PDA

Visualizza versione completa : Giudici responsabili?


Flying Luka
13-02-2006, 15.13.11
da repubblica.it :

Muore un carabiniere ucciso da una persona in permesso premio, il giudice si sente responsabile.

Luca Ghedini aveva firmato il permesso premio al bandito che ieri a Ferrara ha ucciso un carabiniere in uno contro a fuoco.

Sparatoria, parla il giudice
"Mi sento responsabile"

BOLOGNA - "Ammetto di sentirmi oggettivamente responsabile perché "ciò che è accaduto" è una conseguenza del mio lavoro. Svolto in un modo corretto, ma è successo questo". Difende il suo lavoro ma prova "grande amarezza e dolore" Luca Ghedini, il magistrato di sorveglianza di Bologna che ha firmato il permesso premio di Antonio Dorio, morto ieri dopo aver ucciso a Lido Nazioni il carabiniere Cristiano Scantamburlo.


Che ne pensate?

Astro
13-02-2006, 15.15.17
Che poveretto è uno che ha ammesso una sua, non, colpa...


Ma è a monte il problema...


Se uno è cercerato, in carcere deve stare...



Cmq per il carabiniere e il magistrato un (F)

Totor@
13-02-2006, 15.19.11
Originariamente inviato da Flying Luka
da repubblica.it :


il giudice si sente responsabile.




troppo tardi, doveva pensarci prima .

Robbi
13-02-2006, 15.23.19
Penso che il Giudice possa sentirsi responsabile da un punto di vista umano, non certo per aver disposto un provvedimento che di fatto e' un automatismo in presenza di determinati requisiti.

Questo signore ha ammazzato nel '91 una bigliettaia in una stazioncina vicino Bologna, scontata 1/3 della pena, beneficio di legge con relativo permesso d'uscita, evaso, riacchiappato e rimesso al gabbio, dopo 3 anni ci sono nuovamente i presupposti per il permesso d'uscita!

C'e' qualcosa che stride! Non nel Giudice che concede il beneficio. Nella Norma! Che poi il Giudice, la possa applicare a suo insindacabile giudizio... Ok!

Parto dal presupposto che se lo ha fatto ha ritenuto sufficienti le garanzie per poterlo accordare, evidentemente si e' sbagliato e di grosso!

Un (F) per il povero carabiniere!

Gigi75
13-02-2006, 15.25.07
C'ha pensato prima e ha fatto quello che prima si doveva fare.

Penso che certe volte sia terribile essere magistrato, sempre al limite dell'errore per un verso o per l'altro.
Pensare che una tua firma costringa una persona a stare in carcere per decenni, e un'altra tua firma inneschi un meccanismo per cui un innocente perde la vita.

Al di là della legge, che è ciò che voleva dire il Magistrato, sapere che un suo parere è l'inizio di una tragedia è davvero devastante.

Non esalto i magistrati come categoria, ma credo che possa essere un utile esempio per tutti quanti.
Spesso si danno pareri come se il pensiero di ciascuno di noi fosse fatto d'aria; a volte invece, in tutti i campi, ha il peso di un macigno.

Se all'epoca decise secondo la sua coscienza e la sua conoscenza della Legge, non si può fare altro che ringraziarlo del peso che si sobbarcò all'epoca e che ora è diventato una pena.

Robbi
13-02-2006, 15.27.53
Pero' mi domando: ma il livello di preparazione delle nostre forze dell'ordine e' almeno sufficiente??
dalla dinamica dei fatti direi prorpio di no!

I casi sono due.
1) O 'l'hanno ammanettato senza perquisirlo adeguatamente.
2) O e' riuscito ad estrarre all'interno dell'auto dei carabinieri, l'arma di ordinanza del militare e a sparare!

In ambedue i casi mi sembra una situazione che ha dell'incredibile!

Gigi75
13-02-2006, 15.30.17
Si c'ho pensato anche io stamattina.
Non solo la perquisizione, ma anche la sorveglianza in auto.
Erano in due? l'altro che faceva?
Si siede dietro accanto al delinquente?
O davanti dando le spalle entrambi al criminale?

Mah!Mi sembra davvero strano.
Tra l'altro per sfilarsi una pistola con le manette, questa proprio nascostissima non doveva essere!

:mm:

Non mi è chiara la cosa.

Flying Luka
13-02-2006, 15.32.03
Originariamente inviato da robbi
Questo signore ha ammazzato nel '91 una bigliettaia in una stazioncina vicino Bologna, scontata 1/3 della pena, beneficio di legge con relativo permesso d'uscita, evaso, riacchiappato e rimesso al gabbio, dopo 3 anni ci sono nuovamente i presupposti per il permesso d'uscita!



Infatti l'errore secondo me sta alla base.
Uno nella legge dei permessi d'uscita (assurda) e due nel giudice (e nei giudici in generale) che l'ha applicata con eccessiva "leggerezza" d'animo... senz'altro in buonissima fede, ma che è costata un'ulteriore vita umana.

Quello che mi chiedo è, per l'appunto, con un "curriculum " di tutto rispetto come quello sopra esposto, come si fa e con quale "coscienza" si concede un permesso, anche se la legge lo consente?

Robbi
13-02-2006, 15.34.27
Essendo in due la logica dovrebbe far supporre che se uno guida, l'altro gli si deve necessariamente sedere al fianco nel sedile posteriore.
ma in questi casi di acclarata pericolosita' non si chiamano i rinforzi??

Anche perche' c'era mica solo questo da tradurre in carcere, erano in 4 di cui 3 in fuga se non erro... pertanto sul posto saranno state convogliate sicuramente altre pattuglie!

Boh! :mm: anche per me c'e' qualcosa che non quadra!

afterhours
13-02-2006, 15.37.41
quello era un pluripregiudicato condannato a 26 anni per omicidio, già evaso quando si trovava in semilibertà, gli si è voluta dare ancora una volta fiducia rimettendolo di nuovo fuori in permesso premio e questi sono i risultati...




sul giornale ho letto che l'uomo era ammanettato con le mani dietro la schiena... poi con un movimento rapido è riuscito a far passare le mani sotto le gambe risultando ammanettato con le mani davanti...nel far questo aveva in mano una pistola.



il carabiniere è stato centato ad un braccio e non sembrava grave ma il proiettile era a ogiva piatta e aveva provocato serissimi danni interni.

Robbi
13-02-2006, 15.38.27
Originariamente inviato da Flying Luka


Quello che mi chiedo è, per l'appunto, con un "curriculum " di tutto rispetto come quella sopra esposto, come si fa e con quale "coscienza" si concede un permesso, anche se la legge lo consente?

La discrezionalita' del giudice di sorveglianza credo sia totale (Gigi??)
Posso solo ripetere quanto ho espresso prima! :(

afterhours
13-02-2006, 15.41.01
Originariamente inviato da robbi
Essendo in due la logica dovrebbe far supporre che se uno guida, l'altro gli si deve necessariamente sedere al fianco nel sedile posteriore.
ma in questi casi di acclarata pericolosita' non si chiamano i rinforzi??

Anche perche' c'era mica solo questo da tradurre in carcere, erano in 4 di cui 3 in fuga se non erro... pertanto sul posto saranno state convogliate sicuramente altre pattuglie!

Boh! :mm: anche per me c'e' qualcosa che non quadra!


gli altri 3 erano stati portati in caserma su un'altra gazzella

Flying Luka
13-02-2006, 15.42.02
Originariamente inviato da robbi


La discrezionalita' del giudice di sorveglianza credo sia totale (Gigi??)
Posso solo ripetere quanto ho espresso prima! :(

Ergastolo a pane e acqua!
Altro che permessi per uno che ha già ucciso.

Robbi
13-02-2006, 15.44.51
Originariamente inviato da afterhours


sul giornale ho letto che l'uomo era ammanettato con le mani dietro la schiena... poi con un movimento rapido è riuscito a far passare le mani sotto le gambe risultando ammanettato con le mani davanti...impugnando una pistola.

Se i fatti sono questi, l'episodio e' ancora piu' incredibile


il carabiniere è stato centato ad un braccio e non sembrava grave ma il proiettile era a ogiva piatta e aveva provocato serissimi danni interni.

Allora non e' un arma in dotazione alle forze dell'ordine, in quanto questo tipo di proiettili si sparano di solito nei poligoni, diciamo che vengono considerate cartucce da allenamento...

L'arma in dotazione ai carabinieri e' un calibro 9 parabellum, il relativo munizionamento NON si trova in commercio!
la pistola era necessariamente in suo possesso gia' prima

dave4mame
13-02-2006, 15.53.26
la pistola era sua, in effetti.
al tg hanno parlato di una "calibro 38 di piccole dimensioni".

ps.
volendo mi sa che l'ogiva ce la si può anche limare...

roberto45
13-02-2006, 16.04.54
Il fatto testimonia sull'impreparazione delle forze di polizia. Ci deve essere una procedura nel caso di un arresto: due sono i casi o non c'è e di questo è responsabile il generale in capo, oppure non è stata corretta. Nel qual caso la responsabilità è di chi ha effettuato l'arresto e del capo pattuglia, inoltre è responsabile il camandante della stazione per non aver controllato i suoi uomini e non averi mandati ai corsi di "ripetizione" sul comportamento da tenere nelle varie situazioni.

Quando comiceremo a mandare persone manifestatamente incapaci a vendere noccioline davanti all'ippodromo nei giorni non di corse?

dave4mame
13-02-2006, 16.06.12
non so che dirti.
lo davano come "carabiniere esperto".

Robbi
13-02-2006, 16.08.20
no dave :)
e' come immaginavo la cartuccia che ha sparato si chiama tecnicamente "wad cutter" ed e' proprio in calibro 38 special.

Avra' avuto quasi sicuramente un revolver con canna da 2 pollici, anche se la cartuccia e' di fatto molto meno potente, rispetto alla sua omologa tradizionale con ogiva , ma da quella distanza il braccio te lo spappola, il fatto che non abbia la palla blindata, in presenza di un ostacolo (osso) spezzetta il piombo in una miriade di piccoli frammenti che si spargono dappertutto!

Infatti queste cartucce sono vietate per l'utilizzo per legittima difesa, la palla deve essere totalmente blindata (full metal jacket)

AlexMineo
13-02-2006, 16.25.10
A mio avviso NO nn dovrebbe sentirsi responsabile..perchè..??

Certo come detto da robbi da un ponto di vista umano chi nn lo sarebbe?? Ma il giudice cosa ne poteva sapere che al tipo gli frullava quell'idea in testa???

Dunque per me nn è da condannare il giudice se nn per l'emissione del permesso...magari un pelino più di attenzione però di certo nn avrebbe fatto scatenare questa tragedia...(F)

Brunok
14-02-2006, 04.11.00
Originariamente inviato da afterhours
quello era un pluripregiudicato condannato a 26 anni per omicidio, già evaso quando si trovava in semilibertà, gli si è voluta dare ancora una volta fiducia rimettendolo di nuovo fuori in permesso premio e questi sono i risultati...



le solite leggi del caxxo.... :mad:
uno ammazza con crudeltà (più di 60 coltellate) lo condannano ed i giudici che fanno????? li rimettono in libertà (anche se vigilata sempre fuori dal carcere vanno)

VERGOGNA!!!!!!!!!!! questa è l'ennesima prova che il buonismo non paga anzi peggiora solamente ed intanto un'altra vita innocente è stata stroncata :( prima che lo facessero fuori! :mad:

quel giudice è corresponsabile di quanto avvenuto
poco serve che si senta dispiaciuto... (W)


Originariamente inviato da Flying Luka


Quello che mi chiedo è, per l'appunto, con un "curriculum " di tutto rispetto come quella sopra esposto, come si fa e con quale "coscienza" si concede un permesso, anche se la legge lo consente?

appunto!

dave4mame
14-02-2006, 08.51.24
Originariamente inviato da robbi
no dave :)
e' come immaginavo la cartuccia che ha sparato si chiama tecnicamente "wad cutter" ed e' proprio in calibro 38 special.

Avra' avuto quasi sicuramente un revolver con canna da 2 pollici, anche se la cartuccia e' di fatto molto meno potente, rispetto alla sua omologa tradizionale con ogiva , ma da quella distanza il braccio te lo spappola, il fatto che non abbia la palla blindata, in presenza di un ostacolo (osso) spezzetta il piombo in una miriade di piccoli frammenti che si spargono dappertutto!

Infatti queste cartucce sono vietate per l'utilizzo per legittima difesa, la palla deve essere totalmente blindata (full metal jacket)

ne ho imparata una nuova... thx :)

Robbi
14-02-2006, 10.24.50
Ho sentito le dichiarazioni del Giudice di sorveglienza e si confermano tutti i miei dubbi. Non vorrei mai! fare un mestiere del genere, dove si deve valutare burocraticamente sulla base di atti che vengono forniti da terze parti e su presupposti tecnico/giudiziari per la concessione dei benefici!

Con tutta la buona volonta' proprio non riesco a tirargli addosso la croce.

Ribadisco con convinzione che sono le norme che vanno adeguate con particolare attenzione per casi di comprovata pericolosita' sociale.

Paradossalmente questo Giudice se non avesse concesso i benefici avrebbe commesso un abuso! Quel signore aveva tutti i "requisiti burocratici"per ottenere il permesso premio!

Tutto cio' e' assurdo! :(

Silence
14-02-2006, 10.52.56
Originariamente inviato da robbi
Ho sentito le dichiarazioni del Giudice di sorveglienza e si confermano tutti i miei dubbi. Non vorrei mai! fare un mestiere del genere, dove si deve valutare burocraticamente sulla base di atti che vengono forniti da terze parti e su presupposti tecnico/giudiziari per la concessione dei benefici!

Con tutta la buona volonta' proprio non riesco a tirargli addosso la croce.

Ribadisco con convinzione che sono le norme che vanno adeguate con particolare attenzione per casi di comprovata pericolosita' sociale.

Paradossalmente questo Giudice se non avesse concesso i benefici avrebbe commesso un abuso! Quel signore aveva tutti i "requisiti burocratici"per ottenere il permesso premio!

Tutto cio' e' assurdo! :(

Non credo si possa non essere d'accordo su quanto hai scritto.