PDA

Visualizza versione completa : Ecco il perchè la marjuana fu proibita......


infinitopiuuno
19-01-2006, 12.37.58
Tralasciando l'inclinazione politica degli autori(difficile neh?), un pensatore ha ricostruito la storia della Marjuana.

"La marijuana (spagnolo), o cannabis (latino) o hemp (inglese) è una pianta che si potrebbe definire miracolosa, ed ha una storia lunga almeno quanto quella dell'umanità. Unica pianta che si può coltivare a qualunque latitudine, dall'Equatore alla Scandinavia, ha molteplici proprietà curative, cresce veloce, costa pochissimo da mantenere, offre un olio di ottima qualità (molto digeribile), ed ha fornito, dalle più antiche civiltà fino agli inizi del secolo scorso, circa l'80 per cento di ogni tipo di carta, di fibra tessile, e di combustibile di cui l'umanità abbia mai fatto uso. E poi, cosa è successo?......"

Segue...http://cosmos.homelinux.net/cannabis.html

Secondo voi, può essere vero quello raccontato da Massimo Mazzucco nell'articolo di cui sopra?

Sbavi
19-01-2006, 12.41.49
Dubito fortissimamente che la Cannabis possa crescere in Scandinavia. Perlomeno in natura. Ovviamente in serra si.

Thor
19-01-2006, 12.43.16
infy, metti il titolo in minuscolo ;)

exion
19-01-2006, 12.47.15
Ti tolgo subito il problema dell'inclinazione politica



Da Libero.it:

Si mangia o non si manja?


Quale cannabis?
La cannabis è caduta nella rete. Allora perché non parlarne? In Italia addirittura c'è chi la coltiva, e non ha niente a che vedere con droghe e sostanze allucinogene. Anzi, si tratta di una possibile risorsa industriale amica della natura. Quindi iniziamo fare chiarezza sugli usi di questa piantina.

Italia, primi del Novecento, 79mila ettari di terreno. Una resa di circa 800mila quintali. Di canapa. La pianta con le foglioline palmate dai contorni seghettati che comunemente si associa alla marijuana, alla "ganja" e quindi alla droga.

Ma la cannabis si divide in due tipi. Quella indica, che contiene (per il 5% del suo peso) tetraidrocannabinolo (THC), una sostanza con effetti psicoattivi; da foglie e infiorescenze delle piante femminili di questa specie si ricavano droghe come l’hashish. L’altra qualità si chiama cannabis sativa, con un contenuto bassissimo di THC.

Il nostro Paese ha coltivato per secoli cannabis che lavorava ed esportava anche all’estero. Ma nel corso del tempo questa coltura è praticamente morta. Complice una legge americana risalente al ’37 che proibiva la coltivazione di ogni tipo di canapa, senza fare distinzione tra la pianta dalla quale si può ricavare droga, l'indica, e quella usata per tessuti, carta e altro ancora, la sativa.

La legge italiana è contro il consumo di stupefacenti. Il D.P.R. n. 30 del 1990, attuato per prevenire la diffusione e il consumo delle droghe, condanna ogni tipo di cannabis. Ma ci sono delle eccezioni. Il signor Felice Giraudo, dell’Assocanapa Piemonte, ci ha spiegato che attualmente «La canapa sativa è coltivabile in Italia. L’Unione Europea ha selezionato una serie di semi appartenenti a questa qualità, che hanno un tasso di THC bassissimo consentito dalla legge… Le sovvenzioni dell’UE erano di 1milione 300mila lire all’ettaro, ma quest’anno sono diminuite…». Dove finisce la cannabis prodotta? In materassini isolanti per le auto. Di certo non è possibile fumarseli! Quindi sì alla coltivazione, se il “frutto” di essa viene destinato a usi legali, previa autorizzazione del ministero della Sanità.

Legge 22 dicembre 1975, n. 685
Art. 15. Obbligo di autorizzazione
Chiunque intenda coltivare, produrre, fabbricare, impiegare, importare, esportare, ricevere per transito, commerciare a qualsiasi titolo o comunque detenere per il commercio sostanze stupefacenti o psicotrope (…) deve munirsi dell’autorizzazione del ministero della Sanità.

Art. 28. Sanzioni
Chiunque, senza essere autorizzato, coltiva le piante (di coca di qualsiasi specie, di canapa indiana, di funghi allucinogeni e della specie di papavero da cui si ricava oppio grezzo, come dice l'Art. 26) è assoggettato a sanzioni penali ed amministrative stabilite per la fabbricazione illecita delle sostanze stesse.

Agli articoli sono stati integrati con la legge 26 giugno 1990, n. 162

I problemi ambientali e la ricerca di soluzioni ecologiche non penalizzanti per l’ambiente, potrebbero favorire un rilancio della canapicoltura e della canapa sativa (criminalizzata indistintamente insieme alla sua "gemella cattiva") in qualità di risorsa pulita. Impiegata nell'agricoltura e nell'industria, con la canapa sativa si possono fare anche oli vegetali, farine e mangimi. Allora perché non mangiare "la ganja"?


http://news2000.libero.it/index_speciale2.jhtml?speciale=cannabis&pagina=1276.jhtml&sommario=1275.jhtml


Solo chi ha i paraocchi può credere che la canapa, ivi inclusa la sativa, sia un'erba demoniaca.

Se si fosse applicato lo stesso principio al papavero, confondendo papavero da oppio e papavero comune, bisognerebbe passare ogni anno tonnellate di diserbante sui campi di grano perché è noto che dove c'è il grano ci sono anche i papaveri :rolleyes:

infinitopiuuno
19-01-2006, 12.56.17
Noppperchè in altri luoghi(homepage) si parla della fragilità delle vetrine e del fatto che sono nate per essere rotte.....

Comunque mi è sembrato interessante:)

exion
19-01-2006, 12.58.55
Originariamente inviato da infinitopiuuno
Noppperchè in altri luoghi(homepage) si parla della fragilità delle vetrine e del fatto che sono nate per essere rotte.....

Comunque mi è sembrato interessante:)


eh? :confused:

che c'entrano le vetrine adesso? :D

infinitopiuuno
19-01-2006, 13.21.34
Navighi rapido in "babylon1" ma qua ti devo servire io eh?:D :D :D

http://cosmos.homelinux.net/casseur.html

exion
19-01-2006, 13.32.00
Originariamente inviato da infinitopiuuno
Navighi rapido in "babylon1" ma qua ti devo servire io eh?:D :D :D

http://cosmos.homelinux.net/casseur.html


sì ma continuo a non capire cosa c'entrano le vetrine con il fatto che ti abbia linkato un articolo che sostiene all'incirca le stesse cose ma su Libero.it.

Era per toglierti dal'imbarazzo di linkare un sito anarchico :D

einemass
19-01-2006, 13.32.42
ho visto un documentario che spiega per filo e per segno ciò che dice il sito in questione, appena lo trovo vi dico il titolo ;)

Silence
19-01-2006, 14.14.16
Originariamente inviato da einemass
ho visto un documentario che spiega per filo e per segno ciò che dice il sito in questione, appena lo trovo vi dico il titolo ;)

"L'erba proibita"?

einemass
19-01-2006, 16.00.47
tengo pure quello ma nn ricordo che parlava di quanto su detto, devo controllare tra i miei dvd, stasera vi fo sapere.
ciao
einemass

infinitopiuuno
19-01-2006, 16.09.55
Originariamente inviato da exion





Era per toglierti dal'imbarazzo di linkare un sito anarchico :D


Lo sai che è importante "chi" dice cosa più di "cosa" uno dice :p

Poi non vuole essere il mio, un inno alle droghe leggere, tutt'altro..solo non sapevo che con la cannabis si potevano fabbricare altre cose a parte le canne e in generale, quanto vale la "controinformazione"; bastano alcuni dati (non pubblicato o vietato, ostacolo a grandi interessi ecc.)affinchè un'informazione passi per vera?

La "fonte" è tutto:o