PDA

Visualizza versione completa : E' morto Mario Merola


zen67
12-11-2006, 23.19.59
Non sono mai stato un appassionato della canzone napoletana, comunque era conosciuto veramente d'appertutto... (F)

Sbavi
12-11-2006, 23.20.35
Un grande direi (F)

NightMan
12-11-2006, 23.32.49
Incredibile, stasera prima di uscire stavo pensando di iniziare un thread "Forza Mario" per augurargli una pronta guarigione ed ora il mitico Merola mi muore?
Mi spiace moltissimo, Merola, nonostante non fosse tra i miei idoli, era un simbolo per questa città, l'ha sempre amata infinitamente e una buona parte di Napoli contraccambiava questo amore. Nel mio profondo l'ho sempre stimato e ritenuto un grande.
Consentitemi di lasciare in suo onore il testo di una canzone scritta da Gigi
D'Alessio, con lui cantata e a lui dedicata.

Cient'Anne

Mario Merola:
stasera t'aggia ricere na cosa
ca tanto tiempo te vuleve di
a 'napule aggiu fatte tutt'e cose
si 'marrapuose
nun a fa suffrì
miettele sempre rint'a na canzona
comme pe cinquant'anne aggie fatt' ì
e quan' 'ncontra a chi ne parle male
cantale sta canzona e po capi'
si 'o vere me prumiett'e fa sti cose'
pe nat' e cinquantann'e a fai campa'

Gigi d'Alessio:
No, senz'e te
fernesce Napule
sultante tu ta sai difennere
si sulu tu
si pari e sta citta'
stann' emigranne a t'aspetta'
pe sunna'
no
sient'a me
nu po' mai nascere
niscune te puo' assumiglia'
l'e' ritte sempe
Napule e mamma
ma ce vuo tu
pecche' tu si papa'

Mario Merola:
si e vote pe fatiche mai luntane
n'a cartuline appriesso ti a purta
te serve spicialmente rind'a nuttata
quanne te siente sulo e vuo' turna
fanne tesore e tutte sti cunsigli
pecche' niscune mai
l'a rata 'mme
lasse pavata assai na cartuline
quann' in da nebbia a forza era canta'
guaglio'
si o vere me prumiette e fa sti cose
pe nate e cinquant'anne a fai canta'

Gigi d'Alessio:
No, senz'e te
fernesce Napule
sultante tu ta sai difennere
si sulu tu
si pari e sta citta'
stann' emigranne a t'aspetta'
pe sunna'
no
sient'a me
nu po' mai nascere
niscune te puo' assumiglia'
l'e' ritte sempe
napule e mamma
ma ce vuo tu
pecche' tu si papa'

Mario Merola:
guaglione nun t'ho scurda'
quanne vai pe fore
na cartulina te li 'a purta'
rint'a nuttata
te viene a nostalgia vuo turna
nun t'o scurda'
mo puo' parti va va.....
cient'anne..... cient'anne....cient'anne


Addio Mario (F)

fisiologohifi
12-11-2006, 23.43.31
(F)

AlexMineo
12-11-2006, 23.45.33
(F)

Feintool
13-11-2006, 00.17.24
(F)

n@ndo
13-11-2006, 07.42.48
(F)

interceptor
13-11-2006, 08.40.48
(F)

Semi.genius
13-11-2006, 08.46.11
(F)

Robbi
13-11-2006, 08.59.34
(F)

Flying Luka
13-11-2006, 10.01.34
Non che amassi particolarmente "il genere", ma è proprio questo "genere" che ha fatto sì che Mario Merola fosse molto amato.

(F)

Billow
13-11-2006, 10.06.52
(F)

Thor
13-11-2006, 10.29.46
(F)

maxri
13-11-2006, 11.57.56
Mio padre è un fan di Mario Merola, e quando ero piccolo, e gli capitava di ascoltare 'o zappatore, mi faceva una carezza; io non capivo perchè, l'ho capito poi quando sono cresciuto capendo il testo.
Nelle sue canzoni c'è la parte buona di Napoli, quella dei sentimenti, che troppo spesso viene cancellata dalla mente a seguito dei tristi eventi, specie in questo periodo.

Addio Mario (F)

wilhelm
13-11-2006, 15.38.51
(F)

Astro
13-11-2006, 20.12.35
Il suo genere non era il mio genere.

Lui rappresentava più la Napoli antica, i valori "caserecci" dei napoletani...

Il suo modo di fare irruento e leggermente "cafoncello" era amato dai nonni, dai papà all'antica o da ragazzi che più si avvicinavano al suo mondo, ai suoi personaggi.

Cmq resta un grande. E aldilà del personaggio Meriola, la persona era dal cuore d'oro, anche se a volte sopraffatto dalla sua stessa fama e potenza a Napoli.

E' stato un esempio per molti. Molti che ancora oggi si commuovono nel vedere qualche suo film o nell'ascoltare una sua canzone...


Un (F), ciao Mario...

einemass
14-11-2006, 11.13.40
uno degli ultimi baluardi della napoletanità dopo totò e eduardo e tanti altri.
un fiore