PDA

Visualizza versione completa : Formattare a basso livello?


Alexander
16-05-2005, 14.44.32
Salve a tutti ;)
Ho un dubbio e spero mi possiate dare dei consigli risolutori in proposito.

Ho un portatile Acer TravelMate 654LCi ed ho avuto poco fa' un problema con il disco fisso...inspiegabilmente dei cluster sono andati persi ed ora il sistema decisamente pi lento.
Ebbene, ora non so determinare le cause (sbalzi di tensione ecc..) ma non penso di certo che il guasto dovuto ad incuria.

Il mio problema il seguente:
prima di portarlo all'assistenza, visto che scaduta la granazia del produttore (non sono per passati 24 mesi dal'acquisto), mi consigliate di formattare a basso livello con Disk Manager e poi riformattare il tutto con Windows stesso per vedere di recuperrare almeno in termini di prestazioni?

Oppure mi conviene tenermi almeno per ora il pc un po' lentino ma ancora funzionante?

Non vorrei che la formattazione a basso livello o la successiva formattazione non andasse a buon fine e quindi sarei bloccato per un po' visto che il portatile lo uso quotidianamente.

A proposito il disco fisso un Toshiba MK4021 GAS e sul sito del produttore non ci sono utility di formattazione a basso livello...va bene comunque Disk Manager?

Grazie di tutto sin da ora e buona giornata a tutti ;)

Antonioxx79
16-05-2005, 15.00.13
I cluster danneggiati possono essere dovuti fondamentalmente a 2 ragioni:
1 - Danno fisico
2 - Danno logico

Per il danno fisico a volte la formattazione a basso livello d buoni risultati, ma se la procedura non va a buon fine butti via l'HD.

Per il danno logico possibile rimediare in modo pi soft, ad esempio con una normale formattazione, oppure con un programmino tipo HDRegenerator di cui ho sentito parlare discretamente bene.

Fossi al tuo posto userei prima HDRegenerator (o qualcosa di simile), se non funzionasse formatterei normalmente, se non funzionasse formatterei a basso livello, e per ultimo mi rekerei dal rivenditore di fiducia :p

Aspetta comunque altri pareri.

Manlio
16-05-2005, 15.58.04
Originariamente inviato da Antonioxx79
Per il danno fisico a volte la formattazione a basso livello d buoni risultati, ma se la procedura non va a buon fine butti via l'HD.

in che senso? :confused: :confused:

dave4mame
16-05-2005, 16.11.53
secondo me continuate ad avere il mito del LLF.
di fatto con i dischi IDE il LLF non altro che una scrittura di 00h o FFh su tutto il disco....

Brunok
16-05-2005, 16.20.34
1. Formattazione a basso livello:
rappresenta il processo di formattazione vero e proprio, cio la creazione fisica di tracce, settori e strutture di controllo delle posizioni e degli errori, sulla superficie magnetica della periferica di memorizzazione dati. Prendendo pi specificatamente in considerazione i dischi rigidi (vd. Hard disk) non possiamo prescindere dalla loro evoluzione nel tempo.
Fino a qualche anno fa la loro struttura era relativamente semplice: stesso numero di settori per traccia. I dischi pi recenti invece comprendono tecnologie che consentono la scrittura di un numero progressivamente pi elevato di settori man mano che si procede dalle tracce centrali verso quelle esterne fino alla traccia 0, nonch un maggiore controllo sulla gestione delle testine e dei danneggiamenti fisici.
Quindi, se con i primi dischi l'esecuzione della formattazione a basso livello spettava all'installatore tramite BIOS della scheda madre o tramite appositi strumenti software, oggi questi supporti vengono forniti gi preformattati dal produttore e se ne sconsiglia vivamente (se non ne viene addirittura impedita da protezioni) la rigenerazione da parte degli operatori, a scanso di malfunzionamenti o di danni permanenti.
In ogni caso sarebbe un'operazione inutile proprio grazie alle nuove tecnologie che permettono una perfetta gestione dei settori danneggiati e della deriva nel tempo delle testine rispetto alla posizione originaria.
Tuttavia esistono programmi di diagnostica che operano a basso livello sul disco, rimappano eventuali errori per impedire la scrittura nei settori danneggiati e riempiono di zeri (zero-filling) tutti i settori per cancellare in maniera irrecuperabile i dati ivi memorizzati, riportando la periferica ad una condizione iniziale (ma non originale di fabbrica).
L'utilizzo di tali strumenti costituisce comunque un'operazione ugualmente molto critica: va effettuata da persone con la necessaria competenza, solo in casi estremamente eccezionali e con prodotti studiati e forniti appositamente per lo specifico modello di disco.

Alexander
16-05-2005, 19.08.52
Grazie a tutti per le esaurienti risposte,
in questo momento sto provando HDD Regenerator, intanto avete altri consigli sull'argomento?
Grazie e buona giornata a tutti ;)

Alexander
17-05-2005, 14.35.18
Grazie mille per la risposta,
ho due bad sector, rilevati dal software HD-Tune (http://www.hdtune.com) e nient'altro che faccia supporre un danno pi grave.
Nel mio caso andrebbe bene una formattazione a basso livello?....premetto che il disco fisso rallentato di molto e di conseguenza anche le prestazioni generali dell'intero sistema.

Altre due domande:

1) se uso powermax (visto che toshiba non ha nulla a disposizione sul suo sito) non incorro che il disco rimanda formattato a basso livello fino ad un certo punto e poi si blocchi il tutto con necessari sostituzione dello stesso?
Come avevo gi specificato il PC lo uso quotidianamente per studio e lavoro e non potrei rimanere bloccato per molto tempo....almeno ora il sistema sembra andare, anche se lento....ma vorrei decisamente vedere migliorate le prestazioni....che mi consigliate di fare?

2) C' qualche software in grado di isolare i cluster danneggiati direttamente da Windows e senza formattare, in modo da ripristinare almeno le prestazioni iniziali?

Grazie ancora di tutto e buona giornata ;)

rio2
18-05-2005, 00.54.13
due bad sector non dovrebbero farti crollare le prestazioni cosi' sicuramente e' un altro il problema.
perche non provi a formattare cancellando e ricreando ex novo la partizione? :)