28-12-2008, 14.12.56
Forse non sapete che gli ISP sono già in possesso di congegni per filtrare la rete P2P e che tutti sappiamo già di quali stia parlando senza far nomi e che già applicano i filtri in downl, state pur certi che sanno tutto di ogni singolo loro utente, il tuo indirizzo IP è monitorato dai loro server con relativo log e attività di navigazione, ve lo dice uno che ci ha lavorato dentro e che conosce la loro strumentazione, Echelon è sempre lì non l'hanno dismessa, se decidono di rovinarti non ti resta che pregare in un santo giudice che ti assolva.

In effetti sono impressionato da questa dimostrazione di esperienza...

Pensi che se stacco la corrente di casa posso sperare di mettermi al riparo da Echelon? :mm:

exion
28-12-2008, 14.15.50
Quoto Quoto e riQuoto!!!!

Voglio vedere i provider cosa faranno, quando inizieranno a vedere che piano piano perderanno clienti.

E poi cmq questo è il classico metodo per "fare soldi", e non per fermare la pirateria. :grrr:


Non li perderanno, garantito. Anche chi scarica 20GB al giorno con eMule usa comunque internet per altre cose.

A me sembra più significativo che per riempire legalmente e una sola volta un iPod nano da 16GB, ci vogliono più di 4.000€...

Ho in casa una collezione di circa un centinaio di LP in vinile. Un migliaio di brani circa. Di questi la metà vengono dai miei genitori. Sono quindi stati acquistati in un periodo di quasi 25 anni, dal 1970 al 1995

Seguendo la stessa logica di allora, una logica "pre-internet", per caricare legalmente un iPod da 16GB ci vorrebbe un secolo esatto.

La gente non è pronta a spendere 4.000€ l'anno (e faccio una stima al ribasso, perché un iPod si riempie e si svuota e si riempie di nuovo più volte in un anno) in musica e "entertainement".

Aquax
28-12-2008, 14.26.53
Io invece dico che li perderanno.
Xchè quando iniziano ad arrivare a casa delle denunce, che, da quello che ho capito, ti possono arrivare anche se non hai fatto nulla, la prima cosa che si farà sarà staccare la linea adsl, ne sono sicuro.